SINUSALE RECIDIVANTE A.Moretti – Altri Autori

annuncio pubblicitario
"MIDFACIAL DEGLOVING E VIA PARALATERONASALE IN UN CONDROSARCOMA
NASO - SINUSALE RECIDIVANTE"
Antonio Moretti - P.Zingariello, L.D'agostino, Z.M.Chiri,A.Croce
Gli Autori propongono un video relativo al trattamento chirurgico in midfacial degloving e
successivamente per via paralateronasale di un condrosarcoma recidivante naso-sinusale
di grado I-II in una donna di 71 anni. La paziente, sottoposta 15 anni prima ad
asportazione di un condroma del setto, era giunta all'osservazione con una sindrome
ostruttiva nasale di grado severo, rinorrea siero-mucosa, senso di pesantezza in
corrispondenza dei seni paranasali, soprattutto a sinistra associato a cefalea frontotemporo-parietale sinistra e a lieve diplopia con telorismo dell'occhio omolaterale.
All'esame rinoscopico anteriore ed a fibre ottiche era apprezzabile una neoformazione
grigio-biancastra, di consistenza dura, polilobulata, occupante la fossa nasale sinistra che
dislocava controlateralmente il setto. Gli esami TC ed RM evidenziavano una lesione che
occupava il seno mascellare sinistro, le cellule etmoidali bilateralmente (prevalentemente
le anteriori) con usura delle pareti mediale e inferiore dell'orbita omolaterale. Tale
formazione appariva disomogenea per la presenza di aree a densità calcifica. La paziente
veniva successivamente sottoposta ad intervento chirurgico per via transfacciale in "mid
face degloving" che consentiva di avere un adeguato controllo della neoplasia in tutte le
sedi interessate. Gli esami endoscopici ed un controllo TC effettuati nei primi due mesi
seguenti l'intervento documentavano una buona guarigione delle ferite chirurgiche con
dichiarato miglioramento soggettivo della ventilazione nasale. Ad un successivo esame
endoscopico effettuato a circa 6 mesi dall'intervento invece si evidenziava la presenza di
una neoformazione, simile alla precedente, a livello del pavimento delle fossa nasale
sinistra e del seno mascellare omolaterale.
L'ispezione del cavo orale mostrava la presenza di una tumefazione brunastra
dell'emipalato duro di sinistra molle alla palpazione. La ripresa di malattia veniva
confermata anche da un ulteriore esame TC di controllo.
La paziente veniva quindi nuovamente sottoposta ad intervento chirurgico di maxillectomia
parziale sinistra con approccio paralateronasale secondo Weber-Ferguson.
La cavità residua veniva ricoperta da un innesto dermo-epidermico prelevato dalla regione
addominale. La paziente dimessa dopo circa dieci giorni mostrava ai successivi controlli,
effettuati a scadenza periodica, una guarigione progressiva con riepitelizzazione completa
a due mesi di distanza dall'intervento. A tre mesi di distanza dal secondo intervento
chirurgico è stato posizionato un otturatore palatale che ha notevolmente migliorato le
funzioni masticatoria, deglutitoria, fonatoria e ripristinato il profilo maxillo-genieno
dell'emivolto sinistro.
Atti Scientifici - 94° CONGRESSO NAZIONALE - Società Italiana di ORL e Chirurgia Cervico-Facciale
Lecce 23-26 Maggio 2007
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard