la pillola abortiva non può essere un vanto2

annuncio pubblicitario
ASSOCIAZIONE MEDICI CATTOLICI ITALIANI
SEZIONE DI TERAMO
La pillola abortiva non può essere un vanto
Gentile direttore,
in merito all’articolo in cronaca di Teramo pubblicato sulla stampa locale del 26/05/13 a
titolo: “La ASL mette un freno alla fuga di pazienti con la pillola abortiva”, vorremmo
esprimere il nostro profondo disappunto, nel merito e nel modo in cui è stato pubblicizzata
l’attività del servizio IVG del P.O. di S. Omero e proporre nel contempo, se ce lo consente,
alcuni spunti di riflessione.
Nell'articolo si legge che "Questo metodo (l'aborto farmacologico) rappresenta un
vantaggio per tutti: è meno traumatico e invasivo per le pazienti e meno dispendioso per la
Asl, perché non c'è necessita di intervento chirurgico". Viene spiegato poi come le pazienti
prendono una pillola e, pur dovendo essere ricoverate per legge, "di norma, una volta
assunto il farmaco, lei pazienti firmano ed escono subito."
Da tale articolo, sembrerebbe che abortire è facile come prendere una pasticca e che la
nostra ASL favorisca tale percorso presentando l'aborto farmacologico come un metodo
per battere cassa!
Ci sarebbe piaciuto leggere, invece, che le donne prediligono i nostri ospedali per poter
partorire in sicurezza e serenità, per la professionalità e l’accoglienza del personale, di un
cospicuo incremento delle nascite in un paese di vecchi, come l’Italia.
Oltretutto, si rileva che l’elevato numero di medici obiettori dimostra una naturale
preferenza per quella vita che, attraverso il Giuramento di Ippocrate, si sono impegnati a
difendere e tutelare. Non facendo mai venir meno l’adeguata attenzione per le donne che
vivono il dramma dell’aborto, sarebbe auspicabile, invece di una campagna dogmatica di
delegittimazione degli obiettori, un significativo impegno mirato alla prevenzione postconcezionale dell’IVG, con una reale presa in carico del concepito e della donna, per
rimuovere le cause che la indurrebbero alla scelta abortiva.
Ci domandiamo che segnale vogliamo trasmettere, soprattutto ai nostri giovani, in questo
mondo così distratto, valorialmente confuso e spesso indifferente alla sofferenza, dove si
impone ogni giorno di più una reale emergenza educativa?
La nostra totale opposizione a quanto pubblicato non nasce da un dogma confessionale ma
dal rispetto della legge; l'articolo infatti pone in evidenza la semplicità con la quale si può
ricorrere all'aborto farmacologico, esaltandolo inoltre come mezzo per aumentare gli
introiti della ASL.
Con il definitivo via libera alla RU486 assistiamo all’ultimo atto di una progressiva
banalizzazione dell’aborto sottacendo i dati scientifici sperimentali e clinici che ne
documentano i pesanti effetti collaterali e i gravi rischi per la salute della donna.
E’ assolutamente necessario indirizzare sforzi congiunti per una vera cultura
dell’accoglienza pre e post concezionale, attraverso un’opera capillare di prevenzione e di
formazione incentrata, tra l’altro, sull’educazione della sessualità e all’affettività.
Infine, il significativo e prevedibile ricorso alle dimissioni volontarie dopo l’uso della
RU486, dimostra chiaramente il diffondersi della cultura della privatizzazione dell’aborto e
la sua invisibilità sociale. Infatti, come chiaramente si evince nell’articolo citato, la gran
parte delle donne che ha fatto ricorso all’aborto chimico ha preferito firmare le dimissioni e
consumare tutte le fasi abortive nella drammaticità della solitudine.
In definitiva spiace che questa pratica clinica sia pubblicizzata con vanto, anche come
strumento efficace per ridurre la mobilità passiva della nostra ASL. Ciò non può essere
motivo di gloria, a prescindere da qualsiasi appartenenza politica o religiosa.
Distinti saluti
AMCI
Sezione di Teramo
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard