caricato da Utente6287

Dialoghi

annuncio pubblicitario
I dialogi
Dieci opere filosofiche suddivise in 12 libri, senza datazione.
• Cicerone o Platone : 2 o più personaggi in una cornice storica
Seneca
ha come unico dedicatario il destinatario dell’opera.
• Impianto diatriba : rivolgersi direttamente al dedicatario, domande e
obiezioni fittizie.
Isoliamo 3 testi che fanno parte del genere della CONSOLATIO : Consolatio
ad Marciam, ad Polibium, ad Elviam matrem. Gli altri 7 sono testi di
filosofia morale.
Le "Consolationes":
erano dei trattati filosofici il cui principale
esempio è rappresentato da Cicerone.
(1) La prima scritta da Seneca è la "Consolatio ad Marciam", la cui data di
composizione è il 37, anno dell'inizio del principato di Caligola.
Marzia, la destinataria di questa "Consolatio" era una donna nobile, e
lo scopo dell'opera è consolarla per la morte del figlio. Il mezzo
argomentativo scelto da Seneca è l'idea che la morte non è un male,
specialmente per chi, come il figlio di Marzia, aveva vissuto con onore
la propria vita, tanto da meritare forse una ricompensa nella vita
ultraterrena.
(2) La seconda è la "Consolatio ad Helviam matrem", scritta intorno al 42,
durante l'esilio. Il destinatario è la propria madre Elvia, che Seneca
vuole consolare per la sofferenza derivante dalla sua lontananza e
rassicurare sulla sua situazione. In realtà c'è anche un altro scopo:
quello di mostrarsi come un uomo saggio che riesce a sopportare bene
le situazioni difficili come appunto l'esilio. L'argomentazione che
Seneca usa è che l'esilio non è un male, ma soltanto un cambiamento
di luogo, non di stato interiore, e non può togliere il vero bene che è
appunto la virtù interiore; inoltre il saggio è cittadino del mondo e
quindi si trova bene in qualunque luogo.
(3) La terza è la "Consolatio ad Polybium", scritta anch'essa durante
l'esilio. Le argomentazioni sono simili a quelle della prima: la morte è
il passaggio a migliore vita.
I dialoghi- trattati
I. "De ira" risale al 41 quindi è successivo alla morte di Caligola. Lo scopo
di questo dialogo è quello di aiutare a combattere l'ira che secondo
Seneca, e secondo tutti gli stoici, è una passione terribile, in quanto
offusca la ragione che è la facoltà più importante dell'uomo, causando
l’allontanamento dall’autarkeia. Saggio è proprio chi controlla l’ira
con il logos. Un esempio di personaggio "affetto" dall' ira è l'imperatore
Caligola, definito da Seneca "una belva crudele".
II. "De brevitate vitae", letteralmente "Sulla brevità della vita",( titolo
antifrastico) la cui data di composizione è il 49, successiva al ritorno
di Seneca dall'esilio. E ' un trattato a tesi dedicato all'amico Paolino e
lo scopo è quello di confutare l'idea comune secondo la quale la vita
sarebbe troppo breve. Per dimostrare ciò Seneca usa due
argomentazioni: una è che in realtà, se la si usa bene, la vita è
sufficientemente lunga, l'altra è che questa idea sbagliata nasce da
quelle persone che Seneca chiama gli "occupati" cioè coloro che
ricercano la felicità fuori da sé stessi e di conseguenza sprecano la
loro vita, la cui durata quindi diventa troppo breve, in quanto in
realtà non è pienamente vissuta.
III. "De vita beata" letteralmente "Sulla vita felice" o "Sulla felicità" ( titolo
in antitesi con ciò che vive, difatti è un periodo difficile per lui. Risale
al periodo in cui Seneca era correggente dell'impero insieme a Nerone.
Nella prima parte, a carattere teoretico, Seneca espone la dottrina
stoica, distinguendola da quella epicurea: la felicità è vivere secondo
natura e mantenendo la virtù. Molto diverso dalla tesi epicurea, che
polemizza poiché il sommo bene viene identificato nel piacere
( voluptas). La seconda parte ha invece implicazioni personali, poiché
Seneca respinge le critiche di chi incolpa i filosofi d’incoerenza. Per
difendersi da queste accuse sviluppa l'argomentazione secondo la
quale il saggio non ha bisogno della ricchezza, ma preferisce
comunque essere ricco per essere libero da impegni e potersi dedicare
a se stesso e al proprio perfezionamento morale, inoltre sostiene che la
filosofia è ricerca e viene impiegata durante la vita per un
raggiungimento dell’obiettivo.
IV.
“De tranquillitate animi” risale al periodo della correggenza con
Nerone, è dedicato all'amico Anneo Sereno e lo scopo è quello di
aiutare l'amico a superare una situazione di confusione interiore.
Forse Anneo è paradigma del filosofo, che sta progredendo sulla via
della filosofia stoica ma che ha ancora molti tentennamenti.
V. Il “De otio” risale al 62 quindi all'inizio del ritiro di Seneca; infatti
l'autore ha come scopo quello di stabilire se l'otium (il tempo dedicato
al perfezionamento morale) sia preferibile al negotium (l'impegno
politico). La risposta di Seneca è che il saggio, quando è possibile, deve
dedicarsi all'otium, dal momento che in nessuno stato esistono le
condizioni affinchè il filosofo si possa impegnare politicamente senza
trovarsi costretto ad agire contro i suoi stessi principi.
VI.
Speculare al precedente, nel “ De constantia sapientis “, cioè
"Sulla forza del saggio", anch'esso di incerta datazione, dedicato a
Sereno, Seneca ha come scopo quello di dimostrare che il saggio,
l'uomo ideale, non può essere colpito da nessuna offesa perché la sua
forza interiore ("atarassìa, imperturbabilità") lo rende invulnerabile.
VII.
Nel“De providentia “, di incerta datazione, dedicato all'amico e
discepolo Lucilio, Seneca si propone lo scopo di rispondere a questo
problema posto da Lucilio: "Perché i buoni vengono puniti se è vero
che l'universo è retto dal Logos universale e provvidente?" Seneca
risponde che quelli che i buoni subiscono non sono mali ma prove che
gli dei mandano per renderli più forti.
Scarica
Random flashcards
Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard