caricato da Utente2541

L AULULARIA

annuncio pubblicitario
L’ ANFITRIONE
Anfitrione è l'unica commedia mitologica di Tito Maccio Plauto, che, pur appartenendo al genere della
“fabula palliata”, commedia di ambientazione greca, coniuga l’arte comica della Commedia Nuova greca
alla comicità italica, perché Plauto, da grande uomo di teatro, tiene conto dei gusti differenti del
pubblico romano rispetto a quello greco
Il fine ultimo era quello di far ridere a teatro, dimenticando gli affanni quotidiani. Per questo, intenzione
prioritaria di Plauto è quella di risum movere, di divertire il pubblico attraverso la comicità sia di
situazione sia di parola, che scatena l’ilarità senza rovelli di riflessioni e cogitazioni altre rispetto a un
intreccio movimentato e dinamicissimo.
TRAMA
ll dio Giove si è invaghito di Alcmena, la moglie fedele e virtuosa del re Anfitrione. Un giorno,
mentre il re è in guerra, il dio si introduce nel palazzo sotto le sembianze dello stesso re, in
compagnia di Mercurio che, per aiutarlo nell’imbroglio, ha preso l’aspetto di Sosia, il servo di
Anfitrione.
Entrambi riescono a ingannare la servitù e Alcmena, credendo che Giove sia in realtà il marito di
ritorno dalla guerra, lo accoglie con gioia e trascorre con lui una notte d’amore. Ma all’improvviso
giunge il vero Anfitrione, preceduto dal vero servo Sosia. Sosia rimane completamente sconvolto
nel vedersi dinanzi un altro se stesso, che in realtà è Mercurio, mentre Anfitrione, travolto
dall’equivoco, comincia a dubitare della fedeltà di Alcmena.
Allontanatosi Anfitrione, si presenta ancora Giove sempre sotto le sembianze del re. In seguito
ritorna di nuovo Anfitrione. Si crea così una situazione intricata ed equivoca, in cui non si
capisce più quale dei due sia il falso Anfitrione
Alla fine gli dei svelano l’inganno e il re, anteponendo la devozione religiosa all’orgoglio, si
dichiara onorato che Giove, il padre degli dei e degli uomini, abbia scelto sua moglie come
amante.
La vicenda si conclude poi con la nascita di due gemelli, uno figlio di Anfitrione, l’altro, il semidio
Ercole, concepito da Giove
AMBIENTAZIONE
L’azione scenica si svolge in un unico luogo: una porzione di strada dinanzi al palazzo di Anfitrione,
che si trova a Tebe, in Beozia.
L’autore non presenta alcuna descrizione di ambiente né caratterizza in alcun modo i luoghi in cui si
svolge l’azione scenica, questo perché a Plauto non interessava fornire una rappresentazione realistica
di Tebe.
La narrazione si svolge ai tempi dell’antica Grecia, ma essa non ha una precisa collocazione temporale,
in quanto tratta di argomenti mitici di cui non esistono riferimenti storici precisi: si parla infatti del
regno di Creonte e della guerra di Tebe contro i Teleboi, ma probabilmente questi sono solo elementi
mitici
STRUTTURA NARRATIVA
Plauto mantiene, in quest’opera, la struttura tipica sviluppata in cinque tappe della commedia e della
tragedia.
I prologo è la parte introduttiva del testo in cui ha luogo l’inizio dell’intera vicenda
Si tratta di un monologo di Mercurio con funzione informativa, poiché spiega brevemente la vicenda
facendone un riassunto.
II protasi: vengono presentati i vari personaggi e si distinguono i ruoli che essi avranno nello
svolgimento dell’azione
III epitasi: l’insorgere delle difficoltà e rappresentato dall’arrivo dei veri Sosia e Anfitrione
IV catastrofe: in questo caso, essendo una commedia, il superamento delle difficoltà, avvenuto grazie
al parto di Alcmena e al monologo di Bromia, è positivo
V epilogo: la conclusione, ad opera di Giove, dopo che si è ristabilito l’iniziale equilibrio, è una sorta di
breve spiegazione della vicenda per chiarire tutte le incomprensioni. ½ è anche l’esaltazione di Giove
da parte di Anfitrione, rivolto al pubblico.
PERSONAGGI
I personaggi di Plauto non sono dei caratteri individuali ma delle maschere fisse, dei 'tipi', e per
questo già noti al pubblico nel momento stesso in cui si presentano sulla scena: anche i loro nomi propri
servono esclusivamente a ribadirne la fissità del ruolo scenico.
ATTEGGIAMENTO ANTIELLENICO
Un altro aspetto del teatro plautino è l’atteggiamento nei confronti dei greci: è significativo, a
riguardo, un passo del Curculio, in cui l'omonimo protagonista, egli stesso greco, parla male dei Greci
Plauto interpreta e rappresenta sulla scena un atteggiamento antiellenico diffuso nella società
romana; tale tentativo antiellenico è espressione di una diffusa xenofobia, ossia di un atteggiamento
di paura e di differenza verso il nuovo e il diverso presenti nei costumi dei popoli sottomessi e di
ostilità verso gli stranieri vinti.
TEMI
Un tema molto importante è quello dell’inganno o beffa: Giove, travestitosi da Anfitrione, passa sotto
gli occhi della moglie Alcmena di costui come tale, riuscendo così a dormire con la matrona; a questo
tema si riallaccia quello del doppio: dal gesto d’amore tra Giove e Alcmena nascono due gemelli, uno dei
quali, Ercole, è un semidio.
Come nel Miles Gloriosus, anche nell’Anfitrione è presente il tema dell’agnizione-riconoscimento, che
costituisce lo scioglimento dell’intera vicenda: Anfitrione e Sosia smascherano Giove e Mercurio che
avevano assunto le loro rispettive sembianze.
IL TEMA DEL DOPPIO
Il ‘tema del doppio’ ricorre molte volte nella letteratura greca e latina. Vari autori, greci e latini, nelle
loro opere. Tra cui «Elena» di Euripide, «Menaechme» e «Bacchide» di Plauto, «Le metamorfosi» di
Ovidio. È, però, «Amphitruo» di Plauto che meglio racconta e descrive il tema del doppio come l’esito
di un intervento divino, di quello che era considerato magia. Ed è in particolare attorno al personaggio
di Sosia che si sviluppa l’intera vicenda. L’Amphitruo viene definito come una tragicommedia, ma
insieme ad altre opere ha i caratteri della fabula palliata. Inoltre è stato definito uno dei primi esempi
di ‘commedia degli equivoci’. Caratteristica del teatro latino, la commedia degli equivoci è un genere di
commedia in cui tutta la vicenda rappresentata nasce in seguito ad un equivoco iniziale, che porta,
come dice il nome, a continui equivoci tra i protagonisti. Gli equivoci creano una serie di situazioni
comiche che amplificano il divertimento del pubblico.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard