catechesi per le persone anziane

annuncio pubblicitario
CATECHESI PER LE PERSONE ANZIANE
LE VIRTU’ DELL’ANZIANO
LA PAZIENZA
Anche la virtù della pazienza è per alcuni aspetti apparentata con il
“rilassamento”. Chi è rilassato sa essere paziente . In lingua latina patientia
(sostantivo del verbo patior/pati) significa propriamente “sopportare, tollerare,
sostenere”, anche con riferimento alla sofferenza. La pazienza è come una
colonna che sostiene la vita. Nell’antica Grecia l’omerico Odisseo/Ulisse,
eroe”molteplice e ingegnoso”,era anche considerato un modello di pazienza
come la virtù che ci rende “signori”,consentendoci di dominare tutte le
situazioni, anche quelle difficili e gravose.
Il Papa Gregorio Magno (ca.540-604) definiva la pazienza come la radice la
garante di tutte le virtù. San Paolo associa la pazienza alla speranza: Noi
sappiamo che la tribolazione produce pazienza, la pazienza una virtù provata, la
virtù provata la speranza (Rm 5,3s). Chi sopporta pazientemente la vita con le
sue afflizioni, consegue stabilità e alimenta in sé la speranza riguardo alle cose di
cui è in attesa. Poiché la nostra speranza si rivolge a una realtà che ancora non
vediamo, possiamo con pazienza sopportare ciò che ci attende nella vecchiaia. Se
noi speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con pazienza (Rm 8,25).
La pazienza mi fa sopportare chi vive accanto a me, nonostante i suoi difetti e gli
errori. E’ un atteggiamento per nulla facile, poiché comporta che si accetti di
“patire” qualcosa a causa dell’altro, che si continui a restare accanto a lui, ed
accettarlo tale qual è. Così la pazienza si rivela virtù fondamentale per una
gioiosa convivenza, per un sereno stare insieme. San Benedetto chiede ai suoi
monaci che <<si prevengano l’un l’altro nel rendersi onore; sopportino con
grandissima pazienza le rispettive miserie fisiche e morali>> (Regola
LXXII,72,4s).
Hanno bisogno di molta pazienza soprattutto le persone anziane, per poter
vivere in armonia con tutto l’ambiente che le circonda. Anche all’interno della
famiglia,quando in essa è presente qualche anziano, la pazienza è
frequentemente messa alla prova. Il vecchio genitore, che è sempre stato un
modello di disciplina e di ordine, forse adesso si lascia un po’ andare ; le “buone
maniere” a tavola non sono più sua prerogativa . Sovente, però, è lui il primo a
sentirsi a disagio: per esempio, quando non riesce più a controllare il tremolio
delle sue mani, ecc. A che servirebbe insistere nella critica e nella
disapprovazione? La nostra pazienza “sopporta” il debole, lo fa sentire
accettato,per cui può starsene tranquillamente lì con tutti i suoi difetti e le sue
fragilità.
Ma tocca soprattutto alla persona anziana avere pazienza con se stessa, in
particolare quando qualcosa non le riesce subito al primo tentativo.I vecchi non
sono naturalmente pazienti: anzi, in molti casi si caratterizzano per una
singolare propensione all’irascibilità. Per esempio, non sopportano di dover
aspettare : vorrebbero sempre essere al primo posto nella fila dal medico, alla
posta, al supermercato…
Un anziano confratello, da me molto ammirato per la sua amabilità e allegria,
mi diceva che col passare degli anni si scopriva sempre più suscettibile e
insofferente . La pazienza è una virtù che va costantemente curata e alimentata.
Un vecchio deve liberarsi dall’illusione di poter fare tutto esattamente e così in
fretta come prima. Alcune cose richiedono più tempo, certi sforzi non sono più
commisurati ai suoi livelli di resistenza. Il vecchio è tenuto in prima persona a
sopportare se stesso.
La pazienza richiede una certa disponibilità all’umorismo. Gli anziani che vanno
sperimentando il loro progressivo indebolimento,e di ciò riescono anche a
sorridere , si fanno accettare meglio dal loro ambiente.Hermann Hesse ha scritto
sulla pazienza:<<Nel giardino della vecchiaia sbocciano alcuni fiori di cui prima
ben poco ci siamo curati. Germoglia, per esempio, il nobile arboscello della
pazienza. Si diventa più rilassati, più indulgenti, e quanto minore si fa il nostro
bisogno di intervenire e di realizzare, tanto più s’accresce la capacità di
osservare e ascoltare la vita della natura e dei nostri simili.E ciò senza il bisogno
di criticare, ma lasciandoci attrarre con sempre nuovo stupore dalla sua
varietà,talora con interesse e silenziosa partecipazione, talaltra col sorriso, con
limpida gioia,un umorismo>>
Caratteristica essenziale della pazienza è lasciare le cose come sono, senza
volerle cambiare. Riconosco ad esse il diritto di esistere e mostrarsi in quella lor
precisa forma.
La persona paziente sa accogliere anche se stessa così com’è. Riconosce e accetta la
propria condizione di debolezza e fragilità. Non è più il tempo di giudicare e
disapprovare.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard