Il bambino portatore di CCAM: quale ruolo per l`infermiere?

annuncio pubblicitario
IL BAMBINO PORTATORE DI CCAM: QUALE RUOLO PER L’INFERMIERE?
(L’ASPETTO DELL’OGGI E LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO)
G. Farinacci(1), S. Norcini(1), F. Grassi(1).
U.O. Chirurgia, A.O.U. Meyer, Firenze(1)
La malformazione adenomatoide cistica del polmone (CCAM) rappresenta un raro difetto congenito
dell’apparato respiratorio. L’incidenza di tale patologia varia da 1:10.000/35.000 nati. In epoca neonatale la
CCAM può manifestarsi con un grave distress respiratorio, sebbene, nella maggior parte dei casi, sia del
tutto asintomatica fino al manifestarsi di complicanze. Anche se in percentuale limitata, si è verificata una
possibile degenerazione maligna della lesione, più elevata nei casi trattata tardivamente. L’evoluzione della
diagnosi prenatale ha posto le basi per trasformare la chirurgia di questa patologia malformativa e
potenzialmente degenerativa, in un trattamento elettivo e non sintomatico, delineando il percorso
diagnostico-terapeutico fin dalla diagnosi. A sostegno di questo nuovo protocollo c’è quindi un percorso
assistenziale infermieristico che dal 2007 coadiuva la gestione del paziente nell’assistenza post-operatoria.
CONCLUSIONE
La multidisciplinarietà delle diverse professioni sanitarie non mediche che ruota intorno al bambino affetto
da CCAM migliora la prognosi.
Scarica
Random flashcards
creare flashcard