Scheda film Io ti salverò di Alfred Hitchcock

annuncio pubblicitario
Io ti salverò
IL FILM
Regia: Alfred Hitchcock Cast: Ingrid Bergman, Gregory Peck, Michael Chekhov, Leo G. Carroll
Sceneggiatura: Francis Beeding, Angus MacPhail, Ben Hecht (dal romanzo La casa del dottor
Edwards di Francis Beeding) Fotografia: George Barnes Musiche:Miklòs Ròzsa. Scenografia: James
Basevi e Salvador Dalì.
USA 1945 Genere: Romantico/Thriller/Drammatico Durata 111’ b/n. Oscar alla migliore colonna
sonora
IL REGISTA E LE OPERE
Sir Alfred Joseph Hitchcock (Leytonstone (GB), 13 agosto 1899 – Los Angeles, 29 aprile 1980) è
conosciuto grazie ai suoi capolavori gialli, come «maestro del brivido».
Diventato il regista di punta del cinema inglese, nel 1940 viene chiamato a Hollywood dove dirige un
film tratto dal bestseller di Daphne Du Maurier, Rebecca, la prima moglie che vince l'Oscar come
miglior film dell'anno. Seguirà una serie di pellicole indimenticabili: Il sospetto, L'ombra del dubbio, Io
ti salverò, Notorius, l'amante perduta, La finestra sul cortile.
Nel 1955 inizia a produrre e a girare alcuni episodi del famoso telefilm Alfred Hitchcock presenta,
dopodiché una serie ininterrotta di capolavori: Il delitto perfetto, Caccia al ladro, L'uomo che sapeva
troppo (remake dell'omonimo film del 1934 diretto dallo stesso Hitchcock), La donna che visse due
volte, Intrigo internazionale, Psycho e Gli uccelli. Nel 1976 gira il suo ultimo film, Complotto di
famiglia.
LA TRAMA
Una giovane psicologa si accorge che il nuovo direttore della casa di cura dove lavora, di cui pian piano
si innamora, è affetto da un complesso di colpa che ha radici nell'infanzia. Con l'aiuto del suo anziano
professore, la donna riesce a scoprire l'origine delle turbe; e di conseguenza, a risolvere anche un caso
d'omicidio.
I CONTENUTI E LE FORME
Io ti salverò è uno dei più celebri e complessi thriller di Hitchcock, impreziosito dalle immagini oniriche
realizzate appositamente da Salvator Dalì e sorretto dalla coppia Ingrid Bergman-Gregory Peck.
Costituisce inoltre una tappa importante all'interno della filmografia di Hitchcock: è infatti il primo film
del regista ad affrontare direttamente il tema della psicanalisi, la prima collaborazione con Ingrid
Bergman, ed infine, il primo contributo di Ben Hecht per la sceneggiatura.
La pellicola, con la sua attenta analisi della psicologia femminile, sarà alla base di un lavoro lento e
lungo che porterà il regista alla messa a punto del prototipo della donna apparentemente frigida, che
sarà protagonista fissa dei film della maturità.
Quanto c’è di vero della psicanalisi, in questo film? Senza dubbio molto. Serve senz'altro come primo
approccio a questa scienza, che ha completamente rivoluzionato la cura delle malattie mentali. Qui
abbiamo un caso di amnesia riconducibile ad un trauma infantile (secondo Freud, l'infanzia è la chiave
della nostra vita), l'interpretazione dei sogni (inventata da Freud), e casi di odio/amore verso gli
psicanalisti. Secondo la psicanalisi bisogna amare il terapeuta, ma, assolutamente, non mettere in pratica
questo innamoramento, pena il fallimento della cura. Qui abbiamo invece il caso di un grande amore tra
il terapeuta ed il paziente. Ma il cinema è il cinema!
Tuttavia questo film lascia sensazioni straordinarie e offre un'idea di base di questa scienza, che altro
non è che un viaggio all'interno di se stessi. Abbiamo dunque due film di suspence in uno. Da una parte,
la scoperta di se stessi e quindi rivelazioni improvvise e scioccanti. Dall'altra, un intreccio che
amalgama il tutto. E’ un film estremamente moderno, le cui tematiche sono ora abbastanza conosciute.
Un Hitchcock rivoluzionario, quindi. E, come sempre, che sa colpire nel modo giusto: nella mente e nel
cuore.
Scarica
Random flashcards
creare flashcard