Politiche integrate di sicurezza urbana

annuncio pubblicitario
Le politiche sociali in Italia nello scenario europeo
Ancona, 6-8 Novembre 2008
POLITICHE INTEGRATE DI SICUREZZA:
L’INSICUREZZA COME MISERIA URBANA
Francesca Farruggia e Giuseppe Ricotta*
Paper presentato alla prima conferenza annuale ESPAnet Italia 2008
Sessione: nr. 6 Oltre la miseria urbana: nuovi spazi di azione per innovazione e politiche sociali integrate
(*) Facoltà di Sociologia/Dipartimento Innovazione e Società – Sapienza Università di Roma
Via Salaria, 113
00198 Roma
[email protected]
[email protected]
1
La propensione a essere protetti esprime una necessità
inscritta nel cuore della condizione dell’uomo moderno
(Robert Castel)
1. Insicurezza e processo di individualizzazione
La percezione di insicurezza da parte dei cittadini italiani è divenuta uno dei temi più importanti e dibattuti tanto dai mezzi di comunicazione di massa, quanto nell’agenda politica dei governi,
e ha ricoperto un ruolo decisivo nelle elezioni politiche e amministrative del 2008 (Cavazza, Corbetta, 2008). Per affrontare criticamente il tema sicurezza urbana (Selmini, 2004a) e le politiche locali ad esso connesse è necessario inquadrarlo entro le profonde trasformazioni sociali che stanno
interessando i Paesi occidentali.
Il sentimento di insicurezza, infatti, così come l’incertezza, la paura, il rischio, sono altrettante categorie interpretative che da circa un trentennio i sociologi utilizzano per analizzare la “seconda modernità” e i processi di globalizzazione ad essa connessi (v. Bauman, 1999; 2008; Beck,
2000; Castel, 2004; Giddens, 1994; Luhmann; 1996)1.
Ulrich Beck (2000) ha definito la società contemporanea come società del rischio, mettendone in evidenza tra le altre cose, il suo carattere “riflessivo”, ovvero il fatto che, rispetto al recente
passato, le conseguenze della modernizzazione industriale – definite nelle scienze economiche “esternalità” – vengono tematizzate tanto dagli esperti quanto dall’opinione pubblica come “rischi”
imputabili all’azione umana, e più precisamente alle conseguenze della modernità stessa. Il “rischio” finisce così per comprendere lo spettro intero delle minacce e dei pericoli globali contemporanei (dai disastri ambientali alla disoccupazione, dal terrorismo internazionale alle crisi economiche), visti tutti nella loro connessione con la responsabilità degli esseri umani e la convinzione,
quindi, che si possa comunque fare qualcosa per attenuarne o prevenirne gli effetti distruttivi; il
concetto perde invece la distinzione originariamente compresa in esso tra rischi “buoni” e rischi
“cattivi” (v. Lupton, 2003).
Secondo Beck, inoltre, la faccia privata della globalizzazione è rappresentata dall’accentuarsi del processo di “individualizzazione”: le relazioni sociali sono sempre più “disincastrate”
(Giddens, 1994) e rese autonome dalle istituzioni sociali d’appartenenza tipiche della modernità.
Ciò determina per gli attori sociali l’“obbligo” ad essere liberi, ad accogliere un modello biografico
per l’azione sociale che non può più trovare punti d’appoggio su norme e istituzioni “solide” (Bauman, 2002; v. anche Sennet, 1999). Venendo a mancare le norme fisse e vincolanti della tradizione
e con esse le certezze, gli individui sono “costretti” a costruirsi da soli le proprie biografie scegliendo tra nuovi e sempre mutevoli modi di vita. In tal senso, la libertà nella condizione della modernità
avanzata è “obbligatoria” oltre che conquistata, non può essere rifiutata da parte degli attori sociali,
che ne debbono sopportare gli oneri oltre che goderne i benefici. All’aumento delle possibilità di
scelta corrisponde il rischio insito nella scelta stessa e la solitudine attraverso cui essa deve essere
presa2.
1
Alcuni degli autori citati (in particolare Bauman, Castel e Giddens) sono di recente convenuti a Roma in occasione del
World Social Forum organizzato dalla Fondazione Roma e dal Censis su tema delle “paure planetarie” (Roma, 24-26
settembre; v. http://wss.sitemanager.it/servizio/homepage/home.asp).
2
Responsabilità di scelta che riguarda anche la sfera delle relazioni amorose, che secondo Giddens (1990) sempre più
assumono il carattere di relazioni “pure”, ovvero costruite in virtù dei vantaggi che ciascuno dei due partner può trarre
dal rapporto continuativo con l’altro senza essere sottoposte al vincolo delle regolazioni normative del passato. Una relazione pura si mantiene fintanto che entrambe le parti ritengono di trarre sufficienti benefici per giustificarne la continuità: tutta la vita di relazione è di conseguenza sottoposta a contrattazione
2
In accordo con queste interpretazioni, Zigmunt Bauman (1999; 2000; 2002) definisce la società contemporanea come società dell’incertezza, mettendone in risalto la particolare enfasi posta
alla libertà individuale. Per Bauman (2002) viene ribaltato ciò che Sigmund Freud aveva individuato (ne Il disagio della civiltà) come tratto specifico del processo di civilizzazione occidentale, ovvero la repressione della libertà e quindi della felicità in cambio della sicurezza. Nella società postmoderna, invece, predomina la libertà individuale: la sicurezza è sacrificata/barattata per poter conseguire maggiore felicità. L’esaltazione della libertà individuale, ovvero il processo di individualizzazione, non può non comportare, allo stesso tempo, un aumento del sentimento di insicurezza.
Il termine tedesco usato da Freud, Sichereit, necessita in inglese una traduzione attraverso
tre diversi termini che, secondo Bauman (2000: 24-25) rappresentano le tre condizioni della sicurezza di sé e della fiducia in sé: 1) security, ovvero la sicurezza esistenziale che ci garantisce che ciò
che è stato conquistato e conseguito rimarrà in nostro possesso; b) certainty, ovvero la certezza di
essere nel giusto attraverso la possibilità di discernere tra ciò che è ragionevole e ciò che è sciocco,
ciò che è degno di fede da ciò che è ingannevole, il bene dal male; c) safety, ovvero la sicurezza
personale, l’incolumità, del nostro corpo e delle sue estensioni (i nostri beni, la nostra famiglia, i
nostri vicini). Tre dimensioni della sicurezza messi oggi in crisi rispettivamente dal liberismo economico globale (Gallino, 2000), dalla pluralità e contraddittorietà delle interpretazioni del mondo
(Lyotard, 1981) e dall’esposizione percepita a crescenti pericoli e minacce alla propria incolumità
fisica (Battistelli, 2008b).
Robert Castel (2004) analizza dal punto di vista storico e teorico le connessioni esistenti tra
sicurezza/insicurezza civile (la safety di Bauman) e sicurezza/insicurezza sociale (la security), o in
altri termini tra il fatto di vivere quotidianamente sotto la spada di Damocle dell’insicurezza e il fatto di essere in preda alle difficoltà materiali dell’esistenza ed esposti ai suoi imprevisti (malattie, infortuni, ecc.) 3. La genesi storica del riemergere contemporaneo dell’insicurezza sociale suggerita da
Castel ci sembra particolarmente feconda per contestualizzare il tema della sicurezza urbana e delle
politiche locali connesse.
A partire dal secondo dopoguerra, i Paesi occidentali hanno goduto di un lungo periodo di
crescita e sviluppo economico accompagnato da una disposizione culturale a guardare con ottimismo al futuro, al progresso sociale ed economico. Contemporaneamente i governi di questi Paesi
hanno garantito l’iscrizione degli individui in collettivi di protezione (di lavoro, sindacali) che sono
andati a sostituire le protezioni di prossimità o ravvicinate (proprie della Gemeinschaft di Tönnies)
indebolite dagli stessi processi di modernizzazione. Lo Stato sociale, dunque, procurando
all’individuo protezioni collettive consistenti, ha agito come un potente fattore di individualizzazione, liberandolo dalla dipendenza nei confronti di tutte le comunità intermedie che lo proteggevano
in precedenza.
La crescita economica, la fiducia nel progresso, la legittimazione dei collettivi di protezione
sono tutti elementi entrati in una lunga e apparentemente irreversibile crisi che ha origine negli anni
‘70, e si manifesta compiutamente soprattutto a partire dagli anni ‘80. Lo Stato-Nazione non è stato
più in grado di guidare il mercato e la politica economica, e nella sfida alla concorrenza internazionale ha lasciato la leadership all’impresa. Lo Stato da virtuoso è divenuto “dannoso” perché colpevole di imbrigliare l’agire dell’impresa in cerca della massimizzazione del profitto, e quindi appesantirne la competitività imponendo eccessivi costi al lavoro per mantenere in vita sistemi di protezione sociale troppo costosi.
3
Dal punto di vista psico-sociale, studiando l’individuo nel contesto del lavoro, Abraham Maslow ha collocato la sicurezza come il più immediato dei bisogni umani, quello la cui soluzione è propedeutica a tutti gli altri, senza la soddisfazione del quale gli altri bisogni non hanno neppure modo di apparire (per un’applicazione macrosociologica della “scala
dei bisogni” di Maslow, v. Inglehart, 1998). La prima accezione di sicurezza nella scala dei bisogni è di natura sociale:
il primo bisogno è la sopravvivenza, fondata sulla possibilità di nutrirsi, vestirsi, avere un alloggio. La seconda accezione di sicurezza è, invece, di natura civile o strategica (v. oltre, nota 7), ovvero la sicurezza come protezione
dell’esistenza fisica nei confronti di possibili aggressioni (v. Battistelli, 2008b).
3
Il nuovo capitalismo provoca una messa in mobilità generalizzata dei rapporti di lavoro, delle carriere professionali e delle protezioni inerenti allo statuto dell’impiego, ovvero spinge verso
una “destandardizzazione dell’impiego” (Beck, 2000); aumenta il lavoro part-time, il lavoro saltuario, oppure quello formalmente “autonomo” ma in realtà strettamente subordinato a un datore di lavoro, così come nuove forme di lavoro a domicilio, ecc. Ogni individuo deve farsi carico dei rischi
del suo percorso professionale divenuto discontinuo e non più supportato da sistemi di regolazione
collettiva. Ciò crea un nuovo stato di insicurezza che vede l’attore sociale alle prese con rischi ed
ansie che sembravano risolti proprio grazie ai sistemi collettivi assicuranti oggi in crisi. Se il lavoro,
su cui erano fondati i sistemi di protezione moderni, si è flessibilizzato e soprattutto frantumato/indebolito, non sono più praticabili efficacemente gli ormai “vecchi” sistemi di assicurazione, e il
conseguente aumento della vulnerabilità sociale4 fa riapparire le cosiddette “classi pericolose”: basti
pensare agli abitanti extra-comunitari delle periferia urbane delle grandi metropoli che – secondo
Castel – stanno prendendo il posto della classe operaia dell’800.
Il riemergere massiccio dell’insicurezza sociale è dunque causato dalla crisi della modernità
organizzata, ovvero dell’attuale messa in discussione dello Stato sociale (v. anche Bauman, 2008),
connessa all’indebolimento o al crollo dei collettivi, prodotto dal potenziamento del processo di individualizzazione. Il lavoratore è liberato dalle costrizioni collettive, ma in maniera obbligata: è obbligato ad essere libero, come dicevamo, spinto ad essere performativo – scrive Castel – pur essendo abbandonato a se stesso. E poiché per quanti non dispongano di altri capitali (economici, culturali, sociali) le protezioni o sono collettive o non sono, lo sganciamento dai sistemi collettivi di protezione fa cadere gli individui sprovvisti di capitali nell’insicurezza sociale: ampie fasce della classe
operaia integrate durante gli anni della crescita economica, impiegati meno qualificati, giovani del
ceto popolare, vittime della dequalificazione di massa.
Pretendere che l’abolizione di queste protezioni liberi l’individuo, che aspetterebbe solo
questa occasione per dispiegare finalmente tutte le sue potenzialità, è più frutto dell’ideologia neoliberale dominante che una reale analisi di quanto sta accadendo5. La libertà, per Castel così come
per Bauman, si contrappone alla sicurezza, e ciò si può facilmente cogliere nella dialettica contemporanea tra richiesta di maggiore sicurezza civile, maggiore richiesta di Forze dell’ordine e di sorveglianza e, contemporaneamente, richiesta di sempre maggiore “democrazia”, stato di diritto, libertà personale dei cittadini e sua inviolabilità, privacy. La società moderna ha sviluppato come mai
in passato esigenze di rispetto della libertà e dell’autonomia degli individui, garantite proprio dallo
Stato di diritto. Ciò significa che l’attore sociale contemporaneo pretende giustizia in tutti i campi,
compresa la sua vita privata (e ciò chiama in causa le prestazioni degli avvocati e dei giudici), ma
allo stesso tempo pretende la sicurezza completa nella sua vita personale (e quindi, se possibile,
l’onnipresenza dei poliziotti)6.
La ricerca della sicurezza assoluta rischia quindi di entrare in contraddizione con i principi
dello Stato di diritto e può scivolare facilmente verso una “pulsione sicuritaria” che degenera nella
caccia ai sospetti e si appaga con la condanna dei capri espiatori. Castel individua così la contraddizione del comportamento degli Stati occidentali contemporanei che oscillano tra il comportamento
lassista di fronte alle conseguenze del liberismo economico imperante e l’esercizio di un’autorità
4
Il concetto di vulnerabilità sociale (Castel 1995; 1997) si differenzia da quello di povertà o emarginazione e rimanda
all’eventualità sempre più frequente, e connotata dal punto di vista generazionale, di non riuscire più ad entrare nelle
grandi reti di protezione collettiva e pubblica che hanno caratterizzato le società affluenti dal secondo dopo-guerra agli
anni ’80. L’incrocio tra precarizzazione del lavoro, perdita graduale della densità delle relazioni familiari e inefficienza
delle istituzioni preposte alla protezione sociale provoca la vulnerabilità. Essa non rappresenta lo stadio finale del disagio bensì stadi intermedi rispetto ad esso, ed è caratterizzata soprattutto dall’incertezza della situazione e dalla difficoltà
di compiere delle scelte per il futuro (v. anche Ranci, 2002).
5
Per quanto concerne il dibattito italiano, v. ad es. Battistelli e Paci, 2008; Cella, 2006; Paci, 2005; 2006. Per una lettura “ottimistica” del processo di individualizzazione e della società “postmoderna” v. Inglehart, 1998.
6
Pensiamo a questi aspetti in relazione all’emergenza terrorismo internazionale (Battistelli, 2004) con le restrizioni alla
personalità personale necessarie ad un controllo capillare nelle società occidentali (intercettazioni telefoniche e violazioni della privacy in genere, restrizioni alla libertà di circolazione, ecc.).
4
priva di incrinature che restaura la figura dello Stato gendarme, garante della sicurezza civile per
l’incolumità delle persone e delle loro proprietà.
Al fianco del riemergere di rischi sociali “classici” che sembravano oramai eliminati (infortunio, malattia, disoccupazione, incapacità di lavorare dovuta all’età o alla presenza di un handicap,
ecc.) compare la nuova generazione di rischi, industriali, tecnologici, sanitari, naturali, ecologici,
ecc. tematizzati da Beck e Giddens. Ecco perché secondo Castel la garanzia di essere protetti oggi è
doppiamente messa in crisi: da una parte l’indebolimento delle coperture classiche, dall’altra un generalizzato sentimento di impotenza di fronte a rischi inediti che appaiono inscritti nel processo di
sviluppo della modernità producono nei cittadini occidentali una “frustrazione sicuritaria”.
Per entrambe queste tipologie di rischio lo Stato appare impotente con le sue protezioni classiche e l’alternativa sono le assicurazioni private. Castel individua dunque una relazione tra esplosione dei rischi, iper-individualizzazione delle pratiche e privatizzazione delle assicurazioni. Le fonti di insicurezza si moltiplicano e l’attore sociale è solo ad affrontarli, ed è quindi l’individuo privato che si deve far carico di assicurarsi da solo, se può farlo7. Nello specifico, poi, come è possibile
affrontare rischi globali con soluzioni locali? Ecco ancora un elemento di crisi dello Stato nazione,
la sua incapacità di far fronte da solo a problemi che hanno carattere globale e che quindi richiedono soluzioni di tipo globale.
La traduzione locale di questi fenomeni globali trova una sintesi efficace nel concetto di sicurezza urbana, connesso all’area di quelle insicurezze territoriali e locali (Amendola, 2000; 2003;
Battistelli, 2008a; Beato, 2003; Selmini, 2004), che è socialmente rilevante in particolare nelle metropoli globalizzate in cui convergono fenomeni complessi di “mobilità” della vita sociale (migrazioni, crisi e sviluppo economico, ristrutturazione degli ambienti fisici, aumento della popolazione)8. In particolar modo le periferie delle grandi città, secondo Castel, si connotano sempre più come zone sensibili per quanto concerne la sicurezza, perché caratterizzate da disoccupazione, lavoro
precario e attività marginali, habitat degradato, urbanizzazione senz’anima, promiscuità tra gruppi
di origine etnica differente, presenza permanente di giovani sfaccendati che esibiscono la loro inutilità sociale, visibilità della micro-criminalità legata alla droga e alla ricettazione, atti incivili, momenti di tensione e agitazione, conflitti con le forze dell’ordine. Queste ultime categorie sociali,
nuove “classi pericolose”, sono l’oggetto privilegiato dei discorsi e delle attenzioni sulla questione
dell’insicurezza urbana civile. Insicurezza percepita anche fra i residenti dei piccoli centri abitati,
che possono anche non aver avuto diretta esperienza di episodi efferati di criminalità ma che temono che quanto conosciuto attraverso il racconto dei mezzi di comunicazione di massa possa colpire
la tranquillità/l’equilibrio delle loro “comunità”9 (Bauman, 2001).
Affrontiamo ora il tema della sicurezza urbana per esplorarne, alla luce di uno studio di caso, il versante delle politiche locali volte a dare una risposta rassicurante ai cittadini. L’aver colloca7
Nello specifico campo della sicurezza personale, Battistelli (2008b) ha commentato criticamente il diffondersi
dell’offerta di mercato di prodotti per la sicurezza e l’incolumità personale, quali ad esempio sistemi d’allarme e di sorveglianza: la soluzione privata all’ottenimento di un bene pubblico quale è quello della sicurezza ha l’effetto di alimentare ulteriore insicurezza in chi resta escluso per motivi economici dal soddisfacimento individuale del bisogno.
8
Metafora della modernità, la città è stata attraversata negli ultimi decenni da profondi mutamenti, connessi ai processi
di globalizzazione. Oggi, per la prima volta nella storia dell’umanità, la maggior parte degli abitanti del pianeta conduce
una vita urbana (in aree metropolitane, in piccole e medie città, in paesi). Questa tendenza è destinata a protrarsi: nel
2050 si stima che sarà concentrato nelle città il 75% della popolazione globale, e che le persone risiederanno soprattutto
in megalopoli di svariati milioni di abitanti e in regioni a intensa urbanizzazione che si estenderanno oltre i confini degli
stati e dei continenti (Biennale di Venezia, 2006). Le città italiane a partire dai primi anni ‘90 sono state interessate da
importanti processi di mutamento, in estensione e in qualità. È aumentato, a seguito delle trasformazioni del capitalismo, il nomadismo tra lavoro e lavoro, tra luogo e luogo, producendo negli spazi urbani una miriade di migranti interni,
con scarso attaccamento ad ogni luogo. I processi di nuova immigrazione, inoltre, con la loro ben più rilevante entità
numerica rispetto all’immigrazione degli anni ’80, hanno posto la questione dell’integrazione, della convivenza e
dell’incontro tra culture diverse in modo più urgente e conflittuale.
9
Al contrario di quanto suggerirebbe il senso comune, nelle ricerche sulla paura della criminalità la relazione tra vittimizzazione – ovvero l’aver subito un reato – e la paura di subirne uno è complessa e i risultati riportati in letteratura sono contrastanti (Cornelli, 2004; Galantino, 2008).
5
to l’area della sicurezza urbana all’interno di un quadro più ampio e interconnesso di dimensioni
della sicurezza ci avverte del rapporto intrinseco esistente tra sicurezza “sociale” e sicurezza “civile” o “strategica”10 e tra mutamenti transnazionali/globali e governance locale della sicurezza.
2. La sicurezza urbana: quali politiche?
L’emergere del tema “sicurezza urbana” trova dunque spiegazione nelle trasformazioni sociali descritte, ed ha a che fare tanto con gli andamenti dei fenomeni di criminalità nei territori urbani, quanto con la percezione del senso di insicurezza dei cittadini11. Il concetto di scurezza urbana
(o locale) sta soppiantando quello di “sicurezza pubblica” (o di “ordine pubblico”), allargando e
modificando il significato di quest’ultimo così da comprendere entro un’unica definizione un ampio
spettro di fenomeni che vanno dai reati predatori (rapine, furti, scippi), alle aggressioni e agli stupri
fino a comportamenti quali semplici infrazioni (ad es. del codice della strada) o le cosiddette incivilities, ovvero atti di inciviltà quali lo scrivere sui muri, il rompere bottiglie per strada, gli schiamazzi notturni, ecc. (Chiesi, 2004)12. La tesi di fondo è che – insieme agli episodi di micro-criminalità –
anche il degrado urbano, le inciviltà ed il degrado sociale siano strettamente connessi con la percezione di insicurezza dei cittadini
Il concetto di sicurezza urbana, inoltre, chiama in causa gli attori locali, primi fra tutti i sindaci (ma anche i presidenti delle Province e delle Regioni), che a seguito della loro elezione diretta
(L. 81/93) e ad alcune importanti riforme ispirate al principio di sussidiarietà che si sono succedute
a partire dagli anni ’90 ad oggi, assumono un protagonismo nuovo per quanto concerne le politiche
per la sicurezza (Bortoletti, 2005; Selmini, 2004). Queste ultime, a loro volta, per essere efficaci,
debbono per definizione essere locali, in rapporto di governance con gli altri livelli del governo
(multilevel policies) e assumere un’ottica integrata13 e attiva nelle strategie d’intervento (Braccesi,
2004). Insomma non più solo prefetture e Forze dell’ordine nazionali, ma anche enti locali, con il
coinvolgimento di altri operatori della sicurezza, a partire dalle polizie locali, e più in generale del
welfare locale (assistenti sociali, cooperative, volontariato, ecc.).
Rispetto ai fenomeni della micro-criminalità e più in generale per garantire un maggior livello di sicurezza nei contesti urbani, sono due le soluzioni maggiormente seguite nelle policies locali,
soluzioni che rientrano nell’alveo della cosiddetta “nuova prevenzione” (Barbagli, Gatti, 2005; Savona, 2004; Selmini, 2004b): la prima si rifà all’approccio sociale, che mira a rimuovere le cause
che portano a delinquere, la seconda all’approccio situazionale, che ha come obiettivo quello di ostacolare la perpetrazione dell’atto criminoso14. La nuova prevenzione sta al concetto di sicurezza
urbana, così come i modelli preventivi tradizionali a carattere penale stanno al concetto di ordine
pubblico: essa raccoglie al suo interno le novità connesse ai processi di devoluzione in tema di ge10
Fabrizio Battistelli (2008b) ha proposto l’utilizzo del concetto di sicurezza/insicurezza strategica in luogo di quello di
sicurezza/insicurezza civile proposto da Castel per non escludere la dimensione militare, connessa ai temi internazionali
del terrorismo e delle guerre, decisiva nella riflessione sulla sicurezza.
11
Rispetto ad uno degli aspetti più importanti che compongono lo spettro delle paure metropolitane, la microcriminalità, i cittadini italiani, sia secondo studi di caso in realtà metropolitane sia secondo rilevazioni nazionali degli
ultimi anni, sarebbero sempre più sensibili, mostrando un elevato tasso di crescita tanto in termini di preoccupazione del
fenomeno della micro-criminalità (concern about crime), quanto in termini di paura di restare vittima di un reato (fear
of crime) (v. Amendola, 2000; 2003; Beato, 2003; Bordignon, Ceccarini, 2007; Censis, 2003; 2004; Diamanti, Bordignon, 2001; Fondazione Roma/Censis, 2008; Istat, 2004; 2006; Ministero dell’Interno, 2001; 2004; 2006; per un commento v. Galantino, 2008).
12
Se la micro-criminalità rappresenta il cuore delle preoccupazioni in tema di sicurezza urbana, attualmente sembrano
largamente assenti riferimenti alle attività criminali maggiormente cariche di implicazioni politiche e che hanno ricevuto le maggiori attenzioni dal secondo dopoguerra agli anni ’90, ovvero le stragi, il terrorismo politico e la criminalità
organizzata (Battistelli, 2008b).
13
Sulle politiche integrate, v. Donolo, 2003
14
Un terzo approccio alla prevenzione degli eventi criminali è quello comunitario, che si fonda sulla responsabilizzazione dei cittadini nei confronti del bene sicurezza (v. Selmini, 2004b)
6
stione della sicurezza e all’allargamento del campo semantico relativo alle insicurezze urbane (fenomeni criminosi insieme a inciviltà e degrado), e diviene una componente fondante delle politiche
locali di sicurezza.
La prevenzione situazionale, come detto, si concentra sul contesto in cui avvengono i fenomeni criminosi al fine di ridurre il più possibile le opportunità e aumentare i rischi per la media dei
potenziali autori di crimini. L’attore sociale è interpretato alla luce delle teorie della scelta razionale: quanto più sarà costosa l’azione deviante, tanto meno il potenziale delinquente agirà come tale.
Il territorio a rischio deve quindi essere controllato e manipolato per garantire la normale vita economica e sociale della città. Vengono di conseguenza adottate strategie preventive (quali la sorveglianza formale del territorio, le ordinanze, l’arredo urbano dissuasivo, la video-sorveglianza) orientate a “governare” la situazione critica tralasciando obiettivi di risoluzione o di intervento sulle cause strutturali del crimine.
La prevenzione sociale, al contrario, d’ispirazione più propriamente sociologica, si concentra sull’insieme delle condizioni sociali ed economiche che creano ambienti favorevoli alla criminalità. Da questo punto di vista le politiche che si ispirano a questo approccio sono politiche sociali,
quali interventi per i giovani, politiche abitative, di lotta alla dispersione scolastica, politiche per
l’occupabilità, per l’integrazione degli immigrati, e che ultimamente accolgono il principio delle politiche attive ed integrate miranti al rafforzamento e alla responsabilizzazione (empowerment) degli
utenti target.
La politiche di quest’ultimo tipo possono essere rivolte non solo a soggetti considerati in
condizioni di svantaggio o di vulnerabilità, ma anche ad un contesto locale/ambiente fisico ritenuto
sensibile, con interventi rivolti al recupero della coesione comunitaria e di spazi fisici, aventi
l’obiettivo di un complessivo miglioramento della qualità della vita, dell’ambiente e delle relazioni
sociali, attraverso progetti di mediazione dei conflitti, di rivitalizzazione dello spazio pubblico, di
riqualificazione dell’arredo urbano.
In Italia, lo sviluppo delle politiche di sicurezza urbana giunge relativamente in ritardo, agli
inizi degli anni ’90, seguendo le orme di Paesi quali la Francia e l’Inghilterra, caratterizzati al tempo
da un’esperienza più che decennale in materia (Farruggia, 2008; Selmini, 1999). Sono i Comuni e le
Regioni a dare impulso alle politiche per la sicurezza, nonché alla ricerca e alla programmazione di
interventi, mentre assenti risultano iniziative introdotte o gestite dallo Stato centrale (Selmini,
2003), se si esclude il poliziotto/carabiniere di quartiere.
Con la loro consistente attività normativa e di programmazione, le Regioni15 intervengono in
maniera significativa nel coordinamento delle politiche locali di sicurezza affermando il concetto di
“sicurezza locale”, e focalizzando l’attenzione in particolare su: la polizia amministrativa quale risorsa idonea per intervenire sulla sicurezza nelle città; l’educazione alla legalità e alla convivenza; il
sostegno a favore delle vittime della criminalità (organizzata e diffusa); il sostegno finanziario diretto delle Regioni a nuove politiche di sicurezza nelle città. Le leggi regionali si propongono dunque
di formulare in disposizioni normative (prevalentemente descrittive, programmatiche e organizzative) idee quali quelle sviluppate negli anni ‘90 dal Forum europeo sulla sicurezza urbana e da quello
italiano16. Tali elaborazioni sono incentrate sul ruolo che Regioni ed Enti locali possono giocare per
promuovere un insieme di interventi coordinati in grado di affrontare la diffusione dell’insicurezza
(Braghero, Izzi, 2004).
Uno studio di Martin e Selmini (2000) (i cui risultati sono confermati dalle più recenti, ma
territorialmente più circoscritte, indagini di Giovanetti e Maluccelli, 2001, della Regione Toscana,
2002, di Selmini e Arsani, 2002) ci presenta un’Italia caratterizzata da una maggiore presenza di
misure di prevenzione situazionale – specialmente nelle regioni del Nord Ovest e del Centro – piut15
Ad aprire il campo è la regione Emilia Romagna con la legge regionale n. 3 del 21 aprile 1999, a cui seguono scelte
legislative simili da parte di Lazio, Toscana, Veneto, Umbria, Marche, Lombardia, Campania, Friuli Venezia Giulia e
della provincia autonoma di Trento.
16
Si tratta di una rete di enti locali avente come obiettivo primario il coordinamento delle politiche locali per la sicurezza.
7
tosto che sociale. Complessivamente, però, ci troviamo di fronte ad un modello italiano “misto” di
prevenzione: non esiste una decisa preferenza nell’utilizzo di interventi situazionali piuttosto che di
misure di prevenzione sociale, vi è piuttosto un tentativo di sperimentazione, da parte delle Amministrazioni Locali, di una gamma di misure diversificate.
3. Seicase: vivere insicuri in un quartiere sensibile
Con il termine “sicurezza urbana” si possono dunque intendere sia politiche dirette alla prevenzione della criminalità di strada, aventi come obiettivo l’abbassamento dei tassi di vittimizzazione attraverso l’utilizzo di misure repressive e di prevenzione situazionale; sia politiche di prevenzione sociale che realizzino progetti di riqualificazione sociale e culturale del territorio, la mediazione tra gruppi di cittadini diversi e potenzialmente in contrasto tra loro e la formazione specifica di operatori della sicurezza in grado di affrontare la questione a tale livello di complessità (Maluccelli, 2006). Per gestire tale complessità, eroso il monopolio statale in materia di sicurezza, entrano in gioco nuovi attori atti alla gestione del territorio: dagli enti locali agli operatori sociali, dalle associazioni di volontariato alla cittadinanza attiva.
Le azioni rivolte alla sicurezza urbana debbono quindi concentrarsi sul livello locale in quanto
luogo di implementazione delle politiche attraverso l’interazione tra i diversi attori. Da qui la decisione di analizzare, attraverso lo studio di caso qui presentato17, uno specifico segmento del territorio urbano, in modo da portare alla luce i principali ostacoli incontrati da attori portatori di ruoli e di
culture differenti e poter, altresì, evidenziare gli elementi di forza dei progetti realizzati e le strategie e le prassi utilizzate dagli attori nella gestione del territorio.
3.1 Le caratteristiche dell’area
Alla luce delle precedenti ricerche sul territorio romano e delle indicazioni emerse dai colloqui con i responsabili della sicurezza a livello comunale e locale, abbiamo scelto di studiare il caso
dell’area che chiameremo convenzionalmente Seicase, una zona periferica del XVIII Municipio di
Roma. Situata tra due strade di scorrimento, la zona fu costruita su una collinetta verde nei primi
anni Ottanta all'interno del piano di sviluppo per Roma Capitale come polo abitativo destinato a varie categorie produttive. Il progetto prevedeva un comprensorio provvisto di piscina, campi da tennis e centro commerciale. In seguito al fallimento del progetto, gli stabili sono stati occupati da persone in situazione di precarietà abitativa. Di fronte a tale situazione il Comune di Roma ha riscattato
il complesso edilizio dalla società costruttrice destinandolo ad assistenza alloggiativa e affidandolo
in gestione allo IACP (Istituto Autonomo per le Case Popolari). Attualmente è in corso il cambio
della sua destinazione d’uso in edilizia residenziale popolare.
All’avvio della ricerca sul campo, la popolazione risultava differenziata in assegnatari (circa
320 famiglie) in attesa di un alloggio pubblico e occupanti abusivi (80 famiglie) che abitano spazi di
29 mq ciascuno, per un totale di circa duemila persone, costituite in prevalenza da giovani coppie,
con la presenza di due/trecento minori e un centinaio di anziani. Nel corso degli anni la situazione è
mutata, anche se solo parzialmente risolta, a seguito di una serie di sgomberi degli occupanti abusivi.
La maggior parte delle famiglie vive situazioni problematiche di emarginazione sociale, disoccupazione, illegalità. Esiste un forte tasso di abbandono scolastico tra i giovani e una situazione
di analfabetismo di una parte degli adulti. Vi è anche, tuttavia, una fascia minoritaria di popolazione
17
Lo studio di caso è stato preceduto da una ricognizione sulle percezioni dei cittadini e sulle principali iniziative politiche rivolte alla sicurezza urbana, promosse dall’amministrazione comunale e dai municipi del comune di Roma, senza dimenticare l’apporto
di enti come la provincia di Roma e la regione Lazio. Tale ricognizione è stata realizzata attraverso una rassegna dei risultati emersi
in precedenti ricerche e la somministrazione di un set di interviste a responsabili della sicurezza a livello comunale. In tal modo, è
stato possibile individuare casi di aree urbane caratterizzate dalla compresenza di due requisiti: particolare criticità, in termini di sicurezza percepita, e presenza di iniziative orientate a una gestione integrata della sicurezza.
8
con una situazione socio-economica più stabile. Gli abitanti dei residence si misurano quotidianamente con le carenze strutturali di servizi, trasporti e viabilità. Ad oggi nell’area, situata in una zona
isolata, non sono presenti esercizi commerciali.
Il caso di Seicase, dunque, è stato da noi selezionato perché rappresenta una sintesi di due
fenomeni ad alta problematicità sociale: quello dell’emergenza abitativa e quello dell’immigrazione
(spesso clandestina). Ma oltre alla sussistenza di seri problemi sociali, Seicase è di interesse perché
qui, a prescindere dalle tradizionali forme di gestione “dura” della sicurezza, è presente una produzione “morbida” di sicurezza sulla base della prevenzione e della mediazione sociale. Sul territorio
sono difatti attivi un progetto locale rivolto ai giovani del quartiere, che denomineremo Progetto 1,
e un progetto, che esprime posizioni più moderate e che chiameremo Progetto 2, avente come obiettivo la valorizzazione delle risorse del territorio al fine facilitare le relazioni e il dialogo attraverso
processi di partecipazione 18.
3.2 La percezione dei problemi di sicurezza a Seicase: le opinioni dei produttori di sicurezza
Nella realtà territoriale di Seicase, gli standard di convivenza nello spazio pubblico e di cura
e mantenimento del territorio sono scarsamente rispettati, provocando uno stato di evidente degrado
urbano. Ad un’assenza di manutenzione delle palazzine, difatti, si aggiunge una totale mancanza di
cura degli spazi comuni: scritte sui muri, vetri rotti, cumuli di immondizia, citofoni bruciati, ascensori non funzionanti ecc., sono riscontrabili in tutta l’area del comprensorio. L’illuminazione stradale è stata ripristinata solo due anni fa. La mancanza di cura del territorio da parte degli stessi residenti è imputabile alla provvisorietà della condizione abitativa in cui versano. Come sottolineato
precedentemente, difatti, gli abitanti dei residence transitano a Seicase (teoricamente per pochi mesi, di fatto per qualche anno) in attesa dell’assegnazione di una casa popolare.
A questa condizione di inciviltà ambientale si aggiunge la precarietà sociale. La presenza di
gruppi marginali quali tossicodipendenti, nomadi, extracomunitari e bande delinquenziali giovanili,
occupanti abusivi di abitazioni (il più delle volte immigrati clandestini) ottiene una visibilità di gran
lunga maggiore rispetto agli altri abitanti nel territorio fino al punto che, come sostiene una delle
cittadine intervistate, “i padroni sono loro, spacciano, rubano, fanno tutto quello che vogliono”.
Questi segni di disagio sociale creano uno stato di disordine che provoca un decadimento del
sistema sociale del vicinato che compromette, a sua volta, il senso di appartenenza al territorio.
Negli anni Settanta, autori come Newman e come Coleman hanno evidenziato il rapporto esistente fra determinati comportamenti devianti e l’ambiente fisico in cui si sviluppano, per cui risulta necessario collocare il cittadino al centro del ragionamento urbano. Occorre dunque avere a
disposizione vie di comunicazione – dai sistemi di trasporto, ai percorsi pedonali, alle piazze e altri
luoghi d’incontro – centri d’informazione e strutture che favoriscano l’incontro e l’associazione
(Carrer, 2003a). Questi servizi e queste strutture sono del tutto assenti nell’area Seicase. Sul territorio sono ubicate sei palazzine aventi alcuni spazi comuni (nel progetto iniziale destinati ad una piscina e a un campo da calcetto) deteriorati e inutilizzati dagli abitanti del comprensorio. Nell’area
non sono presenti esercizi commerciali di alcun tipo: a causa delle continue rapine l’unico negozio,
di generi alimentari, è stato chiuso. Ci troviamo dunque di fronte ad un ghetto, a un non-luogo, per
usare il termine coniato da Marc Augè, caratterizzato dal non fornire identità, dal non essere storico
e di non essere relazionale. Il concetto di non-luogo ci è utile in quanto precisa il peso reale di quella area indistinta che viene generalmente definita con i termini di area metropolitana, hinterland,
banlieue, che mettono in risalto un aspetto residuale di luogo derivato e marginale (Ciappi, 2007).
Sono queste le zone dove si costituiscono artificialmente i “gruppi bomba”, già stigmatizzati e dota18
Il lavoro sul campo è stato realizzato in un arco temporale che va dal marzo 2004 al settembre 2007, un periodo di importanti
cambiamenti per il territorio dovuti alla presenza sia di nuovi amministratori locali, sia di nuovi progetti a scopo sociale. Ci si è avvalsi di diverse metodologie, quali l’osservazione diretta realizzata nel corso delle assemblee e delle riunioni tra i cittadini e gli attori
coinvolti nelle attività di prevenzione, le interviste rivolte ai produttori di sicurezza nel territorio, ossia agli operatori sociali (con particolare riferimento ai responsabili e ai membri delle associazioni di volontariato), ai referenti istituzionali a livello municipale e comunale, alle forze di polizia.
9
ti di un elevato potenziale di devianza (Buticci et al. 2006), ovvero le “classi pericolose” di Castel
(2004).
In un quartiere “sensibile” come è Seicase risulta chiaramente come la criminalità e la micro
criminalità, prima fonte di paura per gli italiani, rappresentino problemi meno pressanti .
Questi risultati confermano quanto emerso già da tempo nel dibattito psico-sociale e sociologico sui bisogni di sicurezza: la soddisfazione dei bisogni materiali è propedeutica all’emergere di
nuovi bisogni legati alla qualità della vita (Inglehart, 1998), e i bisogni di sicurezza socioeconomica prima di quelli civili-strategici. Il nostro studio di caso ribadisce come il bisogno di sicurezza e protezione dalla criminalità viene subito dopo, e tuttavia dopo, il bisogno di un ambiente fisico ed economico che garantisca la sopravvivenza degli individui.
Tutti, protagonisti e osservatori, concordano dunque sul fatto che il senso di insicurezza dei
residenti di Seicase è strettamente legato alla precarietà della condizione abitativa e alla mediocre
qualità della vita, dovute alla scarsità o addirittura assenza di servizi essenziali per il cittadino, al
degrado ambientale (carente illuminazione, cattive condizioni igieniche, ecc.) e sociale (presenza di
gruppi stigmatizzati quali tossicodipendenti, nomadi, occupanti abusivi, extra comunitari, ecc.)
dell’area, nonché dal senso di ghettizzazione prodotto dalla sua collocazione isolata rispetto al territorio urbano.
Tale situazione richiede alle istituzioni locali, protagoniste nella gestione della sicurezza urbana, una nuova prospettiva di intervento che tenga conto del problema delle inciviltà e promuova
“segni di civiltà”, ovvero di community empowerment: reti sociali e di sostegno, organizzazioni e
attività radicate sul territorio, attività di animazione, ecc. (Martini e Sequi, 1995; Prezza e Pacilli,
2002).
Si richiede, dunque, quella che precedentemente abbiamo denominato “nuova prevenzione”,
un insieme di strategie orientate a diminuire la frequenza di certi comportamenti criminali attraverso l’uso di strumenti diversi da quelli penali.
Accanto alla prevenzione sociale viene auspicata l’attivazione di una prevenzione comunitaria che, rispetto alle altre forme di prevenzione, è caratterizzata dall’essere attuata direttamente dai
cittadini. Tutti gli intervistati concordano nel ritenere che qualsiasi iniziativa dovrebbe essere promossa “dal basso” in modo da non risultare un’imposizione delle istituzioni. In realtà il metodo partecipativo, per quanto auspicabile, è difficilmente attuabile in un’area come Seicase caratterizzata
da assenza di densità sociale (Pompili Pagliari, 2008).
Nell’area di Seicase la microcriminalità risulta dunque essere una questione oggettivamente
importante ma che non può risolversi unicamente con l’aumento del controllo del territorio da parte
delle forze dell’ordine. Occorrono strategie integrate a livello sistemico per affrontare il diffondersi
di un sentimento di insicurezza, che deve essere contrastato innanzitutto attraverso interventi di recupero e forme di riappropriazione degli spazi da parte della cittadinanza.
Coniugando elementi di animazione sociale ed elementi di controllo, le nuove politiche urbane della sicurezza necessitano di un mutamento dei rapporti tra gli organi statuali di prevenzione/repressione dell’illegalità e il governo locale. Se la competenza di quelle funzioni, come si legge
nel rapporto 2005 del ministero dell’Interno, spetta unicamente alle autorità di pubblica sicurezza,
la responsabilità delle politiche di prevenzione – in particolare quelle riguardanti la pianificazione
urbana e la vivibilità dei quartieri – è propria delle istituzioni locali. Si parla dunque di sicurezza integrata o partecipata, in cui la collaborazione tra i numerosi soggetti operanti nella gestione del territorio – nazionali, regionali e locali, pubblici e privati, dei corpi di polizia e della società civile –
viene realizzata attraverso strumenti regolativi – protocolli, contratti, accordi e convenzioni – ed è
incentrata per l’appunto sulla prevenzione del crimine, sulla gestione della convivenza nelle città,
sulla riqualificazione urbana e sul miglioramento della qualità della vita (Bertaccini, 2006).
A Seicase, in fase di diagnosi dei problemi di sicurezza nell’area, tutti gli attori concordano
sull’importanza di dare a tali problematiche una risposta che non sia univoca, bensì coniughi interventi di tipo repressivo e preventivo. Dall’altra, le divergenze restano importanti quando si passa
all’attuazione della collaborazione tra i soggetti.
10
A una sostanziale condivisione dei principali problemi di sicurezza a Seicase e della necessità di una risposta che non sia univoca, dunque, non corrisponde altrettanta condivisione in merito
alle concrete modalità di intervento. Se questo è vero, tuttavia, è soprattutto vero che i metodi di gestione della sicurezza privilegiati dagli operatori sociali e quelli portati avanti dalle forze dell’ordine
non si escludono a vicenda, bensì sono complementari. Perché tale complementarietà possa essere
risolutiva e configurarsi come una soluzione ai problemi di sicurezza nell’area, diventa necessaria
un’integrazione tra l’attività dei diversi soggetti coinvolti.
Nella visione integrata si suppone dunque che gli attori in gioco siano orientati (da norme,
standard, culture, incentivi) ad essere cointeressati agli effetti dell’integrazione raggiungibili attraverso il loro operare (Donolo, 2002). Ma se è arduo progettare a livello teorico il modello integrato
di sicurezza, attuarlo è ancora più problematico. Il grado di concertazione nelle politiche di sicurezza è scarso e spesso tutto si riduce a una semplice comunicazione burocratica tra uffici di distinte
amministrazioni (Pavarini, 2006). Perché un’integrazione tra i diversi attori che operano nel settore
della sicurezza si realizzi, è necessario che essa sia preceduta da un mutamento dei modelli culturali
di riferimento degli operatori delle istituzioni, in particolare di polizia. È presumibile che da questi
ultimi provenga una certa resistenza ad accettare la perdita di centralità del sistema di giustizia penale nella prevenzione e gestione della criminalità.
Dall’analisi delle interviste non emerge l’esistenza di un’integrazione degli interventi perseguìta attraverso il coordinamento sistematico tra i vari progetti e tra gli attori presenti sul campo.
Tale difficoltà di integrazione emerge anche da altri studi che a diverso titolo si sono occupati dei “produttori di sicurezza”. Dalla ricerca sugli operatori di strada a Padova (v. Buticci, Faiella
e altri, 2006), riguardo al lavoro di rete da attuare tra questi, le istituzioni e le altre associazioni presenti sul territorio in analisi, emerge una certa difficoltà a conciliare diverse impostazioni di lavoro,
così come a condividere spazi e competenze. Se poi ci spostiamo al rapporto tra operatori e forze
dell’ordine, i risultati dell’indagine evidenziano addirittura un’assenza di scambio comunicativo.
Non troppo distanti i risultati dello studio di caso condotto a Roma nel quartiere periferico Borgatella (v. Pompili, 2008) dove il rapporto tra Polizia e operatori sociali viene descritto da questi ultimi
come complesso e ambivalente e caratterizzato da diffidenza, se non da ostilità.
Se, come era logico aspettarsi, i diversi ruoli istituzionali ricoperti da corpi di Polizia, amministratori locali e operatori sociali portano ad applicare differenti modalità di intervento rispetto
alla gestione della sicurezza urbana, dalla nostra ricerca emerge anche un divario di natura ideologica. Ci troviamo infatti di fronte a due differenti atteggiamenti: posizioni definibili come “radicali”
espresse da Polizia e Carabinieri così come dagli operatori sociali del Progetto 1, che descrivono
come inesistente e giudicano non necessaria un’interazione tra i diversi attori nella gestione del territorio; dall’altra posizioni “moderate”, espresse dagli amministratori locali e dagli operatori di Progetto 2 che, pur giudicando ancora lunga la strada da percorrere verso l’integrazione, la ritengono
possibile e auspicabile. In una posizione intermedia si colloca la Polizia municipale, che per un verso valuta gli interventi realizzati nel quartiere dagli operatori sociali come appartenenti a una prospettiva diversa dalla propria ma, per un altro verso, non esprime una pregiudiziale negativa verso
di essi.
Va inoltre osservato come il diverso atteggiamento manifestato dai produttori di sicurezza
impegnati nel territorio di Seicase sia legato non soltanto alla differente natura ideologica “moderata”/“radicale” degli stessi, ma anche alla presenza o meno di una pratica di collaborazione consolidata. Non a caso gli operatori sociali di Progetto 2 intrattengono un dialogo con gli amministratori
locali, da cui traggono la loro ragione operativa oltre che le risorse economiche. Così come un rapporto privilegiato è rilevabile, per ovvi motivi istituzionali, tra gli amministratori locali e i vigili urbani che sono dipendenti comunali. Diverso è il comportamento di organizzazioni abituate ad agire
in autonomia e autoreferenzialità, come la Polizia e i Carabinieri (paradossalmente non troppo dissimile è la posizione degli operatori del Progetto 1), che con maggiore difficoltà riescono a lavorare
con altri soggetti, specie se non ne condividono la prospettiva ideologica.
11
4. Osservazioni conclusive
È ormai condivisa l’idea di come il diffondersi del senso di insicurezza nella società contemporanea non sia totalmente riconducibile al fenomeno della microcriminalità: la domanda di sicurezza è influenzata da una serie di fattori che, come abbiamo visto, vanno dalla competizione sul
mercato e la crisi del welfare state al timore di perdere il posto di lavoro, dall’indebolimento di reti
sociali comunitarie, ecc.
Si è resa necessaria, quindi, la costituzione di un nuovo modello di relazioni istituzionali e
operative in materia di sicurezza che mira ad integrare politiche urbane, di animazione sociale e di
controllo del territorio, con il coinvolgimento di istituzioni locali, quali i comuni e le regioni, che
precedentemente non avevano responsabilità e competenze nel contrasto e nella prevenzione della
criminalità. Accanto a queste, inoltre, agiscono associazioni di volontariato, operatori impegnati
nella mediazione sociale, nonché la stessa cittadinanza attiva.
Sarebbe dunque auspicabile la costituzione di forme di governo a rete, basate
sull’integrazione e la collaborazione tra gli attori che a diverso titolo si occupano della gestione del
territorio, partendo dalla consapevolezza che solo attraverso un mix di strumenti di carattere repressivo e preventivo si può pensare di contrastare efficacemente la criminalità e produrre sicurezza.
D’altra parte, però, la perdita del monopolio statale e la responsabilizzazione di nuovi attori nella
gestione della sicurezza trova – come abbiamo riscontrato anche nello studio di caso qui presentato
- delle resistenze da parte delle istituzioni e degli operatori che scontano una serie di difficoltà a superare i loro modelli culturali di riferimento.
Bibliografia
Amendola, G., 2000, La città postmoderna. Magie e paure nella metropoli contemporanea, Bari,
Laterza
Amendola, G., 2003, a cura, Il governo della città sicura. Politiche, esperienze e luoghi comuni,
Napoli, Liguori
Barbagli, M. 2003, a cura, Rapporto sulla criminalità in Italia, Bologna, Il Mulino
Barbagli, M., Gatti, U. 2005, Prevenire la criminalità. Cosa si può fare per la nostra sicurezza, Bologna, Il Mulino
Battistelli, F., 2004, Gli italiani e la guerra. Tra senso di insicurezza e terrorismo internazionale,
Roma, Carocci
Battistelli, F. 2008a, a cura, La fabbrica della sicurezza, Milano, Angeli
Battistelli, F. 2008b, “Sicurezza, sicurezze”, in F. Battistelli, 2008a, pp. 15-46
Battistelli, F., Paci, M. 2008, “Sicurezza e insicurezza nella società contemporanea”, in Sociologia e
ricerca sociale, n. 85, pp. 5-21
Bauman, Z., 1999, La società dell’incertezza, tr. it. Bologna, il Mulino
Bauman, Z., 2000, La solitudine del cittadino globale, tr. it. Milano, Feltrinelli
Bauman, Z. 2001, Voglia di comunità, Roma-Bari, Laterza
Bauman, Z. 2002, Il disagio della postmodernità, tr. it., Milano, Mondadori
Bauman, Z. 2008, Paura liquida, Roma-Bari, Laterza
Beato, F. 2003, a cura, La calma insicurezza. La percezione sociale del rischio di criminalità a
Roma, Napoli, Liguori
Beck, U., 2000, La società del rischio. Verso una seconda modernità, tr. it. Roma, Carocci (ed. or.
1986)
Bertaccini, D. 2006, La “nuova riforma” della Polizia italiana, in Pavarini, M. (2006), pp. 65-140
Biennale di Venezia, 2006, Città. Architettura e Società, X Mostra Internazionale di Architettura
12
Bordignon, F., Ceccarini, L. 2007, “Criminalità, 9 su dieci hanno paura. Il 57% si sente ‘assediato”,
in La Repubblica, 8 luglio.
Bortoletti, M. 2005, Paura, criminalità, insicurezza. Un viaggio nell’Italia alla ricerca della soluzione, Catanzaro, Rubbettino
Braccesi, C., 2004, “Lo sviluppo delle politiche di sicurezza urbana”, in R. Selmini, 2004a, pp. 261272
Braccesi, C., Selmini, R. 2005, a cura, Sicurezza urbana e ruolo della polizia locale, Ravenna,
Maggioli.
Braccesi, C. 2005, “Le politiche di sicurezza urbana in Italia”, in C. Braccasi, R. Selmini, pp. 25-45.
Braghero, E., Izzi, L. 2004, “Le legislazioni regionali”, in R. Selmini, 2004a, pp. 245-257
Carrer, F. 2003, “Insicurezza urbana e politiche di contrasto. La realtà italiana”, in Amendola, pp.
21-80.
Castel, 1995, Les Metamorphes de la question sociale, Paris, Fayard.
Castel, 1997, “Disuguaglianze e vulnerabilità sociale”, in Rassegna italiana di sociologia, n. 1, pp.
41-56
Castel, R., 2004, L’insicurezza sociale. Che significa essere protetti?, tr. it. Torino, Einaudi
Cavazza, N., Corbetta, P., 2008, “Quando la difesa del territorio diventa voto”, in Il Mulino, n. 3,
pp. 441-448
Cella, G.P., 2006, “Ma cos’è il processo di individualizzazione?”, in Polis, n. 2, pp. 233-239
Censis, 2003, 37° Rapporto sulla situazione sociale del paese, Roma
Censis, 2004, 38° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, Roma
Chiesi, L. 2004, “Le inciviltà: degrado urbano e insicurezza”, in R. Selmini, 2004a, pp. 129-140
Cornelli, R. 2004, “Paura della criminalità e allarme sociale”, in R. Selmini, 2004a, pp. 105-115
Donolo, C. 2003, Il distretto sostenibile, Milano, Angeli
Diamanti, I., Bordignon, F. 2001, “Sicurezza e opinione pubblica in Italia”, in Rassegna italiana di
sociologia, n. 1, pp. 115-135
Farruggia, F. 2008, “Sicurezza: l’esperienza della Gran Bretagna per l’Italia uscita dalle elezioni”,
in Il Ponte, n. 6, pp. 57-64
Fondazione Roma/Censis, 2008, Le paure delle metropoli.- rapporto di ricerca, presentato in occasione del World Social Summit Fearless: Dialoghi per combattere le paure planetarie, Roma,
24-26 settembre
Galantino, M.G. 2008, “Il volto multiforme della sicurezza. Teorie, concetti, ricerche”, in F. Battistelli, pp.
Gallino, L. 2000, Globalizzazione e disuguaglianze, Roma-Bari, Laterza
Giddens, A., 1990, La trasformazione dell’intimità. Sessualità, amore ed erotismo nelle società
moderne, tr. it. Bologna, Il Mulino
Giddens, A., 1994, Le conseguenza della modernità. Fiducia e rischio, sicurezza e pericolo, tr. it.
Bologna, Il Mulino
Inglehart, R., 1998, La società postmoderna. Mutamento, ideologie e valori in 43 paesi, tr. it, Roma, Editori Riuniti
Istat, 2004, La sicurezza dei cittadini. Indagine multiscopo sulla famiglia, Roma
Istat, 2006, Aspetti della vita quotidiana. Anno 2005, Roma
Luhmann, L., 1996, Sociologia del rischio, tr. it. Milano, Mondatori
Lupton, D., 2003, Il rischio. Percezione, simboli, culture, tr. it. Bologna, il Mulino (ed. or. 1999)
Lyotard, J.-F. 1981, La condizione postmoderna, tr. it. Milano, Feltrinelli
Maluccelli, L. 2006, “La sicurezza cittadina come problema di governance: due studi di caso – Modena e Bologna” in Pavarini, 2006, pp. 256-294
Martin, L, Selmini, R., 2000, “Le politiche di sicurezza nelle città e nelle regioni italiane. 19941995”, in Quaderni di Città sicure, n. 20b
Martini, E.R., Sequi, R. 1995, La comunità locale, Roma, Carocci
13
Melossi, D. 2002, “Politiche pubbliche e politiche criminali: tracce per un’analisi socio-politica”, in
Dei delitti e delle pene, 2002, n. 1-2-3, pp. 35-49.
Ministero dell’Interno, 2001, Lo stato della sicurezza in Italia.
Ministero dell’Interno, 2004, Rapporto annuale 2004 sullo stato della sicurezza in Italia.
Ministero dell’Interno, 2007, Rapporto sulla criminalità in Italia. Analisi, prevenzione, contrasto,
Roma.
Paci, M., 2005, Nuovi lavori, nuovo welfare. Sicurezza e libertà nella società attiva, Bologna, il
Mulino.
Paci, M. 2006”Il welfare dei cittadini. Un contributo al dibattito”, in Polis, n. 3, pp. 469-474
Pavarini, M. 2006, a cura, L’amministrazione locale della paura, Roma, Carocci
Pompili Pagliari, M, 2008, “La sicurezza sostenibile: attori sociali, istituzioni locali e politiche pubbliche in due quartieri”, in F. Battistelli, pp. 169-187
Prezza, M., Santiello, M. 2002, a cura, Conoscere la comunità, Bologna, Il Mulino
Prezza, M., Pacilli, M.G. 2002, “Il senso della comunità”, in Prezza e Santiello, 2002, pp.161-192
Ranci, C., 2002, “Fenomenologia della vulnerabilità sociale”, in Rassegna italiana di sociologia, n.
4, pp. 521-551.
Recasens i Brunet, A. 2004, “Le polizie”, in Selmini, 2004, pp.233-243.
Selmini, R. 2003, “Le politiche di sicurezza in Italia. Origini, sviluppo e prospettive”, in M. Barbagli, pp. 611-648
Selmini, R. 2004a, a cura, la sicurezza urbana, Bologna, Il mulino
Selmini, R. 2004b, “La prevenzione”, in R. Selmini, pp.
Sennett, R., 1999, L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale, tr.
it. Milano, Feltrinelli
14
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard