DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE (DSM) Comprende

annuncio pubblicitario
DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE (D.S.M.)
Comprende:
1. UNITA' OPERATIVA COMPLESSA DI PSICHIATRIA TERRITORIALE
•
•
•
•
•
•
•
CENTRO DI SALUTE MENTALE
DAY HOSPITAL TERRITORIALE
CENTRO DIURNO DI RIABILITAZIONE PSICOSOCIALE
CENTRO PER I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE
COMUNITÀ TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA
COMUNITÀ ALLOGGIO (in convenzione con il privato sociale)
GRUPPO APPARTAMENTI PROTETTI (in convenzione con il
privato sociale)
2. UNITA’ OPERATIVA OSPEDALIERA DI PSICHIATRIA
•
SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
Il Dipartimento di Salute Mentale è l'insieme delle strutture e dei servizi che hanno il compito di farsi carico
della domanda legata alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione di ogni forma di disagio mentale,
privilegiando interventi personalizzati e intervenendo primariamente sul territorio definito dall'Azienda ULSS
n. 3.
Le azioni del Dipartimento di Salute Mentale prevedono un coordinamento con i Distretti Socio-Sanitari
dell’Azienda ULSS n.3 nei seguenti ambiti di intervento territoriale:

Piani di Zona: attività di progettazione finalizzata alla tutela della salute mentale nel territorio,
attraverso azioni che coinvolgono l'Azienda Sanitaria, gli Enti Locali, le Cooperative del privato
sociale e le Associazioni del volontariato. Gli interventi sono di tipo integrato e coinvolgono diverse
figure professionali.

Unità Valutative Multidimensionali Distrettuali per gli inserimenti residenziali nelle Comunità del
Privato Sociale, in taluni casi per gli inserimenti lavorativi e per coordinare gli interventi dei Servizi
nelle situazioni multiproblematiche.

Attività di prevenzione e di educazione alla salute mentale rivolte alla popolazione.
EQUIPES
Il Coordinatore di Dipartimento è il dr. Paolo Tito
Le figure professionali che operano all'interno delle strutture dipartimentali sono:
•
•
•
medici psichiatri con funzioni di responsabili di Unità Operativa Complessa
medici psichiatri
psicologi-psicoterapeuti
Aggiornamento settembre 2010
•
•
•
•
•
infermieri coordinatori
infermieri
assistenti sociali
educatori professionali
addetti amministrativi
A fianco del personale dell'Azienda ULSS n. 3 operano figure professionali, quali psicologi-psicoterapeuti,
infermieri professionali, assistenti sociali, educatori professionali e operatori socio-sanitari provenienti dalle
cooperative del privato sociale convenzionate con l'Azienda Sanitaria.
OFFERTA DI PRESTAZIONI
Il Dipartimento di Salute Mentale:
1. coordina le attività sanitarie e sociali finalizzate alla prevenzione, alla cura, e alla riabilitazione di ogni
disagio mentale.
2. promuove, segue lo svolgimento e verifica l'esito di progetti finalizzati alla prevenzione, alla cura e alla
riabilitazione di soggetti, che presentano un disagio psichico.
3. promuove l’educazione alla salute mentale, attraverso attività di prevenzione nel territorio.
L’attività del D.S.M. prevede inoltre le seguenti azioni:
•
•
•
•
•
•
•
Raggiungimento degli obiettivi inseriti nella programmazione dei Piani di Zona di volta in volta fissati;
Incentivare e potenziare gli inserimenti lavorativi attraverso un protocollo operativo con il Servizio
Inserimento Lavorativo (SIL) per l’invio, la gestione ed il monitoraggio degli inserimenti lavorativi e
utilizzando il Centro di Lavoro Guidato (Centro Diurno di riabilitazione Psico-sociale);
Gestione degli inserimenti terapeutico-riabilitativi in regime residenziale finalizzati all’ottimizzazione
delle risorse e al miglioramento del rapporto tra inserimenti e dimissioni;
Costante aggiornamento della CARTA DEI SERVIZI
attua progetti educativi mirati individuali e di gruppo all’interno delle attività dei CSM di BassanoAsiago;
Piano di formazione continua.
incentivazione dei gruppi di auto aiuto per gli utenti e per i familiari in collaborazione con le
Associazioni dei familiari e del volontariato
Aggiornamento settembre 2010
UNITA’ OPERATIVA OSPEDALIERA DI PSICHIATRIA
SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
Il Coordinatore di Dipartimento è il dr. Paolo Tito
Referente: Dr. Tigellio Meneghin
E' un servizio ospedaliero dove vengono attuati trattamenti psichiatrici in condizione di ricovero, per soggetti
le cui condizioni di salute richiedono un contesto terapeutico con livelli di protezione adeguati.
Al Servizio Psichiatrico di diagnosi e cura afferisce anche l’ambulatorio dedicato per i disturbi dell’Ansia e
dell’Umore
L’SPDC opera in continuità con la programmazione degli interventi terapeutico - riabilitativi previsti dal DSM,
ai fini di garantire la integrazione ospedale – territorio. Svolge inoltre attività di psichiatria di collegamento,
fornendo consulenza specialistica ai vari reparti ospedalieri.
SEDE
Unità Operativa Ospedaliera di Psichiatria
9° piano Ospedale Civile
Via dei Lotti, 40 – Bassano del Grappa
Telefono segreteria: 0424/888591
Telefono degenze: 0424/889596 oppure 0424/889597
Telefono ambulatori specialistici: 0424/889584
Fax. 0424/889571
Aggiornamento settembre 2010
U. O. PSICHIATRIA TERRITORIALE
Centro di Salute Mentale (CSM)
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
Il CSM costituisce la sede organizzativa e il punto di coordinamento per l’intera attività territoriale nei 28
comuni facenti parte dell’Az. ULSS n.3.
E’ il punto di riferimento per le richieste di cura e di assistenza riguardanti situazioni di disagio psichico,
siano esse nuove o già conosciute.
EQUIPES E SEDI
CSM DI BASSANO DEL GRAPPA (usufruibile dalla popolazione del Distretto n.1):
• Bassano del Grappa, Campolongo sul Brenta, Cismon, Pove del Grappa, San Nazario, Solagna
Valstagna
• Marostica, Cartigliano, Mason Vicentino, Molvena, Nove, Pianezze, Schiavon, Tezze sul Brenta
• Romano d’Ezzelino, Cassola, Mussolente, Rosà, Rossano Veneto.
Responsabile dr. Paolo Tito
Le figure professionali che vi operano sono:
• medici psichiatri
• psicologi psicoterapeuti
• infermiere coordinatore
• infermieri
• assistenti sociali
• educatori professionali
SEDE
CSM di Bassano – Centro Socio-Sanitario “Mons. E. Negrin” – palazzina A – accesso da Via Cereria
Dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 17,00;
Telefono 0424 885125
Fax 0424 885144
________________________________
CSM DI ASIAGO (usufruibile dalla popolazione del Distretto n.2):
• Asiago, Conco, Gallio, Enego, Foza, Lusiana, Roana, Rotzo.
Responsabile dr. Francesco Gava
Le figure professionali che vi operano sono:
• medici psichiatri
• psicologi psicoterapeuti
• infermiere coordinatore
• infermieri
• assistenti sociali
• educatori professionali
SEDE
CSM di Asiago – Ospedale civile
Dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 17,00.
Telefono 0424 604306
Fax 0424 604304
Aggiornamento settembre 2010
OFFERTA DI PRESTAZIONI
Il CSM programma e svolge l’attività di cura e assistenza psichiatrica a livello ambulatoriale, domiciliare,
anche in regime di emergenza/urgenza, inoltre cura la gestione del Day-Hospital Territoriale.
Il personale fornisce tutte le informazioni possibili ed accoglie le segnalazioni di situazioni problematiche
familiari e di carattere sociale, in modo che ogni caso venga valutato al fine di fornire le risposte più
adeguate.
Il CSM è organizzato in modo tale da permettere ad ogni utente di poter essere seguito sempre dallo stesso
psichiatra e/o psicologo, assicurando la continuità terapeutica per distretto o area di provenienza della
persona.
Le attività del CSM riguardano la presa in carico e la cura nel tempo degli utenti attraverso:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
le visite psichiatriche e la gestione della farmaco-terapia
le attività infermieristiche
il day-hospital territoriale
il supporto psicologico e le psicoterapie (individuali e di gruppo)
la valutazione psicologica della personalità
la valutazione neuropsicologica
la gestione programmata dei casi critici (anche attraverso visite domiciliari)
ricoveri ospedalieri
trattamenti sanitari obbligatori e accertamenti sanitari obbligatori
le attività di assistenza sociale
inserimenti in strutture residenziali e semiresidenziali
inserimenti lavorativi
consulenza ad altri servizi socio-sanitari
consulenze a strutture socio-assistenziali e residenziali
lavoro di rete con gli operatori sanitari e sociali, con le associazioni del volontariato, le cooperative, i
gruppi di auto-aiuto e le realtà organizzate che si occupano del disturbo mentale
progetti educativi di supporto individuali e di gruppo riservati ai pazienti afferenti al CSM
cicli di incontri per le famiglie a carattere psico-educativo
I Progetti educativi sono dei gruppi che operano al’interno del CSM e che sono stati attivati con finalità
risocializzazione e di riabilitazione per persone con patologia psichiatrica stabilizzata che non necessitano
un ricovero in strutture protette, che godono di una relativa autonomia ma che manifestano difficoltà
socializzazione e di integrazione con il proprio ambiente di vita. Tali gruppi prevedono inoltre dei momenti
condivisione dei vissuti tra i partecipanti, che si configurano a seconda dei casi come gruppi terapeutici o
auto aiuto.
di
di
di
di
di
DAY - HOSPITAL TERRITORIALE (DHT)
Cos'è
Il Day-Hospital Territoriale è quel servizio, all'interno del CSM, attivo per tutte quelle situazioni di crisi
temporanea della persona che non richiedono un ricovero in reparto ospedaliero, ma che possono essere
gestite a livello ambulatoriale.
Cosa fa
Il Day-Hospital accoglie pazienti nelle ore diurne svolgendo attività diagnostiche e terapeutiche a brevemedio termine somministrando terapie farmacologiche esclusivamente sotto diretto controllo medicoinfermieristico.
Tali prestazioni, proposte dallo psichiatra, vengono sempre concordate con il paziente in un clima di
reciproca collaborazione. Lo psichiatra ne dispone le modalità, avvalendosi degli infermieri professionali.
Il DHT è attivo 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì.
Consulenza e Segretariato Sociale
Alcune situazioni particolari necessitano di un sostegno sociale.
Le Assistenti Sociali del Dipartimento di Salute Mentale, con interventi specifici e all’interno di un lavoro di
équipe, collaborano alla realizzazione dei progetti di prevenzione, cura e riabilitazione del disagio mentale.
In particolare intervengono nei seguenti ambiti:

segretariato sociale

valutazione delle risorse familiari e sociali

progetti di inserimento lavorativo protetto in collaborazione con il Servizio di integrazione
lavorativa

inserimento in strutture residenziali e semi residenziali
Aggiornamento settembre 2010



procedimenti di tutela (interdizione/inabilitazione e/o amministrazione di sostegno )
partecipazione alle Unità Valutative Multidisciplinari Distrettuali
collaborazione con le Agenzie territoriali per la gestione dei casi multiproblematici e per le
dimissioni protette dal reparto ospedaliero
MODALITÀ DI ACCESSO
•
•
•
•
L’accesso preferibilmente avviene, in situazioni ordinarie, attraverso l’indicazione da parte del Medico di
Medicina Generale che accoglie e valuta la Sua richiesta e con regolare impegnativa (con l’eventuale
specificazione della priorità, vedi dopo) La invia al Centro di Salute Mentale.
A seguito della richiesta e della priorità indicata dal MMG, può essere prenotata telefonicamente la visita
di I livello che seguirà liste differenziate, rispetto anche a eventuali urgenze psicosociali.
In caso di urgenza è previsto l’accesso diretto, con priorità che verrà valutata in sede di triage dall’equipe
del C.S.M.
L’accesso prevede anche un eventuale invio da parte del P.S.
Tempi d'attesa
URGENZE
Nel CSM di Bassano del Grappa e nel CSM di Asiago i tempi d'attesa per le urgenze sono diversificati
secondo differenti criteri:
• U URGENTE: intervento immediato per situazioni ad alto rischio da trattare con emergenza, anche con
accesso diretto alla struttura
• B BREVE: prestazioni da erogare entro 10 giorni per situazioni passibili di aggravamento in tempi brevi
• D DIFFERIBILE: visite specialistiche da effettuare entro 30 gg ed esami diagnostici entro 60 giorni per
situazioni passibili di aggravamento non in tempi brevi
• P PROGRAMMABILE: prestazioni da erogare entro 180 giorni per verifiche cliniche programmabili e
che non condizionano nell’immediato lo stato di salute
Nel caso di visita urgente al di fuori dell’orario di apertura del Centro di Salute Mentale, occorre
rivolgersi al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Bassano o di Asiago.
Per le prime visite psichiatriche e psicologiche i tempi d'attesa sono di 7/10 giorni.
Per i day-hospital i tempi d'attesa sono di 1/2 giorni e si accede attraverso la prescrizione dello psichiatra del
Centro di Salute Mentale.
Il CSM di Asiago svolge un ambulatorio ad Enego il secondo giovedì di ogni mese (le prenotazioni si fanno
sempre telefonando ad Asiago).
ALTRE INFORMAZIONI UTILI
Ticket
I tickets sono diversificati in base alle prestazioni erogate. sia mediche che psicologiche.
Il medico, qual'ora lo ritenga opportuno, può prescrivere un ciclo di 8 visite, per le quali è sufficiente un’unica
impegnativa con un unico ticket.
Nelle situazioni di urgenza, verificate dallo Psichiatra, non è previsto il pagamento del ticket.
Piano terapeutico
Il piano terapeutico viene predisposto da un Medico Psichiatra, dipendente del Servizio Sanitario Nazionale,
e consente la fornitura gratuita dei farmaci (antipsicotici atipici).
Gli stessi possono essere ritirati presso il Centro di Salute Mentale oppure presso una qualsiasi farmacia,
previa impegnativa del Medico di Base, a cui viene consegnata copia del Piano Terapeutico.
Esenzione ticket
Aggiornamento settembre 2010
Le prestazioni sanitarie sono solitamente soggette al pagamento di un ticket, fissato da disposizioni
regionali.
La normativa vigente prevede l’esenzione dal pagamento del ticket per determinate categorie:
• età inferiore a 6 anni o superiore a 65 e con limiti di reddito
• titolari di pensione Inps integrata al minimo e con limiti di reddito
• titolari di assegno sociale e con limiti di reddito
• disoccupati e con limite di reddito
• titolari di permesso di soggiorno per richiesta di asilo
Sono poi previste le seguenti forme di esenzione:
ESENZIONE PER INVALIDITÀ
Il disagio psichico può comportare delle disabilità che coinvolgono la sfera della vita sociale, economica e/o
lavorativa, per cui è possibile richiedere il riconoscimento dell’invalidità civile.
Dal 1° gennaio 2010 la domanda per l’accertamento di invalidità, Handicap, inabilità, cecità e sordità,
corredata dal relativo certificato medico telematico, deve essere inoltrata per via telematica all’INPS.
l’interessato deve:
1. rivolgersi al proprio Medico di base per il rilascio del certificato telematico
2. presentarsi ad un Patronato sindacale o ad una Associazione di categoria per l’invio telematico della
domanda
Chi può presentare la domanda per il riconoscimento dell’invalidità civile?
I cittadini affetti da malattie e menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica ed
intellettiva il cui grado minimo è stabilito da specifiche norme legislative.
Le malattie e le menomazioni per cui si presenta il riconoscimento dell’invalidità civile non devono essere
state riconosciute come invalidità per causa di lavoro, causa di servizio e di guerra, con le quali l’invalidità
civile è incompatibile.
I benefici ottenibili sono in relazione alle fasce di età e al grado di invalidità riconosciuto
L’attestato di esenzione per invalidità civile viene rilasciato dall’Ufficio Invalidi Civili a seguito di accertamento
da parte di un’apposita commissione medica.
ESENZIONE PER PATOLOGIA
Questa esenzione è concessa solo per analisi, accertamenti diagnostici e farmaci strettamente correlati con
la patologia di cui è affetto il cittadino.
L’attestato di esenzione per patologia viene rilasciato dagli uffici amministrativi del Distretto Socio-Sanitario
di appartenenza, presentando la certificazione del Medico specialista, che attesta la patologia, unitamente
alla tessera sanitaria e al codice fiscale.
CENTRO DIURNO PSICHIATRICO
Aggiornamento settembre 2010
1. Centro diurno di Riabilitazione Psicosociale
2. Centro di lavoro guidato “Laboratorio Protetto”
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
Riabilitazione Psicosociale”
“Centr o
Diur no
di
Il Centro Diurno è una struttura semi-residenziale, collocata in ambito territoriale, aperta dal lunedì al
venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 17.00.
Il Centro Diurno accoglie persone che, a seguito di una malattia psichica, hanno sviluppato disabilità di
carattere sociale, relazionale e lavorativo ed hanno bisogno di intraprendere un percorso riabilitativo e
terapeutico.
EQUIPE E SEDE
Responsabile: dr. Paolo Tito
Le figure professionali che vi operano sono:
• psichiatra
• coordinatore
• psicologi psicoterapeuti
• educatori professionali
• operatori socio-sanitari
• infermieri
• assistenti sociali
SEDE
Centro Diurno di Bassano del Grappa – Centro Socio-Sanitario “Mons.E. Negrin” - palazzina A
accesso da Via Cereria
Orario di apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00
Telefono: 0424 885121 fax: 0424 885122
SEDE
Centro Diurno di Asiago - Casa del Pastore - località Kaberlaba.
Orario di apertura: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16.00
Telefono e fax: 0424 63498
OFFERTA DI PRESTAZIONI
La Riabilitazione Psicosociale ha la finalità di aiutare gli individui che presentano una disabilità e/o uno
svantaggio sociale legati ad una malattia mentale a raggiungere un migliore livello di funzionamento. Per un
miglior funzionamento si intende l’acquisizione di abilità nelle relazioni interpersonali, nell’autonomia
personale e nella gestione della quotidianità e nella cura di sé, compatibilmente con le capacità della
persona.
Le persone inserite al Centro Diurno vengono aiutate a riconoscere i problemi personali e familiari ed i
sintomi che accompagnano la loro malattia, attraverso un progetto strettamente personalizzato, che prevede
attività pratiche, espressive e ricreative.
Parallelamente al miglioramento del quadro clinico il percorso riabilitativo prevede, inoltre, la possibilità di
accedere ad un tirocinio lavorativo.
Un altro obiettivo è il miglioramento della qualità della vita attraverso attività specifiche tese a dare un
sostegno nella gestione del tempo libero.
Per le famiglie degli utenti sono previste due attività:
• cicli di incontri a carattere psico - educativo sia individuale che di gruppo, per cercare di sostenere le
Aggiornamento settembre 2010
famiglie nell'assistenza al malato psichico e migliorare la conoscenza della malattia mentale, aperti
anche ai familiari degli utenti seguiti dal Centro di Salute Mentale.
• Incontri periodici rivolti ai familiari degli utenti o alle figure di riferimento, a carattere informativo e di
conoscenza delle attività riabilitative del Centro Diurno.
Ciascun utente riceve un programma personalizzato da svolgere attraverso attività di gruppo e attività
individuali condotte da psicologi e da operatori con specifiche professionalità. A questo programma si
affiancano i colloqui psicoterapeutici e di sostegno con gli psicologi.
MODALITÀ DI ACCESSO
L’accesso a tale servizio avviene esclusivamente su invio dello psichiatra o dello psicologo del Centro di
Salute Mentale, per periodi di tempo concordati e definiti.
Aggiornamento settembre 2010
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
guidato “Labor atorio Pr otetto”
“Centr o
di
Lavor o
Il laboratorio protetto nasce come realtà intermedia fra le attività riabilitative svolte all’interno del Centro
Diurno di Riabilitazione Psicosociale ed i tirocini di lavoro in ambiente esterno.
Utilizzando lo spazio come un vero e proprio laboratorio artigianale si vuole fare in modo che alcuni utenti si
possano confrontare con un’esperienza che, pur caratterizzandosi come attività del Centro Diurno (e per
questo non retribuita), abbia caratteristiche il più possibile simili alla realtà lavorativa.
In futuro si prospetta di ricavare all’interno del laboratorio stesso un’area da dedicare ad un’attività più
propriamente lavorativa (ad es. assemblaggio), che preveda un minimo riconoscimento economico delle
persone inserite.
EQUIPE E SEDE
Responsabile del Centro Diurno è il dr. Paolo Tito
SEDE
Il luogo fisico in cui realizzare questo progetto è stato individuato in uno stabile situato nel Comune di
Mussolente, ed il laboratorio è stato attivato a partire dal febbraio 2005.
ATTIVITA’
Laboratorio carta: riciclaggio e produzione della carta, attività di tipo pratico manuale già sperimentata
all’interno del Centro Diurno costituita da una sequenza articolata di passaggi necessari alla sua esecuzione.
MODALITÀ DI ACCESSO
L’accesso avviene su invio dello psichiatra referente del caso e previa valutazione dello psicologo
responsabile del laboratorio.
In sintesi gli interventi delle strutture dei Centri Diurni di Bassano e Asiago si possono così riassumere:
• interventi rispetto alle attività di base, interpersonali e sociali
• interventi di risocializzazione
• interventi di tipo espressivo
• interventi di tipo pratico manuale
• interventi di tipo motorio
• interventi domiciliari
• interventi di addestramento e formazione al lavoro
• soggiorni e vacanze
• moduli week-end (gestione del tempo libero nel fine settimana)
• incontri informativi con i familiari o figure di riferimento
• cicli di incontri per le famiglie a carattere psico-educativo
Aggiornamento settembre 2010
CENTRO
PER
ALIMENTARE
I
DISTURBI
DEL
COMPORTAMENTO
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
Si occupa dei disturbi del comportamento alimentare (bulimia, anoressia) con una presa in carico
multidisciplinare, che comprende attività ambulatoriali, di psicoterapia individuale e di gruppo e di sostegno
alla famiglia.
Si coordina con:
• l'Ambulatorio Nutrizionale, all'interno del Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Alimenti e
Nutrizione dell'Azienda ULSS 3 di Bassano del Grappa
• Il Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare e del peso di Vicenza
e collabora con l'Associazione "Amici di Paola Marcadella" in particolare per i programmi di prevenzione.
.
SEDE
Centro per i Disturbi del comportamento alimentare – Centro Socio Sanitario “Mons. E. Negrin” – palazzina L
accesso da Via Cereria 14/b Telefono 0424/885462
Orario di apertura:
LUNEDI’
MARTEDI’
MERCOLEDI’
GIOVEDI’
VENERDI’
09.00
09.00
--09.00
---
12.30
12.30
--12.30
---
14.30
14.30
14.30
-----
19.00
17.30
17.30
-----
MODALITÀ DI ACCESSO
Si accede: su invio del medico di base ed in caso di urgenza con accesso diretto
Aggiornamento settembre 2010
Strutture Residenziali - Riabilitative Istituzionali e del Privato
Sociale
COMUNITÀ TERAPEUTICA RESIDENZIALE PROTETTA (CTRP)
U.O.A. TERRITORIALE DI PSICHIATRIA
PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA
La CTRP è una struttura residenziale collocata nel territorio che ospita per 24 ore al giorno, tutti i giorni della
settimana, persone con patologia psichiatrica, offrendo loro uno spazio residenziale e la possibilità di aderire
ad un programma terapeutico-riabilitativo di medio-lungo periodo, che è comunque a termine. L’obiettivo è
lo sviluppo e il recupero di abilità perdute o fortemente compromesse associate alla malattia mentale, ed ha
come punto di partenza il potenziamento delle parti ancora funzionanti della persona colpita dalla malattia. Il
recupero della disabilità si attua su più livelli di intervento portando la persona al maggior grado di
autonomia possibile.
La struttura è in grado di offrire un modulo di accoglienza a tempo determinato definito “modulo
respiro” per far fronte a situazioni che necessitano di un allontanamento del paziente dall’ambiente sociale
in cui vive o per momentanei alleggerimenti del carico assistenziale dei familiari.
La CTRP è una struttura della U.O. Territoriale di Psichiatria, prevede un numero massimo di 16 posti letto
residenziali; 1 modulo respiro più 1 modulo di accoglienza diurno.
La C.T.R.P. non va intesa come soluzione abitativa definitiva.
EQUIPE E SEDE
Responsabile dr. Nicola Magnavita
Le figure professionali che vi operano sono:
•
•
•
•
•
•
•
psichiatra (responsabile)
coordinatore
psicologi
educatori
operatori socio-sanitari
infermieri
assistente sociale
SEDE
Comunità Terapeutica Residenziale Protetta
via Col Roigo 3, Mussolente
tel. 0424 383471
cell. 331 1911818
OFFERTA DI PRESTAZIONI
La Comunità Terapeutica è un luogo di cura dove si svolgono attività terapeutico-riabilitative per pazienti con
patologia psichiatrica che necessitano di un accoglimento in una struttura protetta attraverso l’esecuzione di
programmi riabilitativi e terapeutici a termine.
Tali programmi si attuano con l’utilizzo di tecniche terapeutiche e riabilitative di gruppo ed individuali,
finalizzate al raggiungimento dell’obiettivo concordato col paziente, i familiari e con l’equipe del Centro di
Salute Mentale al momento dell’ingresso in Struttura. In particolare questa Struttura ha come finalità il
progressivo reinserimento nel territorio di appartenenza del paziente che può avvenire direttamente o
attraverso il passaggio in Strutture a minor grado di protezione come le Comunità Alloggio (CA) e/o i Gruppi
Appartamenti Protetti (GAP) sempre il relazione alla progressiva autonomizzazione del soggetto.
Aggiornamento settembre 2010
L’inserimento può essere inoltre determinato, sia da problematiche nell'ambiente familiare, tali da rendere
opportuno un momentaneo allontanamento della persona, sia da problematiche inerenti la scarsa
autonomia.
Per le persone inserite sono previste sia attività riabilitative all'interno della struttura sia progetti di
inserimento lavorativo
MODALITÀ DI ACCESSO
L'invio alla comunità è predisposto dal Centro di Salute Mentale che segue il progetto clinico personalizzato
in collaborazione con gli operatori della comunità.
Aggiornamento settembre 2010
PROGETTO REGIONALE
“GRUPPI APPARTAMENTI PROTETTI (GAP)”
DESCRIZIONE DEL PROGETTO
Il progetto è stato finanziato dalla Regione Veneto e segue le linee guida per la prevenzione terziaria,
finalizzata al reinserimento nel tessuto sociale di persone che hanno fatto un percorso terapeuticoriabilitativo.
Il progetto dell’appartamento protetto è stato attivato attraverso la stretta collaborazione tra Azienda
Sanitaria, Enti Locali rappresentati dalla Conferenza dei Sindaci e le Cooperative del privato sociale.
Attualmente l’appartamento protetto di Marostica è previsto per utenti con capacità di vita personale e
sociale, tale da consentire loro di vivere autonomamente alcune fasi della giornata senza la continuativa
presenza di operatori. In genere sono utenti che provengono da un percorso terapeutico e riabilitativo e
godono di un buon compenso psico-fisico.
Possono essere ospitati fino ad un massimo di 4/5 utenti ed in particolari condizioni anche di entrambi i
sessi.
In generale il livello di protezione determinerà la tipologia dell’inserimento: App. Prot. a maggiore protezione
(10,12 ore) – App. Prot. a minore protezione (6,4 ore)
Cosa sono gli appar tamenti pr otetti
Gli App. Prot. sono di norma delle case o degli appartamenti nei quali sono preponderanti, oltre all’azione
terapeutica e riabilitativa, gli obiettivi della risocializzazione attraverso la maggiore integrazione dell’utente
nella comunità.
L’utente in questo contesto può mantenere il progetto lavorativo in corso o può essere avviato ad una
esperienza di formazione lavorativa.
La presenza del personale è prevista in alcune fasi della giornata, da un minimo di 4 ore ad un massimo di
10 ore (specie nella fase di inserimento degli utenti).
Organizzazione
Attualmente è in funzione e operativo l’appartamento situato nel Comune di Marostica.
Gli App. Prot. sono il frutto di una forte integrazione tra Azienda ULSS ed Enti Locali, i quali attraverso gli
strumenti dell’Accordo di Programma e le convenzioni tra Comuni, gestiscono e contribuiscono alla spesa di
tali strutture.
Nella gestione degli App. Prot. è previsto il concorso degli ospiti alla partecipazione della spesa.
Il personale addetto all’assistenza è stato messo a disposizione attraverso convenzioni tra Azienda U.L.SS.
n. 3 e le cooperative del Privato Sociale operanti sul territorio.
EQUIPE
Referente per appartamento protetto con sede a Marostivca: dr. Marco Lunardon
Le figure professionali che vi operano sono:
•
•
•
•
Psichiatra attraverso consulenze
Psicologo psicoterapeuta
Operatori socio-sanitari
Assistente Sociale
MODALITÀ DI ACCESSO
L’inserimento in App. Prot. avviene su indicazione del Centro di Salute Mentale e previa formulazione di un
preciso e verificabile programma terapeutico individualizzato per ogni ospite.
Tale progetto viene sottoposto alla valutazione dell’Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale, che
valuta il progetto e la sostenibilità della retta da parte degli Enti interessati.
Per informazioni rivolgersi a:
Aggiornamento settembre 2010
CENTRO DI SALUTE MENTALE di BASSANO TEL.: 0424 885125
CENTRO DI SALUTE MENTALE di ASIAGO
TEL.: 0424 604305
ALTRE INFORMAZIONI UTILI
Appartamenti Protetti del Privato Sociale in convenzione con l’Azienda ULSS n.3
Le caratteristiche e l'organizzazione dell'assistenza e le finalità sono simili a quelle degli Appartamenti
Protetti Istituzionali.
Anche in questo caso, tali strutture devono rispondere a determinati requisiti standard fissati per legge ed i
programmi sono sovrapponibili a quelli istituzionali.
Le figure professionali che vi operano sono:
 Psicologi psicoterapeuti
 infermieri
 educatori professionali
 operatori socio-sanitari
L’assistenza medico-psichiatrica e quella sociale viene sempre garantita dal Centro di Salute Mentale.
Sono previste riunioni periodiche di verifica del progetto tra gli operatori delle Cooperative e quelli del Centro
di Salute Mentale.
Aggiornamento settembre 2010
LE ATTIVITA’ CON LE ASSOCIAZIONI DEI FAMILIARI
DESCRIZIONE DEL PROGETTO
Come abbiamo indicato, le attività dipartimentali prevedono una collaborazione molto attiva con le
Associazioni dei Famigliari dei nostri utenti.
La patologia psichiatrica spesso comporta carichi di assistenza molto gravosi per i famigliari dei pazienti e
ciò richiede un elevato dispendio di energie che comporta un aumento di stress emotivo.
Le Associazioni nascono dall’esigenza di raccogliere e dare risposta ai bisogni delle famiglie nell’ambito di
un’ampia collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale e con il Privato Sociale.
IL COMITATO 180
Il Comitato 180 è un’associazione di familiari con disagio mentale.
SEDE
presso l’Associazione “Questacittà”
Via Schiavonetti, 8
Bassano del Grappa (di fronte al Museo Sturm),
Telefono: 3316155607
e-mail: [email protected]
ATTIVITA’
Fra le attività del comitato 180 segnaliamo:
Gruppo di auto mutuo aiuto per familiari – area Bassano.
Incontri: ogni quarto mercoledì del mese alle ore 20.30 presso l’Associazione “Questacittà” Via Schiavonetti,
8 Bassano del Grappa (di fronte al Museo Sturm).
Gruppo di auto mutuo aiuto per familiari “la vela”– area Marostica, Nove, Molvena, Pianezza, Mason,
Schiavon, Cartigliano.
Incontri: ogni primo e terzo lunedì del mese alle ore 20.30 presso il Centro Diurno Anziani – Via del Donatore
– Nove.
Gruppo di scrittura creativa, condotto dalla dott.ssa Alessandra Pellizzari.
PSICHE 2000
PSICHE 2000 è un’associazione di volontariato formata da persone attive e solidali che operano nei settori
della salute della mente e della formazione.
L’associazione PSICHE 2000 è presente in diverse Regioni Italiane e collabora attivamente con le Regioni e
Aziende ULSS sia nell’ambito del Progetto Obiettivo Tutela Salute Mentale sia in progetti locali.
ATTIVITA’
Gruppi di auto-aiuto guidati per le problematiche inerenti il disagio psiclogico
Gruppi di auto-aiuto e psico-educativi per i familiari di persone con problemi di salute mentale
Convegni e corsi per tutti i cittadini
Interventi presso i mass media, promozione di campagne informative
Aggiornamento settembre 2010
SEDE
sede legale di Thiene – tel. 0445/368893
Sede S.Zeno di Cassola, tel. 3319433765
sito: www.psiche2000.it
e.mail: [email protected]
ASSOCIAZIONE AMICI DI PAOLA
Presidente Guerrino Marcadella
E’ un’associazione ONLUS costituita nel novembre 2002 su iniziativa dei familiari di Paola Marcadella,
deceduta nell’ottobre 2002. Riunisce familiari, amici e conoscenti di Paola e tutte quelle persone che sono
sensibili alla importante tematica sociale dei Disturbi del comportamento alimentare. Scopo primario
dell’Associazione è lo svolgimento di attività finalizzate alla solidarietà sociale e nasce dalla volontà di
aiutare chi soffre di disturbi del comportamento alimentare.
ATTIVITA’
L’Associazione si prefigge i seguenti scopi:

promuovere iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica al fine di modificare l'atteggiamento generale
verso la malattia e a diffondere informazioni relative ai DCA

promuovere campagne informative indirizzate al mondo della scuola e combattere i pregiudizi a
proposito dei DCA

promuovere programmi di prevenzione primaria e secondaria

promuovere iniziative per la raccolta di fondi a favore della ricerca scientifica sui DCA
Il Centro per i disturbi alimentari dell'Azienda ULSS 3 collabora con l'Associazione Amici di Paola ai
programmi di prevenzione e di riduzione dello stigma nei confronti del disturbo alimentare.
SEDE E RECAPITI
Associazione onlus "AMICI DI PAOLA" V. Vecchia n°10 - 36022 Cassola (VI)
Punto di ascolto 24h/24h: 0424/570794
www.paolamarcadella.com
e-mail:[email protected]
-----------------------Gli utenti possono sporgere reclamo o segnalazione per disservizi o comportamenti che abbiano negato o
limitato la fruibilità delle prestazioni.
Queste segnalazioni (anch'esse utili per migliorare) dovranno essere presentate o inviate a:
Ufficio per le Relazioni con il Pubblico
Ospedale di Bassano del Grappa
Via dei Lotti, 40 – 36061 Bassano del Grappa (VI)
Tel. 0424-888556 - 7
e-mail: [email protected]
Aggiornamento settembre 2010
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

creare flashcard