MARRONE prevenzione e bes

annuncio pubblicitario
Gian Marco Marzocchi , Claudio Vio , Francesca
Offredi
Il bambino con deficit di attenzione/iperattività
Diagnosi psicologica e formazione dei genitori
Titolo
Autore
Soggetto
Il bambino con deficit di attenzione/iperattività
Diagnosi psicologica e formazione dei genitori
Gian Marco Marzocchi , Claudio Vio , Francesca Offredi
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 1
Editore
Erickson
In sintesi
Negli ultimi vent’anni si è cominciato a capire che alcuni comportamenti manifestati da un 5-10%
dei bambini, come l’incapacità di prestare attenzione o l’estrema mobilità in situazioni che
richiederebbero una partecipazione collaborativa e la concentrazione sul compito, non vanno
attribuiti alla loro "capricciosità" o "cattiveria" bensì a una vera e propria sindrome psicologica: il
disturbo da deficit di attenzione/iperattività (DDAI). Questo volume, scritto da tre dei massimi
esperti italiani della sindrome, spiega come porre la diagnosi e come attuare un programma di
intervento che elimini o riduca il problema coinvolgendo primariamente i genitori, attraverso un
percorso di formazione di competenze educative e relazionali. Nei disturbi di attenzione
l’atteggiamento dei genitori (la cui pazienza viene messa a dura prova) diviene cruciale. Essi
devono essere sensibilizzati e aiutati a capire e a interagire con le problematiche del figlio. Il
programma intende innanzitutto far conoscere, capire e collocare al posto giusto il disturbo nelle
rappresentazioni dei genitori, aiutandoli a sviluppare sensate e realistiche attribuzioni relative ai
comportamenti propri e del figlio. Si propone inoltre di sviluppare competenze di gestione dei
problemi educativi, di relazione e problem solving che possano aiutare a convivere e interagire
positivamente con un bambino DDAI. La filosofia del programma e la necessità di disporre di
materiali operativi già pronti che costituiscano un concreto punto di riferimento spiegano il
carattere organizzato e pedagogico del volume, ma niente impedisce all’operatore che abbia
raggiunto una certa esperienza nel campo di prendere semplicemente spunto dai materiali
proposti, adattandoli alle sue esigenze e alla sua sensibilità, ed eventualmente lavorando in
maggior misura sui vissuti dei genitori.
Contenuti
Presentazione di Cesare Cornoldi
Parte prima: Fondamenti teorici e diagnosi
- Cos'è il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (DDAI)
- Come affrontare il disturbo da deficit di attenzione/iperattività
- L'insegnamento di tecniche educative a livello familiare
Parte seconda: Materiali per gli incontri di formazione dei genitori
- La comprensione del problema
- Preparazione dei genitori al cambiamento educativo
- La complessità del problema
- Scelte educative che favoriscono l'autoregolazione
- Individuare i comportamenti negativi del bambino
- Ampliare il proprio bagaglio di strategie
- Agire d'anticipo rispetto al problema e con un piano in testa
- Il genitore come modello di abile risolutore di problemi
- Un bilancio del lavoro svolto
Donald Meichenbaum Al termine dello stress
Prevenzione e gestione secondo l'approccio cognitivo-comportamentale
Titolo
Al termine dello stress
Prevenzione e gestione secondo l'approccio cognitivocomportamentale
Autore
Donald Meichenbaum
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 2
Editore
Erickson
In sintesi
Opera di uno dei più famosi psicoterapeuti cognitivisti, questo volume illustra principi ed esempi di
tecniche terapeutiche orientate al controllo cognitivo dei fattori che inducono stress e tensioni
nella vita quotidiana. È un libro utile non solo agli specialisti di psicologia clinica ma, per la
chiarezza e la concretezza delle indicazioni, anche a tutti gli operatori (insegnanti, educatori,
medici, assistenti sociali, ecc.) che si trovano a gestire lo stress nel proprio lavoro o nella vita degli
utenti. Le persone non sono semplicemente vittime passive degli eventi stressanti: il modo in cui
esse valutano questi eventi e analizzano cognitivamente le proprie capacità di gestione influenza
gli effetti soggettivi dello stress. Eliminando le strutture cognitive disfunzionali e fornendo una
gamma di abilità di fronteggiamento dello stress, il metodo dello Stress Inoculation Training
descritto in questo libro forma, come le vaccinazioni mediche, gli anticorpi psicologici allo stress,
stimolando le difese e le risorse naturali della persona.
Fiorenzo Laghi , Giuseppe Crea , Roberto Baiocco ,
Lidia Provenzano
Il rischio psicosociale nelle professioni di aiuto
La sindrome del burnout negli operatori sociali, medici, infermieri, psicologi e
religiosi
Titolo
Il rischio psicosociale nelle professioni di aiuto
La sindrome del burnout negli operatori sociali, medici, infermieri,
psicologi e religiosi
Autore
Fiorenzo Laghi , Giuseppe Crea , Roberto Baiocco , Lidia Provenzano
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 3
Editore
Erickson
In sintesi
Questo libro affronta la problematica dello stress da un’angolatura eminentemente psicologica
cercando di rileggere, nel contesto specifico delle diverse attività, gli effetti dell’eccessivo
coinvolgimento con i bisogni delle persone. Il lavoro di ricerca eseguito tra le diverse categorie
professionali (psicologi, operatori sociali, medici, infermieri, operatori pastorali) rileva che chi lavora
con le persone può correre il rischio di esaurire le proprie energie psicofisiche quando non integra in
modo equilibrato le esigenze altrui con le proprie forze: egli reagirà considerando gli utenti come
insopportabili perché non apprezzano a sufficienza il suo attivismo, e per difendersi dal rischio della
frustrazione tenderà a ritirare il proprio investimento emozionale. Un libro utile per quanti sono
impegnati direttamente nelle diverse professioni di aiuto, ma anche per quanti si preparano in questi
settori, per conoscerne i problemi reali e per cogliere le eventuali strategie di prevenzione.
Contenuti
- Stress e organizzazione lavorativa
- La sindrome del burnout
- La misurazione del burnout
- La sindrome del burnout negli operatori sociali: assistenti domiciliari, sociali e operatori di comunità
- La sindrome del burnout nei medici, infermieri e fisioterapisti
- La sindrome del burnout: psicologi e psicoterapeuti
- La sindrome del burnout nella vita consacrata
- Strategie di intervento e prevenzione
Elena Brighenti
L’identità delle scuole di seconda occasione in Italia
Titolo
L’identità delle scuole di seconda occasione in Italia
Autore
Elena Brighenti
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 4
Editore
Iprase
In sintesi
In una società della conoscenza, in cui la possibilità di benessere sociale, economico e di cittadinanza
attiva appare in subordine alla qualità dei saperi e delle competenze, cosa può accadere a chi
cade fuori precocemente dai processi di formazione e rischia di scivolare ai margini della comunità di
cui fa parte? E quali costi economici e di qualità della convivenza ricadono sulle comunità che
tollerano la condizione di esclusione di alcuni loro membri, privi degli strumenti indispensabili per una
vita autonoma e partecipativa?
La sensibilità a questi interrogativi guida alcuni peculiari percorsi di intervento educativo e formativo
indirizzati a generare una occasione di riscatto per giovani che rischiano di non conseguire nemmeno
la licenza media, titolo minimo indispensabile nel nostro Paese per accedere a qualsiasi circuito
formativo professionalizzante. Le scuole di seconda occasione, al confine tra il sistema scolastico
ordinamentale e il volontariato sociale, cercano e pongono in atto risposte differenziate alla
domanda di formazione delle nuove generazioni. IPRASE, pubblicando questo volume, avvia uno
studio in profondità sull'identità di sei progetti attivi da almeno un decennio nel Nord, Centro e Sud del
nostro Paese, affidando alla narrazione puntuale e circostanziata riportata nei capitoli riservati a
ciascuno di essi il compito di far conoscere cosa avviene nella scuola di seconda occasione: scopi e
destinatari, organizzazione e risorse professionali, riferimenti pedagogici e strategie di rimotivazione e
riorientamento. è un contributo che valorizza il lavoro sviluppato in questi contesti, consente
indirettamente ai lettori una lettura analitica sui processi tesi a favorire il rientro nei circuiti formativi e
può forse portare altri soggetti a riconoscersi in queste esperienze e a diventare partecipi delle azioni
di promozione e aggregazione che la ricerca IPRASE si ripromette di sostenere tra chi sta
impegnandosi perché la società della conoscenza non perda nessuno.
Barbara K. Keogh
Impulsivi, introversi, emotivi, apatici
Comprendere e valorizzare il temperamento e le differenze individuali
Titolo
Impulsivi, introversi, emotivi, apatici
Comprendere e valorizzare il temperamento e le differenze individuali
Autore
Barbara K. Keogh
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 5
Editore
Erickson
In sintesi
Quanto e come il temperamento individuale di studenti e insegnanti influenza i processi di
apprendimento e di insegnamento? In che modo esso condiziona le decisioni didattiche? Fino a che
punto contribuisce allo sviluppo di disturbi psicologici e comportamentali? Questo volume è uno dei
primi libri pensati per aiutare gli insegnanti a riconoscere gli effetti del temperamento sull’esperienza
educativa, dall’età prescolare fino alla scuola secondaria. Basato su solide esperienze di ricerca e
arricchito da esempi presi dalla vita di classe, esso aiuta a conoscere: l’impatto del temperamento sul
comportamento, le interazioni e il rendimento scolastico dei bambini; il suo effetto sulle percezioni, le
decisioni e le reazioni dell’insegnante; l’importanza di un buon adattamento tra il temperamento del
bambino e l’ambiente scolastico; il temperamento nei bambini con difficoltà di apprendimento,
ritardo dello sviluppo e DDAI; i metodi di misurazione del temperamento, comprese le interviste,
l’osservazione e le scale di valutazione. Utile a insegnanti, psicologi scolastici, operatori sociali e
dirigenti scolastici, il volume insegna a individuare le differenze di temperamento negli alunni e a
sfruttare tale consapevolezza a vantaggio del loro apprendimento e rendimento scolastico.
Contenuti
- Introduzione (di Stella Chess e Alexander Thomas)
- Prefazione
- Il temperamento in classe: una sintesi
- Che cos’è il temperamento?
- Perché è importante capire il temperamento?
- Quali sono le basi del temperamento?
- Temperamento e rendimento scolastico
- Temperamento e decisioni didattiche dell’insegnante
- Temperamento e problemi comportamentali
- Temperamento e bambini con disabilità
- Le procedure per valutare il temperamento
- Come applicare le conoscenze sul temperamento a scuola?
- Bibliografia
- APPENDICE A Studi longitudinali sul temperamento
- APPENDICE B Scale e questionari per misurare il temperamento
Karen Bierman
Il bambino rifiutato dai compagni
Cause, valutazione e interventi
Titolo
Il bambino rifiutato dai compagni
Autore
Soggetto
Karen Bierman
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 6
Editore
Erickson
In sintesi
Perché alcuni bambini riescono a integrarsi e a fare amicizia facilmente, mentre altri si isolano perché rifiutati dal gruppo?
Quanto e come influisce il rapporto con i pari nella formazione del senso di autostima del bambino? Che cosa possono fare
gli psicologi, gli educatori e i genitori per fornire un valido supporto ai bambini rifiutati? L'autrice esamina le dinamiche che
determinano il rifiuto da parte dei coetanei, concludendo che molti dati di cui oggi disponiamo dimostrano che le
interazioni con i pari modellano fortemente i comportamenti del bambino, condizionandone la condotta in modo più
accentuato rispetto a ciò che è possibile osservare a scuola.
Paolo Cornaglia Ferraris
Io sento diverso
Cosa pensa un bambino di 10 anni con sindrome di Asperger
Titolo
Io sento diverso
Cosa pensa un bambino di 10 anni con sindrome di Asperger
Autore
Paolo Cornaglia Ferraris
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 7
Editore
Erickson
In sintesi
Il libro è il primo di una serie di volumi dedicati alle peculiari modalità percettive
ed espressive di bambini e ragazzi che condividono uno «speciale» modo di
interagire con le persone e di relazionarsi con il mondo e per i quali è stata posta
una diagnosi che rientra all’interno dei disturbi dello spettro autistico. Paolo
Cornaglia Ferraris raccoglie in queste pagine il racconto in prima persona di un
bambino con sindrome di Asperger, le esperienze di vita di genitori di altri bambini
come lui, e una serie di schede di osservazione per tentare di decifrare,
comprendere e valorizzare un modo di essere e di comportarsi che spesso può
essere ritenuto bizzarro e incomprensibile o, più grossolanamente, frutto di
maleducazione e insensibilità.
Contenuti
- Vi racconto la mia storia: Diverso?; Le difficoltà: Voci, concentrazione, pazienza, attenzione, far parte di un gruppo,
stare fermo, prendere decisioni, cambiare, sentire, dolore, rumori, i capelli, sapori, odori, toccare, vedere, scrittura,
equilibrio
- Interpretare e agire per educare
- 51 schede per osservare, interpretare, agire, non scoraggiarsi mai
- Le nostre storie: Michele, Alessandro, Vittorio, Marco, Lorenzo, Simone
John S. Dacey , Lisa B. Fiore
Il bambino ansioso
Un percorso in quattro tappe per controllare l'emotività
Titolo
Il bambino ansioso
Un percorso in quattro tappe per controllare l'emotività
Autore
John S. Dacey , Lisa B. Fiore
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 8
Editore
Erickson
In sintesi
I disturbi d’ansia non colpiscono solo gli adulti: molto spesso, nella nostra società, anche bambini e
adolescenti possono esserne soggetti. Questo volume, basato sul programma COPE, che negli Stati
Uniti ha già superato i 15 anni di sperimentazione con ottimi risultati, propone di stimolare, con
semplici esercizi fisici e mentali, la capacità del bambino di fronteggiare l’ansia, di ridurla e di
acquisire dei metodi per valorizzare i propri progressi. Il programma COPE si struttura in quattro
momenti distinti: calmare il sistema nervoso; progettare un piano di attività per il fronteggiamento
dell’ansia; persistere nonostante gli ostacoli e gli insuccessi; esaminare, valutare e perfezionare il
piano. Per ognuno dei quattro momenti il volume presenta numerose attività, adatte a una vasta
fascia d’età ed esposte con linguaggio semplice e comprensibile, che consentono a genitori e
insegnanti di ampliare la loro conoscenza dell’ansia infantile e di imparare tecniche e metodi
efficaci per una prima valutazione e intervento, senza dover necessariamente ricorrere all’aiuto di
un professionista ed evitando così trattamenti psicologici o farmacologici precoci.
Contenuti
- Cos’è l’ansia e come ridurla
- I disturbi d’ansia nell’infanzia e nell’adolescenza
- Programma COPE – prima fase: calmare il sistema nervoso
- Programma COPE – seconda fase: originare un piano fantasioso
- Programma COPE – terza fase: persistere nonostante gli ostacoli e gli insuccessi
- Programma COPE – quarta fase: esaminare, valutare e perfezionare il piano
- Favorire la riduzione dell’ansia nel bambino attraverso lo stile educativo
- Appendice A
Riassunto delle attività e dei loro obiettivi
- Appendice B
Soluzioni ai problemi delle attività
Philip G. Zimbardo , Shirley L. Radl
Il bambino timido
Comprendere e aiutare a superare le difficoltà personali
Titolo
Il bambino timido
Comprendere e aiutare a superare le difficoltà personali
Autore
Philip G. Zimbardo , Shirley L. Radl
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 9
Editore
Erickson
In sintesi
La timidezza - un atteggiamento che porta a essere estremamente preoccupati della valutazione
sociale che gli altri possono dare di noi, con la conseguente tendenza a evitare ogni persona o
situazione che in qualche modo possa implicare una critica - è una condizione generalmente
sottovalutata, così come le sue conseguenze. La timidezza, infatti, rende difficile incontrare persone
nuove o gustare esperienze potenzialmente positive, impedisce di difendere efficacemente i propri
diritti e di esprimere le proprie opinioni davanti ad altre persone, ostacola la lucidità di pensiero e la
comunicazione, è accompagnata da stati d’animo negativi come la depressione, l’ansia, la scarsa
autostima e il senso di solitudine. In questi e in molti altri modi, la timidezza limita pesantemente lo
sviluppo delle potenzialità personali e danneggia gravemente la qualità della vita. Sulla scorta di studi
condotti in tutto il mondo e di una vastissima esperienza clinica, gli autori esaminano le cause, le
dinamiche e le manifestazioni della timidezza, e presentano un programma per prevenirla o superarla
promuovendo la sicurezza di sé, insegnando le abilità per gestire le emozioni e le situazioni sociali, e
migliorando l’autostima.
Contenuti
- Il mistero della timidezza
- Lo stile genitoriale per combattere la timidezza
- Strategie per ridurre la timidezza
- Insegnate a vostro figlio a essere socievole
- L’età prescolare: dai 2 ai 6 anni
- La scuola di base: dai 6 ai 12 anni
- Preadolescenza e adolescenza: dai 12 ai 17 anni
- Gli anni dell’università: dai 18 in poi
- La fine della timidezza
Appendice A Il manuale del giovane timido
Appendice B Un questionario per esplorare la timidezza
Daniela Mariani Cerati , Carlo Hanau
Il nostro autismo quotidiano
Storie di genitori e figli
Titolo
Il nostro autismo quotidiano
Storie di genitori e figli
Autore
Daniela Mariani Cerati , Carlo Hanau
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 10
Editore
Erickson
In sintesi
In letteratura sono sempre più numerose le pubblicazioni sull’autismo, un disturbo sul quale - grazie alla
ricerca scientifica e all’impegno delle tante persone coinvolte, in primo luogo i genitori - si sta
progressivamente facendo chiarezza, superando convinzioni e teorie errate e mettendo a punto
approcci e interventi razionali ed efficaci. Un aspetto meno conosciuto, non solo ai profani ma a volte
anche agli addetti ai lavori, è quello della vita quotidiana e concreta, fatta di persone prima che di
diagnosi e di realtà di tutti i giorni, prima che di ipotesi. È proprio questa dimensione, di fatto la più
autentica, che viene svelata in questo libro attraverso le storie di un gruppo di genitori che ogni
giorno, con modalità diverse, vivono con i loro figli e il loro autismo. Il filo rosso che percorre e unisce le
varie storie è il coraggio di andare avanti, cercare di trovare delle soluzioni e di compiere scelte senza
mai arrendersi alle avversità. Queste avversità sono in primo luogo quelle della sorte, che ha portato
l’autismo in quella famiglia attraverso un difetto cromosomico, un attacco virale o altro, e purtroppo
molte volte l’ignoranza e l’incapacità di chi, per compito istituzionale, dovrebbe aiutarla.La profonda
dignità e lucidità che traspare da ognuna di queste storie sarà di conforto per le persone che vivono
situazioni simili a quelle descritte e un invito a valorizzarne il ruolo e le risorse per chi lavora con loro.
Contenuti
Il paradiso perduto
– I sogni nel cassetto
– Sonia e il bagno
– Dimmi «Mamma»
– I nostri figli lo meritano
– Non vedo, non sento e non parlo
– Notte di Natale
– «Tu mi davi il lecca lecca»
– Una scuola per Daniele
– Oggi la situazione in casa è tranquilla
– Noi siamo genitori che non si arrendono
– La bella bambina
Eric Schopler
Autismo in famiglia
Manuale di sopravvivenza per genitori
Titolo
Autismo in famiglia
Manuale di sopravvivenza per genitori
Autore
Eric Schopler
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 11
Editore
Erickson
In sintesi
Schopler definisce la collaborazione tra genitori e operatori dell’educazione del bambino autistico come
l’incontro tra due esperti: gli operatori lo sono dell’educazione e dell’autismo in generale, i genitori sono i
migliori esperti del loro bambino. In questo straordinario volume tale principio è messo coerentemente in
pratica dando voce all’esperienza di molti genitori che hanno avuto successo nella gestione di vari
comportamenti problematici dei propri figli.
Il libro fornisce ai genitori linee guida chiave ed esempi positivi basati sulla realtà della vita in famiglia con un
bambino difficile. È anche un prezioso manuale di “modificazione del comportamento con occhi, cuore e
cervello” utilissimo per psicologi, educatori medici e insegnanti.
Contenuti
- Introduzione all’edizione italiana (E. Micheli, F. Pergolizzi Moderato e A. Riva)
- La collaborazione tra genitori e operatori
- Comportamenti ripetitivi e interessi particolari
- La comunicazione
- Gioco e tempo libero
- Aggressione
- Uso del gabinetto e igiene
- Mangiare e dormire
- Altri interventi educativi
Cleopatra D'Ambrosio
Capire i disagi dei bambini
Le richieste d’aiuto che preoccupano i genitori
Titolo
Capire i disagi dei bambini
Le richieste d’aiuto che preoccupano i genitori
Autore
Cleopatra D'Ambrosio
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 12
Editore
Erickson
In sintesi
Figli che fingono di essere malati per non andare a scuola, che soffrono per l’arrivo di un nuovo
fratellino, bambini che litigano con i compagni di scuola, che mentono continuamente,
adolescenti
che
rispondono
male
agli
insegnanti
e
scappano
di
casa.
Si tratta di episodi quotidiani, poco eclatanti e forse proprio per questo erroneamente sottovalutati
da genitori e educatori, che tendono a sdrammatizzare, a ricondurre tutto a un capriccio
passeggero, oppure reagiscono assestando uno sculaccione «educativo» o attaccando con
bruschi
rimproveri.
L’autrice, psicologa e psicoterapeuta, avvalendosi di storie comuni, in cui ciascuno si può
riconoscere e confrontare, opera un’attenta analisi in due direzioni: da un lato indaga le cause di
questi comportamenti problematici e i disagi che possono averli originati, dall’altro fornisce
all’adulto utili suggerimenti per compiere le scelte più opportune e guidarlo verso la soluzione del
problema.
Contenuti
- La relazione emotiva
- Una storia come tante: la piccola Martina
- Michele, un terribile bugiardo
- La violenza emotiva: la storia di Luca
- Il mio bambino vomita tutte le mattine e non vuole andare a scuola: la storia di Paolo
- Andrea balbetta ed è geloso della sorella
- «Lo faccio per il tuo bene»: la storia di Cinzia
- Anche la trascuratezza è maltrattamento: la storia di Silvia
- La violenza nella scuola: la storia di Michela
- Marta, la piccola guerriera
- Alberto: un adolescente difficile?
- La dolorosa ricerca delle proprie origini per un bambinoadottato: la storia di Giorgio
Mauro Ossola et al.
Mio figlio ha le ali
Storie di quotidiana disabilità
Titolo
Mio figlio ha le ali
Storie di quotidiana disabilità
Autore
Mauro Ossola et al.
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 13
Editore
Erickson
In sintesi
Cosa possono raccontare delle storie di quotidiana disabilità? Dipende da cosa ci si aspetta di
trovare. Solo lacrime, disperazione o rassegnazione? No, non in questo libro.
Raccontano determinazione, rabbia, fede e forza indicibile; raccontano i sorrisi di bambini che non
sono sventure, di madri non dipinte in nero, di papà a volte un po’ strani, ma tutti uniti da un unico
«credo»: la diversità allontana solo al primo approccio. Dopo subentra il desiderio di conoscere quello che ha permesso all’uomo di arrivare fin sulla Luna - e a quel punto la disabilità affascina,
seduce, perché si scoprono differenze, accanto a somiglianze, in un miscuglio che si prova invano
a separare scoprendo poi, invece, che è perfetto così: come una gemma incastonata in una
roccia
che
riluce
il
doppio
proprio
grazie
al
contrasto.
Al volume è allegato un CD audio contenente la lettura del testo da parte degli attori della
compagnia
teatrale
«I
Guitti».
Formato: mp3 Durata: 6h 30’
Contenuti
Introduzione
- Claudia & family (Marina Cometto)
- Walter (Rossella Margherita Monaco)
- Lulu (Claudio Dardi)
- La storia di Diletta (Fabiana Gianni)
- Simone (Chiara Bonanno Madussi)
- Emanuele (Mauro Ossola)
- Abile, disabile, disabile grave: storia di Silvia e della sua famiglia (Giorgio Genta)
- Andy (Patrizia de Gregoriis)
Decalogo
Glossario e indirizzi utili
Loredana Petrone e Mario Troiano – Dalla violenza
virtuale alle nuove forme di bullismo
Titolo
Dalla violenza virtuale alle nuove forme di bullismo
Autore
Loredana Petrone e Mario Troiano
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 14
Editore
Magi
In sintesi
Dal fenomeno wrestling al comportamento violento, dai videogiochi alle condotte aggressive,
dalla violenza in Tv alle assurde emulazioni di fronte a cui, non di rado, rabbrividiamo tutti: esistono
similitudini tra quello che i giovani vedono sullo schermo e i loro comportamenti antisociali e
violenti?
Il fenomeno del bullismo purtroppo “sta al passo con i tempi”. Quali sono le sue nuove forme?
Come nasce il cyberbullo e in che cosa risiede la sua forza? Come si può prevenire il bullismo, chi
ne è responsabile e di chi è la colpa?
La lettura psicologica del fenomeno inizia in questo libro con il ritratto psico(pato)logico del bullo
per proseguire con quelli, non sempre edificanti, dei mass-media, della scuola e della famiglia. Gli
autori, facendo luce e le dovute distinzioni tra i concetti di aggressività violenza, fanno il punto
della situazione sui comportamenti patologici nella società dei giovani e si soffermano sulle
conseguenze di tali condotte. Ai danni fisici delle vittime si sommano traumi psichici
particolarmente gravi di cui non sono affatto esenti gli aggressori.
Nella ricca disamina delle modalità di prevenzione spicca un progetto educativo alla legalità, già
in via di attuazione, che coinvolge unanimemente studenti, insegnanti, genitori e i mass-media.
Lucio Cottini –
Il bambino con autismo in classe
Titolo
Il bambino con autismo in classe. Quattro parole chiave per l’integrazione
Autore
Lucio Cottini
Soggetto
Prevenzione e bes
Etichetta
Marrone 15 a
Marrone 15 b
Editore
Giunti
In sintesi
Attraverso l'analisi di tre casi di bambini con autismo, l'autore presenta alcune procedure
metodologiche finalizzate a favorire processi di integrazione a livello scolastico.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard