LG 01 SdS

annuncio pubblicitario
FORNACI CALCE GRIGOLIN SPA
sede legale via Bombardieri, 14
31010 Ponte della Priula (TV)
SCHEDA DI SICUREZZA
Aggiornata al 15/03/2010
1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA’
1.1 Identificazione del preparato
LG 01
Rasante per calcestruzzo di colore grigio
1.2 Utilizzo del prodotto
Il preparato, miscelato con acqua, viene impiegato in edilizia
1.3 Identificazione del produttore
FORNACI CALCE GRIGOLIN SPA
Sede Legale: via Bombardieri, 14 – 31010 Ponte della Priula (TV)
Telefono 0438.4461; Fax: 0438.445110; E-mail: [email protected]
1.4 Telefono di emergenza
Centro Antiveleni e informazione tossicologica di Pavia, telefono: 0382.24444, reperibilità sulle 24 ore.
2. IDENTIFICAZIONE DEL PERICOLO
Il prodotto in impasto con acqua produce una soluzione alcalina.
2.1 Caratterizzazione del pericolo
Xi: Irritante
R36/37/38: Irritante per gli occhi, per le vie respiratorie e per la pelle
R41: Rischio di lesioni oculari gravi
R43: Può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle
2.2 Principali vie di contatto
Inalazione:
SI
Contatto pelle e occhi:
SI
Ingestione:
NO, salvo accidentalità
2.3 Effetti sulla salute umana
-La polvere del prodotto è irritante per gli occhi, le vie respiratorie e le mucose. Può essere irritante per la pelle in caso di
prolungato contatto.
-Gli impasti del prodotto, a causa del pH elevato, possono provocare irritazioni della pelle quando il contatto è ripetuto o
esteso e lesioni/irritazioni agli occhi in caso di spruzzo.
-Polvere e impasto possono provocare sensibilizzazioni per la presenza di tracce di cromo VI in caso di contatti prolungati.
-In caso di ingestione significante, il prodotto può provocare ulcerazioni dell’apparato digerente.
2.4 Effetti sull’ambiente
Il prodotto e i suoi impasti non presentano rischi particolari per l’ambiente se vengono rispettate le raccomandazioni dei
paragrafi 6-8-12-13.
2.5 Ulteriori informazioni
Come descritto meglio di seguito, qualora necessario, il legante idraulico suo costituente viene additivato con uno specifico
agente riducente per mantenere il tenore di Cromo VI nei limiti prescritti dalla normativa.
3. COMPOSIZIONE/INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI
3.1 Composizione chimica
Prodotto inorganico costituito da una miscela di leganti idraulici, aggregato tradizionale (sabbia) e speciali additivi in
quantità poco significative.
3.2 Componenti che rappresentano un rischio per la salute
Componente
Concentrazione in peso
Classificazione
Legante idraulico
≥ 10%
Xi
Idrossido di Calcio
≤ 5%
Xi
Frasi di rischio
R36/37/38
R43
R41
4. MISURE Dl PRIMO SOCCORSO
4.1 Inalazione
In caso di inalazione prolungata delle polveri, in particolare se in ambienti confinati (chiusi), trasportare il soggetto all’aria
1
FORNACI CALCE GRIGOLIN SPA
sede legale via Bombardieri, 14
31010 Ponte della Priula (TV)
SCHEDA DI SICUREZZA
Aggiornata al 15/03/2010
aperta e consultare un medico.
4.2 Contatto con gli occhi
In caso di contatto con gli occhi, irrigarli immediatamente e abbondantemente con acqua fresca e consultare un medico.
4.3 Contatto cutaneo
In caso di contatto prolungato con la pelle, lavare con acqua e sapone e consultare un medico
4.4 Ingestione
In caso di ingestione accidentale rilevante lavare abbondantemente la cavità orale e consultare un medico.
5. MISURE ANTINCENDIO
5.1 Infiammabilità e limiti di infiammabilità
Il prodotto non è infiammabile, ne esplosivo e non facilita ne alimenta la combustione in essere.
5.2 Mezzi di estinzione e attrezzature antincendio
Possono essere utilizzati tutti i mezzi di estinzione a disposizione
5.3 Prodotti della combustione
Nessuno
6. MISURE IN CASO DI FUORIUSCITA ACCIDENTALE
6.1 Precauzioni individuali
Manipolare il prodotto con i DPI descritti in seguito, evitare per quanto possibile il contatto diretto.
6.2 Precauzioni ambientali
Evitare lo scarico nelle acque.
6.3 Metodi di pulizia
Aspirazione a secco delle polveri e loro trattamento a ciclo chiuso.
7. MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO
7.1 Manipolazione
Evitare operazioni che provochino la diffusione massiva di polvere.
Eventualmente usare idonei dispositivi di protezione individuale per le vie respiratorie.
In caso di miscelazione con acqua usare idonei dispositivi di protezione individuale per gli occhi e le mani e la cute in
genere
7.2 Immagazzinamento
Conservare fuori della portata dei bambini, lontano dagli acidi.
Conservare in luogo fresco ed asciutto in contenitori chiusi (sacchi o sili), in assenza di ventilazione, mantenendo integre
le confezioni; queste condizioni sono essenziali per il mantenimento delle caratteristiche tecniche del prodotto.
7.3 Efficacia dell’agente riducente
L’integrità delle confezioni ed il rispetto delle modalità di conservazione sono condizioni indispensabili per il mantenimento
dell’efficacia dell’agente riducente.
8. CONTROLLO DELL’ ESPOSIZIONE - PROTEZIONE INDIVIDUALE
8.1 Valori limite di esposizione
Negli impianti nei quali si manipola, trasporta, carica, scarica, immagazzina il prodotto, devono essere prese misure
precauzionali e provvedimenti di natura tecnica per il contenimento delle emissioni negli ambienti di lavoro entro il valore
3
3
limite di soglia calcolato nel tempo pari a 10 mg/m (frazione inspirabile) e a 3 mg/m (frazione respirabile). (TLV-TWA
fonte ACGIH)
8.2 Controllo dell’esposizione
Protezione respiratoria facciali filtranti e/o mascherina antipolvere adeguata (FFP2), UNI EN 149 o UNI EN 140
Protezione degli occhi: occhiali protettivi a maschera UNI EN 166
Protezione delle mani: guanti secondo norma UNI EN 374
Protezione della pelle: tuta da lavoro.
9. PROPRIETA’ FISICHE E CHIMICHE
9.1 Informazioni generali
Si tratta di materiale inorganico solido-polverulento ed inodore
9.2 Dati fisici
2
FORNACI CALCE GRIGOLIN SPA
sede legale via Bombardieri, 14
31010 Ponte della Priula (TV)
pH sospensione acquosa
Punto di ebollizione
Punto di infiammabilità
Proprietà esplosive
Proprietà comburenti
Pressione di vapore
Densità relativa
Idrosolubilità
Liposolubilità
SCHEDA DI SICUREZZA
Aggiornata al 15/03/2010
> 10
Non applicabile
Non applicabile
Nessuna
Nessuna
Non applicabile
3
1.550 Kg/m
Non solubile
Non solubile
10. STABILITA’ E REATTIVITA’
Il prodotto è stabile, se miscelato con acqua indurisce dando una massa stabile. L’integrità dell’imballaggio e il rispetto
delle condizioni di conservazione sono condizioni per il mantenimento dell’efficacia dell’agente riducente per il periodo di
durata indicato nella confezione.
10.1 Condizioni da evitare
Non esporre a sorgenti di umidità, temperature elevate e correnti d’aria
10.2 Materiali da evitare
Evitare il contatto con soluzioni acide che potrebbero dare reazioni esotermiche
10.3 Prodotti di decomposizione pericolosi
Nessuno
11. INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE
11.1 Effetti acuti
Con inalazione può provocare una irritazione delle vie respiratorie e delle mucose nasali
Con ingestioni può provocare ulcerazioni della bocca e dell’esofago
Per contatto con la pelle, se prolungato, può provocare irritazioni e scottature
Per contatto con gli occhi può provocare irritazione delle palpebre e della cornea.
11.2 Effetti cronici
Per inalazione prolungata e in concentrazione di polveri superiori ai limiti di esposizione professionale può provocare tosse
e difficoltà respiratorie.
Alcuni individui possono manifestare risposta allergica (dermatiti allergiche da contatto) in caso di contatto prolungato
11.3 Aggravio di condizioni sanitarie pregresse
Disturbi respiratori preesistenti anche gravi o disfunzioni respiratorie, patologie della pelle e degli occhi possono venir
aggravate da esposizione prolungata ad elevate concentrazioni.
12. INFORMAZIONI ECOLOGICHE
12.1 Ecotossicità
Prodotto non ritenuto pericoloso per l’ambiente; la dispersione di ingenti quantità in acqua può avere effetti dannosi a
causa del pH basico
12.2 Mobilità
Può diffondersi in atmosfera solo durante la manipolazione allo stato polverulento
12.3 Persistenza e degradabilità
Non attinente
12.4 Potenziale di bioaccumulo
Non attinente
12.5 Risultati della valutazione PBT
Non attinente
12.6 Altri effetti nocivi
Non attinente
13. CONSIDERAZIONI SULLO SMALTIMENTO
Il prodotto e il suo imballaggio destinati allo smaltimento devono essere gestiti secondo le prescrizioni contenute nel DLgs
152/2006, parte IV e relativi decreti attuativi e integrativi. Nessun rischio particolare per l’eventuale smaltimento
3
FORNACI CALCE GRIGOLIN SPA
sede legale via Bombardieri, 14
31010 Ponte della Priula (TV)
SCHEDA DI SICUREZZA
Aggiornata al 15/03/2010
14. INFORMAZIONI SUL TRASPORTO
Il prodotto non rientra in alcuna classe di pericolo relativamente alle norme che regolamentano il trasporto di merci
pericolose, non è quindi sottoposto ai relativi regolamenti modali ADR (su strada), IMDG (via mare), RID (su ferrovia),
ICAO/IATA (via aria). Durante il trasporto evitare la dispersione in atmosfera usando contenitori chiusi.
15. INFORMAZIONI SULLA REGOLAMENTAZIONE
15.1 Classificazione ed etichettatura secondo direttiva 1999/45/CE e regolamento 1272/2008/CE
Irritante
Simbolo di pericolo
Xi
Frasi di rischio
R36/37/38
R43
Irritante per gli occhi, per le vie respiratorie e la pelle
Può provocare sensibilizzazione per contatto
Consigli di prudenza
S2
S22
S24/25
S26
Conservare fuori dalla portata dei bambini
Non respirare le polveri
Evitare il contatto con la pelle e con gli occhi
In caso di contatto con gli occhi, sciacquare immediatamente e abbondantemente
con acqua e consultare un medico
Usare indumenti protettivi e guanti adatti e proteggersi gli occhi/la faccia
In caso di ingestione, consultare immediatamente un medico e mostrargli il
contenitore o l’etichetta
S36/37/39
S46
15.2 Contenuto di Cromo (VI)
Il DM 10 maggio 2004 impone il limite di 2 ppm di Cromo (VI) idrosolubile sul peso totale a secco del legante, il rispetto
della soglia viene assicurato attraverso un agente riducente la cui efficacia è in funzione di un dato periodo temporale e
delle corrette condizioni di conservazione del prodotto.
Ai sensi del citato DM 10/05/2004 e ai soli fini del mantenimento dell’efficacia dell’agente riducente, sulla confezione (o
DDT) si riportano: data di confezionamento, condizioni di conservazione (in appositi contenitori chiusi, in luogo fresco ed
asciutto ed in assenza di ventilazione, mantenendo l’integrità della confezione), il periodo di conservazione
15.3 Prescrizioni REACH
Secondo il regolamento REACH si tratta di un preparato e non di una sostanza, quindi non soggetto a registrazione, dove
pertinente è stato accertato che i singoli ingredienti siano stati oggetto delle procedure di registrazione.
16. ALTRE INFORMAZIONI
I dati e le informazioni contenuti nella presente scheda sono il risultato delle conoscenze disponibili alla data della
pubblicazione. La società non si assume alcuna responsabilità per danni a persone o cose che possono derivare da un
uso della sostanza diverso rispetto a quello per cui è stato destinato. La scheda non costituisce, ma integra, i testi o le
norme che regolano l’attività dell’utilizzatore. L’utilizzatore ha piena responsabilità per le precauzioni che sono necessarie
per l’uso che farà del prodotto.
Questa scheda tecnica redatta secondo quanto previsto dal Decreto del Ministero della Salute del 7 settembre 2002
“Recepimento della direttiva 2001/58/CE riguardante le modalità dell’informazione su sostanze e preparati pericolosi
immessi in commercio” - pubblicato nella Gazzetta Ufficiale italiana n. 252 del 26 ottobre 2002, aggiornato dal D.M. 12
dicembre 2002, è aggiornata con il regolamento 1907/2006/CE.
4
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard