villacidro – palestra scuola media via stazione

advertisement
VILLACIDRO – PALESTRA SCUOLA MEDIA VIA STAZIONE – SERRENTI -TEATRO COMUNALE
In coorganizzazione con i Comuni di Villacidro e Serrenti e la Provincia del Medio Campidano
L’Associazione Teatro Insieme con le Compagnie aderenti presenta la
6^ RASSEGNA TEATRALE DEL MEDIO CAMPIDANO
FILODRAMMATICA DI SANLURI in “Su bentu dorau” di Gigi Tatti
Storia ambientata ai giorni nostri nel paesino immaginario di Biddatrotta. Racconta le peripezie di Narcisu e Gemma
Seus, due fratelli alle prese con la difficile situazione testamentaria del defunto padre Generosu che ha voluto
ingarbugliare il godimento del suo patrimonio con lacci e clausole che porteranno i fratelli sull'orlo della disperazione...
La Filodrammatica di Sanluri, ormai nota nel territorio, opera stabilmente dal 2001 con lo scopo di studiare e
valorizzare il teatro in lingua sarda sopratutto campidanese rappresentando commedie di diversi autori...
COMPAGNIA SU STENTU SERRAMANNA in “Una bella idea” di Lionello Loddo
Una sera, nel Paese di Arrieddu, a Juanni Conca viene l’idea di fondare la Pro Loco.
Coinvolti alcuni amici nel progetto, organizzano una sagra paesana per far conoscere ai turisti il piccolo paese.
Controversie con l'Amministrazione comunale e imprevisti verificatisi nello svolgimento della sagra e la particolarità
dei personaggi, danno vita ad una commedia brillante e divertente.
Su stentu nasce nel 1999 ad opera di un gruppo di amici amanti del teatro e folklore sardo. Comincia così una lunga
attività con esibizioni e riconoscimenti agli attori e alla compagnia.
COMPAGNIA “MUREDDA” S. GAVINO M.LE in “Bella fiat s'andata e mellus sa torrada” di Antonio Contu
Commedia che ribadisce il pensiero che il mondo non è solo dei furbi...come Vittorio Littera che pensa a procurarsi
infortuni per poi lavorare in nero... ma nessun imprenditore lo vuole al lavoro lasciandolo in uns situazione
drammatica... neppure la partecipazione ad una trasmissione televisiva a premi gli porterà fortuna...
Una nuova opera della “Compagnia Muredda”, giovane compagnia di San Gavino che per il secondo anno partecipa
alla rassegna con molta volontà e amore per il teatro…
TEATRO MARMILLA USSARAMANNA in “Tziu Giuanni Cabua” di Ignazio Atzei
Farsa ambientata ad Acquabella, un piccolo immaginario centro della Marmilla dove la gente mormora... La storia si
snoda all'interno di una ricca famiglia dove ruotano personaggi inseriti in differenti ambienti culturali: Mariu, uomo
ancorato al mondo contadino e Riccarda sua moglie abituata alla città e a tutt' altri tenori di vita.. Personaggi in
contrapposizione e con molte incomprensioni...
Il Teatro Marmilla è ormai una realtà nel territorio e le sue commedie sono conosciute e apprezzate. Scopo della
compagnia è la divulgazione del teatro sardo caratterizzando in particolare la recitazione che si avvale di bravi attori di
diversi centri...
FILODRAMMATICA GUSPINESE in “Su traballu in sa mena” di Raimondo Meloni
Il lavoro di uomini, donne e bambini nella miniera non può essere cancellato dalla memoria della nostra gente.
Appartiene alla nostra identità di persone capaci di affrontare le fatiche di una vita e di un lavoro duro e logorante,
vissuto con orgoglio e dignità. Quella dignità mai persa nonostante tutto… E l’impegno della Filodrammatica in questa
opera non è facile: rievocare sulla scena e far rivivere agli spettatori uno squarcio di vita della miniera attraverso la
testimonianza delle lavoratrici e dei lavoratori che realmente vissero quell’esperienza... Vita quotidiana delle cernitrici
che lavoravano otto, dieci ore al giorno in “un mondo in cui nessuno osava sorridere”, con le mani avvolte negli stracci
per difendersi dalle infezioni e con i piedi nudi tra la polvere e l’acqua... Vita quotidiana dei bambini, schiavi, traditi da
una vita di disperazione e sfruttamento, che lavoravano anche dieci ore al giorno... Vita quotidiana degli uomini,
spogliati anche della loro dignità oltre che degli abiti, costretti a lavorare nudi nelle viscere della terra…
La Filodrammatica Guspinese è ormai conosciuta al grosso pubblico. Costituitasi stabilmente negli anni sessanta porta
in scena i più noti lavori di Altea. Organizzatrice del Dicembre Teatrale Guspinese questo gruppo continua l’attività
sempre al servizio della gente e teso all’affermazione dei valori più autentici del nostro teatro.
GRUPPO TEATRALE “SU FAZZONI” ARBUS in “Certus in famiglia” di Gigi Tatti
Sono passati tanti anni ma il cabaret proposto da Su Fazzoni resta sempre originale e inimitabile… e come al solito
strettamente “in limba”, motivazioni che erano e sono sempre presenti: conservazione della lingua e cultura sarda in
particolare tra le nuove generazioni… divertirsi divertendo, denuncia a volte ridanciana e sarcastica ma sempre
pungente delle problematiche del loro paese.
La commedia presentata esce fuori dai soliti canoni del Teatro Etnico Sardo, è infatti un testo comico come tutti quelli
che il gruppo ha sempre portato in scena, ma questa volta con un’innovazione narrativa moderna , con sviluppi della
trama che daranno modo agli spettatori “de si spàssiai de si gosai diaderus” il Teatro Etnico Sardo dei nostri tempi. Il
testo di Gigi Tatti entra in punta di “Crapittas Grussas” all’interno di mura familiari che invece all’esterno danno
apparenze diverse.
Il tutto è assemblato con la solita sagaccia farsesca ridanciana e “FAZZONESCA” del Gruppo Arburese. Po finì in
allirghia: SI TI BOLIS SPASSIAI, DEPIS BENI A SI CASTIAI!
Scarica