Introduzione allo studio delle funzioni cerebrali con Risonanza

annuncio pubblicitario
Risonanza Magnetica Funzionale per Immagini
fMRI
Introduzione allo studio delle funzioni cerebrali
con Risonanza Magnetica per Immagini
fMRI
Lo studio delle funzioni cerebrali con il sistema di Risonanza
Magnetica sfrutta le capacità di localizzazione spaziale degli
scanner MR e rileva le variazioni del flusso, del volume e della
ossigenazione del sangue in seguito ad una attivazione neurale
Sfutta (in genere) quello che viene definito l’effetto
BOLD
(Blood Oxygenation Level Dependent)
Nicola Vanello
[email protected]
Centro Interdipartimentale “E. Piaggio”,
Facoltà di Ingegneria, Pisa
fMRI nella Ricerca e nella Pratica Clinica
fMRI: functional Magnetic Resonance Imaging
Le applicazioni della fMRI vanno dalle neuroscienze di base alla pratica
clinica, come nel caso del planning prechirurgico o allo studio del recupero
delle funzioni cerebrali dopo una lesione
Ossiemoglobina : diamagnetica
Planning prechirurgico
Deosseemoglobina : paramagnetica
Riposo
Neuroscienze di Base:
studio delle funzioni sensori/motorie
cognitive
Psichiatria
Effetto BOLD : Blood Oxygenation Level Dependent
emoglobina è un mezzo di contrasto endogeno
Blood Flow
i.e. Fobia sociale
Attivazione
Hemoglobin
Oxygen
Differenti Proprietà Magnetiche
=
Differente Intensità del Segnale MR
Flusso Ematico Cerebrale (CBF) Ç Ç Ç
= Hb
Consumo di Ossigeno Cerebrale
(CMRO2)Ç
= HbO2
Aumento netto nel contenuto di
Ossiemoglobina
Ogawa, S. et al. (1992) Proc. Natl. Acad.
Sci. 89: 5951–5955
1
Acquisizione immagini funzionali
Caratteristiche temporali del segnale BOLD
Aumento del flusso sanguigno locale
Aumento concentrazione ossiemoglobina
t
Serie temporali di immagini pesate T2*
Attività neurale
Recupero 8-20 sec
dalla cessazione dello
stimolo
(6-9 sec)
Depressione iniziale
(carico metabolico)
Undershoot dovuto al recupero della
condizione basale (ritorno del CBV a
valori di riposo) e al valore ancora
elevato del consumo di ossigeno
Disegno Sperimentale
Serie temporale associata ad un elemento
volumetrico (voxel)
Utilizzo di sequenze Gradient Echo Echo
Planari (GE-EPI)
Il segnale fMRI non offre una misura assoluta dell’attivazione,
ma solo delle variazioni.
Per questo negli esperimenti fMRI vengono utilizzati almeno due tipi di stimoli in
modo da evocare due risposte neurali.
Acquisizione immagini funzionali
Necessità di avere più misure nei diversi stati:
stima della variazione
distinzione dal rumore
Misure
Il compito viene alternato a periodi di riposo ogni 15 secondi.
Distribuzione delle misure
Stimolo
Durata totale di ogni “run”: 5 minuti
Compito motorio: movimento delle dita
Compito tattile: stimolazione dei polpastrelli con materiali a diverse
caratteristiche
2
Rappresentazione Risultati su Mappe Anatomiche
Correlazione
L’andamento temporale di ogni
voxel viene studiato separatamente
y(t)
Serie Temporale
t
Si può stimare per ogni voxel il coefficiente di correlazione tra la serie
misurata y(t)
e una descrizione del compito, o funzione di riferimento
Onda quadra o derivata da un modello della risposta emodinamica
r(t)
∑ ( y (t ) − y (t ))(r (t ) − r (t ) )
ρ=
t
∑ ( y (t ) − y (t ) ) ∑ (r (t ) − r (t ))
2
t
2
t
Modelli lineari
Modello di regressione
I metodi di analisi classici si basano su un modello lineare per la generazione dei
dati a partire dal paradigma temporale del compito fatto svolgere al soggetto
x(t)
HRF: Hemodynamic
Response Function
y(t)
t
h(t ) = kt 8.60e − t / 0.547
Risposta Attesa
Paradigma Temporale
Segnale BOLD
y(t)
x(t)
ε (t)
serie acquisita
risposta attesa
errore, gaussiano
y(t ) = c + θ x(t ) + ε (t )
θ è il coefficiente della regressione, il parametro d interesse
Inferenza classica basata sull’ipotesi di distribuzione del rumore
3
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard