Se il primo maggio è come un rock

annuncio pubblicitario
Se il primo maggio è come un rock
- Luca Pakarov, 01.05.2016
Canzoni di giornata. Tanti i brani diventati simbolo della voglia di riscatto o dell’alienazione, come
«Working class hero» di John Lennon, scritta contro l ’America classista e repressiva, «Maggie’s
farm» di Bob Dylan, accusa al razzismo e alla violenza del padrone. Mentre il Teatro degli Orrori
spiega perché «Lavorare stanca»
Che la musica cambi in questo Paese sembra difficile. Eppure siamo fondati sul lavoro e gli ipotetici
diritti dell’uomo. La giornata dedicata ai lavoratori è diventata quella in cui il pensiero va a chi il
lavoro non ce l’ha: alle donne, ai ragazzi che fanno parte di quel 38% di giovani disoccupati italiani
che innalzano la media europea del 22%. Ma anche i giorni di festa e di concerti rischiano di perdere
il valore semantico, restando vuoti momenti di aggregazione se non supportati dall’impegno politico
della musica e dalla libertà di comunicarlo da un palco. Senza considerare che, nella pletora dei
diritti da rivendicare e visti i ricavi dello streaming, la musica è (anche) lavoro.
Sono tante le canzoni che sono diventate simbolo della voglia di riscatto o dell’alienazione che alcuni
lavori e la società producono. Una delle più coverizzate è sicuramente Working Class Hero di John
Lennon, brano del 1970 con cui si sono cimentati tra gli altri Noir Désir, Green Day e Ozzy Osbourne.
Lennon sperava diventasse un inno dei lavoratori nel contesto dell’America classista e repressiva. Il
brano descrive la logica individualista del liberalismo americano che si potrebbe sintetizzare nella
strofa: «C’è spazio in cima, ti dicono, ma prima impara a sorridere mentre uccidi». La canzone,
ovviamente, venne censurata e bandita dalle radio per la criminosa parola fuck.
Pay Me My Money Down era invece un canto degli afroamericani che venivano sfruttati nei porti
della Georgia, lavoratori che chiedevano di essere pagati ricevendo in cambio sprangate dal capitano.
Bruce Springsteen ne fece un singolo per anticipare l’album We Shall Overcome: The Seeger
Sessions. Il testo viene fatto risalire a fine ‘800 e il rock è solo una delle tante forme con cui lo
spirito di quei lavoratori si è trasfigurato. Una ventina d’anni prima, in Factory (1978), sempre il
Boss aveva raccontato suo padre che lavorava in fabbrica, descrivendola come il luogo che gli
permetteva di sopravvivere ma in cambio della salute e della vita. La ripetitività dei gesti
dell’operaio è la metafora della staticità sociale di cui un lavoratore è vittima: «Gli uomini escono dai
cancelli con la morte negli occhi». Con un blues Bob Dylan ha raccontato lo sfruttamento delle
fattorie in Maggie’s Farm: «È una vergogna il modo in cui lei mi fa lustrare il pavimento. Non
lavorerò più alla fattoria di Maggie», ma che in molti hanno attribuito alla sua polemica con il
movimento folk, specialmente dopo l’esecuzione in versione rock che fece al Newport folk festival.
Sia come sia, il testo è una limpida accusa al razzismo e alla violenza del padrone. «Odio l’esercito e
odio le R.A.F. Non voglio combattere nel caldo tropicale. Odio le regole del servizio civile. E non
aprirò lettere esplosive al posto vostro», è una strofa di Caarer Opportunities dei Clash, band che
denunciò la mancanza di lavoro nell’Inghilterra degli anni settanta. Per i Clash il punk non era mai
stato solo una partita fra Libertà vs Omologazione ma uno strumento politico schierato dal lato dei
movimenti rivoluzionari (basti ricordare l’album Sandinista!), con i suoi eccessi, come quando Joe
Strummer si presentò sul palco del Rock Against the Racism con la t-shirt Brigade Rosse. Ma
includiamo anche Van Morrison con Cleaning Windows o i Ramones con It’s Not My Place (In The 9
To 5 World). Per restare in tema di star, anche chi le mani non se l’è sporcate nemmeno per caso,
come i poco impegnati Rolling Stones che hanno omaggiato con Salt of The Earth i lavoratori: «Un
brindisi per la gente che si ammazza di lavoro. Un brindisi per i poveri fin dalla nascita».
Sul versante italiano il cantautorato ha dato tantissimo così come i rocker. I Gang hanno fatto delle
battaglie e delle canzoni rivoluzionarie un marchio, il loro Kowalski (dalla canzone omonima) è un
personaggio inventato e idealista che si scontra alle porte di Mirafiori con il sindacato. Memorabile
fu la seconda edizione del Primo Maggio a Roma nel ’91 dove, invitati, fecero un proclama in favore
dello sciopero generale per poi cantare Socialdemocrazia (con il ritornello «Terra di eroi e santi
senza peccato, di mafia P2 e stragi di stato, il futuro l’hanno già consegnato»), sfuggendo alla
scaletta concordata con i funzionari Rai che, al lato del palco, tentarono di fermare l’esibizione. Nei
99 Posse ogni album è zeppo di riferimenti al loro attivismo, due brani in particolare richiamano le
condizioni del lavoro: La Paranza di San Precario o Salario Garantito. Aggiungiamo Tammuriata Del
Lavoro Nero con i Bisca. Paranoia e Potere è il secondo disco dei Punkreas, gruppo punk rock
sempre vicino agli operai: «Fai fruttare i tuoi talenti non creare malcontenti. E non scioperare, devi
lavorare. E non scioperare se vuoi lavorare!» si dice su Venduto (32).
Dalle lotte si passa alla disillusione e alla crisi dell’individuo con Io Sto Bene dei CCCP, Lavorare
Stanca de Il Teatro degli Orrori e Primo Maggio dei Marlene Kuntz. Insomma, il Primo Maggio
potrebbe essere rock, volendo.
© 2017 IL NUOVO MANIFESTO SOCIETÀ COOP. EDITRICE
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard