ECO 307 Sintesi IT C..

annuncio pubblicitario
Comitato economico e sociale europeo
ECO/307
Rilanciare la crescita
Bruxelles, 14 febbraio 2012
Nota d'informazione
(478a sessione plenaria)
Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema Crescita e debito pubblico nell'UE: due
proposte innovative
PARERE: CESE 14/2012 fin
1.
Procedura
Base giuridica:
art. 29, par. 2, del Regolamento interno
Decisione dell'assemblea
plenaria:
14 luglio 2011
Organo competente:
sezione specializzata Unione economica e monetaria, coesione
economica e sociale
Presidente della sezione:
SMYTH (UK-III)
Organizzazione dei lavori della
sezione:
1° settembre 2011
Gruppo di studio
Rilanciare la crescita
Presidente:
ALMEIDA FREIRE (PT-I) (art. 62 - BARROS VALE)
Relatore:
CEDRONE (IT-II)
Membri:
Dorthe ANDERSEN (DK-I)
COLDRICK (UK-II)
CROUGHAN (IE-I)
CHWILUK (PL-II)
DANTIN (FR-II)
DELAPINA (AT-II)
DOMONKOS (SK-III)
EGAN (IE-III)
FRERICHS (DE-I)
HANSEN (DK-II)
KOMOROWSKI (PL-I)
NICOSEVICI (RO-III)
O'RIORDAN (IE-II)
PATER (PL-III)
RAUNEMAA (FI-III) (art. 62 - METZLER)
ROUSSENOVA (BG-I)
SARTORIUS (ES-I)
TRIAS PINTÓ (ES-III)
VARDAKASTANIS (EL-III)
PARERE ADOTTATO dalla sezione specializzata il 2 febbraio 2012 con 45 voti favorevoli,
3 contrari e 12 astensioni.
ECO/307 - CESE 1338/2011 fin EN-PIN/Cel/cl/SAB/pp
Rue Belliard/Belliardstraat 99 — 1040 Bruxelles/Brussel — BELGIQUE/BELGIË
Tel. +32 25469011 — Fax +32 25134893 — Internet: http://www.eesc.europa.eu
.../...
IT
-2Esperto
Stuart HOLLAND (per il relatore)
2.
Contesto del parere d'iniziativa
L'UE, in questa fase, è impegnata solo simbolicamente a rilanciare la crescita. Sia la strategia
Europa 2020 che gli altri provvedimenti presentati di recente sono affidati alla buona volontà ed alla
risposta dei singoli Stati membri, mentre la CE ha solo un ruolo di coordinamento. Nonostante si sia
registrato un certo progresso verso la governance europea ed il controllo del debito sovrano, le misure
adottate sono solo parziali ed insufficienti. Inoltre, i provvedimenti per il controllo (giusto) del debito
sono comuni, obbligatori, pesanti ed essenzialmente "punitivi", mentre quelli per la crescita restano in
mano ai singoli Stati, sono "volontari" e spesso impossibili da realizzare per molti paesi.
Nel frattempo la crisi, da finanziaria ed economica, si è trasformata in crisi del debito sovrano a causa
della speculazione quotidiana nei confronti dell'euro, una speculazione che ha cambiato obiettivo e
punta sul debito di alcuni Stati europei. Questo solo perché gli strumenti economici e politici a difesa
dell'euro sono parziali e del tutto insufficienti e, fino ad un anno fa, addirittura inesistenti. Sono le
contraddizioni derivanti da una politica monetaria unica rispetto a 17 politiche del debito, 17 politiche
di bilancio, 17 (anzi 27) politiche economiche ed industriali e a tante voci, spesso contraddittorie, che
parlano e offrono ricette per risolvere la crisi. Bisogna perciò impegnarsi affinché lo sforzo, compiuto
ultimamente dall'UE, si rafforzi e continui.
Sulla base di quanto già discusso è dunque opportuno elaborare alcune proposte per supportare ed
incoraggiare la Commissione ed il Consiglio a proseguire gli sforzi in modo da evitare imbarbarimenti
ed ingiustizie. Tali proposte includono:
a)
b)
3.
mettere sotto controllo il debito sovrano, per giungere progressivamente a gestirlo con una
logica comune, europea. Ovviamente senza che ciò significhi spostarlo da un paese all'altro,
ma individuare un sistema comune per arginare la speculazione sul debito ed evitare costi
proibitivi per i paesi più indebitati, che finiscono così con l'essere penalizzati doppiamente,
favorire la crescita e la ripresa in tutti paesi, attraverso un vero e proprio programma di
investimenti eco-sociali, ispirati ad un nuovo New Deal europeo; un'azione combinata tra UE,
BCE e BEI (lancio di "prestiti per gli investimenti") che potrebbero aiutare i paesi più deboli,
oltre ai paesi ricchi, a ridurre il debito. I paesi infatti non andrebbero puniti, ma incentivati a
ridurre il debito ed a crescere, mentre col sistema attuale (compreso il patto Euro plus)
avviene il contrario.
Sintesi del parere del Comitato
Il CESE ritiene che il problema principale dell'euro sia anzitutto un problema politico prima che
economico. Infatti la credibilità dell'euro è stata indebolita in quanto le agenzie di rating hanno perso
fiducia nella capacità dei governi di agire in modo deciso per evitare il default (incapacità di
rimborsare i debiti) degli Stati membri fortemente indebitati. Risposte recenti quali la proposta della
Commissione relativa agli stability bond (obbligazioni di stabilità) affrontano soltanto il tema della
stabilità e non quello della crescita, mentre il progetto di Trattato del Consiglio in materia di
coordinamento e governance soffre di un ampio "deficit democratico" in quanto scavalca il
Parlamento europeo e altre istituzioni dell'Unione.
Il CESE ritiene inoltre che la strada per uscire dalla crisi, una crisi sistemica dell'Eurozona, non passi
attraverso il ritorno agli egoismi nazionali o la riduzione dei diritti, ma piuttosto attraverso un cambio
ECO/307 - CESE 1338/2011 fin EN-PIN/Cel/cl/SAB/pp
.../...
-3delle politiche economiche, il rilancio della competitività, il consolidamento dell'equità, della
solidarietà e della coesione.
In particolare, per stimolare rapidamente la crescita è necessario avviare un piano di ripresa
economica, sociale e culturale, una specie di "nuovo patto europeo", paragonabile al New Deal
americano, per consentire agli Stati membri di avere uno sviluppo solido e sostenibile basato su
competitività, produttività, occupazione, benessere, prosperità e, soprattutto, consenso democratico.
Ciò creerebbe anche le condizioni per realizzare un'effettiva governance economica e fiscale comune.
Il CESE propone pertanto l'introduzione di due tipi, complementari ma distinti, di obbligazioni (bond)
dell'Unione europea: gli Union bond per la stabilizzazione del debito e gli Eurobond, da utilizzare per
la ripresa e la crescita. IL CESE raccomanda inoltre di finanziare, con una quota del flusso netto degli
Eurobond, un fondo europeo di capitali di rischio, che era uno degli obiettivi originari del Fondo
europeo per gli investimenti (FEI).
Union bond - Il debito nazionale, convertito, anche progressivamente, fino a una quota pari al 60 %
del PIL in Union bond, potrebbe essere detenuto in un conto di debito consolidato, ma non negoziato.
Non essendo oggetto di negoziazioni, queste obbligazioni sarebbero poste al riparo dalle manovre
speculative legate ai giudizi delle agenzie di valutazione del credito (rating). Tuttavia, essi non
renderebbero necessario alcun trasferimento fiscale. Gli Stati membri il cui debito è detenuto in Union
bond si assumerebbero il servizio della loro quota di debito convertito in obbligazioni dell'Unione.
Per raggiungere questo obiettivo il Patto di stabilità e crescita non dovrebbe essere riveduto, mentre
crescerebbe la sua credibilità, oggi assai scarsa presso i mercati e gli elettori, dato che si
raggiungerebbe l'obiettivo della stabilità senza il ricorso a misure di austerità. Inoltre, la conversione
di una quota rilevante (fino al 60 %) del debito degli Stati in debito dell'Unione potrebbe essere
realizzata attraverso una procedura di "cooperazione rafforzata". Gli Stati membri che lo preferissero
potrebbero mantenere le proprie obbligazioni.
A differenza degli Union bond, gli Eurobond, emessi per finanziare la ripresa e la crescita, sarebbero
negoziati e potrebbero così attirare fondi verso l'Unione europea. Nel settembre 2011 i paesi BRICS
(Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) hanno riconfermato il loro interesse a detenere riserve in
euro per contribuire a stabilizzare l'Eurozona. Farlo mediante gli Eurobond anziché con le
obbligazioni di Stato nazionali potrebbe rafforzare l'euro quale valuta di riserva mondiale e aiutare le
economie emergenti a realizzare la loro ambizione di dar vita a un sistema globale di riserve valutarie
più pluralista.
Una crescita finanziata dalle obbligazioni e guidata dagli investimenti nell'ambito del mandato in
materia di convergenza e coesione affidato al gruppo BEI sin dal Programma d'azione speciale di
Amsterdam del 1997 potrebbe raggiungere il livello macroeconomico di trasferimenti fiscali.
La coesione sarebbe incrementata – Gli Eurobond potrebbero cofinanziare i progetti di investimento
della BEI, per i quali quest'ultima ha già ricevuto mandato sin dal 1997 di promuovere la coesione e la
convergenza nei seguenti settori: sanità, educazione, rinnovamento urbano, ambiente, tecnologie
"verdi" e supporto alle piccole e medie imprese e alle start-up nel settore delle nuove tecnologie.
La competitività sarebbe migliorata, prevedendo che una parte dei flussi di capitali raccolti tramite
l'emissione di Eurobond vada a finanziare un fondo di "venture capital" per le piccole e medie
imprese che potrebbe rendere possibile una Mittelstandspolitik europea, che era una delle finalità del
Fondo europeo per gli investimenti, ora confluito nel gruppo BEI.
_____________
ECO/307 - CESE 1338/2011 fin EN-PIN/Cel/cl/SAB/pp
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

Verifica

2 Carte

creare flashcard