Il luogo dei sensi - Blogteatroescuola

annuncio pubblicitario
MAT+S.15 - "Qui con me"
SENTO, PROVO, PERCEPISCO, IMPARO ...
morbido viaggio esplorativo senza scarpe,
per allenarsi al tempo del racconto
Il sole che scalda il viso, un fiore che sfiora la pelle, un tenero abbraccio, un
bagno caldo e profumato, un buon pranzo, il tepore sotto le coperte la domenica
mattina, il vento che scompiglia i capelli... sono piacevoli esperienze per i sensi e
le emozioni che trasformano piccoli momenti della quotidianità in occasioni per
star bene.
Alle volte dimentichiamo di farci caso, dimentichiamo di aggiungere tenerezza e
attenzione a questi atti comuni che ci tengono costantemente legati al mondo:
guardare, ascoltare, toccare, gustare, annusare... Eppure come cambia tutto se ci
prendiamo il tempo per farlo.
Allenarci insieme ai bambini a rendere preziosa questa attenzione, in un
percorso protetto e giocoso creato apposta per questo evento, ci avvicina a
comprendere l'importanza dell'ascolto reciproco, che per noi è un vero e proprio
"strumento", indispensabile per la riuscita di un racconto come quello che vi
coinvolgerà a fine anno...
All’inizio della vita l’esperienza dei sensi è percepita emotivamente in modo
intenso e profondo, proprio perché, nel neonato, tra la percezione sensoriale del
mondo esterno e il sentire interiore la corrispondenza è totale.
Il legame tra sensi, emozioni e apprendimento è infatti un rapporto di
interdipendenza: senza gli uni gli altri non potrebbero funzionare.
E' poi intorno ai 5-6 anni che il bambino inizia a maturare una modalità
percettiva analitica e sintetica, così può costruirsi un suo mondo di
rappresentazioni complesso, coerente e significativo, che si differenzia sempre
più dalla percezione globale della prima infanzia.
Grazie a questo tipo di percezione, infatti, i dati sensoriali giunti al cervello sono
organizzati ed elaborati in maniera diversa e il bambino può iniziare ad
attribuire loro un significato differente.
Nutrire i sensi quindi arricchisce sempre il mondo emotivo, stimola l’intelligenza
e facilita nuovi apprendimenti, perché incide fortemente anche sul processo di
conoscenza, rendendo possibile l’attivazione di specifici meccanismi di memoria.
Ed è qui che si innesta l'esperienza del nostro viaggio esplorativo.
Ciascuno di voi, adulto o bambino, pur vivendo un'esperienza simile, percepirà
quell'esperienza collettiva in modo personale e unico.
Una tappa importante per seguire l'esplorazione di quest'anno, che vorrà uno
accanto all'altro i piccoli attori e il loro pubblico, ognuno con i propri pensieri e
le proprie emozioni, a camminare insieme nella creazione del racconto teatrale.
il luogo dei sensi
I sensi umani sono sette. Quelli che ci permettono d’interagire con l’ambiente che ci
circonda sono 5 e si distinguono in base al tipo di stimolo che captano: il gusto e
l’olfatto ricevono stimoli chimici, l’udito e il tatto sono sensibili a stimoli meccanici, la
vista cattura energia luminosa.
Poi ci sono la cinestesi e l’equilibrio che registrano stati interni del nostro corpo.
Ma torniamo ai 5 sensi che ci collegano al mondo esterno.
Ogni senso ha il suo ‘luogo’, cioè un organo di senso deputato alla ricezione degli
stimoli, alla loro trasformazione in impulsi nervosi e infine alla trasmissione al sistema
nervoso centrale.
Ricezione. Trasformazione. Trasmissione.
Individuiamo i luoghi dei sensi che ci guideranno in questo viaggio.
Il luogo dell’olfatto è formato dall’epitelio olfattivo che si trova nella cavità nasale. E' il
più arcaico e primitivo dei nostri sensi ed è specializzato nel riconoscere gli odori e
sono le sue stesse cellule a trasmettere direttamente l’informazione al sistema nervoso
centrale.
Le percezioni olfattive hanno sempre un grande impatto a livello emotivo ed hanno un
potere evocativo molto alto.
Il luogo del tatto è epidermide, sulla quale sono presenti meccanocettori sensibili alla
pressione e al dolore. Sulla pelle vi sono anche recettori termici sensibili al caldo e al
freddo.
il luogo dell’udito è l’orecchio, formato dall’orecchio esterno (padiglione auricolare e
dal condotto uditivo), orecchio medio e orecchio interno. La membrana timpanica
separa orecchio esterno da quello medio dove si trova la catena degli ossicini
(martello, incudine e staffa). Questi, dopo che il martello ha percosso la membrana
timpanìca, trasmettono I suono alla finestra ovale attraverso cui si accede all’orecchio
interno. Nell’orecchio interno la coclea ospita i recettori sensibili della membrana
basilare che sono attivati dai movimenti del fluido dell’orecchio e mettono in funzione
il nervo uditivo. L'orecchio interno è anche il luogo dell'equilibrio
Il luogo del gusto non sarà qui esplorato e per quanto riguarda la vista, vi verrà
proposto di "metterla a riposo", per acuire la recezione degli altri sensi.
tratto da "Coccole - giochi per nutrire i sensi e le emozioni" di Arianna Sedioli e Fulvia
Pietrapertosa, ed. La Meridiana - Partenze, 2010
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard