Il bambino con ritardo mentale

annuncio pubblicitario
Università Milano Bicocca – Facoltà di Scienze della Formazione
!
"
Anno 2006/07
1
Come apprende il bambino con RM?
RM non è un semplice rallentamento dello sviluppo
cognitivo, ma piuttosto un disturbo qualitativo dello stesso
• il bambino si sviluppa con ritmi diversi (“eterocromia” Zazzo)
• ha rigidità del pensiero: difficoltà nell’apprendere le strategie di
risoluzione, apprendimento caratterizzato da lentezza, latenza,
discontinuità
• ha difficoltà di utilizzo del linguaggio come strumento del
pensiero e come regolatore del comportamento
• presenta fragilità delle acquisizioni
2
!
!
"
#
!
$
!
!
!
#"
!
$
!
"
"
&
"
&
&
# %
!
"
&
&
!
#
#
&
& # '"
!
"
!
%!
#'
!!
"
#
!
!
$
(%
"
%
)(
3
E’ una disabilità caratterizzata da prestazioni
intellettive significativamente inferiori alla media
(QI inferiore a 70) associate con deficit o
inadeguatezza del comportamento adattivo che si
manifestano prima dei 18 anni
•
•
•
•
RM profondo
RM grave
RM medio
RM lieve
QI < 20-50
QI da 20-50 a 35-40
QI da 35-50 a 50-55
QI da 50-55 a 70
4
CAUSE
Fattori biologici (lo studio dei fattori biologici serve per approntare strumenti di
prevenzione, ma serve poco a capire il bambino perché non c’è sempre parallelismo
tra entità della lesione e grado di disabilità del bambino)
• Cause genetiche – patologie cromosomiche: sindrome di Down,
sindrome X Fragile
- malattie neurometaboliche
• Cause acquisite – prenatali (es.: grave prematurità, infezioni della madre)
– neonatali (es.: parti patologici, asfissia del neonato)
- postnatali (es:: encefaliti, trauma cranici)
Fattori sociali ( gravi carenze socio-ambientali possono produrre situazioni di RM, anche
se più frequentemente producono disturbi dell’apprendimento di altro tipo)
Fattori affettivo –relazionali ( gravi disturbi relazionali producono un disturbo del
funzionamento intellettivo. Il bambino con RM ha per definizione un disturbo di interazione
ambientale; può inoltre presentare, associati al RM, gravi disturbi psicologici)
..
5
In sintesi possiamo dire che se nel RM la
causa è spesso ignota, comunque vanno
sempre analizzati fattori biologici,
affettivi e sociali, in modo integrato, per
comprendere il bambino, il suo disturbo,
il suo problema esistenziale
6
Quali aspettative avere?
Molti sono i fattori che interferiscono:
• Quoziente intellettivo
• Memoria
• Attenzione
• Fattori evolutivi
• Fattori linguistici
• Fattori interattivi - sociali
7
Quali obiettivi avere?
I più significativi:
• Ridurre il rischio di patologia relazionale
• Ridurre la sotto-utilizzazione sociale (se gli apprendimenti
scolastici sono poco raggiungibili, puntare su autonomie
personali e sociali)
• Aumentare la consapevolezza del bambino rispetto alle
proprie capacità e difficoltà
• Aiutare il bambino a usare meglio le competenze acquisite
• Essere di supporto alla famiglia (ascolto, comprensione,
valorizzazione delle parti sane del bambino …)
8
Quali le caratteristiche dell’intervento?
•
•
•
•
•
Lavoro fondato su aspettative realistiche
Lavoro integrato tra scuola, famiglia, specialisti
Lavoro psicologico rivolto a tutti gli interlocutori
Programmazione costante e sistematica
Lavoro che considera la globalità del bambino e
delle sue interrelazioni non segmentato in
interventi “riparativi” scollegati
9
%
&%
!
%
%
!
%
%
$
'
!
!
!
!
!
(
#
)
!
!
*
$!
*+"
P. Bosio
&%
"
,
!
-
!
"
!
!
"
!
!
!
.
/
.
0 .
$
.
P.Bosio
"
&
1
)*
!
12331+
67 689:9
*1
!
!
) 12331+
4
5 &
; 86<::=89683 >86<::[email protected]
1
5
!
"!
"
*1
A
*1
3
66 3 > +
6=898<:
9=88
B
)*
B
5
+
);
! C6
86:==9=98:
9=
" * ?:=
6688
999 6989?A
5"
+
*
.
*
*
*
.
.
)DD
.
D
+,-
. /. 0 /
1
12
Bibliografia
• Maud Mannoni Il bambino ritardato e la madre
ed.Boringhieri, TO 1976
• I.Menegoi Buzzi (a cura di) L’handicap a scuola.
Casistiche e indicazioni metodologiche. IrrsaeLombardia, Collana Aeffe,1995
• C.Ricci (a cura di) Manuale per l’integrazione
scolastica.I principi, le competenze, la “buona pratica”. Fabbri
Editori, 2001
13
Scarica