Omelia in occasione della Giornata internazionale della Pace

annuncio pubblicitario
Cattedrale di Pistoia
Domenica 29,11,2009
OMELIA
“Cristo è la nostra pace”
Eccellenza
Autorità
Carissimi Fratelli e Sorelle nel Signore
1.
E’ per me un onore essere stato insignito di un riconoscimento tanto significativo in ragione
sia del Soggetto promotore che dell’ intrinseca motivazione che lo ispira: la pace. Quanto sia
grande e sempre più urgente il bisogno, anzi l’anelito alla pace, è sotto gli occhi di tutti.
Il conferimento di questo premio va ben oltre la mia modesta persona: riconosce l’
instancabile opera della Chiesa di ieri e di oggi per aprire strade e creare ponti, affinché gli uomini, i
popoli e le Nazioni si incontrino e si parlino, si riconoscano fratelli e, insieme, edifichino la civiltà
della verità e dell’amore. Il Magistero del Santo Padre Benedetto XVI, la sua tenace e coraggiosa
iniziativa di riconciliazione, sono noti a tutti; sono un lavorio non conclamato ma umile e paziente,
sono sostenuti dall’amore e ispirati dalla verità che è Cristo.
La Chiesa, “esperta in umanità” come affermava Paolo VI davanti alle Nazioni Unite, fin dalla
sua origine è attenta alla vita dell’uomo concreto, al suo particolare ambiente, ma, nello stesso
tempo, ha presente il mondo, la dimensione universale della storia e del cosmo: ha attenzione e
valorizza nella luce del Vangelo ogni identità senza rinchiuderla in se stessa, senza farne un
assoluto incomunicabile con il resto del mondo. Questo dinamismo di dialogo e di unità nella
molteplicità delle culture e delle storie - di particolare e di universale - non è una strategia furbesca,
ma appartiene alla natura stessa della Chiesa che è il Corpo Mistico di Cristo, “il segno e lo
strumento dell’incontro con Dio e dell’unità del genere umano” come ricorda il Concilio Vaticano
II (Lumen Gentium, 1).
2.
Dobbiamo chiederci come sia possibile questo, quale sia la via perché il difficile cammino
della pace diventi realtà; perché il particolare non diventi egoismo e si opponga all’universale, e
l’universale rispetti ogni particolare senza coartarlo nella sua bellezza e necessità. La via della
Chiesa è Cristo. Ed è percorrendo la via di Cristo che la Chiesa percorre la via dell’uomo, di ogni
uomo e di tutti gli uomini. Non la politica, l’economia, la finanza, la sociologia…o peggio
l’interesse o il potere…; solo Cristo è la via della Chiesa e Cristo è la via dell’uomo. La Chiesa
guarda l’uomo con lo sguardo di Gesù, attraverso la luce del Vangelo, e lo vede così com’è nella
sua storia presente e come sarà nell’eternità; ne conosce il cuore e il destino non per una
intelligenza propria ma grazie al suo Signore. Tenendo fermo lo sguardo a Gesù scopre il volto di
Dio che è Padre di tutti, ma anche coglie il vero e completo volto dell’uomo. Per questo “senza Dio
l’uomo non sa dove andare – scrive Benedetto XVI - e non riesce nemmeno a comprendere chi
egli sia” (Caritas in veritate, 78). Per la medesima ragione la cristologia è la chiave e il fondamento
di una antropologia autentica. E l’antropologia cristiana – con i suoi valori universali – ha ispirato
cultura e civiltà in tutte le epoche e in ogni luogo, cogliendo il particolare e coniugandolo con
quegli elementi di universalità che arricchiscono ogni dettaglio mentre lo aprono e lo arricchiscono
di dimensioni più ampie. In questo senso la Chiesa è cattolica, non solo perché inviata dal Maestro
fino ai confini del mondo, non solo perché annuncia il Vangelo a tutti, uomini e culture, ma perché
rispetta e valorizza ogni cultura e la pone in dialogo positivo con le altre. Essa immette nelle
diversità sociali e culturali, nelle situazioni umane più diverse, il filo d’oro del Vangelo che purifica
dalle scorie, illumina le ombre, potenzia le luci, eleva e dà compimento ad ogni frammento di bene,
ad ogni nobile anelito. Il cristianesimo non ha mire di conquista o di egemonia, ma desidera solo
servire l’uomo e il mondo sull’esempio e con le parole consolanti ed esigenti di Cristo, con il dono
della redenzione e la vita della grazia.
3.
Cari Amici, siamo all’inizio del tempo di Avvento, tempo caro ai cristiani perché prepara
al Santo Natale. Siamo invitati ad essere più riflessivi, a pregare di più, a intensificare la giustizia e
la carità per celebrare l’Incarnazione del Verbo eterno di Dio. L’Avvento c’ immette nel punto più
profondo e originario della pace, il cuore. Il cuore, nelle Scritture Sante, non è inteso come la sede
delle emozioni, ma come il centro della persona, il luogo della sintesi; laddove la ragione s’incontra
con la volontà e il sentimento e, da questo intreccio ordinato, nascono le scelte e le azioni, nascono
propositi di amore e di pace. Ed è qui che l’incontro con Cristo è decisivo, perché ci libera dal
peccato che è divisione e causa di ogni divisione e violenza. Il peccato è una categoria religiosa,
deturpa – poco o tanto – il nostro rapporto con Dio nostra origine e nostro destino. Potremmo dire
che ogni peccato, alla sua radice, esprime la volontà di essere padroni assoluti di noi stessi. E allora,
quale modo migliore per darci questa illusione, se non quello di possedere gli altri? Quello di
dominare cose e situazioni? Ma un uomo, come un popolo, che ha bisogno di dominare gli altri per
essere se stesso, quale dignità, quale consistenza può avere? Una consistenza debole perché, a ben
vedere, è basata su valori falsi o fragili e quindi è fondata sulla paura. Gesù ci libera dalla paura e
dalla illusione di dover realizzare noi stessi su noi stessi anziché su Dio che ci è Padre
misericordioso. Ma la tentazione resiste, crea il dubbio, illude, promette e spinge a dividerci, a
contrapporci a Dio e alla sua Legge d’amore e di grazia. Ecco il peccato, radice di ogni altra
divisione tra gli uomini. Quando l’uomo non è riconciliato con Dio, è diviso anche dentro di sé e
tanto più lo è dagli altri: allora cercherà di possederli illudendosi di essere così padrone di se stesso.
Sì, in questo tempo d’Avvento siamo chiamati alla conversione del cuore, a lasciarci
riconciliare da Cristo. Allora, e solo allora, il Natale che si avvicina sarà veramente buono per noi,
le nostre famiglie, il Paese, i popoli e le Nazioni. Ma saremo così anche più vigilanti, come ricorda
il Vangelo, verso il secondo ritorno di Cristo, non più nell’oscurità di Betlemme, ma nella gloria del
cielo, quando, finalmente, Dio sarà tutto in tutti e la pace non sarà più un inizio e una promessa, ma
una definitiva e compiuta realtà.
Angelo Card. Bagnasco
Arcivescovo Metropolita di Genova
Presidente della Conferenza Episcopale Italiana
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard