Legge di Hooke

annuncio pubblicitario
Vedi istruzioni su come scrivere e inviare file in ultime slide
su appunti misura
Esperienza : LEGGE DI HOOKE
Gruppo 1 Nomi e cognomi: email, foto
Gruppo 2 Nomi e cognomi: email, foto
MATERIALE A DISPOSIZIONE:
1 asta graduata di 1 m
1 asta con gancio per le molle
3 molle con diversa costante elastica
Set di pesini di 10 g
peso di valore incognito
pesi da 50 g
Fig. 1
BREVI RICHIAMI DI TEORIA.
Se sottoposti ad una sollecitazione (Forza F), i corpi solidi subiscono una deformazione. Per
conservare la loro forma, applicano, a chi ha prodotto la deformazione, una forza di richiamo
Felastica (Fel, opposta a F) che, per piccole deformazioni, è proporzionale alla deformazione stessa
(comportamento elastico). Una volta rimossa la sollecitazione ritornano allo stato normale.
Il comportamento di un sistema in presenza di una forza elastica può essere descritta dalla legge di
Hooke (supponendo sempre il moto unidirezionale):
Fel  k  x
Dove
k è detta costante elastica, dipende dal tipo di materiale e si esprime in N/m.
x0 è la posizione iniziale e Δx di quanto ci si è spostati rispetto ad essa
il segno – indica che la forza è sempre di “richiamo” ovvero tende sempre a riportare il corpo
nella sua posizione iniziale.
Quiete
Allungamento
Compressione
x
x
Fel
x0
x0
Fel
x0
Si può inoltre verificare che esiste una legge fisica che lega il periodo di oscillazione di una molla
(T = tempo impiegato dalla molla messa in oscillazione per compiere un “ciclo” di oscillazione) e la
costante elastica della molla:
 2  
k  m

 T 
2
Dove
k è la costante elastica
T è il tempo impiegato dalla molla per effettuare una oscillazione
m è la massa attaccata alla molla.
Lo scopo di questo esperimento è quello di verificare la legge di Hooke misurando la costante
elastica di alcune molle (per misurare k si utilizzerà anche l’oscillazione della molla), “tarare” un
dinamometro ed utilizzarlo per misurare delle masse incognite.
Si ricorda inoltre che il dinamometro a molla è un
semplice dispositivo composto da un cilindro all’interno
del quale è presente una molla. Tirando da un lato il
dinamometro, la molla si allunga, generando, a causa
della deformazione, una forza opposta alla direzione in
cui viene tirata. Una scala graduata posta all’esterno del
cilindro mostra l’equivalente in Newton della forza di
richiamo della molla.
Prima di iniziare l’esperienza abbiamo misurato con una bilancia digitale di precisione 1 g la massa
dei pesini:
PARTE I: Misura della costante elastica di due molle.
1.
2.
3.
4.
5.
Collegare la molla A al braccio di supporto e posizionare la scala graduata al suo fianco in
modo da poterne leggere la posizione.
Ognuno dei partecipanti legga e annoti la posizione della molla.
Aggiungere il portapesini (di massa xx g)
Ognuno dei partecipanti legga e annoti la posizione della molla in corrispondenza di ciascun
peso aggiunto.
Annotare le misure nella tabella sottostante.
Gruppo 1
Massa collegata (g)
Mis
Mis
Δx Media con
Mis 2
Mis 4 Media Incertezza
Incertezza
1
3
σ reale
(cm)
(cm) (cm) statistica (cm) totale (cm)
(cm)
(cm)
(cm)
Nessuna
Portapesini + xx g
Portapesini + xx1 g
Portapesini + xx2 g
 strumentale
Gruppo 2
Mis
Massa collegata (g)
1
(cm)
Mis 2
(cm)
Mis Mis
Incertezza Incertezza
Media
3
4
statistica
totale
(cm)
(cm) (cm)
(cm)
(cm)
Δx Media
con σ
reale
(cm)
Nessuna
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
 strumentale
6. Ripetere lo stesso esperimento con la molla B utilizzando sempre i pesini da xx g.
Gruppo 1
Massa collegata (g)
Mis
Mis
Mis 2
Mis 4 Media
1
3
(cm)
(cm) (cm)
(cm)
(cm)
Incertezza
statistica
(cm)
Incertezza Δx Media con
totale (cm) σ reale (cm)
Nessuna
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
 strumentale
Gruppo 2
Massa collegata (g)
Mis
1
(cm)
Mis 2
(cm)
Mis Mis
Incertezza
Media
Incerertezza Δx Media con
3
4
statistica
(cm)
totale (cm) σ totale (cm)
(cm) (cm)
(cm)
Nessuna
Portapesini + 50 g
Portapesini +100 g
Portapesini + 150 g
Portapesini + 200 g
Portapesini + 250 g
 strumentale
7.
0,2 cm
Ripetere lo stesso esperimento con la molla C utilizzando sempre i pesini da 50 g
Gruppo 1
Massa collegata (g)
Nessuna
Portapesini + g
Portapesini + g
Mis 1
(cm)
Mis 2
(cm)
Mis 3
(cm)
Mis 4
(cm)
Δx Media
Media
Incertezza
Incertezza
con σ totale
(cm) statistica (cm) totale (cm)
(cm)
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
 strumentale
Gruppo 2
Mis
1
Mis 2
Massa collegata (g) (cm) (cm)
Nessuna
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
Portapesini + g
Media
Mis
(cm)
3
Mis
(cm) 4(cm)
Incertezza
Δx Media
Incerertezza
statistica
con σ reale
totale (cm)
(cm)
(cm)
 strumentale
8.
Calcolare il valore medio delle misure e lo spostamento relativo Δx=x-x0; si tenga presente che
la posizione iniziale x0 è quella corrispondente all’assenza di pesi.
9.
Calcolare i valori da inserire nella tabella sottostante. Si ricordi che F = m·g essendo m la
massa del corpo espressa in kg e g l’accelerazione di gravità (g=9,8 m/s2).
Molla A
I grafici sotto sono riportati solo per fare capire come esempi sostituirli con quelli
vostri fatti con excel o simili e ricavare i parametri della retta. Si possono mettere
anche tuttele molle di ogni gruppo in un unico grafico come sotto. Se non si riesce
con il pc farli a mano su carta millimetrata e fotografarli
Gruppo 1
Forza applicata
(N)
Δx (m)
k (N/m)
Gruppo 2
Forza applicata
(N)
Δx (m)
k (N/m)
Molla B
Gruppo 1
Forza applicata (N)
Δx (m)
k (N/m)
Δx (m)
k (N/m)
Gruppo 2
Forza applicata (N)
Molla C
Gruppo 1
Forza applicata (N)
Δx (m)
k (N/m)
Δx (m)
k (N/m)
Gruppo 2
Forza applicata (N)
Commento
.
10. Riportare, se non si è riusciti a farlo al calcolatore i dati delle due tabelle precedenti su carta
millimetrata. Sull’asse delle ordinate riportare le forze applicate alle molle, su quello delle
ascisse gli allungamenti relativi.
11.
PARTE II: utilizzo delle molle come dinamometri.
12. Lasciando la molla A appesa al braccio di supporto, togliere tutti i pesini ed agganciare il peso
incognito. In base al valore Δx misurato, al valore della costante elastica della molla e alla
legge di Hooke ricavare il valore della massa incognita.
Gruppo 1
Massa collegata
Mis 1
(cm)
Forza peso incognito:
Massa incognita: g
Mis 2
(cm)
Mis 4
Mis 3(cm) (cm)
Mis 2
(cm)
Mis
3(cm)
Media
(cm)
Δx Media con σ reale
N
Gruppo 2
Massa collegata
Mis 1
(cm)
Mis 4
(cm)
Media
(cm)
Δx Media con σ reale
Forza peso incognito: N
Massa incognita: g
Commento:
PARTE III: misura della costante elastica attraverso le oscillazioni della molla.
13. Lasciando la molla A appesa al braccio di supporto, agganciare 2 pesi neri cilindrici. Mettere in
oscillazione la molla e misurare il tempo necessario affinché la molla esegua 20 oscillazioni
(per tenere il tempo utilizzare un cronometro).
Gruppo1
Tempo (s))
Errore
incertezza
statistico
strumentale (s)
Errore sulla
media
Errore
totale
risultato
Misura 1
Misura 2
Misura 3
Misura 4
Media
14. Calcolare il periodo di oscillazione (tempo necessario per eseguire un’oscillazione completa).
Tale valore equivale semplicemente a:
T
tempo

n oscillazio ni
15. Calcolare la costante elastica della molla e confrontare il valore ottenuto con quello stimato
precedentemente (punto 8). Commentare i risultati
 2  
k  m
 
T


2
Gruppo 2
Tempo (s))
Errore
statistico
incertezza
strumentale (s)
Errore sulla
media
Errore
totale
risultato
Misura 1
Misura 2
Misura 3
Misura 4
Media
16. Calcolare il periodo di oscillazione (tempo necessario per eseguire un’oscillazione completa).
Tale valore equivale semplicemente a:
T
tempo

n oscillazio ni
17. Calcolare la costante elastica della molla e confrontare il valore ottenuto con quello stimato
precedentemente (punto 8). Commentare i risultati
 2  
k  m
 
 T 
2
Abbiamo confrontato le costanti calcolate nella prima e nella seconda parte dell’esperienza e
abbiamo trovato la relativa media pesata.
GRUPPO 1
k allungamento (N/m)
k periodo (N/m)
media pesata (N/m)
Incertezze (N/m)
Confronto tra le costanti e relativa media
pesata
3,05
3
costante, k (N/m)
2,95
2,9
(2,88±0,03)N/m
k allungamento (N/m)
2,85
(2,88±0,03)N/m
2,8
k periodo (N/m)
media pesata (N/m)
2,75
2,7
2,65
2,6
GRUPPO 2
k allungamento (N/m)
Incertezza
(N/m)
k periodo (N/m)
media pesata (N/m)
Confronto tra le costanti e relativa media
pesata
3,25
3,2
(3,15±0,03)N/m
3,15
costante, k (N/m)
3,1
(3,15±0,03)N/m
3,05
3
k allungamento (N/m)
k periodo (N/m)
2,95
2,9
2,85
2,8
2,75
2,7
media pesata (N/m)
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard