La vitamina D.

annuncio pubblicitario
La vitamina D può prevenire cadute e fratture nell’anziano. Per ridurre il rischio di cadute e fratture, ai
pazienti anziani va assicurato un adeguato apporto di vitamine tramite tutte le fonti (alimenti, luce solare,
integratori) tali da raggiungere livelli serici di circa 30 ng/ml. Una buona densità ossea, l’assorbimento del
calcio e la funzione fisica sono tutti aspetti che richiedono adeguati livelli di vitamina D. Bassi livelli di
vitamina D sono associati a debolezza muscolare, perdita di robustezza delle ossa e quindi cadute e fratture
gravi con conseguente disabilità a lungo termine. Vanno discusse e riviste assieme al paziente le strategia
che consentano un sufficiente apporto di vitamina D da varie fonti, considerando anche un apporto
supplementare di calcio di 500 o 1000 mg al giorno. Per massimizzare l’assorbimento, gli integratori di
vitamina D dovrebbero essere somministrati ai pasti, a intervalli e dosi stabilite dal medico e con eventuali
controlli dei livelli, stabiliti dal medico, tenuto conto di disturbi di assorbimento e dell’uso di farmaci che
interferiscono sull’assorbimento ed il metabilismo della vitamina.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard