Scarica il file - Piccolo Gregge dell`Immacolata

annuncio pubblicitario
XXXIV Domenica del Tempo Ordinario
Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo
Anno C
Il nostro re che regala il paradiso
PRIMA LETTURA (2Sam 5,1-3)
Unsero Davide re d’Israele.
Dal secondo libro di Samuèle
In quei giorni, vennero tutte le tribù d’Israele da Davide a Ebron, e gli dissero: «Ecco noi siamo tue ossa e tua
carne. Già prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele. Il Signore ti ha detto: “Tu
pascerai il mio popolo Israele, tu sarai capo d’Israele”». Vennero dunque tutti gli anziani d’Israele dal re a
Ebron, il re Davide concluse con loro un’alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d’Israele.
SALMO RESPONSORIALE (Sal 121)
Rit: Andremo con gioia alla casa del Signore.
Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore!».
Già sono fermi i nostri piedi
alle tue porte, Gerusalemme!
È là che salgono le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge d’Israele,
per lodare il nome del Signore.
Là sono posti i troni del giudizio,
i troni della casa di Davide.
SECONDA LETTURA (Col 1,12-20)
Ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési
Fratelli, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce. È lui che
ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore, per mezzo del quale
abbiamo la redenzione, il perdono dei peccati. Egli è immagine del Dio invisibile, primogenito di tutta la
creazione, perché in lui furono create tutte le cose nei cieli e sulla terra, quelle visibili e quelle invisibili: Troni,
Dominazioni, Principati e Potenze. Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui. Egli è prima
di tutte le cose e tutte in lui sussistono. Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa. Egli è principio,
primogenito di quelli che risorgono dai morti, perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose. È piaciuto
infatti a Dio che abiti in lui tutta la pienezza e che per mezzo di lui e in vista di lui siano riconciliate tutte le
cose, avendo pacificato con il sangue della sua croce sia le cose che stanno sulla terra, sia quelle che stanno nei
cieli.
Canto al Vangelo (Mc 11,9.10)
Alleluia, alleluia.
Benedetto colui che viene nel nome del Signore!
Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide!
Alleluia,
VANGELO (Lc 23,35-43)
Signore, ricordarti di me quando entrerai nel tuo regno.
+ Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù
dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto». Anche i soldati lo deridevano, gli si
accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era
anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei». Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il
Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei
condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre
azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno».
Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».
Lectio Divina
Oggi, XXXIV ed ultima Domenica del Tempo Ordinario, per questo anno liturgico, la
Chiesa ci dona la grazia di contemplare la “regalità di Cristo” celebrando la Solennità
di “Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell’Universo”. Proprio oggi, si conclude l’Anno
Giubilare della Misericordia, simboleggiato dalla chiusura della Porta Santa della
Basilica di S. Pietro a Roma, ma come già udito dal Santo Padre, la Madre Chiesa
non chiuderà le porte del cuore, continuando ad essere irradiazione dell’Amore
Misericordioso del Padre, che nel “sacrificio d’amore” del suo Figlio, ha sempre
“viscere di Misericordia” e, accogliendo la nostra miseria, la nostra debolezza, ci
rende degni di ricevere la sua grazia, il suo perdono. Meditando la pagina del Vangelo
odierno, percepiamo concretamente questo infinito Amore di Dio per ogni uomo, un
Amore che è stato reso gratuito ed incondizionato, dall’offerta di donazione totale di
Gesù, dalla cui morte, tutti noi riceviamo la vita, cioè rinasciamo a vita nuova nello
spirito, riceviamo la liberazione, la guarigione e perciò la conversione. Sono tante le
pagine del Vangelo in cui Gesù rivela il Volto Misericordioso del Padre, annunciando e
così manifestando la vicinanza del regno di Dio: “il regno di Dio è in mezzo a voi” (Lc
17,21) e di questo regno Lui è l’Unto, è il Re. Anche nel brano evangelico odierno,
contempliamo la massima manifestazione della regalità di Cristo: coronato di spine,
martoriato e condannato a morte ingiustamente, viene crocifisso e con lui, due
malfattori, giustamente rei. Anche nella dinamica di questa, ingiusta sorte, Dio
manifesta il suo disegno, e dietro tutta la sofferenza ed il dolore, si rivela il piano
salvifico dell’umanità: attraverso la salvezza di un’anima che, pentita dei propri
peccati e, riconoscendo la “Signoria” di Gesù, riceve il perdono di Dio che gli apre le
Porte del Paradiso. Cristo rivela in pienezza il suo essere il Re dell’Universo, il Re di
ogni uomo, di ogni anima, di ogni cuore, e nell’ammirarlo crocifisso ma pieno di
amore e di misericordia, contempliamo “la Porta del suo Cuore” sempre aperta ad
accogliere le miserie del mondo per trasformarle e compiere così la Redenzione. Il
“letto della Croce”, per Gesù è strumento di salvezza, mezzo con cui può portare
anime al Padre e così salvarle, su questo si fonda la nostra fede: “siamo stati
comprati a caro prezzo, siamo costati il Sangue di Gesù”. Ogni spina conficcata nel
capo, ogni schiaffo, colpo, chiodo, ogni burla, ogni sofferenza, Gesù l’ha accettata,
perché offerte al Padre, in riparazione di tutti i colpi che procuriamo a Gesù con i
nostri peccati. Gesù versando il suo Sangue, ha riparato la mancanza di ogni uomo, e
anche la più piccola goccia versata del suo Sangue Prezioso, è mezzo con cui viene
cancellata anche la colpa più nera. Ci rendiamo conto di quanto il Signore ci ami
sempre e coscienti di questo, attraverso le parole di San Paolo, nella Seconda Lettura,
vogliamo “ringraziare con gioia il Padre che ci ha resi capaci di partecipare alla sorte
dei santi nella luce. È lui che ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti
nel regno del Figlio del suo amore, per mezzo del quale abbiamo la redenzione, il
perdono dei peccati.” Insieme alla Chiesa, in questa Solennità, in cui ci riconosciamo
figli amati e perdonati, resi degni di far parte del Regno di Dio, ci vogliamo
Consacrare al Sacro Cuore di Gesù attraverso “l’Atto di Consacrazione” proposto per
questo giorno ed esprimendo anche “l’Atto di riparazione”, ringraziamo il Signore,
per aver pagato la nostra freddezza con il suo Amore e unendoci alla sua offerta,
anche noi, ci offriamo per riparare i peccati degli uomini e così insieme a Gesù aprire
le porte del nostro cuore per la salvezza delle anime dei nostri fratelli. Concludiamo
questo Anno Giubilare chiedendo al Signore la grazia di rivestirci sempre della sua
regalità, “aprendoci le porte del Paradiso” e chiediamo l’intercessione della Vergine
Maria, Madre della Misericordia, perché non si stanchi mai di volgere a noi i suoi
occhi misericordiosi, affinché, anche noi, come ci ha detto il Santo Padre, “non
chiudiamo gli occhi dinanzi al Signore che ci guarda e dinanzi al prossimo che ci
interpella”.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard