matematica classe seconda secondaria

annuncio pubblicitario
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
MATEMATICA CLASSE SECONDA SECONDARIA
INDICATORE
TRAGUARDI
-L’alunno si muove con
sicurezza nel calcolo anche con
i numeri razionali, ne
padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la
grandezza di un numero e il
risultato di operazioni.
-Riconosce e risolve problemi
in contesti diversi valutando le
informazioni e la loro coerenza.
-Spiega il procedimento
seguito, anche in forma scritta,
mantenendo il controllo sia sul
processo risolutivo, sia sui
risultati.
-Confronta procedimenti
diversi e produce formalizzazioni
che gli consentono di passare
da un problema specifico a una
classe di problemi.
-Produce argomentazioni in
base alle conoscenze teoriche
acquisite (ad esempio sa
utilizzare i concetti di proprietà
caratterizzante e di definizione).
-Sostiene le proprie
convinzioni, portando esempi e
Indicazioni Nazionali 2012
NUMERI
OBIETTIVI di APPRENDIMENTO
A1. Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni,
ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti (numeri naturali,
numeri interi, frazioni e numeri decimali), quando possibile a mente
oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di
calcolo e valutando quale strumento può essere più opportuno.
A2. Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e
controllare la plausibilità di un calcolo.
A3. Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta.
A4. Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e
per la tecnica.
A5. Utilizzare il concetto di rapporto fra numeri o misure ed
esprimerlo sia nella forma decimale, sia mediante frazione.
A6. Utilizzare frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare
uno stesso numero razionale in diversi modi, essendo consapevoli di
vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni.
A7. Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare
utilizzando strategie diverse.
A8. Interpretare una variazione percentuale di una quantità data
come una moltiplicazione per un numero decimale.
A9. Conoscere la radice quadrata come operatore inverso
dell’elevamento al quadrato.
A10. Dare stime della radice quadrata utilizzando solo la
moltiplicazione.
A11. Sapere che non si può trovare una frazione o un numero
decimale che elevato al quadrato dà 2, o altri numeri interi.
A12. Descrivere con un’espressione numerica la sequenza di
operazioni che fornisce la soluzione di un problema.
CONTENUTI
- Numeri razionali assoluti.
- Le operazioni con le frazioni.
- Frazioni e numeri decimali.
- Espressioni con le frazioni.
- Problemi con frazioni.
- Operazioni inverse della
potenza: radice e logaritmo.
-Radice quadrata e le relative
proprietà.
- Il rapporto tra numeri e tra
grandezze omogenee e non
omogenee.
- Le proporzioni e loro proprietà.
- La percentuale.
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
controesempi adeguati e
utilizzando concatenazioni di
affermazioni; accetta di
cambiare opinione riconoscendo
le conseguenze logiche di una
argomentazione corretta.
-Utilizza e interpreta il
linguaggio matematico (piano
cartesiano, formule, equazioni,
...) e ne coglie il rapporto col
linguaggio naturale.
-Ha rafforzato un atteggiamento
positivo rispetto alla matematica
attraverso esperienze
significative e ha capito come gli
strumenti matematici appresi
siano utili in molte situazioni per
operare nella realtà.
-Riconoscere gli errori e la
necessità di superarli
positivamente.
Indicazioni Nazionali 2012
A13. Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri
conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi e
delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni.
Obiettivi minimi
A1. Eseguire semplici addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni,
ordinamenti e confronti tra i numeri conosciuti (numeri naturali e
frazioni), quando possibile a mente oppure utilizzando gli usuali
algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo.
A3. Rappresentare semplici frazioni sulla semiretta orientata.
A5. Utilizzare il concetto di rapporto fra numeri o misure in semplici
esercizi.
A6.
Comprendere il concetto di frazioni equivalenti e saper
trasformare una frazione in numero decimale e viceversa.
A7. Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare
anche con l’utilizzo della calcolatrice.
A9. Conoscere la radice quadrata come operatore inverso
dell’elevamento al quadrato.
A10. Dare stime della radice quadrata mediante l’utilizzo delle tavole
o della calcolatrice.
A12. Risolvere semplici problemi anche con l’uso delle frazioni.
A13. Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri
conosciuti, utilizzando in modo corretto le parentesi e le convenzioni
sulla precedenza delle operazioni.
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
MATEMATICA CLASSE SECONDA SECONDARIA
INDICATORE
TRAGUARDI
-L’alunno
riconosce
e
denomina le forme del piano, le
loro rappresentazioni e ne coglie
le relazioni tra gli elementi.
-Riconosce e risolve problemi
in contesti diversi valutando le
informazioni e la loro coerenza.
-Spiega
il
procedimento
seguito, anche in forma scritta,
mantenendo il controllo sia sul
processo risolutivo, sia sui
risultati.
-Confronta
procedimenti
diversi e produce formalizzazioni
che gli consentono di passare
da un problema specifico a una
classe di problemi.
-Produce argomentazioni in
base alle conoscenze teoriche
acquisite (ad esempio sa
utilizzare i concetti di proprietà
Indicazioni Nazionali 2012
SPAZIO e FIGURE
OBIETTIVI di APPRENDIMENTO
B1. Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo
appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga, squadra,
compasso, goniometro, software di geometria).
B2. Rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
B3. Conoscere definizioni e proprietà (angoli, assi di simmetria,
diagonali, …) delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri,
poligoni regolari, cerchio).
B4. Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione
e codificazione fatta da altri.
B5. Riconoscere figure piane simili in vari contesti e riprodurre in
scala una figura assegnata.
B6. Conoscere il Teorema di Pitagora e le sue applicazioni in
matematica e in situazioni concrete.
B7. Determinare l’area di semplici figure scomponendole in figure
elementari, ad esempio triangoli, o utilizzando le più comuni formule.
B8. Stimare per difetto e per eccesso l’area di una figura delimitata
anche da linee curve.
B9. Conoscere e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e
i loro invarianti.
B10. Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle
figure.
CONTENUTI
- Le aree dei poligoni
- Il teorema di Pitagora e le sue
applicazioni
- Le isometrie
- Le similitudini
-Confrontare
criticamente
diversi
procedimenti
di
soluzione.
.
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
caratterizzante e di definizione).
-Sostiene
le
proprie
convinzioni, portando esempi e
controesempi
adeguati
e
utilizzando concatenazioni di
affermazioni;
accetta
di
cambiare opinione riconoscendo
le conseguenze logiche di una
argomentazione corretta.
-Utilizza e interpreta il
linguaggio matematico (piano
cartesiano, formule, equazioni,
...) e ne coglie il rapporto col
linguaggio naturale.
-Ha rafforzato un atteggiamento
positivo rispetto alla matematica
attraverso esperienze
significative e ha capito come gli
strumenti matematici appresi
siano utili in molte situazioni per
operare nella realtà.
Indicazioni Nazionali 2012
Obiettivi minimi
B1. Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando alcuni
strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di
geometria).
B2. Rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
B3. Conoscere le definizioni e proprietà (angoli, assi di simmetria,
diagonali, …) delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri,
poligoni regolari).
B4. Riconoscere e riprodurre figure e disegni geometrici.
B5. Conoscere il Teorema di Pitagora applicandolo in semplici
situazioni concrete.
B6. Determinare l’area di semplici figure scomponendole in figure
elementari, ad esempio triangoli, o utilizzando le più comuni formule
B9. Conoscere le principali trasformazioni geometriche.
B10. Risolvere semplici problemi utilizzando le proprietà
geometriche delle figure.
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
MATEMATICA CLASSE SECONDA SECONDARIA
INDICATORE
TRAGUARDI
- L’alunno riconosce e risolve
problemi in contesti diversi
valutando le informazioni e la
loro coerenza.
-Spiega
il
procedimento
seguito, anche in forma scritta,
mantenendo il controllo sia sul
processo risolutivo, sia sui
risultati.
-Confronta
procedimenti
diversi e produce formalizzazioni
che gli consentono di passare
da un problema specifico a una
classe di problemi.
-Produce argomentazioni in
base alle conoscenze teoriche
acquisite (ad esempio sa
utilizzare i concetti di proprietà
caratterizzante e di definizione).
-Sostiene
le
proprie
convinzioni, portando esempi e
controesempi
adeguati
e
utilizzando concatenazioni di
affermazioni;
accetta
di
cambiare opinione riconoscendo
le conseguenze logiche di una
Indicazioni Nazionali 2012
RELAZIONI e FUNZIONI
OBIETTIVI di APPRENDIMENTO
CONTENUTI
C1. Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono -Funzioni empiriche .
lettere per esprimere in forma generale relazioni e proprietà.
-Funzioni matematiche.
C2. Esprimere la relazione di proporzionalità con un’uguaglianza di -La proporzionalità diretta e
frazioni e viceversa.
inversa.
C3. Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni
empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare le
funzioni del tipo y=ax, y=a/x,( y=ax2, y=2n)e i loro grafici e collegare le
prime due al concetto di proporzionalità.
C.4Riconoscere situazioni problematiche, individuando i dati da cui
partire e l’obiettivo da conseguire.
Obiettivi minimi
C1. Saper utilizzare formule e mappe che contengono lettere per
esprimere in forma generale relazioni e proprietà.
C3. Usare il piano cartesiano per rappresentare semplici relazioni e
funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare
la funzione del tipo y=ax.
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
argomentazione corretta.
-Utilizza e interpreta il
linguaggio matematico (piano
cartesiano, formule, equazioni,
...) e ne coglie il rapporto col
linguaggio naturale.
-Ha rafforzato un atteggiamento
positivo rispetto alla matematica
attraverso esperienze
significative e ha capito come gli
strumenti matematici appresi
siano utili in molte situazioni per
operare nella realtà.
Indicazioni Nazionali 2012
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
MATEMATICA CLASSE SECONDA SECONDARIA
INDICATORE
TRAGUARDI
-L’alunno
analizza
e
interpreta rappresentazioni di
dati per ricavarne misure di
variabilità e prendere decisioni.
-Riconosce e risolve problemi
in contesti diversi valutando le
informazioni e la loro coerenza.
-Legge e comprende testi che
coinvolgono aspetti logici e
matematici.
-Confronta
procedimenti
diversi e produce formalizzazioni
che gli consentono di passare
da un problema specifico a una
classe di problemi.
-Produce argomentazioni in
base alle conoscenze teoriche
acquisite (ad esempio sa
utilizzare i concetti di proprietà
caratterizzante e di definizione).
-Sostiene
le
proprie
convinzioni, portando esempi e
controesempi
adeguati
e
utilizzando concatenazioni di
affermazioni;
accetta
di
cambiare opinione riconoscendo
le conseguenze logiche di una
Indicazioni Nazionali 2012
DATI e PREVISIONI
OBIETTIVI di APPRENDIMENTO
CONTENUTI
D1. Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio -La statistica.
elettronico. In situazioni significative, confrontare dati al fine di - Raccolta ed elaborazione di
prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle
dati.
frequenze relative. Scegliere ed utilizzare valori medi (moda, mediana, - Areogrammi a settori circolari.
media aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati - Indici statistici di una
a disposizione. Saper valutare la variabilità di un insieme di dati
distribuzione.
determinandone, ad esempio, il campo di variazione.
Obiettivi minimi
D1. Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio
elettronico. Saper ricavare da un insieme di dati i valori medi (moda,
mediana, media aritmetica).
Istituto Comprensivo di Pralboino
Curricolo Verticale
argomentazione corretta.
-Utilizza e interpreta il
linguaggio matematico (piano
cartesiano, formule, equazioni,
...) e ne coglie il rapporto col
linguaggio naturale.
-Nelle situazioni di incertezza
(vita quotidiana, giochi, …) si
orienta con valutazioni di
probabilità.
-Ha rafforzato un atteggiamento
positivo rispetto alla matematica
attraverso esperienze
significative e ha capito come gli
strumenti matematici appresi
siano utili in molte situazioni per
operare nella realtà.
Indicazioni Nazionali 2012
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard