Pera Giugnolina (varietà) Relazione tecnica CENNI STORICI ED

annuncio pubblicitario
Pera Giugnolina (varietà)
Relazione tecnica
CENNI STORICI ED ORIGINE: il pero è una pianta di antichissime origini; proveniente dalle
regioni transcaucasiche ha avuto una vastissima diffusione nel mondo. Basti pensare che questa
pianta era conosciuta dalle più importanti civiltà del mondo antico: persiani, greci, romani,
egiziani…
ZONA DI DIFFUSIONE: il pero è da sempre presente nei pomari o custodito negli hortus di
proprietà degli agricoltori della zona. Questo è stato da sempre apprezzato come risorsa edibile e,
altresì, notevolmente paesaggistica.
GENERALITA’ SULL’AREALE PRATESE: La provincia di Prato si estende nella parte
settentrionale della Regione Toscana, fra i rilievi del crinale appenninico principale ed il
Montalbano interessando i comuni di Prato, Vaiano, Vernio, Cantagallo, Montemurlo, Poggio a
Caiano e Carmignano, per un estensione complessiva di circa 360 kmq. Il territorio è
prevalentemente collinare e montano, con l’unica eccezione rappresentata dalla pianura pratese che
si estende fra le ultime propaggini sud dell’Appennino ed il rilievo del Montalbano; la quota
minima si ha in prossimità del corso dell’Ombrone con circa 35 m slm, mentre la massima
elevazione provinciale è rappresentata dal Monte della Scoperta, lungo lo spartiacque appenninico,
con 1278 m. Il clima è variabile, da quello tipicamente montano delle aree interne a nord a quello
sub-mediterraneo delle aree più meridionali, Le precipitazioni medie annue variano dagli 800-1000
mm delle zone del Montalbano e della piana pratese agli oltre 1500 delle aree interne appenniniche,
con temperature medie annue che oscillano fra i 10 ed 15 gradi C° (temperatura del mese più freddo
attorno ad 1 grado e del mese più caldo 24,5).
I suoli risultano estremamente variabili, sia per composizione chimica che per caratteristiche
fisiche. Nelle aree montane valbisentine, così pure sulla dorsale de Montalbano, prevalgono suoli a
reazione acida o sub-acida, poco profondi e a tessitura grossolana, generalmente franco-sabbiosa,
derivanti dalla disgregazione di rocce della serie toscana riconducibili alla formazione del Macigno,
mentre nelle zone pedocollinari si hanno, generalmente, situazione assai eterogenee, con frequenti
depositi argillosi anche molto spessi. Significativa eccezione è rappresentata dal rilievo calvanino,
litologicamente riconducibile alla serie dell’Alberese, con suoli compatti a tenore idrico molto
variabile nel corso dell’anno.
CONSISTENZA: di pero denominato “Pera Giugnolina” ne sono individuati pochissimi esemplari
nel territorio di Vaiano uno dei quiali in località di Rosolano. Si tratta di aree ad alto valore
naturalistico e paesaggistico, che ha subito intorno agli anni 60-70 la fuga dalla campagna, sono
presenti infatti numerosi poderi abbandonati in prossimità dei quali sono presenti molte piante da
frutto. Il pero si trova in un podere coltivato attiguo a una casa poderale non lontano dalla strada. Si
tratta di una pianta messa a dimora probabilmente intorno agli anni ’60 quando vi abitavano i
contadini mezzadri del posto. Purtroppo la pianta in questione è ormai seccata dopo i danni subiti
dalle ultime gelate tardive della anno 2010. Fortunatamente erano già stati fatti nel 2009 alcuni
astoni prelevando rametti dalla pianta madre originale e innestati su semenzali di pero,
salvaguardando il patrimonio genetico dell’accessione.
VALUTAZIONE: il pero denominato “Pera Giugnolina” in Italia è coltivata in Alta Valle del
Tevere e presenta notevoli modificazioni che la diversificano e la dividono in molti cloni, le une
differenti in forma, in volume, ed in gusto, per tale ragione ha assunto diversi nomi locali nel tempo
(“Pero Moscatello”, “Pera Verzelina”, “Pera Verzelinna” o “falsa Moscatellina”).
VALUTAZIONE DEL RISCHIO: si tratta di un germoplasma a RISCHIO di erosione genetica,
basti pensare che ne sono stati individuati nel Comune di Vaiano solo pochi esemplari.
AZIENDE COLTIVATRICI:
LUOGO DI CONSERVAZIONE E/O DI RIPRODUZIONE:
- Provincia: Prato
- Comune: Vaiano
- Localizzazzione: localita Rosolano, Comune di Vaiano (PO)
- Posizione GPS della pianta 322 mslm N 43°.57.938' EO 11°.08.822'
COMPORTAMENTO AGRONOMICO: era una pianta alta circa 4 m. Aveva portamento aperto
semipiramidale e ramificato, vigoria media. I rami sono assurgenti con pochi nodi che rendono il
fogliame chiaro e diradato. Spesso almeno 3 fiori su 7 dell’infiorescenza a corimbo allegano e
giungono a maturazione, così la fruttificazione spesso ci appare a grappolo di tre pere per rametto
fruttifero.
Fiorisce verso la prima decade di aprile; fruttifica verso la terza decade di giugno. Le esigenze
agronomiche della varietà non differenziano da quelle relative alla coltivazione del pero.
CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE ED ORGANOLETTICHE DEL PRODOTTO: il frutto è
saporito e gustoso e dolce. Ha maturità il frutto emana un delicato profumo di moscato. È utilizzata
per il consumo fresco.
Descrizione Morfologica
Caratteristiche della pianta: diametro del tronco 30 cm, altezza 4 m, diametro chioma 3 m,
portamento aperto (semi-piramidale), vigoria media, ramificazione elevata.
Epoche fenologiche: data piena fioritura 97 gg da inizio anno, entità fioritura elevata. Data
maturazione: III° decade di giugno – I° decade di Luglio.
Caratteristiche delle foglie: l'area fogliare media è 1.619 mm2; perimetro medio di 159 mm;
lunghezza media di 51 mm; larghezza media di 41 mm; rapporto lunghezza-larghezza di 1,2 e
rotondità 0,8. Il portamento delle foglie in rapporto al ramo è eretto, la forma delle foglie è
subrotonda quella della base è cordata. La forma dell'apice, escludendo la punta, è arrotondata; la
punta è corta o assente. Il margine è intero e le incisioni sono poco profonde. La curvatura dell'asse
longitudinale della lamina è leggermente ondulata. Le stipole sono assenti. Il picciolo ha le seguenti
dimensioni: lunghezza media di 39 mm; spessore medio di 1 mm.
Caratteristiche del fiore: l'area media dei petali è pari a 109 mm2; perimetro medio di 43 mm;
lunghezza media di 15 mm; larghezza media di 10 mm; rapporto lunghezza-larghezza di 1,5 con un
rapporto di rotondità di 0,7. Il diametro della corolla è grande (>30 mm), i margini dei petali sono
separati. La forma del petalo (esclusa l'unghia) è ovale larga, alla base (esclusa l'unghia) il petalo ha
forma arrotondata. La lunghezza dell'unghia è nella media (>2 mm). I sepali sono in posizione
appiattita e ricurva in relazione alla corolla. Lo stigma è alla stessa altezza rispetto alle antere. Gli
stili sono in media <7 mm. Il ricettacolo è tomentoso. Il peduncolo è di lunghezza media, 20-30
mm.
Caratteristiche del frutto: il peso medio è di 34,1 g; altezza media 46 mm; larghezza media di 39
mm; spessore medio di 37 mm. La forma del frutto, secondo Chasset, è doliforme breve; la
posizione del massimo diametro è verso il calice. In sezione longitudinale il frutto è leggermente
simmetrico. L'epidermide è liscia, sottile, di color giallo-verde mentre il sovraccolore è soffuso.
L'estensione del sovraccolore è scarso e la tonalità è arancio-rosso. La percentuale della rugginosità
sull'epidermide è molto bassa e l'estensione della stessa è assente o molto limitata. Sono presenti
lenticelle chiare e fitte. In prossimità del peduncolo la rugginosità è assente o molto limitata. Il
peduncolo è parzialmente carnoso ed è inserito in modo verticale o diritta in relazione all'asse del
frutto e la sua curvatura è scarsa; è lungo mediamente 28 mm e lo spessore medio è di 2 mm. La
cavità peduncolare è molto superficiale. Al momento della raccolta la cavità calicina è assente. Gli
sclereidi sono presenti al torsolo. Il frutto presenta un grado di durezza al penetrometro: in media di
2,4 Kg/cm2. Il grado zuccherino è pari a 15,6° Brix. La consistenza della polpa è morbida, di tipo
fondente e granulosa. La polpa è di colore crema e succosa, il sapore è nella buono. Il seme ha
forma ovoidale. Il frutto si presta per consumo fresco.
NOTE, CURIOSITA’: Le fonti bibliografiche riportano che la “Pera Giugnolina” è coltivata in Alta
Valle del Tevere e presenta notevoli modificazioni che la diversificano e la dividono in molti cloni,
le une differenti in forma, in volume, ed in gusto, per tale ragione ha assunto diversi nomi locali nel
tempo (“Pero Moscatello”, “Pera Verzelina”, “Pera Verzelinna” o “falsa Moscatellina”).
BIBLIOGRAFIA
- Agabbio M., 1994. “Patrimonio genetico di specie arboree da frutto – Le vecchie varietà della
Sardegna”. Carlo Delfino editore 1994.
- Bagnoli M., Bartolozzi C., Luppi S., Marchi A., Pozzi D., Cavalloni D., 2008. “FruttAntica il
gusto ritrovato Dalla frutta alla memoria alla salvaguardia della biodiversità”. ARSIA
Regione Toscana, 2008, pag. 5-116.
- Baldini E., Scaramuzzi F. 1957. “Contributo allo studio delle cultivar di pero. Indagine
pomologica comparative sulle cultivar introdotte a Firenze presso il Centro Miglioramento
Piante da Frutti e da Orto”. Relazione pubblicata su “La coltura del pero in Italia” numero
speciale della Rivista della Ortoflorofrutticoltura Italiana (Anno 82° - volume XLI, 1957), pag
300-301.
- Bellini E., 1978. “La coltura del pero in Italia”. Edizioni L'Informatore Agrario, Verona.
- Bellini E., 1993. “La coltivazione del pero”. Edizioni L'Informatore Agrario, Verona.
- Bellini E., 2000. “Il Pero”. In: Il germoplasma della Toscana. ARSIA - Regione Toscana, Firenze.
- Bellini E., Mariotti P., Pisani P.L. (1982). “Pere, in Agrumi, frutta e uve nella Firenze di
Bartolomeo Bimbi pittore mediceo”. Consiglio Nazionale delle Ricerche, Firenze.
- Breviglieri N., Solaroli S., 1949. “Indagine pomologica – Descrizione e indagine sulle varietà di
mele e di pere”. III Congresso Nazionale di Frutticoltura – Ferrara , 1949. Vallecchi Editore –
Firenze.
- Molon G. 1926. “Atti del Congresso Pomologico di Trento”. Trento 1926.
- Morettini A., 20 Febbraio 1963. “Frutticoltura generale e speciale”, Ramo Editoriale Degli
Agricoltori Roma, pag.311.
- Morettini A., Baldini E., Scaramuzzi F., Mittempergher L., 1967. Monografia delle principali
cultivar di Pero. Consiglio Nazionale delle Ricerche – Centro Miglioramento piante da fruttoFirenze, 1967.
- Piccioli A., 1820. “Pomona Toscana”.
Scarica
Random flashcards
CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

emilia

2 Carte oauth2_google_f0da50e0-d873-4248-914c-e782ffe4831d

Materie scolastiche

5 Carte oauth2_google_895b90d3-243e-4864-a00b-983aa56e33c4

creare flashcard