Notizie - Comune di Ferrara

annuncio pubblicitario
notizie.tiscali.net, Lunedì 30 Maggio 2011
Alcool: prima causa di morte per i giovani
di BRIGIDA STAGNO
Il primo bicchiere? Mescolato spesso con succo frutta appena dopo le
elementari, poi l'abitudine all'alcol cresce con cocktail, superalcolici o birra alle
medie superiori e all'università: ubriacarsi è sempre più frequente tra gli
adolescenti, soprattutto le ragazze, ma riguarda anche molti anziani, come
confermano i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, diffusi ad aprile in occasione
dell'Alcohol Prevention Day.
A preoccupare sono i numeri: l’alcolismo riguarda in Italia circa 1 milione e
mezzo di persone e, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è
responsabile nel mondo di 2 milioni e mezzo di morti ogni anno, il 4% di tutti i
decessi. L'alcol è la prima causa di morte tra i giovani fino a 24 anni e nella
penisola sono almeno 30.000 l’anno i decessi per cause correlate a questa
sostanza, tra incidenti stradali (il 30 per cento causato da alcol) e malattie, quali
cirrosi epatica, pancreatite, tumori, aumento della pressione arteriosa.
Usato per periodi prolungati e a dosi elevate l'alcol provoca infatti
assuefazione e dipendenza, con conseguente crisi di astinenza e come tale va
inserito tra le droghe. Secondo una ricerca pubblicata alla fine del 2010 sulla
rivista scientifica Lancet , condotta da David Nutt, l'ex consigliere laburista per
la lotta alla droga, l'alcol è più dannoso di cocaina, cannabis o Ecstasy ed è lo
'stupefacente' più nocivo per il suo impatto negativo sulla società, tanto da
“battere” addirittura crack ed eroina. Tanto che nella scala del danno delle
droghe da 1 a 100, comparsa sulla rivista, l'alcol si trova in cima a quota 72,
l'eroina a 55 e il crack a 54.
A
ribadire
la
pericolosità
dell'abuso di alcol e della 'binge
drinking', l'abitudine sempre piu'
diffusa tra i giovani a ingerire grandi
quantità di alcol in una volta sola, è
stato uno studio americano comparso
tempo fa sulla rivista dell'Accademia Americana delle Scienze 'PNAS':
provocherebbe degenerazione e danni irreversibili sul cervello adolescente di
giovani scimmie, soprattutto a livello dell'area della memoria e dell'orientamento
spaziale, l'ippocampo.
“Il consumo di alcol non produce però solo danni al bevitore stesso (in
questo caso definito alcolista o alcol-dipendente), ma anche alla famiglia e al
contesto sociale allargato in cui vive- spiega il Dottor Alfio Lucchini, Psichiatra e
Direttore del Dipartimento Dipendenze ASL Milano 2 e Presidente
nazionale FeDerSerD - “L’alcol può indurre comportamenti violenti (1 omicidio
su 4 e 1 suicidio su 6 è alcol-correlato), abusi, abbandoni, perdite di opportunità
sociali, incapacità di costruire legami affettivi e relazioni stabili, invalidità,
incidenti sul lavoro e sulla strada”.
Il trattamento è complesso e personalizzato, perchè nella genesi dell'alcolista
vanno considerate sempre le differenze dei fattori genetici e ambientali. “Come
per tutte le dipendenze, - continua Lucchini - è però fondamentale intervenire in
modo integrato, abbinando alle terapie farmacologiche il sostegno sociale e
psicologico, anche attraverso terapie di gruppo (Alcolisti Anonimi e Club
Alcolisti in Trattamento). Per le cure farmacologiche sono a disposizione
molecole che favoriscono il “non bere”, come il Disulfiram e il Naltexone, o
farmaci mimetici adiuvanti, come il GHB.
E' disponibile ora un nuovo farmaco, Acamprosato, un neuromodulatore di
Classe A, rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale, indicato nel
mantenimento dell’astinenza nel paziente alcoldipendente e già in uso in 40
Paesi. Riducendo il craving (il desiderio incoercibile di bere), Acamprosato
diminuisce l’incidenza, la severità e la frequenza delle ricadute, senza dare
dipendenza, abuso o astinenza alla sua sospensione e senza potenziare
l’effetto dell’alcol, se questo viene assunto durante il trattamento.
C'è però ancora molto da fare: secondo i dati della Relazione del Ministero
della Salute del 2010, sono poco più di 69.000 i pazienti alcol dipendenti
afferenti ai 459 Servizi di Alcologia dislocati sul territorio italiano. “Di questi aggiunge Lucchini - solo circa 18.000 ricevono un programma di cura di tipo
integrato, in grado di associare l’intervento psicosociale con quello
farmacologico. E' necessario aumentare l'offerta terapeutica da parte dei Servizi
di Alcologia, le opzioni farmacologiche a disposizione del medico e facilitare la
prescrizione delle classi di farmaci più efficaci ai medici specialisti.”
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard