cell. stam. una risorsa per il futuro 3 D

annuncio pubblicitario
Le cellule staminali: una risorsa per il futuro
-
Che cosa sono le cellule staminali?
Le cellule staminali sono cellule primitive, non specializzate, dotate della capacità,
attraverso il differenziamento cellulare, di trasformarsi in altri tipi di cellule dell’organismo.
Una cellula per essere definita staminale deve soddisfare due proprietà:
l’autorinnovamento, e la pluripotenza.
• L’AUTORINNOVAMENTO:rappresenta la capacità delle cellule staminali di compiere un
numero illimitato di cicli replicativi, ovvero di riprodursi illimitatamente, mantenendo il
medesimo “ stadio differenziativo”;
• LA PLURIPOTENZA: la capacità di dare origine a una o più linee cellulari, tramite il
differenziamento;
Le cellule staminali vengono prelevate da diverse fonti come il cordone ombelicale, il sacco
amniotico, il sangue, il midollo osseo, la placenta, i tessuti adiposi e l’epidermide. Tali
cellule vengono classificate in base alla loro potenzialità di differenziarsi nei vari tipi di
cellule:
• TOTIPOTENZA: la capacità di una singola cellula di dividersi e di produrre tutte le cellule
differenziate in un organismo. Tra le cellule staminali totipotenti sono comprese le spore,
gli zigoti, e le cellule embrionali di pochi giorni, poiché successivamente diventano
pluripotenti;
• PLURIPOTENZA: la capacità di una singola cellula di dividersi e di differenziarsi in uno
qualsiasi dei tre strati germinali: endoderma, mesoderma, ectoderma.
• MULTIPOTENZA: il potenziale di differenziarsi in un numero limitato di lignaggi cellulari.
Le cellule staminali vengono conservate in apposite banche che sono strutture con elevati
standard di sicurezza, in cui le cellule vengono posate in capienti contenitori di azoto o in
forma liquida o in forma di vapore. Proprio perché l’azoto è capace di mantenere una
temperatura molto bassa.
Le cellule vengono conservate perché si prevede che in futuro possano essere usate come
cura contro diverse malattie: leucemia, tumori, linfomi. Al momento non possiamo
sfruttare a pieno le loro potenzialità perché non conosciamo ancora i meccanismi che
regolano il loro comportamento.
Una volta che le cellule staminali riparano il danno causato dalla malattia, come si
comportano? Continuano a riprodursi o vi è un meccanismo che blocca la riproduzione?
Classe III D Scientifico “E. Majorana” S. G. la Punta (CT):Marta Pezzinga, Carla Pennino,
Veronica Dragotto, Michela Torrisi, Marika Grillo, Carla Milici.
Referente Prof.ssa A. Lo Brutto
Scarica