7._Fattori_di_rischio_-_final

annuncio pubblicitario
IL MELANOMA: FATTORI DI RISCHIO
Il rischio di insorgenza del melanoma è legato a fattori genetici, fenotipici, ambientali ed alla loro
combinazione.
-
Avere una storia familiare di melanoma accresce la probabilità di sviluppare la malattia: il
5–10% dei pazienti con diagnosi di melanoma ha un parente che ha avuto la stessa malattia.1
Una persona con un parente di primo grado (per es. madre, padre, fratello o sorella), a cui è
stato diagnosticato questo tipo di tumore, presenta più del doppio delle probabilità di
sviluppare la malattia rispetto a coloro che non hanno una storia familiare di melanoma.2,3
-
Anche le persone con pelle chiara, sensibile ai raggi solari e tendente a scottature e/o con
un numero di nei sulla pelle al di sopra della media, corrono un rischio maggiore di
sviluppare il melanoma, specialmente coloro che si espongono frequentemente ai raggi
solari e/o UV (includendo l’uso delle lampade solari).4,5,6,7 Le persone con pelle scura molto
pigmentata presentano invece meno probabilità di sviluppare il melanoma.8
-
Il più importante fattore di rischio ambientale è stato identificato nell’esposizione a raggi
UV, in rapporto alle dosi assorbite, al tipo di esposizione (intermittente più che cronica) e
all’età (a maggior rischio l’età infantile e adolescenziale), con rischio marcatamente
maggiore nei casi di sussistenza e interazione di tutti questi fattori. L’esposizione ai raggi
UV, che globalmente conferisce un rischio doppio di sviluppare un melanoma rispetto ai
non esposti, aumenta marcatamente negli individui a fototipo chiaro. Ancora contraddittorio
appare il ruolo protettivo delle creme a schermo solare, sia per il lungo follow-up necessario
agli studi, sia per la tendenza ad aumentare l’esposizione solare in coloro che ne fanno uso.
Tra le sorgenti di raggi UV legate allo sviluppo di melanoma devono essere ricordate le
lampade solari; numerosi studi evidenziano un significativo aumento del rischio di
melanoma nelle persone che fanno uso di lampade per l’abbronzatura ed il rischio è
maggiore se l’esposizione avviene in giovane età. Questi dati supportano infatti le
indicazioni dello IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) secondo cui fonti
artificiali di raggi UV quali lampade e/o lettini per l’abbronzatura sono cancerogeni per
l’uomo, pertanto tali esposizioni andrebbero evitate per ridurre il rischio di insorgenza del
melanoma.9
Uno studio dello IARC ha infatti dimostrato che l’esposizione a queste apparecchiature, se
avviene in età inferiore ai 30 anni, comporta un aumento di rischio di melanoma del 75%.
-
Un altro fattore di rischio è rappresentato dal numero di ustioni solari (danno acuto da
esposizione a fonti naturali o artificiali di UV) e dalla quantità totale di esposizione agli UV
nel corso della vita.9
Sebbene il melanoma metastatico sia relativamente raro, può avere un effetto devastante sui pazienti
e sulle loro famiglie, specialmente perché le persone colpite sono spesso in giovane età. Il 20% dei
nuovi casi viene riscontrato in individui di età compresa tra 15 e 39 anni.5
Sebbene la malattia possa presentarsi in qualsiasi parte del corpo, gli uomini sembrano avere
maggiori probabilità di svilupparla sul tronco (ovvero, petto o schiena), mentre le donne tendono a
svilupparla maggiormente sulle gambe (Tabella 1).5-10
Tabella 1: Aree del corpo su cui il melanoma si sviluppa con maggiori probabilità.10
Aree del corpo
Aree con maggiori
probabilità di sviluppo di
melanoma per i maschi
Aree con maggiori
probabilità di sviluppo di
melanoma per le femmine
Testa e collo
22%
14%
Tronco
38%
17%
Braccio
17%
21%
Gamba
15%
42%
Altro
8%
6%
Bibliografia
1
Bataille, V. & de Vries, E. Melanoma--Part 1: epidemiology, risk factors, and prevention. BMJ 337, a2249 (2008).
D., et al. Risk of cutaneous melanoma associated with a family history of the disease. The International Melanoma Analysis
Group (IMAGE). Int J Cancer 62, 377-381 (1995).
3 Geller, A.C., et al. A randomized trial to improve early detection and prevention practices among siblings of melanoma patients.
Cancer 107, 806-814 (2006).
4 Gallagher, R.P., Lee, T.K., Bajdik, C.D. & Borugian, M. Ultraviolet radiation. Chronic Dis Can 29 Suppl 1, 51-68 (2010).
5 Newton Bishop, J., et al. The prevention, diagnosis, referral and management of melanoma of the skin: concise guidelines. Royal
College of Physicians 7, 1-12 (2007).
6 McCubrey, J.A., et al. Roles of the Raf/MEK/ERK pathway in cell growth, malignant transformation and drug resistance. Biochim
Biophys Acta 1773, 1263-1284 (2007).
7 International Agency for Research on Cancer Working Group on artificial ultraviolet, l. & skin, c. The association of use of sunbeds
with cutaneous malignant melanoma and other skin cancers: A systematic review. Int J Cancer 120, 1116-1122 (2007).
8 Kvam, E. & Tyrrell, R.M. The role of melanin in the induction of oxidative DNA base damage by ultraviolet A irradiation of DNA
or melanoma cells. J Invest Dermatol 113, 209-213 (1999).
9 “I numeri del cancro in Italia 2014”, AIOM-AIRTUM
10 Penzer, R. & Ersser, S. Principles of Skin Care: A Guide for Nurses and Health Care Practitioners (Wiley-Blackwell, 2010)
2 Ford,
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard