I Fiori di Bach

annuncio pubblicitario
LA BACHECA DE “IL LABIRINTO”
I FIORI DI BACH
•CHE COSA SONO?
I Fiori di Bach sono 38 rimedi in gocce scoperti dal dottor Edward Bach in relazione a
corrispondenti condizioni psicologiche caratteriali o situazionali. Sono ottenuti dai fiori, colti nel
momento della fioritura quando hanno ancora in sé il seme, che poi vengono posati sulla
superficie dell’acqua pura contenuta in un recipiente di vetro sottile e quindi lasciati al sole per
tre giorni. Il calore del sole fa sì che l’energia vitale passi dal fiore all’acqua che viene
imbottigliata con aggiunta di poca quantità di brandy come conservante. I rimedi floreali non
sono farmaci, non agiscono a livello molecolare su un determinato sintomo, bensì vengono
definiti “rimedi spirituali”, capaci di riequilibrare i disagi emotivi che possono affliggere ognuno
di noi nella quotidianità.
Un corso avente ad oggetto la conoscenza dei Fiori di Bach per un uso personale, aderisce a
quello che era l’intento originario del dottor Bach stesso, che auspicava la conoscenza del
repertorio floreale da parte della maggioranza delle persone, che potevano utilizzarlo come
rimedio di auto-cura per le “sofferenze dell’anima”.
I rimedi di Bach non vengono influenzati da alcun farmaco e non interferiscono con le azioni di
questi; pertanto è possibile assumerli anche mentre si effettua una terapia della medicina
allopatica, inoltre non hanno effetti collaterali, non provocano assuefazione o dipendenza
.
COME AGISCONO?
Le essenze floreali sono rimedi “vibrazionali”, che agiscono in virtù della informazione
energetica di cui sono portatori.
Bach esemplifica il concetto dicendo che le piante da lui scelte "sono in grado di aprire i canali che
permettono una più completa unità tra anima e corpo" e che "le vibrazioni positive del nostro Io superiore
inondano la nostra personalità con le virtù di cui abbiamo bisogno, per poter eliminare grazie ad esse i difetti del
nostro carattere".
Questo significa che il “messaggio” energetico portato dal fiore entra in risonanza con il nostro
difetto (che non è altro che una virtù trascurata) e riesce così a riequilibrarlo. Semplificando
ancora, potremmo paragonare l'effetto a quello di un diapason usato per riaccordare una corda
stonata di uno strumento musicale. Il “sintomo” così non viene combattuto ma ricondotto alla
sua antica natura
una volta trovato il difetto, il rimedio non consiste nel combatterlo e neppure nell’applicare forza di volontà ed
energie per reprimerlo ma al contrario nell’impegnarsi ancora di più nello sviluppo della virtù opposta […] che
rende impossibile il comportamento sbagliato del passato. In questo modo ogni traccia dell’elemento nocivo
scomparirà automaticamente dalla nostra natura”
(E. Bach)
PER QUALI PROBLEMI SI USANO?
In generale i fiori si utilizzano per riequilibrare stati d'animo, non per curare patologie. Questo
però non esclude un loro uso integrato insieme ad altri metodi di cura, perché lavorano su piano
diversi, ma in connessione.
La soluzione migliore è sempre quella di adattare la miscela alla persona e ai suoi vissuti e non al
sintomo riportato.
Associazione Culturale Il Labirinto
Info @illabirintofucecchio .it
3895580682
Dott.ssa Giomarelli Lucia
Dott.ssa Sabatini Manuela
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

rocce

2 Carte oauth2_google_c482f14d-5fdf-4363-90b1-31fa1b3e2bb1

filosofia

4 Carte

Prova 3

2 Carte oauth2_google_948230a5-46f9-482e-b265-45599badbc21

creare flashcard