Scarica - IISS Cezzi de Castro Moro

annuncio pubblicitario
I.T.C. A.Cezzi De Castro – Maglie
“RIVEDIAMOCI… A SCUOLA”
IL CORPO UMANO
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
Nella struttura del corpo umano possiamo distinguere tre parti:
capo
capo
tronco
arti
torace
tronco
addome
arti
inferiori
arti
superiori
Nel capo si trovano il cervello e i più
importanti organi di senso, oltre alla bocca
Il tronco è sostenuto dalla
colonna
vertebrale ed è diviso in due parti da un
muscolo: il diaframma. La parte superiore
è il torace (in cui si trovano polmoni e
cuore) e quella inferiore l’addome (in cui si
trovano stomaco, fegato e intestino).
arti
sono
superiori
(chiamati
Gli
comunemente braccia, ma in realtà
composti da braccio, avambraccio, mano)
e inferiori (chiamati comunemente gambe,
ma in realtà composti da coscia, gamba,
piede)
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
In un organismo unicellulare la cellula svolge da sola tutte le attività
necessarie alla sopravvivenza.
Le cellule che costituiscono un organismo pluricellulare invece, pur
avendo una struttura di base comune, si differenziano e si
specializzano a svolgere ognuna una funzione ben precisa.
Gli organismi pluricellulari hanno un’organizzazione molto ordinata:
ORGANISMO
APPARATI
E SISTEMI
ORGANI
CELLULE
TESSUTI
Nota: la differenza tra un sistema e un apparato sta nel fatto che i sistemi sono formati da
organi dello stesso tipo, mentre gli apparati sono formati da organi anche molto diversi tra
loro.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
Il nostro corpo è organizzato in apparati e sistemi che lavorano in
maniera coordinata tra loro e svolgono le funzioni necessarie
all’intero organismo:
SISTEMA
SCHELETRICO
è formato dalle ossa
costituisce l’impalcatura del
corpo, protegge gli organi
interni e fa da ancoraggio ai
muscoli
SISTEMA
MUSCOLARE
è formato dai muscoli
consente il movimento del
corpo e la contrazione degli
organi interni come il cuore, lo
stomaco e l’intestino
SISTEMA
TEGUMENTARIO
è formato dalla pelle e dagli
“annessi
cutanei”
(capelli,
unghie e peli)
riveste e protegge il corpo,
regola la temperatura corporea
ed elimina le sostanze di rifiuto
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
Il nostro corpo è organizzato in apparati e sistemi che lavorano in
maniera coordinata tra loro e svolgono le funzioni necessarie
all’intero organismo:
SISTEMA
NERVOSO
è
formato
dai
recettori
sensoriali, encefalo, midollo
spinale e nervi
riceve messaggi dagli organi
di senso; elabora e invia impulsi
nervosi.
SISTEMA
ENDOCRINO
è
costituito
da
organi
particolari: le ghiandole, che
secernono specifiche sostanze,
chiamate ormoni
regola e coordina le attività
dell’organismo
SISTEMA
LINFATICO
è formato dai vasi linfatici, le
tonsille, la milza e il timo.
protegge
l’organismo
da
agenti
estranei,
parassiti,
infezioni e malattie.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
Il nostro corpo è organizzato in apparati e sistemi che lavorano in
maniera coordinata tra loro e svolgono le funzioni necessarie
all’intero organismo:
APPARATO
DIGERENTE
è formato da bocca, esofago,
stomaco, intestino e ghiandole
accessorie
frantuma il cibo, assorbe
nutrienti ed elimina sostanze di
rifiuto.
SISTEMA
RESPIRATORIO
è costituito dai polmoni e
dalle vie aeree
consente
al
corpo
di
prelevare dall’ambiente esterno
l’
ossigeno
ed
eliminare
l’anidride carbonica
SISTEMA
CIRCOLATORIO
è formato da vasi sanguigni e
cuore
trasporta ossigeno e nutrienti
alle cellule dalle quali raccoglie
le sostanze di rifiuto. Trasporta
difese immunitarie e ormoni.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
STRUTTURA
Il nostro corpo è organizzato in apparati e sistemi che lavorano in
maniera coordinata tra loro e svolgono le funzioni necessarie
all’intero organismo:
APPARATO
RIPRODUTTORE
APPARATO
ESCRETORE
comprende reni, vescica e vie
urinarie
depura il sangue dalle scorie
e le riversa all’esterno.
è formato dalle ovaie (nella
donna)
e
dai
testicoli
(nell’uomo),
dagli
organi
sessuali
e
dagli
organi
necessari allo sviluppo della
nuova vita (solo nella donna).
consente la fecondazione e la
nascita di nuovi individui.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
SCHELETRICO
SISTEMA SCHELETRICO
È un’ impalcatura rigida che sostiene il corpo, protegge gli
organi interni, fornisce un punto d’attacco per i muscoli.
È costituito da OSSA
Il tessuto osseo, che forma le ossa, può
essere di due tipi:
Tessuto osseo spugnoso: con aspetto
reticolato e localizzato soprattutto alle
estremità delle ossa
Tessuto osseo compatto: con aspetto
solido e localizzato soprattutto nella parte
centrale delle ossa
Le cavità all’interno delle ossa e gli spazi vuoti
presenti nel tessuto spugnoso sono occupati da
midollo osseo, un tessuto molle che serve
soprattutto alla produzione delle cellule del
sangue.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
SCHELETRICO
Le OSSA hanno forme molto diverse tra loro, ma possono essere
distinte in : LUNGHE
CORTE
PIATTE
FEMORE
OSSA LUNGHE
Struttura: sono formate
da una parte centrale allungata = diafisi
da estremità arrotondate = epifisi
Funzione: sono adatte a formare le strutture di sostegno degli
arti (esempi: femore tibia)
SCAPOLA
OSSA PIATTE
Struttura: sono larghe e poco spesse.
Funzione: alcune proteggono gli organi interni come le ossa del
cranio, altre servono da base d’appoggio come le ossa del
bacino, altre servono come punto d’attacco per i muscoli.
VERTEBRA
OSSA CORTE
Struttura: hanno lunghezza e larghezza che si equivalgono e
sono molto robuste. Esempi sono le vertebre, le ossa del piede e
delle mani.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
SCHELETRICO
Le ossa, per consentire il movimento, non sono saldate tra loro, ma
collegate attraverso articolazioni, che possono essere di tre tipi:
ARTICOLAZIONI MOBILI
Collegano ossa che devono compiere movimenti ampi,
come quelli di gambe e braccia.
Nella zona di contatto le ossa sono rivestite da cartilagine
(che è un tessuto elastico) e c’è una capsula sinoviale, che
contiene il liquido sinoviale, con azione lubrifcante
ARTICOLAZIONI SEMIMOBILI
Collegano ossa che devono compiere movimenti piuttosto
limitati, come le vertebre della colonna vertebrale.
Nella zona di contatto le ossa sono rivestite da cartilagine
per far scivolare le ossa l’una sull’altra.
ARTICOLAZIONI FISSE
Collegano ossa che non devono compiere alcun
movimento, come le ossa del cranio, ma devono
proteggere gli organi interni (es. cervello).
Nella zona di contatto i margini delle ossa aderiscono
perfettamente come le tessere di puzzle.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
SCHELETRICO
ASSILE comprende le ossa di
capo
tronco
Lo scheletro viene suddiviso in:
APPENDICOLARE comprende le ossa degli arti
Consideriamo in particolare le ossa
del tronco
sterno
GABBIA
TORACICA
costole
La gabbia toracica è composta
da 12 paia di costole e da un
osso piatto: lo sterno.
Le costole si “attaccano”
anteriormente allo sterno,
posteriormente alla vertebre.
Servono a proteggere gli
organi
interni
e
sono
importanti nel meccanismo
della respirazione.
COLONNA
VERTEBRALE
La colonna vertebrale è la
struttura portante del nostro
scheletro ed è costituita da 3334
ossa corte (vertebre)
suddivise in 5 zone:
cervicale, dorsale, lombare,
sacrale e coccigea.
Nelle vertebre, poste l’una
sull’altra, è presente un foro
un cui passa il midollo spinale.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
MUSCOLARE
SISTEMA MUSCOLARE
È un sistema, costituito da circa 600 muscoli, che permettono il
movimento delle ossa e la contrazione degli organi interni.
Oltre a permetterci di compiere movimenti consapevoli, sono
fondamentali per altre funzioni vitali come respirare, digerire e
consentire al sangue di circolare in tutto il corpo.
I muscoli hanno due caratteristiche
fondamentali:
CONTRATTILITA’
che gli permette di accorciarsi.
ELASTICITA’
che gli permette di tornare alla
forma di partenza
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
SISTEMA
MUSCOLARE
I muscoli sono organi composti da tessuto muscolare che può
essere di due tipi:
STRIATO
LISCIO
Perché, se osservato al microscopio, le cellule
non si distinguono bene, ma si vedono delle
striature chiare e scure.
Perché, se osservato al microscopio, si vedono
cellule affusolate ben distinguibili senza striature
I muscoli formati da tessuto striato (detti muscoli striati)
striati sono anche detti
volontari, perché possono contrarsi in base alla nostra volontà. Esempio muscoli
delle braccia, gambe ecc.
I muscoli formati da tessuto liscio (detti muscoli lisci)
lisci sono anche detti
involontari, perché non sono comandati dalla nostra volontà. Esempio muscoli
degli organi interni.
Un’eccezione è rappresentata dal CUORE che è un muscolo involontario (si
contrae ritmicamente e incessantemente senza la nostra volontà), ma è formato
da tessuto muscolare striato.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
SISTEMA
SCHELETRICO Il SISTEMA SCHELETRICO è un’ impalcatura rigida, che sostiene il corpo,
protegge gli organi interni, fornisce un punto d’attacco per i muscoli.
E MUSCOLARE
È costituito da OSSA che possono essere
distinte in base alla loro forma in:
LUNGHE
CORTE
PIATTE
Le ossa, per consentire il movimento sono
collegate attraverso ARTICOLAZIONI, che
possono essere di tre tipi:
ARTICOLAZIONI MOBILI Collegano ossa che devono compiere movimenti
ampi, come quelli di gambe e braccia.
ARTICOLAZIONI SEMIMOBILI Collegano ossa che devono compiere
movimenti piuttosto limitati, come le vertebre della colonna vertebrale.
ARTICOLAZIONI FISSE Collegano ossa che non devono compiere alcun
movimento, come le ossa del cranio, ma devono proteggere gli organi
interni (es. cervello).
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
SISTEMA
SCHELETRICO
E MUSCOLARE
Lo scheletro può essere diviso in
SCHELETRO
ASSILE
SCHELETRO
APPENDICOLARE
Comprende:
Comprende:
Ossa del capo
Ossa degli arti superiori
Ossa del tronco
Ossa degli arti inferiori
Le ossa del tronco, in
particolare, comprendono:
Gabbia toracica
Colonna vertebrale
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
SISTEMA
SCHELETRICO Il SISTEMA MUSCOLARE è un sistema costituito da muscoli, che
E MUSCOLARE permettono il movimento delle ossa e la contrazione degli organi interni.
I muscoli sono organi composti da tessuto muscolare che può essere di
due tipi:
STRIATO
LISCIO
MUSCOLI STRIATI = muscoli volontari, comandati dalla nostra
volontà. (es. muscoli di gambe e braccia)
MUSCOLI LISCI = muscoli involontari, non comandati dalla
nostra volontà (es. muscoli degli organi interni)
ECCEZIONE = CUORE.
È un muscolo striato involontario, non comandato dalla nostra volontà!!
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
DIGERENTE
APPARATO DIGERENTE
L’apparato digerente è l’insieme degli organi che permettono
ad un organismo di assumere il cibo, assorbire i nutrienti ed
eliminare i rifiuti.
BOCCA
FARINGE
ESOFAGO
STOMACO
INTESTINO
ANO
All’apparato digerente appartengono
anche ghiandole salivari, fegato e
pancreas
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
DIGERENTE
DIGESTIONE
Chiamiamo digestione il lungo processo di trasformazione degli
alimenti, fondamentali per la sopravvivenza perché forniscono al
corpo l’energia necessaria allo svolgimento delle sue funzioni.
In parole più semplici è
quel processo che permette di “spezzare” gli alimenti in molecole più
piccole che possono essere assorbite e usate dall’organismo.
DIGESTIONE MECCANICA
il
cibo
introdotto
è
spezzettato e rimescolato
DUE FASI
DIGESTIONE CHIMICA
gli alimenti sono scomposti
nelle sostanze nutritive che
li costituiscono (es. proteine
in amminoacidi) ad opera di
ENZIMI digestivi
Le sostanze nutritive così ottenute sono poi assorbite e riversate nel
sangue. Esso le trasporta a tutto il corpo e quindi alle cellule, affinché
svolgano le loro funzioni.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
BOCCA
APPARATO
DIGERENTE
labbro
superiore
palato
velopendulo
lingua
arcata
dentaria
Primo
componente
dell’apparato
digerente in cui
si realizzano due
eventi importanti:
labbro
Inferiore
1. inizia la digestione meccanica ad opera dei denti. Essi riducono il cibo in
piccoli pezzetti adatti ad essere ingoiati
2. il cibo è imbevuto di saliva. È un fluido prodotto dalle ghiandole salivari,
importante per due ragioni
lubrifica il cibo per facilitarne il passaggio negli altri organi dell’apparato digerente
comincia la digestione chimica (in particolare dell’amido)
Il cibo, spezzettato e insalivato, assume l’aspetto di una poltiglia molle
chiamata BOLO.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
FARINGE
APPARATO
DIGERENTE
Faringe
Canale a forma di imbuto posto dietro la
bocca che permette al bolo di passare
all’esofago.
In realtà dalla faringe passano sia il cibo
che l’aria, infatti dalla faringe si diramano:
ESOFAGO
un lungo tubo che fa parte
dell’apparato digerente portando il
cibo allo stomaco
LARINGE
una
struttura
che
fa
dell’apparato respiratorio e
l’aria alla trachea e ai polmoni
parte
porta
Nota: A garantire che il cibo prosegua per la strada giusta passando quindi nell’esofago
interviene l’epiglottide, che è una sottile lamina che si abbassa e chiude le vie respiratorie
nel momento in cui ingoiamo il cibo.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
ESOFAGO
APPARATO
DIGERENTE
lungo canale, di circa 30 cm, che fa
avanzare il cibo fino allo stomaco con delle
contrazioni
involontarie
(contrazioni
peristaltiche).
Esofago
Cardias
Questo meccanismo che spinge in avanti il
cibo è chiamato peristalsi.
A questo punto il bolo entra nello stomaco attraverso l’apertura di una valvola
chiamata cardias, che si richiude subito dopo che passa il cibo
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
DIGERENTE
STOMACO
È un organo a forma di sacco in cui il cibo
resta da due a sei ore.
Qui è rimescolato per mezzo di quelle
contrazioni involontarie che abbiamo
chiamato contrazioni peristaltiche ed è
ammorbidito e parzialmente digerito grazie
al succo gastrico prodotto dallo stomaco.
Il succo gastrico è un liquido prodotto dallo
stomaco che contiene tre elementi importanti:
1. Acido cloridrico, una sostanza molto acida che permette la digestione e distrugge
batteri ingeriti con il cibo.
2. Enzimi digestivi, proteine che degradano chimicamente il cibo.
3. Muco sostanza che serve a proteggere le pareti dello stomaco dall’acido e dagli enzimi
digestivi.
Il bolo mescolato con il succo gastrico forma un impasto biancastro chiamato
CHIMO. Il chimo, passando attraverso una valvola che chiude lo stomaco:
piloro, è spinto nell’intestino
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
DIGERENTE
INTESTINO
È un tubo lungo circa 9 metri che si divide in
due parti:
intestino tenue
intestino crasso.
1. Intestino tenue: è la parte più lunga (circa 7 metri) e si divide in
tre parti: duodeno, digiuno e ileo
2. Intestino crasso: è lungo circa 2 metri e si divide in tre parti:
cieco, colon e retto
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
INTESTINO tenue
APPARATO
DIGERENTE
Nell’intestino tenue si verificano due cose
importanti:
1. è completata la digestione chimica del cibo grazie
all’azione di diversi succhi che sono riversati a questo
livello.
Bile prodotta dal fegato
Succo pancreatico prodotto dal pancreas
Succo enterico prodotto dall’intestino stesso
Tenue
A questo punto il chimo completamente digerito
e mescolato con questi succhi digestivi prende
il nome di CHILO.
2. sono assorbite le sostanze nutritive (attraversano la
parete dell’intestino) e passano nel sangue, che le porta
a tutte le cellule del corpo.
L’assorbimento avviene grazie ai villi intestinali, numerosissime ripiegature
della superficie interna dell’intestino
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
INTESTINO crasso
APPARATO
DIGERENTE
Nell’intestino crasso arriva tutto ciò che non è
stato assorbito nell’intestino tenue, cioè
materiali di rifiuto, acqua e sali minerali.
Le pareti dell’intestino crasso
assorbono
l’acqua e i sali minerali.
Nell’intestino crasso vivono i batteri che
costituiscono la “flora batterica intestinale”,
importante per la produzione di vitamine utili per
l’organismo.
Crasso
Tutto il materiale rimanente che non è assorbito costituisce le FECI che
vengono espulse attraverso l’ano.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Nota:
APPARATO
DIGERENTE
Fegato
Cistifellea
All’apparato digerente appartiene anche il fegato che produce la bile
(un succo verde-giallastro), importante per la digestione dei grassi.
La bile prodotta dal fegato, prima di essere rilasciata nell’intestino,
viene accumulata in un “sacchetto” chiamato cistifellea o colecisti.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
DIGERENTE
DIGESTIONE: processo che avviene nell’apparato digerente con cui il
cibo è trasformato in sostanze nutritive più piccole che sono assorbite e
portate alle cellule dal sangue.
L’APPARATO DIGERENTE è formato da tanti organi ognuno dei quali
svolge un ruolo importante nella digestione:
BOCCA inizia la digestione meccanica
FARINGE ED ESOFAGO: portano il cibo allo stomaco
STOMACO: inizia la digestione chimica
INTESTINO tenue: completa la digestione e inizia l’assorbimento dei nutrienti grazie ai villi
INTESTINO crasso: assorbe acqua, sali minerali e vitamine e raccoglie il materiale non digerito.
ANO: serve ad espellere all’esterno il materiale di scarto che costituisce le feci.
Intervengono anche:
Ghiandole salivari. Producono la saliva
Fegato. Produce la bile per digerire i grassi
Pancreas. Produce enzimi digestivi
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
DIGERENTE
Per quanto riguarda le trasformazioni subite dal cibo
nel processo digestivo:
CIBO
BOLO
CHIMO
CHILO
Assorbimento
FECI
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
RESPIRATORIO
APPARATO RESPIRATORIO
L’apparato respiratorio è l’insieme degli organi che permettono
gli scambi gassosi, prelevando ossigeno dall’ambiente ed
espellendo anidride carbonica.
è costituito da
POLMONI
VIE AEREE
grossi organi
spugnosi in cui
avvengono gli
scambi gassosi tra
l’aria che respiriamo
e il sangue
strutture che
servono al
passaggio dell’aria
naso e bocca
faringe
laringe
trachea
bronchi
bronchioli
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
RESPIRATORIO
RESPIRAZIONE
La respirazione è un processo che accomuna tutti gli esseri viventi.
Bisogna fare una prima importante distinzione:
CELLULARE
RESPIRAZIONE
è un processo che avviene all’interno
delle cellule (in particolare nei
mitocondri) che permette alla cellula di
utilizzare le sostanze nutritive come il
glucosio e l’ossigeno per produrre
energia, ottenendo come prodotti di
“rifiuto” acqua e anidride carbonica.
è un processo, svolto dall’apparato
respiratorio,
che
permette
POLMONARE all’organismo di assumere ossigeno
dall’ambiente esterno e di eliminare
anidride carbonica.
Il legame tra i due tipi di respirazione è nel fatto che l’ossigeno usato
dalla respirazione cellulare per produrre energia è quello introdotto
nell’organismo con la respirazione polmonare.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
RESPIRATORIO
MECCANISMO DELLA RESPIRAZIONE
La respirazione è un processo che avviene in
due fasi,che si ripetono continuamente.
INSPIRAZIONE
ESPIRAZIONE
introduce aria ricca di
ossigeno nei polmoni
elimina aria ricca di
anidride carbonica
L’ingresso e la fuoriuscita dell’aria in queste due fasi è resa
possibile dal diaframma (il muscolo posto sotto la gabbia toracica
che separa torace e addome) e dai muscoli intercostali della gabbia
toracica, perché i polmoni non hanno dei muscoli propri per potersi
dilatare e comprimere da soli.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
RESPIRATORIO
MECCANISMO DELLA RESPIRAZIONE
La gabbia toracica si espande
La gabbia toracica si rilascia
Il diaframma si abbassa
Il diaframma si solleva
Il polmone si riempie
Il polmone si svuota
i movimenti respiratori sono automatici, ma la loro frequenza
dipende dall’esigenza di ossigeno dell’organismo.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
PERCORSO DELL’ARIA NELLE VIE AEREE.
APPARATO
RESPIRATORIO
Bocca e cavità nasali
Permettono
all’aria
di
entrare
nell’organismo (nel naso l’aria è
umidificata e preriscaldata, oltre ad
essere privata dei germi e della polvere).
faringe
naso e
bocca
trachea
laringe
bronchi
Faringe
Struttura a forma di imbuto, posta dietro
la cavità orale (bocca) ed è in comune ad
apparato respiratorio e digerente.
Laringe
polmoni
Struttura allungata che permette il
passaggio dell’aria.
Contiene anche le corde vocali: pieghe di
cartilagine che vibrando al passaggio
dell’aria permettono l’emissione della
voce (la più grande delle cartilagini della
laringe forma il pomo d’adamo)
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
PERCORSO DELL’ARIA NELLE VIE AEREE.
APPARATO
RESPIRATORIO
Trachea
faringe
naso e
bocca
trachea
laringe
bronchi
Lungo tubo (circa 12 cm) posto davanti
all’esofago con pareti formate da anelli di
cartilagine (che si possono sentire sotto
la pelle toccandosi il collo). Sulle pareti
interne presenta due diversi tipi di
cellule: alcune con ciglia e altre che
producono muco, che servono a
impedire che impurità e microrganismi
arrivino ai polmoni.
Bronchi
polmoni
Due condotti in cui si divide la trachea,
ciascuno dei quali conduce ad un
polmone.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
PERCORSO DELL’ARIA NELLE VIE AEREE.
APPARATO
RESPIRATORIO
Bronchioli
trachea
bronchi
polmoni
Tubi sempre più sottili che si formano dai
bronchi.
Alveoli polmonari
Piccole sacche che si formano alle
terminazioni dei bronchioli.
bronchioli
alveoli
Sono circondati da piccolissimi vasi in
cui scorre sangue (capillari)
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
RESPIRATORIO
POLMONI
trachea
polmoni
Sono due grossi organi spugnosi
collocati nella gabbia toracica e separati
da uno spazio in cui è collocato il cuore
(per tale ragione il polmone sinistro è
leggermente più piccolo del destro).
Ogni polmone è rivestito da due sottili
membrane:
le
pleure,
che
gli
impediscono di “sfregare” contro le
costole durante la respirazione.
bronchi
bronchioli
alveoli
Sono formati da un numero elevatissimo
di alveoli, circondati da piccolissimi vasi
in cui scorre sangue (capillari)
È proprio a questo livello che avvengono per diffusione gli “scambi
gassosi” della respirazione:
l’ossigeno dell’aria inspirata dopo aver percorso tutte le vie aeree passa dall’alveolo al sangue
l’anidride carbonica contenuta nel sangue passa negli alveoli e poi nell’aria che è espirata.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
RESPIRATORIO
RESPIRAZIONE: processo con cui nel nostro corpo è introdotto
ossigeno, che poi è usato per ricavare energia dal glucosio e i nutrienti,
ed è eliminata anidride carbonica.
Si divide in:
RESPIRAZIONE CELLULARE
RESPIRAZIONE POLMONARE
Avviene in due fasi:
avviene all’interno delle cellule
• consuma ossigeno
• produce energia
è svolta dall’apparato respiratorio,
• preleva ossigeno dall’ambiente
esterno e lo immette nel sangue
• elimina anidride carbonica dal
sangue
INSPIRAZIONE
ESPIRAZIONE
introduce aria ricca di
ossigeno nei polmoni
elimina aria ricca di
anidride carbonica
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
RESPIRATORIO
L’APPARATO RESPIRATORIO è l’insieme degli organi che permettono
gli scambi gassosi, prelevando ossigeno dall’ambiente ed espellendo
anidride carbonica.
è costituito da
VIE AEREE
strutture che servono al
passaggio dell’aria
naso e bocca
POLMONI
grossi organi spugnosi,
contenenti un elevatissimo
numero di alveoli, in cui
avvengono gli scambi gassosi tra
l’aria che respiriamo e il sangue
faringe
laringe
trachea
bronchi
alveoli
bronchioli
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
APPARATO CIRCOLATORIO
L’apparato circolatorio è l’insieme degli organi che permettono
al sangue di circolare in tutto il corpo.
è costituito da
cuore
arterie
vene
CUORE
VASI SANGUIGNI
arterie
vene
capillari
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
Per far funzionare l’organismo, i viventi devono rifornire le proprie
cellule di ossigeno e sostanze nutritive e liberarsi dei prodotti di scarto.
A tale scopo gli organismi più evoluti hanno sviluppato un complesso
sistema di canali (i vasi sanguigni), che raggiungono tutte le parti del
nostro corpo. All’interno di questi vasi scorre un fluido sempre in
movimento: il SANGUE
trasporta ossigeno e sostanze nutrienti a tutte le cellule del corpo
rimuove anidride carbonica e sostanze di rifiuto.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
Cos’è il sangue?
è un fluido costituito da una parte cellulare e una parte liquida
PARTE CELLULARE
PARTE LIQUIDA
Composta da tre tipi di
cellule
Composta da acqua
(soprattutto), sali minerali,
zuccheri, grassi, vitamine,
proteine e sostanze prodotte
dall’organismo: gli ormoni.
Globuli rossi
Globuli bianchi
Plasma
Piastrine
globuli bianchi
piastrine
globuli rossi
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
globuli rossi:
APPARATO
CIRCOLATORIO
Caratteristiche:
Sono cellule particolari perché sono prive di nucleo.
Hanno la forma di un disco biconcavo
Sono rossi perché contengono una proteina chiamata emoglobina
(responsabile del legame con l’ossigeno e l’anidride carbonica)
Vivono per 120 giorni e poi sono distrutti.
Funzione: Trasportano ossigeno e anidride carbonica
Numero: Il loro numero resta più o meno costante nel sangue perché man
mano che sono distrutti, vengono riformati (circa 5.000.000 per mm3)
globuli bianchi:
Caratteristiche: Sono cellule di forma e dimensione variabile e hanno un
nucleo ben visibile.
Funzione: “corrono” dove c’è bisogno di loro e servono a difendere
l’organismo dalle infezioni.
Numero: Normalmente sono da 5000 a 9000 per mm3 ma aumentano in
caso di infezioni
piastrine:
Caratteristiche: Non sono cellule vere e proprie, ma piccoli elementi privi
di nucleo
Funzione: Servono nel processo della coagulazione, cioè quel processo
che blocca la fuoriuscita di sangue in caso di ferite.
Numero: Da 150.000 a 400.000 per mm3
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
Abbiamo detto che l’apparato circolatorio è formato da cuore e vasi sanguigni
Arterie
VASI SANGUIGNI
Vene
Capillari
Arterie
cuore
In esse scorre sangue che parte dal cuore e si dirige verso tutte
le parti del corpo.
Si trovano in profondità
vene
Hanno pareti robuste ed elastiche
Man mano che si allontanano dal cuore si ramificano in vasi via
via più piccoli detti arteriole
Vene
In esse scorre sangue che parte dalle varie parti del corpo e si
dirige verso il cuore
Scorrono più superficialmente
Sono più grosse delle arterie ma hanno pareti più sottili e meno
elastiche.
Nota: nelle vene più grosse si trovano delle valvole dette “a nido
di rondine” che si aprono in una sola direzione e fanno sì che il
sangue fluisca verso il cuore senza poter tornare indietro
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
arterie
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
VASI SANGUIGNI
Capillari
Sono vasi sottilissimi
Mettono in comunicazione le arterie con le vene.
Hanno pareti sottilissime per permettere il passaggio di sostanze per diffusione
l’ossigeno e le sostanze nutritive passano dal sangue dei capillari arteriosi alle cellule
l’anidride carbonica e le sostanze di rifiuto passano dalle cellule al sangue dei
capillari venosi.
arterie
vene
capillari
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
APPARATO
CIRCOLATORIO
CUORE
Organo situato tra i due polmoni che ha
grossomodo le dimensioni di un pugno chiuso.
È costituito da tessuto muscolare striato, ma si
contrae senza l’intervento della nostra volontà.
è diviso in 4 cavità:
Due superiori = ATRI (destro e sinistro)
Due inferiori = VENTRICOLI (destro e sinistro)
la parte destra è completamente separata dalla sinistra
ogni atrio comunica con il ventricolo sottostante attraverso una valvola che
permette il passaggio del sangue dall’atrio al ventricolo (cioè da sopra a sotto) e
non viceversa.
Il cuore si contrae e si rilassa, spingendo il sangue a scorrere.
Funziona come una pompa.
Contrazione = sistole
Rilassamento = diastole
Quando gli atri sono contratti i ventricoli sono rilassati e viceversa.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
PERCORSO DEL SANGUE
APPARATO
CIRCOLATORIO
Il sangue ricco di anidride carbonica (che proviene dalle varie
parti del corpo) arriva all’atrio destro tramite vene.
Dall’atrio destro passa al ventricolo destro
atrio
destro
Dal ventricolo destro passa all’arteria che va ai polmoni
atrio
sinistro
A livello dei polmoni il sangue lascia anidride carbonica e
prende ossigeno
Il sangue ricco di ossigeno arriva all’atrio sinistro del cuore
con le vene polmonari
ventricolo
destro
ventricolo
sinistro
Dall’atrio sinistro passa al ventricolo sinistro
Dal ventricolo sinistro il sangue passa nelle arterie che vanno a
tutto il corpo (aorta che poi si dirama in arterie più piccole)
A livello delle cellule c’è lo scambio di ossigeno e sostanze
nutritive con anidride carbonica e sostanze di rifiuto.
Il sangue torna al cuore con le vene
… ricomincia tutto il ciclo …
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
PERCORSO DEL SANGUE
APPARATO
CIRCOLATORIO
Si dice che la circolazione del sangue
nell’uomo è DOPPIA e COMPLETA
DOPPIA perché il sangue passa dal cuore due volte
atrio
destro
atrio
sinistro
COMPLETA il sangue ricco di ossigeno e quello
ricco di anidride carbonica non si mescolano mai.
PICCOLA CIRCOLAZIONE: il percorso del sangue
dal cuore ai polmoni e viceversa.
ventricolo
destro
ventricolo
sinistro
GRANDE CIRCOLAZIONE: il percorso del sangue
dal cuore verso tutte le parti del corpo e viceversa
Nota:
Il cuore batte indipendentemente dalla nostra volontà. Ciò
che permette la contrazione del cuore è un gruppo di cellule
(cellule pacemaker) che generano un impulso elettrico che
stimola la contrazione (prima degli atri e poi dei ventricoli)
Frequenza cardiaca: numero di contrazioni cardiache al
minuto. Normalmente in una persona adulta è 70/min ma
varia con età, sesso, stato emotivo e attività fisica.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
CIRCOLATORIO
Il sangue è un fluido che trasporta ossigeno e sostanze nutrienti a tutte
le cellule del corpo e rimuove da esse anidride carbonica e sostanze di
rifiuto. È costituito da una parte cellulare e una parte liquida
PARTE CELLULARE
Globuli rossi: trasportano ossigeno
Globuli bianchi: difendono l’organismo
Piastrine: permettono la coagulazione
PARTE LIQUIDA
Plasma
L’APPARATO CIRCOLATORIO è l’insieme degli organi che permettono
al sangue di circolare in tutto il corpo.
è costituito da
arterie
CUORE
è diviso in 4 cavità:
Due superiori: ATRI
Due inferiori: VENTRICOLI
VASI SANGUIGNI
vene
capillari
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
IL CORPO UMANO
Per ricapitolare:
APPARATO
CIRCOLATORIO
La circolazione del sangue nell’uomo è DOPPIA e COMPLETA
DOPPIA perché il sangue passa dal cuore due volte
COMPLETA perché il sangue ricco di ossigeno e quello ricco di
anidride carbonica non si mescolano mai.
Si può parlare di:
PICCOLA CIRCOLAZIONE: il percorso del sangue dal
cuore ai polmoni e viceversa.
GRANDE CIRCOLAZIONE: il percorso del sangue dal
cuore verso tutte le parti del corpo e viceversa
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
Nota: alcune delle immagini utilizzate sono state reperite in
rete.
SCIENZE INTEGRATE
Maria Rosaria DE CAGNA
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard