Introduzione alla Novena

annuncio pubblicitario
una stella, tante strade
novena con i Magi
.introduzione
«Ascolto, meditazione, azione: sono queste le condizioni
per vivere la Parola di Dio. Parola che per ciascuno di noi
é chiamata, comando che esige obbedienza, legge che
guida la storia, insegnamento che rende saggi, promessa
che apre al futuro, ripristino della Verità. Ma occorre, da
parte nostra, la volontà di mettersi in cammino, in ricerca; di
percorrere, sul modello dei Magi, la via che ci porta a testimoniare l’alleanza di Dio con l’umanità. Le profezie dell’Antico Testamento e il “Vangelo dell’infanzia” del Nuovo sono
le traiettorie lungo le quali, giorno per giorno, nella novena
al Natale, si snoda il nostro procedere per incontrare il Signore Gesù, l’Emmanuele, il Dio-con-noi.
I Magi diventano, allora, il simbolo dei cercatori di Dio, di
ogni tempo e luogo. Essi sono umili pellegrini nella fede, audaci nella scelta e fedeli nel cammino, generosi nel dono di
sé e pronti alla testimonianza. Per loro, e per quanti si mettono sulle loro tracce, la Stella è principio di movimento nella
speranza che porta all’incontro col Signore Gesù. La Stella
è unica, ma capace di illuminare percorsi diversificati verso
Cristo, luce del mondo.
Aprendosi a tale splendore, la Chiesa può vivere la sua missione di Madre e Maestra per accompagnare alla mèta
chi cerca il volto di Dio con sincerità di cuore.»
Luigi Guglielmoni e Fausto Negri
.la visita dei Magi
dal Vangelo secondo Matteo (2,1 - 12)
Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re
Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei
Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo
venuti ad adorarlo». All’udire questo, il re Erode restò
turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi
dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da
loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per
mezzo del profeta:
E tu, Betlemme, terra di Giuda,
non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda:
da te infatti uscirà un capo
che sarà il pastore del mio popolo, Israele».
Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece
dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa
la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e
informatevi accuratamente sul bambino e, quando
l’avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch’io
venga ad adorarlo».
Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si
fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre,
si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni
e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti
in sogno di non tornare da Erode, per un’altra strada
fecero ritorno al loro paese.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard