il PDF allegato

annuncio pubblicitario
Epifania del Signore
Riflessione a cura di don Sergio Marcazzani
“Alcuni
Magi
vennero
da
oriente
a
Gerusalemme, e ....la stella, che avevano visto
spuntare, li precedeva... videro il bambino con
Maria sua madre, si prostrarono e lo
adorarono...poi per un'altra strada fecero
ritorno al loro paese. ( Mt.2, 1-12 )
Un senso di impotenza e di paura ci pervade, e come una nebbia fitta avvolge le nostre case e
le nostre comunità. Voci allarmate risuonano continuamente attorno a noi: invasione,
terrorismo, crisi economica, incertezza politica…: un pessimismo diffuso, come tenebra
oscura, impedisce di scorgere luci di speranza: è come dice il profeta Isaia: “ le tenebre
ricoprono la terra, nebbia fitta avvolge le nazioni".
Apparteniamo a un'epoca in cui è più facile vedere l'oscurità della notte che i punti luminosi,...
eppure, da questa pagina di Matteo, una grande luce si sprigiona per diradare le tenebre che
coprono la terra: una luce che proviene da un bambino: è il Figlio dell'eterno Padre, il Messia
degli Israeliti, e, di fronte ad Erode, il re delle genti.
"Alzati, rivestiti di luce, perché viene la tua luce, la gloria del Signore brilla sopra di te", ci
esorta il profeta. Come riconoscere questa luce? Come incontrarla perché brilli su di noi?
Per poterla incontrare, oggi, questa luce dobbiamo lasciare Erode e la sua corte!
Essi rappresentano il mondo dei potenti: per loro, tutto vale purché assicuri il proprio potere:
calcolo, strategia, menzogna, corruzione....vale perfino la crudeltà, il terrore, il disprezzo
dell'essere umano e la distruzione degli innocenti. All'apparenza è un mondo grande e
potente, che si presenta come il difensore della giustizia, ma finisce sempre per cercare il
bambino per "ucciderlo".
Per poterla incontrare, oggi, questa luce, dobbiamo abbandonare i sommi sacerdoti e gli
scribi.... L'autorità politica convoca quella religiosa e intellettuale per sapere 'dove' nasce
questo re. ‘A Betlemme ‘, dicono: muovono gli occhi sulle Scritture, ma non muovono i loro
piedi verso il Signore.... sanno la verità, ma ne stanno lontani... non si muovono, come
sentinelle addormentate. Oggi, bisogna 'uscire', abbandonare le sicurezze schematiche, per
andare incontro al Signore.... bisogna farsi compagni di viaggio dei Magi, uomini che
camminano sulle tracce di una stella capace di ri-orientare, ri-comporre e ri-chiamare alla vita
e alla speranza. I Magi oggi rappresentano il cammino che noi facciamo per scoprire il divino
nell'umano, per adorare il bambino invece di cercare la sua morte, per riconoscere la dignità
di ogni creatura invece che distruggerla: è il cammino inverso di quello di Erode e degli scribi
"Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il
bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono" (v.10-11).
Per chi crede, questa stella conduce sempre a Betlemme, a Gesù.
Il gesto finale dei Magi è sublime: dinanzi al bambino si prostrano e lo adorano.
Si inchinano con rispetto dinanzi alla sua dignità; scoprono il divino nell'umano.
E noi, oggi, dinanzi a chi ci inginocchiamo? Come si chiama il "dio" che adoriamo nel
profondo del nostro cuore? Diciamo di essere cristiani, ma viviamo adorando il Bambino di
Betlemme?
Oggi siamo chiamati, insieme ai Magi, a collocare ai Suoi piedi le nostre ricchezze e il nostro
benessere, le nostre gioie e le fatiche del cammino, certi che nulla di quello che viviamo va
perduto, e gli errori, le strade sbagliate, gli incontri infelici, in realtà sono tutti i piccoli passi
che ci porteranno a riconoscere il Suo Volto.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

123

2 Carte

creare flashcard