protocollo di collaborazione

annuncio pubblicitario
PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE
Tra
AICS – Associazione Italiana Cultura Sport, con sede in Roma Via Barberini, 68 nella persona
del Legale Rappresentante Bruno Molea,
e
SIAEC - Società Italiana di Arte Equestre Classica con sede a Oviglio (AL) in Via Monvicino
n.snc nella persona del Legale Rappresentante Giancarlo Mazzoleni
Premesso che
l’AICS (Associazione Italiana Cultura Sport) è un’Associazione nazionale fondata nel 1962 con
sede a Roma;
l’ A.I.C.S. è riconosciuto, ai fini sportivi, dal Consiglio Nazionale del CONI con deliberazione n.
27, del 24 giugno 1976;
l’AICS è riconosciuto altresì dal Ministero degli Interni, è iscritta al Registro Nazionale delle
Associazioni di promozione sociale e nell’elenco delle Organizzazioni di volontariato del
Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
l’AICS è riconosciuta dal Ministero dell’Interno con D.M. del 6 maggio 1989, come Ente avente
finalità assistenziale;
l’AICS è l’Associazione di tutte le persone e soggetti collettivi che vogliono essere protagoniste del
fenomeno sportivo attraverso la pratica diretta, competitiva e non, la partecipazione alle esperienze
associative e formative, l’organizzazione di eventi;
premesso che
 La Società Italiana di Arte Equestre Classica- equitazione sentimentale (S.I.A.E.C.) è
un’Associazione culturale senza scopo di lucro legalmente riconosciuta
 La S.I.A.E.C. sviluppa un opera di recupero e traduzione di testi dell’equitazione classica, che
pubblica e diffonde ai propri associati, e collabora con editori per divulgare più diffusamente
una cultura rispettosa del cavallo.
 La S.I.A.E.C. col giornale “Equitazione sentimentale” opera da anni nel settore della cultura
equestre con il fine di recuperare e diffondere un patrimonio di grande importanza, convinti
che la brutalità nei confronti dei cavalli sia spesso l’inconsapevole frutto dell’ignoranza.
 La S.I.A.E.C. da anni organizza corsi di formazione e di approfondimento teorico e pratico per
il benessere del cavallo e del cavaliere.
e premesso che
l’Associazione Italiana Cultura Sport) (di seguito AICS) e la S.I.A.E.C.-Società Italiana di Arte
Equestre Classica- Equitazione Sentimentale (di seguito S.I.A.E.C.) condividono:
- il principio che lo sport è un fenomeno culturale di grande rilevanza sociale e che, per le
insite implicazioni di carattere educativo, tecnico, sociale e ricreativo, deve essere
considerato un vero e proprio valore fondamentale per l'individuo e la collettività con
riferimento, in particolare, all'Art. 2 della Costituzione;
- la finalità della formazione, della ricerca, della documentazione ed in genere la promozione
e la diffusione di tutti valori morali e culturali e sociali riconducibili alla pratica delle attività
motorie e sportive,
- che l’equitazione è un rapporto tra esseri viventi di specie differenti che devono trovare un
linguaggio comune per cooperare correttamente.
Pag. 1 di 4
-
-
che una corretta equitazione ha un grande potenziale di sviluppo fisco e psichico di entrambi
i soggetti collaboranti (cavallo e cavaliere)
che l’equitazione solo secondariamente può anche essere considerata uno sport agonistico.
Che l’equitazione ha una potenzialità nel recupero di soggetti in difficoltà fisica, psichica e
sociale.
Che tali potenziali devono basarsi su una consolidata base culturale e tecnica
particolarmente rispettose del benessere psichico e fisico del cavallo, per non procurare
danni.
Che atteggiamenti scorretti possono essere gravemente lesivi del corpo e della psiche del
cavallo,
al contrario atteggiamenti corretti migliorano il benessere fisico e psichico di entrambi,
cavallo e cavaliere.
E che la S.I.A.E.C. ha posto nei propri principi costitutivi
- il sereno e rispettoso rapporto tra uomini
- il rispetto dei diritti dell'uomo, degli animali e dell'ambiente
- la ricerca dell'armonia e della creatività e del benessere attraverso le attività equestri
Su queste basi la S.I.A.E.C., dopo anni di studi presso il Centro Studi di Equimozione e
Isodinamica di Monvicino (Al) a cui hanno collaborato etologi, fisiatri, fisioterapisti e veterinari,
ha messo a punto un metodo basato sullo studio della dinamica del cavallo e della collaborazione
armonica del corpo del cavaliere, denominato “Metodo di Equimozione e Isodinamica (M.E.I.)”,
del cui marchio è proprietaria nella figura del presidente Giancarlo Mazzoleni, e forma operatori di
tale metodo denominati “Tecnici di Equimozione e Isodinamica (T.E.I.)”.
L’AICS condivide i principi sopra espressi ritenendoli coerenti con i propri scopi statutari e
praticabili all'interno della propria rete associativa alla quale possono apportare un significativo
contributo di idee e proposte nelle strutture che operano nel settore equestre.
si conviene e si stipula quanto segue
Art. 1 - Norme generali
1.1
Le premesse sono parte integrante del “protocollo di collaborazione”. Con la presente le
Parti intendono realizzare un vero e proprio “patto associativo per lo sviluppo della
disciplina dell’equitazione, nell'interesse dei praticanti e dell'associazionismo di base e delle
comunità locali.
AICS e SIAEC si impegnano a collaborare per la realizzazione delle finalità comuni.
Le forme di collaborazione possono riguardare:
- predisposizione di progetti comuni da presentare in sede territoriale nazionale e comunitaria
per l'accesso a forme di finanziamento per la realizzazione del programma in tutte le sue
possibile applicazioni e di tutte le iniziative che da esso potranno scaturire;
- attivazione di forme di visibilità reciproca alle iniziative AICS/SIAEC attraverso link sui siti
di riferimento;
- realizzazione di forme di divulgazione e promozione sulla stampa locale e nazionale (quali
ad esempio la pubblicazione di articoli, l’organizzazione di incontri pubblici, l’utilizzo di
materiale fotografico o video e altro), concordandone contenuti e modalità nel rispetto
dell’autonomia.
Pag. 2 di 4
L’AICS favorisce e promuove la partecipazione dei propri associati e dei propri quadri tecnici ai
momenti di formazione organizzati dalla S.I.A.E.C., condividendone i contenuti e i programmi.
La S.I.A.E.C. si impegna a sviluppare la formazione dei Tecnici di Equimozione e Isodinamica
nell’ambito dell’AICS utilizzando propri formatori autorizzati. Una volta avviato l'iter formativo,
gli operatori abilitati dopo il periodo di tirocinio e i momenti di verifica, acquisiscono il brevetto di
"EDUCATORE alle Attività Equestri”: Tecnico di Equimozione e Isodinamica, valido per operare
all'interno della AICS Attività Equestri e in altri ambiti di attività che saranno insieme definiti. Lo
stesso potrà valere come credito formativo in altri percorsi che saranno di volta in volta definiti.
Data la specificità del metodo di formazione, la S.I.A.E.C. è e resta unico proprietario del marchio
“Metodo di Equimozione e Isodinamica” e del marchio “Tecnici di Equimozione e Isodinamica”
della cui formazione è garante.
Le Società AICS che avranno i requisiti potranno entrare a far parte del Circuito dei centri
“Equitazione sentimentale”.
1.2 Le parti si impegnano anche attraverso le rispettive strutture territoriali a svolgere tutte le
iniziative necessarie nell’ambito delle attività equestri:
a) per sviluppare con le istituzioni, le Scuole, ecc., un’ azione comune finalizzata ad una più
razionale utilizzazione degli impianti sportivi e degli spazi associativi pubblici;
b) per la costruzione, la ristrutturazione e l'agibilità di impianti sportivi e ambiti di pratica
sportiva e associativa;
c) per favorire la promozione dell'attività equestre nella scuola;
d) per promuovere ed incrementare la pratica motoria ad ogni età;
e) per promuovere lo studio, la conoscenza, la divulgazione, la pratica dell’attività associativa
e sportiva e degli aspetti culturali specifici della disciplina attraverso dibattiti, seminari,
corsi e manifestazioni.
1.3 Le Parti si impegnano a dare efficacia reciproca ai provvedimenti disciplinari adottati dai
rispettivi organi di giustizia nei confronti dei rispettivi tesserati.
1.4 Le Parti si impegnano, altresì, a dare reciproca informazione ed a concordare, per quanto
possibile, linee comuni nei confronti di organizzazioni terze che operano nell'ambito della stessa
disciplina.
Art. 2 - Attività
Fatta salva la facoltà di affiliazione sia con la AICS che con la S.I.A.E.C., le Parti riconoscono la
partecipazione dei rispettivi associati all’attività organizzata da esse, supportandosi reciprocamente
nell’organizzazione di eventi.
Art. 3 - Attività di formazione di aggiornamento quadri tecnici e ufficiali di gara.
Le Parti si impegnano con le proprie strutture ed in collaborazione, all'organizzazione di corsi di
formazione a vario livello rilasciando attestati validi nel proprio ambito associativo per educatori,
insegnanti, operatori sportivi ed ufficiali di gara. Le parti si impegnano, altresì, previo accordo del
livello interessato a fornire reciproca assistenza per l’eventuale utilizzo di giudici di gara in proprie
manifestazioni a carico del soggetto organizzatore della manifestazione.
Art. 4 - Iniziative culturali
4.1 In caso di organizzazione congiunta di iniziative culturali, anche presso le rispettive strutture
territoriali, le spese verranno riportate agli accordi fra le parti e di riferimento ad ogni singola
iniziativa.
Pag. 3 di 4
4.2 Per l'organizzazione di dette iniziative verrà costituito, di comune accordo, un comitato, che in
tempi utili, dovrà sottoporre all'approvazione degli organi deliberanti delle parti interessate i relativi
bilanci di previsione e consuntivi delle entrate e delle spese.
Art. 5 - Commissione paritetiche
Le parti si impegnano ad affidare ad una commissione paritetica - costituita ai vari livelli territoriali
in corrispondenza di manifestazioni provinciali, regionali, nazionale e/o al livello superiore ove non
esiste livello provinciale o regionale - formata da una rappresentanza delle parti, la definizione, per
quanto possibile, dei programmi e calendari di attività.
Art. 6 - Durata
La durata del protocollo di collaborazione è di un anno dalla data della firma e si intende
tacitamente rinnovato di anno in anno fino ad un massimo di quattro anni; qualora non venga
disdetto da una delle parti, con raccomandata da inviare tre mesi prima della data di scadenza.
Nel caso di risoluzione simultanea e consensuale delle parti, il protocollo di collaborazione viene
annullato immediatamente.
Il presente Protocollo si compone di n. 4 pagine.
Roma, 29/11/2012
SIAC
Società Italiana di Arte Equestre Classica
Il Legale Rappresentante
Giancarlo Mazzoleni
AICS
Associazione Italiana Cultura Sport
Il Legale Rappresentante
Bruno Molea
Pag. 4 di 4
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

Verifica

2 Carte

creare flashcard