Un nuovo farmaco potrebbe fermare gli effetti debilitanti della

annuncio pubblicitario
Un nuovo farmaco potrebbe fermare gli effetti debilitanti della sclerosi multipla
I ricercatori medici dell'Università di Alberta hanno scoperto un potenziale bersaglio
di nuovi farmaci per la sclerosi multipla, che potrebbero prevenire la disabilità fisica
associata con la malattia.
Nella prima fase della SM, c’è una infiammazione delle cellule cerebrali, con
conseguente cicli continui di attacchi di infiammazione e periodi di recupero. Nella
seconda fase della malattia, l' infiammazione non è così grave, ma questa è la fase in
cui entrano in ballo gli effetti delle cellule cerebrali che sono state uccise nella prima
fase della malattia.
Quando si attivano le cellule immunitarie a causa dell’ infiammazione, è possibile
superare la barriera emato-encefalica ed entrare nel sistema nervoso centrale. Alcune
di queste cellule immunitarie attivate secernono una molecola, nota come granzima
B, che possono entrare e devastare i neuroni, provocando infine la morte delle cellule
cerebrali. La granzima B si trova nelle lesioni cerebrali SM, soprattutto nelle prime fasi
dell’ infiammazione. Questa molecola può entrare nelle cellule del cervello attraverso
un "gatekeeper", noto come recettore M6PR.
I ricercatori della Facoltà di Medicina e Odontoiatria hanno scoperto in esperimenti di
laboratorio che, se si evita che questa granzima B entri nei neuroni, "possiamo anche
impedire l'uccisione di neuroni", dice il principale ricercatore Fabrizio Giuliani, il cui
lavoro è stato recentemente pubblicato su The Journal of Immunology.
"E’ questa perdita di cellule cerebrali, che, a lungo termine, induce la disabilità nei
pazienti con SM," dice. "Questo è un potenziale nuovo farmaco per la SM che è
specifico per i processi neurodegenerativi seguenti all’ infiammazione. Il nuovo farmaco
dovrebbe affrontare questo lungo periodo di perdita di cellule cerebrali."
Giuliani, ricercatore presso la Divisione di Neurologia, ha notato che questa nuova
ricerca si basa su risultati precedenti di suoi colleghi all'interno della facoltà. Il
ricercatore medico e co-autore Chris Bleackley aveva in precedenza scoperto come
granzima B entra nelle cellule bersaglio attraverso il recettore M6PR , mentre un altro
ricercatore della facoltà aveva scoperto che il recettore M6PR si trova principalmente
nei neuroni.
"E’ bastato collegare i puntini e dire: 'OK, se questo recettore è espresso nei neuroni e
non è specificamente espresso in altre cellule, è possibile che questo sia il meccanismo
che permette a questo granzima B di entrare nei neuroni umani e iniziare a uccidere
cervello cellule? ' Quello che abbiamo scoperto è sì, questo recettore di 'morte'
permette a questa molecola specifica di entrare; per cui, se si blocca il recettore, è
anche possibile bloccare l'effetto neurotossico nei neuroni. Questo è un ottimo esempio
di collaborazione con altri ricercatori e ricerca traslazionale ".
Molti trattamenti esistenti per la MS principalmente hanno come bersaglio
l'infiammazione del cervello, cosa che è molto efficace nella prima fase della malattia,
ma poco utile ai pazienti una volta cje viene raggiunta la seconda fase. Giuliani dice
che ciò che è necessario sono nuovi farmaci in grado di riparare le cellule cerebrali
infiammati o prevenire la degenerazione del cervello, in primo luogo. Egli afferma che
questo potenziale nuovo farmaco potrebbe fare proprio questo, impedendo la morte
delle cellule cerebrali nelle fasi iniziali della malattia.
Giuliani aggiunge che, con questo nuovo farmaco, sarebbe bloccata solo una specifica
funzione di una cellula, non più funzioni di una cellula. Molti farmaci sul mercato
bloccano funzioni multiple di uno specifico tipo di cellula. "Stiamo bloccando una
funzione specifica, non percorsi multipli e, infine, questa strategia potrebbe ridurre gli
effetti collaterali dei nuovi farmaci".
Giuliani ei suoi colleghi ricercatori stanno continuando le loro ricerche in questo settore.
Questa ricerca è stata sostenuta attraverso il finanziamento dalla MS Society of
Canada, la Canadian Institutes of Health Research, Alberta Innovates-Health Solutions
e la University of Alberta Hospital Foundation.
Julia Daniluck, un Edmontonian che ha la SM, ha detto che i risultati della ricerca sono
stati incoraggianti. Daniluk è stata diagnosticata di SM nove anni fa, quando aveva
solo 19 anni. Stava avendo problemi di mobilità dopo essere tornata a casa dal suo
lavoro come ballerina su una nave da crociera. Quando andò dal medico e dopo vari
test, è stata diagnosticata la SM. Lei sta ora studiando di marketing all l'Università
di Lethbridge, ed è fidanzata. Proprio questo fine settimana scorso, una squadra di
raccolta fondi ha raccolto $ 100.000 per la MS Society.
"Per me, so che ci sono ancora così tante incognite sulla SM e questo è solo un altro
pezzo del puzzle, per ottenere una vera e propria comprensione circa la causa della SM
e la progressione e sul perché le cose accadono e sul loro meccanismo ...
"Per il futuro, bisogna cominciare da qualche parte a fare queste scoperte. Il lavoro
svolto da questi ricercatori è semplicemente fantastico."
Darrel Gregorio, un portavoce della MS Society of Canada - Alberta & NWT Division ha detto che l'organizzazione è stata entusiasta della scoperta di Giuliani. In Alberta,
oltre 11.000 persone sono affette da sclerosi multipla. In tutto il paese, tra 55.000 75.000 persone vivono con la malattia.
"Significa molto per noi, perché penso che offre una speranza a tutti coloro che vivono
con la sclerosi multipla; speranza per un potenziale trattamento e possibilmente una
cura; ad un certo punto, penso che, se siamo in grado di ridurre la disabilità fisica,
questo potrà contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone che convivono
con la SM. "
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

creare flashcard