norma italiana cei - CEI Webstore - Comitato Elettrotecnico Italiano

annuncio pubblicitario
Progetto
Data Scadenza Inchiesta
C. 1123
18-11-2013
Data Pubblicazione
2013-10
Classificazione
306-2
Titolo
C E I
hie
sta
Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione
multimediale negli edifici residenziali
Title
og
ett
oi
ni
nc
Cabling criteria for telecommunications and multimedia signals
distribution in residential buildings
1
Pr
PROGETTO
I T A L I A N A
pu
bb
lic
a
N O R M A
CEI COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO
AEIT FEDERAZIONE ITALIANA DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE, INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI
CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE
INDICE
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
INTRODUZIONE ..................................................................................................................... 3
Scopo ............................................................................................................................... 3
2
Riferimenti normative ....................................................................................................... 3
3
Definizioni ........................................................................................................................ 5
4
Acronimi ........................................................................................................................... 6
5
Applicazioni supportate .................................................................................................... 6
6
5.1 Generalità ...............................................................................................................6
5.2 Fonia ..................................................................................................................... 12
5.3 Distribuzione audio/video ...................................................................................... 13
5.4 Trasmissione dati (Internet) ................................................................................... 14
5.5 Tecnologie alternative al cablaggio strutturato ....................................................... 15
5.6 Sviluppi futuri ........................................................................................................ 16
Struttura del cablaggio domestico ................................................................................... 17
7
6.1 Reti di accesso ...................................................................................................... 17
6.2 Cablaggio orizzontale ............................................................................................ 18
6.3 Reti wireless ......................................................................................................... 25
6.4 Impianti TV in fibra ottica ....................................................................................... 31
Infrastrutture di supporto ................................................................................................ 33
8
7.1 Edifici residenziali ................................................................................................. 33
7.2 Unità immobiliari ................................................................................................... 36
7.3 Case singole, ville a schiera e complessi residenziali ............................................ 39
Componenti del cablaggio .............................................................................................. 40
hie
sta
1
Complesso di distribuzione .................................................................................... 40
Soluzioni in conduttori a coppie simmetriche ......................................................... 42
8.2.1 Apparecchi attivi .......................................................................................... 42
8.2.2 Cavi a coppie simmetriche ........................................................................... 43
8.2.3 Connettori .................................................................................................... 44
8.3 Soluzioni in cavo coassiale .................................................................................... 46
8.3.1 Apparecchi attivi .......................................................................................... 46
8.3.2 Cavi coassiali .............................................................................................. 47
8.3.3 Connettori ed apparati passivi ...................................................................... 48
8.4 Soluzioni in fibra ottica .......................................................................................... 50
8.4.1 Generalità sulle fibre ottiche ........................................................................ 50
8.4.2 Fibre ottiche: l’approccio normativo ............................................................. 51
8.4.3 Apparecchi attivi .......................................................................................... 57
8.4.4 Cavi ............................................................................................................. 57
8.4.5 Connettori ottici ........................................................................................... 61
Installazione del cablaggio ............................................................................................. 65
og
ett
oi
ni
nc
8.1
8.2
9
Pr
9.1
9.2
9.3
9.4
Generalità ............................................................................................................. 65
Quadri e scatole di derivazione ............................................................................. 66
Condutture ............................................................................................................ 66
Posa dei cavi ......................................................................................................... 66
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
1
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
9.5
Prese .................................................................................................................... 68
9.5.1 Generalità .................................................................................................... 68
9.5.2 Installazione di prese per cavi bilanciati ....................................................... 68
9.5.3 Installazione di prese in fibra ottica .............................................................. 69
9.5.4 Installazione di componenti per cavi coassiali .............................................. 72
9.6 Protezione (sicurezza) ........................................................................................... 74
9.7 Misure di protezione contro l’incendio .................................................................... 76
9.8 Misure di protezione contro la fulminazione ........................................................... 76
9.9 Misure di protezione contro le radiazioni ottiche .................................................... 76
9.10 Protezione (Funzionalità) ...................................................................................... 76
9.10.1 EMC .......................................................................................................... 76
9.10.2 UPS ........................................................................................................... 76
10 Collaudo ......................................................................................................................... 76
hie
sta
10.1 Generalità ............................................................................................................. 76
10.2 Cablaggio in rame: controllo visivo ........................................................................ 77
10.3 Cablaggio in rame: controllo elettrico statico ......................................................... 77
10.4 Cablaggio in rame: verifica dei parametri di trasmissione ...................................... 78
10.5 Cablaggio in fibra ottica: controllo visivo................................................................ 81
10.6 Cablaggio in fibra ottica: controllo connettività ....................................................... 82
10.7 Cablaggio in fibra ottica: verifica dei parametri di trasmissione .............................. 82
Appendice A ......................................................................................................................... 85
A.1 Evoluzione delle comunicazioni via cavo ....................................................................... 85
A.2 Evoluzione delle comunicazione con terminale mobile ................................................... 86
A.3 Tecnologie wireless: aspetti legislativi ........................................................................... 87
A.4 Fibre ottiche: parametri costruttivi e trasmissivi. ............................................................ 89
Pr
og
ett
oi
ni
nc
BIBLIOGRAFIA ..................................................................................................................... 96
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
2
INTRODUZIONE
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
L’obiettivo della presente guida è quello di permettere, a chi progetta, costruisce
e cabla edifici residenziali, di applicare nel modo più razionale e corretto
una molteplicità di norme sul tema del cablaggio per impianti di comunicazione nell’ambito
degli edifici residenziali.
Le guide CEI 64-100 danno le raccomandazioni per la predisposizione delle infrastrutture di
supporto in modo da individuare, già in fase di progetto, gli spazi necessari alla posa del
cablaggio per le esigenze di connettività attuali ed adattabili per evoluzioni future.
Questa guida si propone quindi di fornire tutte le indicazioni per sviluppare al meglio il
progetto del sistema di cablaggio sia in edifici dotati di infrastrutture ottimali sia in edifici
esistenti dove è necessario trovare un compromesso tecnico-economico.
La guida è indirizzata anche ad acquirenti e utilizzatori di impianti di comunicazione come
supporto per le scelte da fare.
hie
sta
L’applicazione della guida favorisce inoltre la penetrazione dei nuovi servizi di comunicazioni,
spingendo alla realizzazione di edifici pre-cablati.
La guida si applica ad unità immobiliari (appartamenti, case singole, a schiera) isolate o parte
di complessi residenziali.
Gli ambienti destinati ad attività professionali, anche se molto piccoli, hanno la necessità di
utilizzare applicazioni più evolute. La tecnica di progetto per questi sistemi può richiedere dei
requisiti addizionali riportati nella normativa specifica (ad esempio EN 50173-2). Tuttavia
l’approccio utilizzato dalle guide CEI 64-100 e CEI 306-2 può essere di supporto anche per
questo tipo di impianti.
1
nc
La guida tratta anche del progetto di sistemi wireless che, nel caso generale, costituiscono
una importante integrazione ad un sistema base, nonché una ragionevole alternativa nel caso
di carenza infrastrutturale. I sistemi wireless permettono l’uso di terminali mobili, funzionalità
molto richiesta dall’utenza.
Scopo
Riferimenti normative
oi
2
ni
Lo scopo della presente guida è quello di fornire le raccomandazioni per la realizzazione di un
progetto di una rete di comunicazioni (dati, voce video) in unità immobiliari ad uso
residenziale (vedi definizione al par. 3) in conformità a tutte le normative settoriali applicabili,
riassunte al par.2.
(1) CEI 64-100/1
(2) CEI 64-100/2
(3) CEI 64-100/3
og
ett
(4) CEI 306-10
(5) CEI 100-7
(6) CEI 205-14
(7) CEI 46-136
(8) EN 50173-1
(9) EN 50173-4
CEI 64-8
(11)
EN 50174-2
(12)
CEI “digital home”
Pr
(10)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
3
ISO/IEC 15018 + Modifica
(14)
CEI 205-18
(15)
FTTH Handbook 2010 –v 3.1
(16)
CLC TR 50510 : 2007
(17)
CEI 306-11
(18)
IEC 60728-1-1
CEI EN 50288-2-1
CEI EN 50288-2-2
(21)
CEI EN 50288-3-1
(22)
CEI EN 50288-3-2
(23)
CEI EN 50441-1
(24)
CEI EN 50441-2
(25)
IEC 60793-2
(26)
TR EN 50173-99-2
(27)
IEC 60794
(28)
EN 50377-4 (SC)
(29)
EN 50377-7 (LC)
(30)
EN 60874
(31)
EN 61073
(32)
IEC 60728-11
(33)
EN 61935-1
(34)
DM 22/01/13
(35)
ST IEC 61754-2
(36)
FC EN 50377-2
(37)
E2000 EN 50377-8
“Regole tecniche relative agli impianti
condominiali centralizzati d’antenna riceventi dal
servizio di radiodiffusione.”
nc
(19)
(20)
hie
sta
(13)
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
“Apparecchiature per la tecnologia
dell’informazione – Sicurezza”
(39)
CEI EN 60065
(Classificazione CEI 92-1 - CT 108)
“Apparecchi audio, video e apparecchi elettronici
similari. Requisiti di sicurezza”
(40)
ni
(38)
CEI EN 60950
(Classificazione CEI 74-2 - CT 108)
DM 37/08 (ex legge 46/90)
oi
(41)
CEI EN 60825-1
(Classificazione CEI 76-2 - CT 76)
EN 50310
(43)
CEI 81-1 (CT 81)
(44)
IEC 61169-2
“Protezione delle strutture contro i fulmini”
og
ett
(42)
“Sicurezza degli apparecchi laser. Parte 1:
Classificazione delle apparecchiature, prescrizioni
e guida per l’utilizzatore”
IEC 61169-24
(46)
CEI-UNEL 36762
(47)
CEI 81-8
(48)
EN 60332-1-2
(49)
EN 62305
(50)
EN 60825-2
Pr
(45)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
4
3
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Definizioni
Di seguito si riportano le definizioni utilizzate nella presente guida.
Access Point (AP):
Dispositivo che permette la connessione di terminali mobili al sistema di cablaggio per mezzo
di una rete wireless.
Area Connection Point (ACP):
Ripartitore di zona ,distributore nel quale il cablaggio dell’area di copertura CCCB è collegato
al cablaggio di alimentazione di zona, definito in (9).
MIMO (Multiple Inputs/Multiple Outputs):
sistemi caratterizzati da un collegamento tra sorgente e destinatario composto da più canali in
parallelo. I canali in parallelo possono essere canali spaziali nel caso di sistemi con antenne
multiple, oppure canali con frequenze differenti.
hie
sta
Punto presa TV:
Scatola con almeno 1 presa TV (può essere di tipo doppioTV/SAT). Denominata «Broadcast
Outlet» (BO) in (8).
Punto presa TL:
Scatola con almeno 1 presa RJ45 . «Denominata Telecommunication Outlet» (TO) in (8).
Punto presa MM:
Scatola con almeno 1 presa TV e 1 RJ45.Denominata «Multiple Access Terminal Outlet »
(MATO) in (8).
Punto presa predisposto:
Scatola vuota per installare un punto presa MM, TL o TV/SAT. Denominato SU in (2)
nc
Quadro distributore segnali di appartamento(QDSA):
quadro contenente le apparecchiature attive ed i permutatori annessi relativo a tutta l’unità
abitativa. Corrispondente al distributore di appartamento (HD) definito in (8). La
denominazione QDSA è equivalente a quella utilizzata in (2).
ni
Quadro distributore di segnali di zona (QDSZ):
Quadro contenente le apparecchiature attive e permutatori annessi relative ad un sottosistema di cablaggio di zona (ad esempio un piano in una abitazione a più livelli). Corrisponde
al distributore secondario di appartemanto (SHD) definito in (8). La denominazione QDSZ è
equivalente a quella utilizzata in (2).
oi
Terminazione di rete TLC (BEF):
L’elemento della rete di accesso che realizza la connessione tra le infrastrutture appartenenti
all’operatore della rete di accesso e l’impianto di distribuzione nell’unità abitativa. La
terminazione di rete può essere passiva o attiva.Corrispondente alla «Building Entrance
Facility» definita in (8).
og
ett
xDSL(Digital Subscriber Line):
famiglia di tecnologie che consente la trasmissione digitale di dati attraverso il cavo
telefonico. La banda del canale in ricezione e in trasmissione (downlink e uplink) è compresa
fra qualche decina di kbit/s e parecchie decine di Mbit/s. La banda può essere simmetrica o
asimmetrica.
Pr
Unità immobiliare (ad uso residenziale):
ambiente abitativo costituito da uno o più vani e uno o più locali accessori (corridoi, bagni,
sgabuzzini). L’unità immobiliare può essere un appartamento, una casa singola, a schiera.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
5
4
Acronimi
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
ACP :
Area Connection Point (8)
AP:
Access Point
BEF :
Building Entrance Facility (8) – Terminazione di rete TLC
(par.3).
BCT (8,9):
Sottosistema di cablaggio per applicazioni “broadcast”, le
più comuni DVB-T, S, C (servizio televisivo terrestre,
satellitare…)
CCCB (8,9):
Sottosistema di cablaggio per “automazione e controllo”.
DBS:
Direct Broadcasting Satellite
FSS:
Fixed Satellite Service
FTTH :
Fiber To The Home
HBES (6,14 e norme TC 205):
Sistema di “automazione domestica” = cablaggio CCCB +
apparecchi.
ICT (8,9):
Sottosistema di cablaggio per applicazioni
information technology” , le più comuni Ethernet.
hie
sta
MIMO:
Multiple Input Multple Output
MM:
Multimediale - riferito a prese e punti presa
QDSA:
Quadro distributore di appartamento
QDSZ:
Quadro distributore di zona
SMS (radiodiffusione satellitare):
SZ:
Satellite Multi Service.
Spazio per le scatole di derivazione o smistamento
destinate in una determinate zona dell’unità immobiliare.
SU:
Apazio destinato ad accogliere le prese terminali.
Telecomunicazioni - riferito a prese e punti presa.
nc
TL (Vedi definizione par. 3):
TV (Vedi definizione par. 3):
Televisione – riferito a prese e punti presa
xDSL:
Digital Subscriber Line.
5.1
Applicazioni supportate
Generalità
ni
5
“IT,
Gli impianti di comunicazione descritti in questa guida permettono di garantire la connettività
dell’unità immobiliare.
significa “far arrivare e far partire agli apparati o terminali d’utente il flusso di
necessari all’esercizio di determinati servizi” garantendo una determinata
qualità di servizio. Quest’ultima è valutabile con parametri quali : bit rate
effettivo (servizi dati) bit error rate (BER) (servizi TV).
oi
Connettività
informazioni
copertura e
nominale ed
og
ett
Questo è sicuramente possibile utilizzando un portante fisico dedicato come mostrato nella
Figura 1.
Il cablaggio a supporto di tale impianto deve essere il più possibile di uso generale, cioè non
specializzato, ma aperto a un numero crescente di applicazioni.
Pr
Per definire le sue caratteristiche è necessario tenere presente le principali applicazioni e
servizi presenti (o previsti per il prossimo futuro).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
6
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 1 – Applicazioni all’interno dell’appartamento e relative connessioni esterne.
Le norme (8,9) classificano queste applicazioni in tre gruppi principali:
HBES/CCCB (automazione di edificio, domotica)
−
BCT/HEM (multimedia, audio, video…)
−
ICT (dati, voce….)
nc
−
ni
L’impianto di comunicazione a supporto è costituito, nel caso generale, da tre cablaggi
complementari dotati di componenti necessari alla trasmissione ed alla ricezione dei segnali
TV, telefono e dati.
L’insieme delle applicazioni è riportato di seguito:
Fonia
−
Distribuzione audio/video
−
Trasmissione dati (internet)
−
- in questo ambito rientrano le applicazioni descritte nella
Applicazioni domotiche
Guida 205-14 (6), qui brevemente richiamate:
oi
−
og
ett
( 1)
−
Videocitofonia (connessioni con impianto TV possibili) - con integrazione di
comunicazione audio /video, segnalazione, comando su infrastruttura cablata di tipo
telefonico.
−
Anti-intrusione - L’applicazione “anti-intrusione” è costituita da una serie di sensori che
comunicano con continuità con una centrale lo stato dell’area protetta. Sulla base di
queste segnalazioni la centrale eventualmente attiva le operazioni di avviso/allarme
previste.
Pr
(1) In questa guida ci si occupa solo degli impianti per la distribuzione fonia, audio/video, dati(Internet), mentre si
rimanda alla guida CEI 205-14 per le altre applicazioni.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
7
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
−
Rilevazione allarmi tecnici (gas, fumo, allagamento…) – Con questa applicazione è
possibile monitorare alcune situazioni di potenziale pericolo mediante sensori specifici.
−
Avviso di soccorso-teleassistenza – tipicamente basato su linea telefonica (sia fissa
sia mobile), prevede l’invio di un allarme al gestore del servizio in caso di necessità
tramite telecomando.
−
Controllo climatizzazione (riscaldamento/raffrescamento)
−
Controllo carichi elettrici
−
Controllo illuminazione
−
Automazione tapparelle, persiane…
Una corretta predisposizione delle infrastrutture consente un’implementazione ottimizzata del
cablaggio destinato al supporto delle diverse applicazioni (vedi cap.7) e l’integrazione di tutte
le applicazioni.
All’interno dell’appartamento è possibile realizzare delle estensioni della rete cablata che
sfruttano la tecnologia wireless mediante l’utilizzo di Access Point destinati a raccogliere il
traffico generato dalle utenze collegate all’interno della zona di copertura.
hie
sta
L’estensione radio per le reti basate sui protocolli IEEE802.3 (Ethernet nel linguaggio
comune) è la famiglia di standard IEEE802.11 più nota come tecnologia Wi-Fi. L’uso del Wi-Fi
in termini di servizi e applicazioni supportate è del tutto paragonabile a quello dell’Ethernet
ma con una limitazione in più della banda e delle coperture dipendente dall’ambiente dove
l’Access Point si trova installato (presenza di altri apparati wireless sulla stessa banda,di
arredi, persone, ecc., spessore e materiali delle pareti). La diffusione del Wi-Fi è tale che
ormai si trova direttamente integrato in apparati TV, macchine fotografiche, telecamere, smart
phone tablet ecc. consentendo una semplice e facile interconnessione dei vari dispositivi alla
rete esterna interna.
Pr
og
ett
oi
ni
nc
Con riferimento alla figura 1, che rappresenta la totalità delle soluzioni applicabili possono, ad
esempio, realizzarsi alcuni impianti come specificato di seguito.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
8
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
hie
sta
QDS
nc
Figura 2 – Esempio 1: Rete LAN tutta cablata + rete TV (versione classica della rete
dati) come riportato anche in CEI 64-100/2(2)
ni
Le reti di cablaggio domestico di cui sopra, se implementate in appartamenti, necessitano di
una infrastruttura di edificio che consenta di raccordare le reti di servizi di comunicazione
esterne con l’appartamento. Nella guida CEI 64-100/1 (1) sono riportate tutte le indicazioni
relative ai cavedii per la posa dei montanti, al dimensionamento dei locali tecnici per
l’alloggiamento delle apparecchiature di distribuzione (vedi anche par.7.1).
Pr
og
ett
oi
Assumendo che tale infrastruttura fisica sia presente nell’edificio, un possibile schema di
cablaggio è rappresentato nelle Fig. 3a, 3b. Vengono evidenziati in due immagini distinte gli
impianti di comunicazione (Fig. 3a) e le alimentazioni a supporto (Fig. 3b).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
9
oi
ni
nc
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Pr
og
ett
Fig.3a – Impianti di comunicazione di edificio
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
10
oi
ni
nc
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Fig 3b – Alimentazioni elettriche per impianti di comunicazione : appartamenti e servizi
og
ett
Il cablaggio di edificio comprende un montante dedicato ai servizi provenienti da reti di
accesso cablate (fonia, dati, TV via cavo…),“broadcast” (TV terrestre, satellitare…) e wireless
(servizi dati, 4G, WiMax ….). Un locale tecnico alla base dell’edificio è dedicato a ospitare i
dispositivi di interfaccia con le reti di accesso cablate, uno spazio sotto tetto alloggia il
terminale di testa delle antenne.
I locali tecnici possono avere ubicazioni diverse in funzione della posizione delle antenne e
degli ingressi delle reti cablate. In ogni caso devono essere di dimensioni adeguate e
facilmente accessibili dalle parti comuni senza creare servitù (vedi CEI 64-100/1).
Pr
Si ha inoltre un cablaggio dedicato ai servizi di edificio “locali”, come ad esempio,
videocitofonia, videosorveglianza, antintrusione, supervisione ecc… Questi ultimi si basano
su sistemi HBES e sono trattati nella guida CEI 205-14(6).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
11
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Nel caso di edifici pre-esistenti di vecchia costruzione (brownfield) la disponibilità delle
infrastrutture di supporto di cui sopra potrebbe essere carente. In particolare la posa dei cavi
bilanciati e/o coassiali potrebbe essere resa difficoltosa in mancanza di condutture dedicate e
difficoltà nel ri-utilizzo delle condutture pre-esistenti caratterizzate da sezioni e percorsi
inadeguati alla tipologia di cavo.
In questi casi, se si esclude una ristrutturazione importante dell’immobile, la progettazione
dell’impianto di cablaggio dovrà considerare delle alternative:
−
Utilizzo di condutture esterne
−
Realizzazione di collegamenti in fibra ottica, che possono agevolmente condividere le
condutture dei circuiti di energia
−
Utilizzo di sistemi wireless
Al par. 6 vengono riportate le raccomandazioni specifiche per la realizzazione del cablaggio in
brownfield.
5.2
Fonia
hie
sta
La fonia, ossia distribuzione del segnale vocale, proveniente dalla linea telefonica, è una
applicazione del gruppo ICT (vedi cap.5.1) e ne utilizza lo stesso cablaggio.
La linea telefonica su rete commutata pubblica (PSTN) è costituita da una specifica
connessione tra utente e centrale telefonica locale che utilizza frequenze comprese tra 300 e
3400 Hz.
Il sistema, basato su indirizzamento numerico, individua la destinazione della chiamata in
base alla sequenza dei numeri composti sulla tastiera dell’apparecchio chiamante; un segnale
di chiamata (in corrente alternata da 90-volt 20-hertz) viene inviato lungo la linea dalla
centrale e provoca l’attivazione della suoneria dell’apparato ricevente.
La maggior parte dei sistemi PSTN utilizza una connessione analogica tra il singolo telefono e
la centrale locale.
nc
Altre applicazioni telefoniche sono: ISDN e Intercom che utilizzano la stessa banda con
codifiche differenti.
ni
In (12) vengono fornite spiegazioni più dettagliate sulle caratteristiche di trasmissione di tutte
le applicazioni di fonia.
Quando viene utilizzata una connessione digitale per il singolo impianto telefonico, è possibile
utilizzare una linea ISDN (Integrated Services Digital Network) che consente la coesistenza di
servizi:
Fonia + Fax
−
Audio/videoconferenza
oi
−
og
ett
Sul possibile utilizzo della linea telefonica si basano ulteriori servizi di comunicazione
uni/bidirezionale tra sistemi residenziali di sicurezza, soccorso e, di recente, anche per
l’invio/ricezione di comandi interattivi per la distribuzione audio-video on-demand.
Pr
Vista la larghissima diffusione che ha avuto sul mercato, occorre considerare parte
dell’applicazione fonia anche la fonia su mobile, in particolare quella di terza (3G) e di quarta
generazione (4G).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
12
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Una prima presa telefonica (borchia) viene posta in opera dal gestore del servizio ed è
( 1)
tipicamente di tipo tripolare o RJ11 e costituisce la terminazione della rete di accesso. Essa
contiene le protezioni e le terminazioni di telemisura ed è utilizzata per il collegamento
all’impianto d’utente.
Un ulteriore servizio di fonia è costituito dal VoIP (Voice over IP) che utilizza un protocollo di
trasmissione dati (vedi par.5.4).
5.3
Distribuzione audio/video
La distribuzione audio/video è basata sulla diffusione di un segnale in radiofrequenza
trasmesso via etere (terrestre, satellitare) o via cavo. In Tab. 1 vengono sintetizzate le
caratteristiche relative alla radiodiffusione terrestre e satellitare. Per ulteriori dettagli si
veda (5).
Tabella 1 – Caratteristiche di trasmissione per radiodiffusione terrestre e satellitare
Radiodiffusione terrestre
Bande di frequenza
VHF (Bande I-II: 47-88 MHz, Banda III: 174-230 MHz)
Banda di frequenza richiesta per i
componenti della rete di distribuzione
nell’impianto d’antenna
Canalizzazione
hie
sta
UHF (Banda IV: 470-582 MHz, Banda V: 582-862 (*) MHz)
5 – 862 MHz: richiesto
5-2150 MHz : consigliato
VHF (7 MHz)
UHF (8 MHz)
Lineare: orizzontale o verticale
Polarizzazione
Radiodiffusione satellitare
Bande di frequenza
10,7 – 12,75 GHz
(Suddivise in : 10,7-11,7 FSS; 11,7-12,5 DBS; 12,5-12,75 SMS)
(Verticale 10,7-12,75) (Orizzontale 10,7-12,75)
950 – 2150 (**) MHz
nc
Banda di frequenza richiesta per i
componenti della rete di distribuzione
nell’impianto d’antenna
Canalizzazione
Canali adiacenti parzialmente sovrapposti, con polarizzazione
ortogonale.
Polarizzazione
(*)
ni
(La Banda del canale televisivo varia tra i 27 ed i 36 MHz
dipendente dai parametri di modulazione).
Lineare: orizzontale e verticale
dal 1-1-2013 porzione di banda 790-862 MHz assegnata ai servizi LTE
oi
(**) Si evidenzia che dal satellite arrivano due “gruppi” di canali (transponder) con polarità sia Verticale sia
Orizzontale, ciascun gruppo occupa uno “spazio” di 2050 MHz (molto più ampio dei 1200 MHz disponibili
nella rete di distribuzione) tale condizione impedisce la distribuzione simultanea in un unico cavo coassiale,
pertanto è necessario ricorrere a soluzioni elettroniche che, sfruttando la conversione, consentono di
ottenere quattro “porzioni”. Negli impianti centralizzati, tali porzioni devono essere distribuite
contemporaneamente su quattro cavi collegati ad apparati elettronici (multiswitch) che consentono
all’utente di utilizzare un unico cavo selezionando uno dei quattro gruppi grazie alla combinazione di
tensione e impulsi emessi dai ricevitori (13V); (18V); (13+22kHz); (18+22kHz)
og
ett
I segnali audio/video possono essere anche generati da apparati all’interno dell’abitazione
quali ad esempio lettori BD/DVD e memorie digitali (NAS).
La trasmissione dei segnali video in ambito residenziale avviene tramite rete di distribuzione
coassiale, a coppie, o fibra ottica.
Pr
(1) Il connettore RJ11 non ha al momento delle norme di riferimento ma costituisce uno standard « di fatto » per le
connessioni telefoniche. Tuttavia la raccomandazione nella presente guida è quella di utilizzare, per la
distribuzione interna i connettori RJ45 (serie IEC 60603-7) che possono supportare sia la connessione di porte
Ethernet, sia i terminali telefonici. Va notato che una spina RJ11 deve essere connessa ad una presa RJ45
tramite un adattatore allo scopo di evitare danni meccanici alla presa anche se la connessione elettrica
sarebbe comunque funzionante.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
13
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Alcune applicazioni di tipo video-on-demand o pay-per-view via etere richiedono un certo
livello di interattività da parte dell’utente, e quindi una comunicazione bidirezionale,
tipicamente tramite linea telefonica (vedi par. 5.2.), per l’invio del canale “upstream”.
Nel caso di trasmissione video su IP si veda il capitolo 5.4.
5.4
Trasmissione dati (Internet)
La realizzazione di una rete locale (LAN) all’interno dell’appartamento consente di usufruire
dei vantaggi tipici di condivisione delle risorse, e grazie a standard quali DLNA,JINI,Bonjour,
offre anche maggiori funzionalità che facilitano l’interoperabilità tra apparecchi e la fruibilità
dei contenuti (vedi (12) per approfondimenti§).
Le LAN di appartamento, realizzate con tecnologia Ethernet, supportano con le ultime
famiglie di circuiti integrati prodotti su scala industriale velocità di 10/100/1000 Mbit/s.
hie
sta
In ambito residenziale è possibile realizzare una rete locale per la comunicazione tra più
apparati basati su protocollo IP (personal computer, stampanti, TV, Home theater, cornici
digitali, NAS – network attached storage-, smart phone, ecc..) tramite apparati con
funzionalità di tipo switching/routing. Questi apparati sono dotati di interfaccia di connessione
a
internet
tramite
tecnologie
quali:
xDSL,
GPON/EPON
(su
fibra
ottica),
UMTS/HSPA(3G),LTE(4G), WiFi,Wimax, SAT, ecc...
Con queste tecnologie è possibile realizzare collegamenti internet a velocità sempre maggiori.
Il limite di disponibilità e/o di qualità trasmissiva del doppino telefonico può essere superato
con l’utilizzo di portanti fisici quali la fibra ottica o di soluzioni wireless, arrivando alla attuale
(2012) velocità di 100 Mb/s.
É quindi possibile accedere ai servizi tipici di tipo web, sfruttando internet anche per
applicazioni di tipo VoIP, Video-over-IP e per applicazioni di domotica di controllo remoto
basate su IP.
nc
Nella comunicazione VOIP la comunicazione vocale viene trasformata in digitale tramite
codifiche specifiche (G729, G711…). Tali dati successivamente alla codifica digitale vengono
incapsulati in un flusso dati secondo le regole previste dal protocollo IP e trasmessi sulla rete
come i normali pacchetti dati che transitano in rete per i servizi Internet rispettando un
protocollo di segnalazione (SIP) che ricrea le condizioni d’uso di una rete analogica.
Per funzionare correttamente è necessario che la rete a cui si è connessi garantisca:
una banda sufficiente, soprattutto in upstream (banda uscente),
−
la gestione della qualità del servizio (QoS) in particolare per ottenere una comunicazione
comprensibile:
ni
−
tempi di conversione della voce in dati e viceversa ragionevoli,
−
tempi di transito della rete non eccessivi e non eccessivamente variabili,
−
sicurezza ed affidabilità.
−
di raggiungere un buon compromesso tra la compressione necessaria per ridurre il più
possibile la quantità di dati atta a trasmettere il segnale vocale telefonico e la
comprensibilità di questo, evitando distorsioni eccessive o echi fastidiosi.
og
ett
oi
−
I servizi di TV trasportati su IP, appunto IPTV, sono in genere dei servizi multicast. A
differenza dei tipici servizi analogici, digitali terrestri o satellitari che sono di tipo broadcast,
questi consentono la selezione di un contenuto (Video On Demand) offerto da un operatore
mediante un decoder specifico (Set Top Box) e fruibili attraverso accessi xDSL/FTTH o LTE.
In quest’ultimo caso il terminale integra il decoder e si fa riferimento a uno scenario di
fruizione individuale dei contenuti (ad es. tablet).
Pr
I contenuti multimediali sono compressi con codifiche diverse (ad esempio MPEG2, MPEG4 o
H.264) per raggiungere un compromesso tra la qualità del video e la banda occupata dallo
stesso durante la trasmissione. Si veda (12) per eventuali approfondimenti.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
14
5.5
Tecnologie alternative al cablaggio strutturato
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La soluzione economica di connettività che meglio garantisce la fruibilità di
servizi su terminali fissi è sicuramente il cablaggio strutturato con cavi UTP e topologia a
stella. Questo è sempre applicabile in edifici di nuova costruzione o in ristrutturazione.
Nel caso di edifici esistenti possono essere applicate delle tecnologie di connettività
alternative con i seguenti requisiti:
−
Prestazioni adeguate in termini di banda, copertura e qualità del sevizio (QoS)
−
Auto-installazione (DIY - Do It Yourself)
−
Basso impatto implementativo (dal punto di vista del cliente)
−
Massima coesistenza con altre tecnologie e robustezza agli interferenza
−
Tecnologia power line
−
Tecnologie Wi-Fi
−
Home PNA
−
POF
−
Riutilizzo del cavo coassiale
hie
sta
Al momento non esiste un’unica tecnologia/soluzione adatta per tutti i casi e in grado di
soddisfare tutti questi requisiti. Nelle tabelle successive si sintetizzano i pro e contro delle
tecnologie utilizzabili in ambiente residenziale:
Di seguito vengono riportate delle tabelle comparative dei punti di forza e di attenzione per
ciascuna di queste soluzioni tecnologiche.
Tabella 2 – Tecnologia power line
Punti di forza
Punti di attenzione
Non necessita cablaggio specifico
−
Standard commerciale
−
Disponibilità di prese elettriche in tutta la casa
−
−
Prestazioni adeguate su clientela ADSL
−
Soluzioni plug&play, DIY(do it yourself)
Interferenza da/verso apparati elettronici,
specialmente alimentatori switching e lampade
a basso consumo
−
Basso costo
−
Aspetti EMI/EMC non ancora coperti dalla
normativa
−
Limitazioni prestazionali dovute alla
coesistenza di più impianti nello stesso edificio
−
Potenziali problemi di coesistenza con sistemi
VDSL2 (usano le stesse frequenze).
ni
nc
−
oi
Tabella 3 – Tecnologia Wi-Fi
Punti di forza
−
−
Non necessita cablaggio
−
Costo maggiore rispetto a power line
Tecnologia ampiamente diffusa
−
Soluzione a 2,4 GHz (3 canali) ottimale per
servizi dati
Interferenze, in particolare nella banda 2,4
GHz
−
Prestazioni non garantite in tutti gli scenari
−
Progetto da coordinarsi con le altre
installazioni (vedi anche par.6.3)
og
ett
−
Punti di attenzione
Pr
−
Servizio IPTV supportabile su canali in banda
5GHz
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
15
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Tabella 4 – Tecnologia HomePNA su doppino
Punti di forza
Punti di attenzione
−
Riutilizzo dell’impianto telefonico come LAN
−
−
Prestazioni adeguate per applicazioni xDSL e
IPTV
Standard commerciale (produttore unico di
componenti attivi)
−
−
Migliori prestazioni rispetto a power line
−
Soluzioni Plug&Play, DIY per FTTH
Necessità di inserire un filtro sulle prese
telefoniche per separare il segnale xDSL con
quello HomePNA.
Tabella 5 – Teconolgia Fibra Ottica Plastica (POF)
Punti di forza
−
Punti di attenzione
Prestazioni adeguate per applicazioni a banda
larga (es. IPTV HD)
−
QoS garantita (mezzo dedicato)
−
Assenza di problemi di interferenza
Disponibilità soluzioni DIY
−
Possibilità di utilizzo di infrastrutture esistenti
−
Minimo utilizzo di infrastrutture dedicate
(greenfield)
Difficoltà nella realizzazione del cablaggio
−
Necessità di una coppia di adattatori
Ethernet-POF con alimentatore esterno
(senza integrazione dell’interfaccia ottica
negli apparati)
−
Costo maggiore rispetto a cablaggio UTP
hie
sta
−
−
Tabella 6 - Tecnologie che riutilizzano il cavo coassiale residenziale
Punti di forza
−
Non necessita di cablagggio aggiuntivo
−
Può avere problemi EMI/EMC
−
Soluzione adatta a supportare IPTV (anche
HD) in configurazione multi-room
−
Problemi di coesistenza in ambito MDU nel
caso di impianto di antenna centralizzato.
Necessario filtraggio
−
I modem richiedono alimentazione esterna se
non integrati negli apparati attivi
−
Non sempre DIY
−
Non sempre fattibile (dipende dalla topologia
dell’impianto)
−
Tecnologia poco diffusa in Europa
Sviluppi futuri
nc
5.6
Punti di attenzione
ni
Di seguito vengono presentati gli standard sia rilasciati che in via di sviluppo per nuove
tecnologie di trasmissione dati in ambito residenziale.
oi
0) ITU (G.9960 e G.9961) : hanno definito una tecnologia funzionante sui portanti fisici
presenti all’interno delle abitazioni (powerline, cavo coassiale e doppino telefonico) che
promette bit rate fino a 1 Gbit/s a livello fisico, utilizzando una larghezza di banda fino a
100 MHz, con modulazione in banda base o a radiofrequenza.
og
ett
1) UWB (Ultra Wide Band) : una tecnologia radio a bassa potenza e a corto raggio
utilizzabile per applicazioni PAN (Personal Area Network) ad alto bit rate, operante nella
banda di frequenza tra 3.1 e 10.6 GHz. Le prestazioni a livello fisico sono di 480 Mbps
fino a 5 m (100 Mbit/s fino a 10 m) che però ha visto solo applicazioni, al momento, di
Wireless USB.
Pr
2) Onde millimetriche operanti a 60 GHz. Date le caratteristiche di propagazione di un
segnale a 60 GHz, le pareti domestiche e gli ostacoli in genere causano un’elevata
attenuazione: le pareti non sono sostanzialmente attraversabili. Questo può avere il
vantaggio di limitare le interferenze (le pareti funzionano come schermo naturale), ma lo
svantaggio è che non è possibile avere una copertura totale della casa con un solo
trasmettitore. In questo caso si può far riferimento alle specifiche IEEE 802.15.3c e
802.11ad.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
16
6
6.1
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Struttura del cablaggio domestico
Reti di accesso
Il mercato della larga banda a livello mondiale ha vissuto negli ultimi anni una crescita
notevole e la tecnologia xDSL è quella, attualmente, di riferimento. La tecnologia xDSL
utilizza il doppino in rame originariamente previsto solo per il servizio voce.
Per rete di accesso (o di distribuzione) si intende la “struttura di telecomunicazione che
consente la connessione tra le centrali periferiche e le sedi dei clienti”.
hie
sta
Questa definizione (vedi Fig. 4) tiene conto solamente della rete di accesso cablata e non
quella radio (GSM, UMTS, HSDPA, LTE).
Figura 4 – Rete di accesso cablata
Con riferimento alla Fig. 4, la rete primaria, tipicamente ad alta potenzialità (da 2400 a 400
coppie) e con tipologia di posa prevalentemente sotterranea, contraddistingue la tratta che
collega il permutatore con un terminale (armadio di distribuzione o armadio ripartilinee)
ubicato in posizione intermedia rispetto alla terminazione del cliente.
nc
La rete secondaria, tipicamente a potenzialità medio-bassa (da 400 a 10 coppie) e con
tipologia di posa sia sotterranea sia aerea contraddistingue la tratta che collega l’armadio di
distribuzione con il distributore.
ni
Le coppie del cavo secondario uscente dall’armadio sono via via distribuite secondo una
configurazione ad albero, in cavi di potenzialità inferiore che vanno a servire i distributori
collocati il più vicino possibile alla clientela da collegare.
oi
Si definisce “Raccordo” (in origine denominato raccordo d’abbonato o impianto di abbonato)
quella parte di collegamento o rilegamento del Cliente che unisce l’ultima terminazione di rete
(distributore) ove è attestato, con il terminale del Cliente. Si tratta dunque di un collegamento
individuale di tipo bifilare costituito con materiale diverso a seconda del tipo di posa utilizzato.
L’evoluzione naturale delle reti di accesso cablate ha portato allo sviluppo delle reti FTTH
,realizzate in fibra ottica di cui si danno alcuni elementi al par. 7.1.
Le reti di accesso mobile rappresentano un naturale complemento delle reti di accesso fisse.
og
ett
Le reti di accesso mobile hanno avuto diverse generazioni (vedi digital home(12) per dettagli):
3) TAC : voce (obsoleto)
4) GSM/GPRS/EDGE : voce + dati
5) UMTS: voce+ dati+ video 42 MB7s download/7 Mb/s upload
Pr
6) LTE:100Mb/s download/ 50Mb/s upload (con sviluppo futuro prevedibile LTE-A fino a
3 Gb/s)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
17
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Nel caso di lottizzazioni in aree con bassa copertura radiomobile si possono predisporre le
infrastrutture per consentire interventi di estensione della copertura indoor da parte degli
operatori TLC. Sono possibili diverse tipologie d’intervento con caratteristiche diverse come
specificato di seguito.
1) Femto Cell o Small Cell
Si tratta di soluzioni per la generazione di coperture radiomobili indoor per 3G (Femto) o
4G (Small) sincronizzato con la rete radiomobile esterna di un operatore TLC attraverso
una connettività Internet. Ovviamente, facendo uso di frequenze soggette a licenza, sono
soluzioni commercializzabili solo da un operatore TLC. Questi sistemi richiedono tuttavia
una connettività cablata verso la rete di accesso e di conseguenza degli opportuni spazi
installativi. Le Femto Cell hanno le dimensioni di un Access Point Wi-Fi e possono essere
trattate dal punto di vista progettuale e installativo in modo analgo (si veda par. 6.3).
Le Femto Cell in ambito residenziale hanno potenze di 20 mW, inferiori quindi a quelle
richieste dal Wi-Fi per ottenere una copertura simile mediante l’uso di antenne isotrope.
Le Small Cell costituiscono una evoluzione delle Femto in quanto in grado di diffondere il
servizio 4G con semplificazioni architetturali e connettività sia cablata (rame e fibra) sia
wireless.
hie
sta
Per approfondimenti si rimanda al sito www.smallcellforum.org.
2) Repeater
Gli operatori TLC hanno a disposizione delle tecnologie di rigenerazione del segnale
radiomobile che prevedono l’installazione di un ricevitore esterno all’edificio e la sua ritrasmissione nelle parti comuni ( garantendo la copertura all’interrno delle unità abitative):
−
Direttamente con un’antenna trasmittente
−
Tramite una rete cablata (in rame o fibra) connessa ad un’antenna trasmittente
remota.
nc
La predisposizione delle infrastrutture per l’installazione di questi sistemi richiede una
stretta collaborazione con gli operatori TLC per determinare la soluzione più appropriata
da adottare in base ai piani di sviluppo dell’area di lottizzazione.
3) Mini repeater
ni
Anche i mini-repeater sono soluzioni vendibili e installabili dagli operatori TLC per
risolvere problemi di copertura all’interno delle singole unità abitative. I mini-repeater
hanno le dimensioni di un Access Point WiFi che, se opportunamente installati,
consentono di estendere all’interno di uno più locali il segnale radiomobile presente in
esterno.
6.2
oi
Tutte e tre le soluzioni possono essere pianificate in fase di progettazione dell’edificio. Il
costruttore dovrebbe infatti contattare preventivamente un operatore TLC per concordare
l’eventuale necessità di intervenire con una di queste tre soluzioni per garantire la
copertura e, nel caso, stabilire quale delle tre sia la più efficace nel caso specifico.
Cablaggio orizzontale
og
ett
Il presente capitolo descrive la struttura del cablaggio domestico a supporto delle applicazioni
di cui al par. 5, e raggruppate (9,13) nei tre gruppi seguenti:
Trasmissione dati – ICT
Audio video multimedia – BCT
Pr
Automazione domestica (domotica)- CCCB (HBES)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
18
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Gli elementi funzionali del cablaggio domestico sono i seguenti (Fig. 4):
(a) distributore domestico (principale) (QDSA)
cavo primario (intermedio)
cavo di piano
( 1)
( 2)
distributore domestico secondario o di zona (QDSZ)
cavo di piano secondario
( 3)
punto di prelievo : punti presa MM, TL , TV
ripartitore di zona per le applicazioni CCCB (ACP)
Il tipo e il numero degli elementi funzionali utilizzati dipendono dal tipo di locali e dal gruppo
di applicazioni servite. È possibile unire più elementi funzionali in un unico elemento.
In Fig. 5 viene rappresentata la struttura del cablaggio.
hie
sta
Gli elementi funzionali dei sottosistemi di cablaggio sono collegati per formare una struttura
gerarchica a stella. Un distributore domestico concentra le apparecchiature attive di
distribuzione. Le applicazioni “a,b” vengono distribuite a stella fino alla presa terminale. Le
applicazioni “c” hanno topologia libera: il caso più comune presenta una struttura a stella dal
distributore a ciascun locale e a bus all’interno del locale.
Si definiscono:
−
“permanent link” :la parte fissa del cablaggio, ossia il percorso che va dalla presa di
ingresso del pannello di permutazione del QDSA fino alla presa terminale, di lunghezza
massima 90 m.
−
Channel: il permanent link con l’aggiunta dei cordoni per la connessione di apparecchi
attivi da ambo i lati. La lunghezza complessiva dei cordoni è limitata dalle normative a
10m. In questo modo il channel ha una lunghezza massima di 100 m.
nc
Nel caso siano inserite delle permutazioni intermedie o punti di consolidamento, le norme
danno delle formule per ridurre proporzionalmente le lunghezze massime. Indicativamente:
1 m/permutazione. Il calcolo della lunghezza effettiva del link può venir fatto in modo
dettagliato considerando la formule riportate in EN 50173-1, ad esempio per link classe EA :
Dove:
ni
B = 105 − 3 − F ⋅ X
B lunghezza effettiva del link
F Numero di permutazioni
og
ett
oi
X Rapporto tra l’attenuazione del cordone e l’attenuazione del cavo espresse in dB/m
Pr
(1) Cavo primario o intermedio: collega il distributore domestico principale ai distributori secondari. Può essere
strutturalmente simile al cavo secondario o di piano.
(2) Cavo di piano : cavo che collega un distributore (principale o secondario) alle prese terminali.
(3) Cavo di piano secondario :collega il distributore secondario alle prese utenti.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
19
HB E S
ACP
Ai l
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
QDS Z
MM
HB E S
ACP
MM
TL
hie
sta
TL
QDS A
BEF
R ete es terna
Pr
og
ett
oi
ni
nc
Figura 5 – Struttura del cablaggio domestico dall’accesso all’edificio alla presa
terminale, come riportato nella serie EN 50173 (8,9): il permanent link è il percorso da
QDSA a MM/TL; Il channel lo stesso più i cordoni di connessione degli apparecchi
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
20
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
QDSA
Cavo di piano
MM
TL
hie
sta
MM
Sottosistema di
Cablaggio domestico
QDSA
ni
nc
Cavo primario o intermedio
oi
Cavo di piano
MM
MM
TL
MM
Cavo secondario o di
Piano
TL
Sottosistema di cablaggio
og
ett
Sottosistema di cablaggio
QDSZ
Pr
Figura 6a – schema di cablaggio strutturato come definito in (8,9): ICT, BCT
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
21
QDSA
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Sottosistema di cablaggio
di ingresso alla zona
Cavo di piano
ACP
AC P
HBES
HBES
hie
sta
Sottosistema di
Cablaggio di zona
Figura 6b – Schema del cablaggio residenziale definito nella serie EN 50173 (8,9) :
CCCB
In Tab. 7 sono riassunte le caratteristiche dei vari cablaggi presenti in una unità immobiliare.
Tabella 7 – Sottosistemi di cablaggio domestico: sintesi delle caratteristiche
Cablaggio ICT
Stella (gerarchica)
Fig. 5
Gamma delle frequenze
Fino a 100 MHz
tipiche
(Classe D),fino a
250 MHz (Classe E) o
fino a 600 MHz (Classe F)
Classi di canale secondo la Classe D, E o F (b)
EN 50173-1
Potenza distribuita sulla
Dipende dagli apparati
rete
attivi
Mobilità o Spostamenti
Sì
frequenti del Dispositivo
Interfaccia più comuni
Connettore bilanciato:
serie EN 60603-7 (c)
Cablaggio BCT
Stella (gerarchica)
Fig. 5
Fino a 3 GHz (a)
ni
nc
Caratteristiche
Topologia
Cablaggio CCCB
Bus, albero, stella (f )
Fino a 100 kHz (e)
N/A
N/A
Talvolta
Spesso
Sì
NO per sensori/interruttori
SÌ per apparecchi specifici
Connessione fissa,
Connettori coassiali:
EN 61169-2;
EN 61169-24 (“tipo F”)
Connettori non
standardizzati.
og
ett
oi
Connettore bilanciato:
EN 60603-7
EN 61076-3-104 (d)
Applicazioni tipiche (vedi
Ethernet
DVB-T,DVB-T2, DVB-S,
Automazione luci,
par.5)
DVB-S2
termoregolazione ecc… (f )
NOTA La vicinanza all’alimentazione dipende dalle preferenze di installazione e dai regolamenti locali.
(a) Su cablaggio bilanciato fino a 1 GHz
(b) La presente definizione deriva dalla EN 50173-1.
(c) EN 60603-7 è noto sul mercato come RJ45.
(d) Nelle installazioni nelle quali altri fattori, quali l’interoperabilità con la serie EN 60603-7 prevalgono sulla
condivisione del connettore proposta nella EN 61076-3-104, può essere utilizzata anche l’interfaccia
specificata nella EN 60607-7-7.
(e) Le norme stanno considerando una estensione della banda per consentire il supporto di applicazioni
multimediali su cavo a coppia singola.
(f) Vedi (9,14) e norme TC205 per approfondimenti.
Pr
É opportuno che il centro-stella sia in posizione “funzionale” rispetto all’unità abitativa,
soprattutto per le unità immobiliari più estese.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
22
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Si intende cioè un posizionamento del centro-stella che permetta di realizzare tutti i cablaggi
necessari con lunghezze minime, tenendo conto delle esigenze architettoniche dell’unità
immobiliare.
Il centro-stella deve essere sistemato possibilmente in un luogo di facile accessibilità dove vi
sia spazio sufficiente per installare il complesso di distribuzione (vedi anche capitolo 7).
Nell’esempio di cablaggio della Fig. 7, relativo ad una unità immobiliare di circa 150 m²:
−
La toplogia è a stella
−
Il posizionamento del centro stella è congruente a quanto sopra
−
Il progetto del cablaggio determinerà quali servizi portare a ogni punto e di conseguenza
quali cavi posare.
La guida CEI 64-100/2 (2) definisce le regole di progetto delle infrastrutture in modo da
consentire l’ espansione , le modifiche dell’impianto in tempi successivi, l’adozione di nuove
tecnologie.
hie
sta
Ad esempio un cablaggio dati in rame potrebbe essere sostituito in futuro da un cablaggio in
fibra ottica: il nuovo cablaggio può essere convenientemente posato nell’infrastruttura preesistente senza lavori di muratura, molto onerosi per il proprietario dell’abitazione.
La configurazione suggerita, per ciascun punto presa è:
−
MM: scatola con almeno una presa TV e una RJ45
−
TL: scatola con almeno una presa RJ45.
Lo spazio inutilizzato è a disposizione per future modifiche.
Il numero dei punti presa (MM e/o TL) per ciascun locale è dipendente dal livello di impianto,
secondo la classificazione data in (10).
nc
La disposizione dei punti presa deve essere scelta dal progettista, tenendo conto delle
seguenti linee guida:
I punti presa dovrebbero essere raggiungibili in ogni zona dell’unità immobiliare con
cordoni non più lunghi di due metri.
−
Predisporre delle prese di alimentazione elettrica dedicate ai terminali di comunicazione,
nelle vicinanze dei punti presa di comunicazione, come indicato in (10).
Pr
og
ett
oi
ni
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
23
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
hie
sta
QD
nc
Fig. 7 – esempio di progetto di un cablaggio strutturato nel caso di un appartamento di
circa 150 m²
La lunghezza massima ammessa per ogni ramo della stella, comprensivo dei cordoni di
collegamento agli apparati utilizzatori è di 100 m per le applicazioni ICT.
ni
Le applicazioni BCT, in particolare la distribuzione dei servizi TV, impongono vincoli più
( 1)
restrittivi sulle massime lunghezze, in particolare (8,9) :
−
Cavo coassiale: 34 m ; 73 m
−
Cavo a coppie: 12 m; 25 m
−
Fibra ottica: Vedi par. 6.4
( 2)
( 3)
.
og
ett
oi
In Fig.8 viene rappresentato in modo schematico il corrispondente sistema di cablaggio
dall’armadio di distribuzione (QDSA) al punto presa di tipo MM e TL.
Pr
(1) La distribuzione dei segnali TV impone un vincolo sull’attenuazione massima delle singole frequenze, ma
anche sulla differenza in dB tra la minima e la massima frequenza della banda. Il TR EN 50173-99-2 (26)
dettaglia il calcolo della massima lunghezza ottenibile in cavo coassiale e a coppie simmetriche. Disponendo di
un dispositivo attivo di compensazione del dislivello di frequenze in banda , è possibile coprire distanze
maggiori.
(2) Con dispositivo attivo di compensazione (0…+6 dB) della pendenza di frequenza in banda al QDSA.
(3) Idem
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
24
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 8 – Schema di collegamento tra centrostella e punto di utilizzazione
6.3
Reti wireless
nc
Una rete Wireless all’interno dell’appartamento (tipicamente realizzata con sistemi Wi-Fi) è
complementare al cablaggio strutturato e permette agli individui di comunicare e di accedere
alle applicazioni senza necessità di connessioni fisse o via cavo: questo aggiunge la libertà di
movimento nell’utilizzo di applicazioni e di servizi informatici.
Pr
og
ett
oi
ni
L’evoluzione dei PC portatili in Tablet e dei Cellulari in Smartphone, ha allungato di molto
l’elenco dei dispositivi Wireless che possono essere presenti in un ambiente residenziale. A
questi si devono aggiungere i nuovi modelli di TV e tutti i componenti domotici realizzati per
scenari di Home Automation e per applicazioni di videosorveglianza che, anch’essi, possono
fare uso di tecnologie Wireless della famiglia IEEE 802.11 che utilizza bande di frequenze sia
nell’intorno di 2,4 GHz sia di 5 GHz (vedi Fig.9).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
25
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 9 – Canali Wi-Fi e rispettive frequenze nelle bande 2,4 GHz e 5 GHz.
nc
Se a ciò si aggiunge l'esigenza di usufruire dei contenuti multimediali, sia da internet sia
generati localmente, si comprende come debbano essere garantite coperture omogenee e in
grado di sostenere elevati bit rate all'interno dell'abitazione.
Una rete Wireless per un’abitazione è costituita tipicamente da un singolo punto di accesso
( 1)
(Access Point - AP), che permette la connessione dei dispositivi portatili. L’Access Point
costituisce l’intefaccia tra la rete Wireless e il restante impianto di cablaggio strutturato.
ni
La progettazione e la realizzazione di una rete Wireless consiste in:
−
scelta e posizionamento dei punti di accesso (AP) per garantire la copertura del servizio
−
scelta dei dispositivi con scheda Wireless
−
configurazione dei dispositivi e impostazione dei parametri di sicurezza.
2
oi
In un’appartamento di 150 m può essere sufficiente posizionare un solo AP in posizione
centrale per consentire al segnale di raggiungere tutti gli ambienti della casa.
og
ett
In abitazioni più estese o disposte su più livelli un solo AP potrebbe non bastare a causa delle
attenuazioni del segnale che possono essere causate dagli ostacoli (es.armature delle
solette). In questi casi occorre prevedere l’uso di più AP interconnessi fra loro (soluzione
mista Wireless/Cablata) oppure l’utilizzo di apparati per estendere la copertura (repeater o
extender Wi-Fi) oppure l’utilizzo di cavi speciali in grado di diffondere il segnale Wi-Fi.
2
Nel caso di un appartamento di circa 150 m con pianta rettangolare si sceglie un AP con
diagramma di irradiazione isotropa (ossia a diffusione omogenea sul piano orizzontale)
collocato in posizione baricentrica rispetto all’area dell’appartamento. In assenza di vincoli
architettonici questo accorgimento è in molti casi sufficiente a garantire una buona copertura
su tutta la superficie.
Pr
(1) L’access point può includere funzioni di modem, router, firewall
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
26
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La propagazione del segnale avviene per riflessione tra soffitto e pavimento. Quindi è da
prediligere la collocazione dell'AP in posizione alta sulla parete ad un altezza tale da evitare
l'influenza degli ostacoli o dei corpi delle persone presenti nell'ambiente, ad esempio intorno
ai 2,5 metri dal pavimento in una posizione dove difficilmente verranno collocate parti di
arredo che possano ostacolare la propagazione del segnale.
nc
hie
sta
In Fig. 10 è riportata una simulazione di copertura ottenibile con un apparato commerciale
con buone caratteristiche radioelettriche (antenne isotrope da 2,5 dBi). La posizione
individuata consente di distribuire all'interno dell'ambiente un segnale ricevuto con livelli di
potenza superiori a -67 dBm, ottimale per garantire che in tutti i locali ci sia la disponibilità di
un segnale con prestazioni a livello fisico di 150Mb/s ( Fig. 11).
Pr
og
ett
oi
ni
Figura 10 – Simulazione area di copertura di un AP IEEE802.11n in greenfield con
canale a 20 Mhz e con max MCS15
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
27
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 11 – Prestazioni di livello fisico dell'AP di figura 10 con velocità di bit massima
150 Mb/s
Pr
og
ett
oi
ni
nc
Se, viceversa, lo stesso AP (isotropo) fosse posizionato, ad esempio, su un mobiletto in
soggiorno, senza una preventiva progettazione dell'infrastruttura, questo porterebbe ad una
copertura come quella di Fig. 12, dove non sono stati considerati la presenza degli arredi e
quella delle persone. Come si può osservare i locali più lontani dall'AP mostrano aree con
prestazioni decisamente più basse.
Figura 12 Posizionamento su mobile basso (90 cm dal pavimento) di un AP con
le caratteristiche della Fig. 10
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
28
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
hie
sta
Anche se si fosse scelto un AP con antenne non isotrope (ossia con una direzione
preferenziale) collocato nella stessa posizione gli effetti sull'omogeneità delle coperture
sarebbero stati ancora più marcati, come è possibile osservare in Fig. 13.
Figura 13 – Prestazioni di un AP con diagramma d’irradiazione non isotropo
collocato in maniera non ottimale
nc
L’esempio di cui sopra non considera alcuni aspetti:
All’aumentare del numero di terminali, le prestazioni in termini di banda si riducono.
−
La pianta dell’unità abitativa può avere forme diverse (es. a “L”).
−
la propagazione per riflessione risente di tutti gli ostacoli e questo riduce il vantaggio del
posizionamento dell’AP in alto
−
gli AP con antenna integrata non ne consentono l’orientamento parellelo al pavimento.
−
La presenza di AP nelle unità abitative adiacenti, può dar luogo ad interferenze (vedi caso
in Fig: 14)
oi
ni
−
Si esamini ora un progetto più dettagliato.
og
ett
Le prestazioni del sistema complessivo (AP e terminali) dipendono dal numero di terminali
contemporaneamente attivi che si suddividono la banda totale in funzione delle applicazioni in
uso sul dispositivo. Pertanto, è opportuno prevedere la presenza di più punti di accesso
cablati nei locali dell’abitazione per evitare che i terminali multimediali tipicamente statici (TV,
Decoder, NAS (Network Area Storage), stereo…) debbano necessariamente utilizzare
l’accesso Wi-Fi, riservandolo così ai soli terminali mobili (tablet, smartphone ecc.).
Pr
La forma e la struttura dell'unità abitativa condizionano la scelta del punto ottimale
d'installazione. Con una pianta avente due ali principali ortogonali tra loro (forma a L) la
collocazione preferenziale dell'AP è in prossimità del vertice tra le due ali in posizione tale da
mostrare l'azimut elettrico verso di esse. A meno che la dimensione ridotta di un ala rispetto
all'altra non suggerisca di orientare l'azimut verso l'ala più estesa.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
29
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Se le dimensioni sono molto estese, è opportuno impiegare un secondo AP per garantire
l'omogeneità della copertura. Anche in questo caso la collocazione dei due AP dovrà essere
ricercata tenendo conto dei vincoli infrastrutturali e architettonici: ad esempio individuando
due aree omogenee in cui posizionare ciascun AP in posizione baricentrica.
Nel caso di unità abitativa su più piani è opportuno prevedere, in posizione baricentrica, uno
spazio installativo per l’AP su ciasun piano.
Quando si utilizzano più di un AP si raccomanda di impostare canali distinti.
La sovrapposizione sul piano verticale dei due AP impostati sullo stesso canale potrebbe
portare infatti a una mutua interferenza
oi
ni
nc
hie
sta
Questo stesso criterio deve essere utilizzato per progettare la collocazione degli AP per
edifici che contengano più unità abitative, indicando sul progetto anche l’assegnamento
ottimale dei canali evitando che sulla stessa area di copertura incidano più AP che
trasmettono sullo stesso canale (Esempio Fig. 14).
og
ett
Figura 14 - Esempio di assegnazione di canali in 4 appartamenti di un piano di un
edificio in funzione della posizione degli AP
In caso contrario si possono generare interferenze.
La configurazione di apparati in autoselezione del canale può non essere sufficiente ad
assicurare la funzionalità, in quanto l’insieme degli AP rischia di diventare instabile a causa di
ri-selezioni multiple dei canali.
Pr
Queste condizioni potrebbero subentrare in tempi successivi. L’utente si trova quindi ad avere
una connettività limitata o poco prestante senza una apparente spiegazione.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
30
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Quanto sopra dimostra come i sistemi wireless debbano essere opportunamente progettati,
smentendo la convinzione comune che la rete wireless sia “plug and play”.
6.4
Impianti TV in fibra ottica
Negli ultimi anni si è diffuso l’utilizzo delle fibre ottiche per la realizzazione di impianti TV di
edificio per la distribuzione di segnali satellitari e terrestri (si veda tabella 1 per bande di
frequenza), soprattutto negli edifici esistenti. Nei montanti possono esserci condotti troppo
“stretti” per la posa dei cavi coassiali o al limite condotti da condividere con altri impianti (con
elevata presenza di campi elettromagnetici disturbanti).
In queste condizioni l’installazione di cavi in rame è difficoltosa. La disponibilità di componenti
e apparati in fibra ottica a costi contenuti, rende questa soluzione interessante anche per le
nuove installazioni, con degli ulteriori vantaggi. Si ha infatti la possibilità di:
−
realizzare collegamenti più lunghi rispetto a quelli con cavi in rame
−
integrazione sullo stesso cavo di più servizi.
hie
sta
Nelle soluzioni per impianti satellitari, l’apparato di conversione elettrico/ottico è contenuto
direttamente nel corpo del convertitore LNB posizionato sul braccio della parabola dove è
presente un connettore per l’uscita ottica.
Per la distribuzione interna all’unità immobiliare prevale la scelta di utilizzare un convertitore
ottico/elettrico posizionato nel centro stella che renda disponibili in uscita (tipicamente 4 punti
TV, si veda Fig.15).
Cavo coassiale
og
ett
oi
ni
Splitte
r
ottico
nc
Fibra ottica
Fibra ottica
Convertitore
ottico/elettrico
Figura 15 – Esempio di distribuzione segnali TV SAT con montante ottico e
distribuzione interna su cavo coassiale.
Pr
Nelle soluzioni dove è richiesta la distribuzione sia SAT sia terrestre, sono utilizzati
convertirori E/O separati dotati di ingressi RF coassiali per i segnali provenienti dal
convertitore LNB della parabola ed uno per i segnali terrestri. All’uscita dell’apparato si
collega un’unica fibra che trasporta entrambi i segnali (si veda Fig. 16).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
31
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
LNB con 4
uscite IF-SAT
H/V – h/v
Terminale di testa per
segnali terrestri
cavo
coassiale
CavoCavo
coassiale
E/O
E/O
Σ
hie
sta
4 cavi
coassiali
Splitter
ottico
SAT
SAT
TV
TV
nc
Fibra ottica
Convertitore
ottico/elettrico
Figura 16 – Esempio di distrbuzione segnali TV SAT + terrestre con montante ottico e
distribuzione interna su cavo coassiale.
Pr
og
ett
oi
ni
Nel caso in cui, all’interno dell’abitazione, non sia possibile realizzare una distribuzione su
cavo coassiale, è possibile realizzarla con le fibre ottiche fino alla presa d’utente dove sarà
poi collegato un apparato di conversione ottico/elettrico per ogni punto TV. Le fibre sono
installabili anche nelle condutture elettriche senza problemi di compatibilità elettromagnetica
e di sicurezza.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
32
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
LNB con 4
uscite IF-SAT
H/V – h/v
Terminale di testa per
segnali terrestri
Cavo coassiale
Presa ottica
4 cavi
coassiali
E/O
E/O
hie
sta
Σ
Splitte
Splitt
er
ottica
tti
Splitte
Splitter
ottica
o
tti o
T
T
SA
SA
O/E
nc
Fibra ottica
Convertitore
ottico/elettrico
Figur 17 – Esempio di distribuzione segnali TV SAT + terrestre con fibra ottica fino alla
presa utente
7.1
Infrastrutture di supporto
ni
7
Edifici residenziali
NOTA PER CEI : l’attuale 64-100/1 fa riferimento all’attuale CEI 306-2 par. 5.2 relativamente a “lavori già esistenti
sulla predisposizione degli edifici”. Evidentemente il riferimento andrà modificato non appena la nuova edizione
della 306-2 sarà prodotta.
oi
Il DM 22/01/13 (34) fa esplicito riferimento alle guide CEI 64-100 per la realizzazione di una
infrastruttura ottimale per gli impianti di comunicazione.
og
ett
Infatti con l’articolo 6 “criteri installativi” gli “spazi installativi” sono riconosciuti come uno dei
presupposti fondamentali per la realizzazione di impianti a regola d’arte. Questi inoltre ne
consentono la manutenzione e soprattutto permettono di ampliare, rinnovare, integrare
soluzioni tecnologiche che potrebbero in futuro veicolare servizi di comunicazione. Per il
dimensionamento di spazi installativi per gli impianti di comunicazione, sono da considerare
diversi aspetti, fra i quali, determinanti sono: la dimensione dell’edificio, il numero di unità
immobiliari, la posizione geografica dell’edificio. Per questo oltre alle Guide CEI serie 64-100
(1,2), si consiglia la consultazione del cap. 10 della Guida CEI 100-7 (5).
Pr
La guida CEI 64-100/1 (1) definisce le linee guida per la realizzazione delle infrastrutture per i
cablaggi di edificio : montanti degli impianti TV, telefonico e trasmissione dati,
videocitofonico, domotico condominiale, nonché i montanti per i cavi energia per le parti
comuni e la distribuzione ai singoli appartamenti.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
33
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Sono da prevedere inoltre dei locali tecnici dove alloggiare le apparecchiature di
distribuzione, protezione dei cablaggi di cui sopra e la loro connessione con le reti esterne
(comunicazione ed energia).
Vengono esaminate le varie tipologie edilizie dando indicazioni alla predisposizione degli
spazi installativi per ciascuna di esse. Per ulteriori dettagli si rimanda alla guida (1). Di
seguito si riporta un esempio di predisposizione di edificio a partire dalle indicazioni della
guida.
og
ett
oi
ni
nc
hie
sta
Si sottolinea l’importanza dell’accessibilità del montante e di locali tecnici spaziosi per
consentire interventi di manutenzione, ampliamento ecc…
Pr
Figura 18 – Esempio di predisposizione di spazi installativi per edifici residenziali
secondo[ST1] CEI 64-100/1
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
34
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Fig. 19 – Esempi di realizzazione pratica di montante e locale tecnico secondo
CEI 64-100/1
nc
Per quanto riguarda le predisposizioni per il cablaggio ottico in edifici di nuova costruzione
(« greenfield ») le indicazioni riportate nella guida CEI 64-100/1 prevedono già spazi
installativi che consentono il passaggio di cavi in fibra ottica.
ni
Come indicazione generale è sempre preferibile, anche se non strettamente necessario,
separare il più possibile il percorso dei cavi in fibra da quello dei cavi in rame per una migliore
gestione dell’impianto nel tempo.
oi
Inoltre anche la dimensione delle scatole di derivazione indicata nella guida 64-100/1 deve
essere sempre considerata come requisito minimo e preferire scatole più grandi per facilitare
l’installazione e la gestione dell’impianto così come l’introduzione di eventuali accessori di
cablaggio.
Nel caso di edifici già esistenti (« brownfield »), dovendo sfruttare gli spazi disponibili è
necessario adottare delle soluzioni di cablaggio in cui:
Il cavo/i per il cablaggio del montante delle parti comuni deve contenere un numero di
fibre tale per cui sia possibile connettere nel tempo tutte le unità abitative dello stabile.
−
La posa del cavo/i all’interno delle colonne montanti sopra descritte deve essere possibile
anche in presenza dei cavi in rame per tutte le unità abitative
−
I componenti attivi e/o passivi devono essere scelti compatibilmente con le dimensioni
degli spazi nelle scatole di derivazione di piano e con i raggi di curvatura prescritti dalle
norme per le fibre ottiche utilizzate nei cavi (25).
Pr
og
ett
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
35
−
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
L’impianto deve essere accessibile per consentire gli interventi di manutenzione ma i
( 1)
componenti devono essere segregati per motivi di protezione verso l’utente .
In Fig 20 è riportato lo schema di base di un cablaggio ottico di edificio con i suoi componenti
principali:
−
Un punto di flessibilità2 alla base dell’edificio che funge da interfaccia tra la rete
orizzontale di uno o più operatori di rete ed il cablaggio verticale di edificio
−
Il cablaggio vero e proprio tra il box alla base dell’edificio ed ogni unità immobiliare può
essere realizzato sia mediante cavi singoli dedicati ad ogni unità immobiliare sia mediante
cavi multifibra ad estrazione dai quali,si estraggono le fibre per il collegamento delle unità
immobiliari
−
Una terminazione ottica connettorizzata all’interno dell’unità abitativa.
Per quanto riguarda l’impianto TV in fibra ottica in brownfield si veda par. 6.4.
hie
sta
Estrazione e/o
terminazione al
piano
Collegamento
appartamento
nc
Verticale
ni
Box alla base del
palazzo
Figura 20 – Schema di base di un cablaggio ottico di edificio
Unità immobiliari
oi
7.2
og
ett
La guida CEI 64-100/2 (2) definisce le linee guida per l’ infrastruttura a supporto dei cablaggi
all’interno delle unità immobiliari. Lo scopo è quello di fornire ai progettisti di abitazioni le
linee guida per il dimensionamento di una infrastruttura sottotraccia e spazi installativi in
grado di poter alloggiare il centro stella, predisporre le necessarie condutture, scatole di
derivazione e porta apparecchi.
(1) L’utente non deve poter rimuovere i connettori ottici nei quali è presente un segnale laser potenzialemente
pericoloso.
Pr
(2) Il punto di flessibilità è un permutatore alla base dell’edificio contenente da un lato le terminazioni delle reti di
accesso di più operatori e dall’altro le terminazioni delle linee ottiche di ciascun appartamento, realizzato
tipicamente in Italia con fibre connettorizzate SC-APC. L’allacciamento di un appartamento con un operatore
avviene tramite un cordone di permutazione.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
36
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
L’infrastruttura progettata secondo CEI 64-100/2 deve avere caratteristiche di adattabilità e
flessibilità in modo da consentire future modifiche ed estensioni degli impianti e devono
rispettare determinati vincoli relativi alla posa (coesistenza con impianti elettrici e non
elettrici, quali riscaldamento, acqua potabile ecc…)
Tale infrastruttura riprende la topologia a stella del cablaggio (si veda il par. 6), prevedendo
uno spazio centrale (SA), per contenere gli apparecchi di distribuzione dei servizi di
comunicazionedegli spazi installativi intermedi (scatole di derivazione, SZ) e gli spazi per le
prese terminali (SU).
Nella presente guida si considera la parte di impianto relativa alla trasmissione dati, voce,
immagini (TV ed altro), che viene posato in una adeguata frazione della infrastruttura
complessiva destinata anche a impianto di distribuzione dell’energia e di applicazioni
domotiche.
hie
sta
In Fig. 21 è riportato un esempio di infrastruttura dedicata all’impianto di comunicazione,
progettata secondo i principi della guida CEI 64-100/2 (2).
oi
ni
nc
QD
Fig. 21 – Esempio di infrastruttura per gli impianti TV, telefono, trasmissione dati
secondo CEI 64-100/2
og
ett
In Fog. 22 si riportano alcuni esempi di realizzazione pratica del QDSA. È inoltre riportato un
esempio di scatola di derivazione, per il quale valgono le seguenti raccomandazioni:
Dimensioni adeguate in funzione degli apparati da installarvi
−
Riserva di spazio per garantire l’adattabilità dell’infrastruttura
−
Posizioni di facile accesso per successivi interventi, tenendo conto degli arredi.
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
37
og
ett
oi
(a) : QDSA
ni
nc
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
(b) Spazio installativo SZ e scatola di derivazione
Pr
Figura 22 – Esempi di realizzazione pratica di QDSA (a), spazi installativi SZ, scatole di
derivazione (b) secondo CEI 64-100/2
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
38
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
In CEI 64-8 (10) gli impianti sono classificati in base al loro livello di complessià.
Relativamente alla parte comunicazioni questo si traduce in un requisito di numero minimo di
punti presa per locale. Nell’esempio che segue (si veda Fig. 23)si fa riferimento alla parte di
impianto dedicata alla distribuzione dei servizi di comunicazione di un impianto di classe 3.
hie
sta
Q
Figura 23 – Esempio di impianto di comunicazione : livello “avanzato”, classe 3 come
definito in (10)
Case singole, ville a schiera e complessi residenziali
nc
7.3
La guida CEI 64-100/3 (3) definisce le linee guida per il progetto delle infrastrutture degli
immobili di cui sopra, presentandone le peculiarità.
ni
1) Case singole: L’infrastruttura presentata al par. 7.2, può essere distribuita su più livelli e
avere delle estensioni all’esterno.
2) Ville a schiera: rispetto al caso delle case singole, si aggiunge una parte comune di
infrastruttura.
3) Complessi residenziali: rispetto al caso 2, le parti comuni sono più ampie.
oi
4) Per tutte e tre le tipologie di immobili si possono incontrare ambienti non presenti
nell’abitazione singola che necessitano di soluzioni impiantistiche dedicate (es. giardino,
piscina, autorimessa, tavernetta, ecc…).
infrastrutture riguarda principalmente
og
ett
L’impatto sulle
videocitofonico.
gli
impianti
elettrico, domotico,
Pr
Per quanto riguara l’infrastruttura dedicata all’impianto di comunicazione, la variante
significativa da considerare riguarda il caso di una casa singola disposta su più piani. In
questo caso si può prevedere un montante interno e dei distributori secondari da disporre sui
vari livelli, vedi esempio riportato in Fig. 24.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
39
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Fiugra 24 – Esempio di infrastruttura per impianto di distribuzione dei servizi di
telecomunicazione per una casa singola disposta su più piani
8.1
Componenti del cablaggio
nc
8
Complesso di distribuzione
ni
Il complesso di distribuzione (QDSA) per i segnali TV, telefono e dati, in un appartamento
residenziale ha una funzione fondamentale per assicurare l’accesso ad ogni tipologia di
servizio per le comunicazioni.
I supporti fisici possibili sono:
Cavo a coppie simmetriche
−
Cavo coassiale
−
Cavo in fibra ottica
oi
−
Gli apparati che devono trovare spazio nel QDSA sono:
Modem/Router , switch, hub (si veda 8.2.1)
−
Divisore (splitter) o derivatore per segnali TV terrestri e satellitari
−
Amplificatore banda larga per segnali TV, quando richiesto (vedi par. 8.3.1)
−
Convertitore O/E per i segnali su fibra ottica
−
Prese energia per alimentazione apparati attivi
og
ett
−
Pr
Si evidenzia che gli apparati elencati non sono necessariamente tutti presenti, potranno
essere installati solo gli apparati per le soluzioni scelte dal committente.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
40
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
E però consigliabile progettare uno spazio installativo che sia in grado di accoglierle tutte in
quanto sono da considerarsi complementari tra loro e non alternative.
La parte del QDSA necessaria per ospitare gli apparecchi di distribuzione relativi agli impianti
di comunicazione ha dimensioni indicative : 60-65 x 40-45 x 9-10 cm.
Si ricorda che questo componente può essere condiviso con l’impianto elettrico energia e
l’impianto domotico e in tal caso deve essere dimensionato di conseguenza. La parte elettrica
di potenza deve essere separata dalle parti di comunicazione e domotica
In Fig. 25 è riportato un esempio di realizzazione del QDSA.
La caratteristica del quadro consente il fissaggio di una anta
scorrevole rendendo agevole gli interventi per la permutazione e/o
per manutenzione, integrazione o modifica degli impianti
Spazio dove può essere installato il
modem-router ADSL che dispone
tipicamente di 4 porte ethernet. Le
4 uscite ADSL possono essere
collegate in 4 delle 16 attestazione
sul pannello di permutazione. Con
dei cordoni di permutazione è
possibile realizzare una rete LAN
con 4 punti presa nell’unità
immobiliare.
Spazio utilizzabile per apparati
digitali ad esempio:
Convertitore fibra ottica (ONT)
Multiswitch per segnali SAT
Derivatore per segnali DTT
Modulatore audio/Video
Ecc.
Pr
og
ett
oi
ni
nc
Presa elettrica multipla per l'alimentazione
degli apparati. La multipresa deve essere
collegata ad un interruttore magnetotermico
differenziale predisposto nel quadro di
distribuzione dell'impianto elettrico.
hie
sta
Multipresa telefonica a 5
ingressi RJ11. Per realizzare
fino linee “tradizionali”
distribuite nell’unità abitativa
utilizzando bretelle
RJ45/RJ11 attestate dalla
multipresa telefonica al
pannello di permutazione
Scatola per la Prima presa dove
sarà collegata la linea proveniente
dall’operatore telefonico.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
41
Pannello di permutazione (Patch Panel) con n. 16
attestazioni dove possono essere installati fino a 16
frutti passanti F/F RJ45 per collegare altrettanti punti
RJ45 . Ad esempio su 4 si collegano le porte
ethernet del router, con dei cordoni di permutazione
si collegano i punti desiderati (scegliendo fra i 12)
Alimentazione
230V
Bretelle RJ11/RJ11
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
ADSL
Modem/router
ADSL
tel
Linea in rame da
Operatore telefonico
Bretelle
RJ45/RJ11
Bretelle
RJ45/RJ45
Linea 230V dal quadro
elettrico generale,
collegata ad un
interruttore
magnetotermico
differenziale
hie
sta
NOTA: Negli stessi tubi
corrugati dove sono
alloggiati i cavi telefono
e/o dati, possono
trovare alloggio anche i
cavi coassiali per la
distribuzione TV
Terrestre e Satellitare
Fino a 4 prese RJ45 per ADSL
permutati in altrettanti punti
dislocati nell’unità immobiliare
Fino a 5 prese telefono
dislocate nell’unità immobiliare
Figura 25 – Esempio di QDSA per impianti di comunicazioni caratterizzato da facilità di
accesso per manutenzione e permutazione e di un suo possibile allestimento.
8.2
Soluzioni in conduttori a coppie simmetriche
8.2.1
Apparecchi attivi
Modem/router
−
Switch
−
Hub
ni
−
nc
I principali apparecchi attivi utilizzati per il cablaggio domestico sono:
Il Modem/router permette la connessione alla rete di accesso esterna e può mettere a
disposizione più porte di connessione (tipicamente quattro) consentendo la realizzazione di
più rami di distribuzione primaria (assolvendo quindi anche la funzione di switch).
oi
Il modem/router funge anche da “amministratore della rete” in quanto esegue:
l’assegnazione degli indirizzi di rete ai terminali connessi (PC o altri dispositivi elettronici)
mediante la funzione DHCP 1.
−
la mappatura delle porte di connessione tra rete interna e pubblica (importante quando si
utilizzano applicazioni che necessitano di conoscere l’indirizzo IP e la porta di
connessione del PC della rete interna).
og
ett
−
−
la funzione di firewall della rete per proteggere da tentativi di intromissione dall’esterno.
Lo switch è un componente di commutazione ed instradamento che permette di connettere
più terminali ad un unico nodo della rete . Esso è in grado di selezionare la porta di uscita in
funzione dell’indirizzo del destinatario.
Pr
(1) Dynamic Host Configuration Protocol (protocollo di configurazione IP dinamica): è un protocollo di rete di livello
applicativo che permette ai dispositivi o terminali di una certa rete locale di ricevere dinamicamente ad ogni
richiesta di accesso ad una rete IP (quale ad esempio Internet) la configurazione IP necessaria per stabilire
una connessione ed operare su una rete più ampia basata su Internet Protocol cioè interoperare con tutte le
altre sottoreti scambiandosi dati, purché anch'esse integrate allo stesso modo con il protocollo IP.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
42
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Un tipico esempio di utilizzo dello switch è il “punto TV”in cui il televisore, la consolle giochi, il
decoder pay-TV possono essere connessi ad Internet. Uno switch permette la connessione di
tutti questi apparati attraverso un’unica presa dati.
Nel caso di cablaggi di una certa complessità, lo switch può essere utilizzato per la
realizzazione di rami secondari a partire dai rami primari in uscita dal router.
L’hub è un apparato che esegue una funzione simile allo switch in modalità meno efficace in
quanto l’instradamento avviene sequenzialmente su tutte le porte di uscita indipendentemente
dall’indirizzo di destinazione.
8.2.2
Cavi a coppie simmetriche
Per realizzare la rete dati vengono impiegati cavi a quattro coppie con impedenza
caratteristica di 100 Ω. Tali cavi vengono classificati in categorie (5e, 6, 6A, 7, 7A)in funzione
della loro capacità trasmissiva.
I cablaggi realizzati secondo (8) sono definiti in classi (D,E,EA,F,FA) in base alle applicazioni
supportate su un lunghezza massima di 100m.
hie
sta
La scelta della classe di cablaggio coinvolge aspetti tecnici ed economici: la classe E è più
performante della classe D ma comporta l’utilizzo di componenti più costosi.
Per l’ambito domestico si ritiene sufficiente un cablaggio di classe D (fino a 100 MHz)
realizzato con componenti di Categoria 5e.
Non è esclusa comunque la realizzazione di un cablaggio domestico di classe superiore.
Il cablaggio è composto da una parte fissa (cablaggio orizzontale) e una parte mobile
(cordoni) per la connessione di apparati.
Un cablaggio di classe D può essere realizzato con cavi di categoria 5e schermati o non
schermati, come mostrato in Tab.8 dove si riportano anche le norme corrispondenti.
Categoria
cavo
D
5e
D
5e
D
5e
5e
Norma di riferimento
per i cavi
Tipo di cavo
CEI EN 50288-2-1(19)
Cavo schermato per cablaggio
orizzontale
100
CEI EN 50288-2-2(20)
Cavo schermato per cordoni
(patch cords)
100
CEI EN 50288-3-1(21)
Cavo non schermato per
cablaggio orizzontale
CEI EN 50288-3-2(22)
Cavo non schermato per
cordoni (patch cords)
100
oi
D
Frequenza
massima
MHz
ni
Classe
cablaggio
nc
Tabella 8 – Cablaggio di classe D e riferimenti normativi dei cavi di categoria 5e
100
È da notare che sono state elaborate norme relative a versioni di
og
ett
cavi destinati al cablaggio orizzontale in ambiente domestico per i quali sono previsti dei test
addizionali di natura meccanica:
−
Forzatura dei raggi di curvatura
−
Incollaggio
−
Resistenza alla graffettatura
−
Forzatura nei condotti
Pr
Questi cavi possono essere convenientemente utilizzati in “brownfield” in assenza di
infrastrutture ottimali per un cablaggio standard.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
43
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La tabella seguente riporta i corrispondenti riferimenti normativi.
Tabella 9 – Riferimenti normativi per cavi speciali per uso domestico.
Classe di
Cablaggio Equivalente
Classe cavo
Frequenza
massima
MHz
Norma di riferimento
per i cavi
Tipo di cavo
D
Grade 1
100
CEI EN 50441-1(23)
Cavo non schermato
D
Grade 1
100
CEI EN 50441-2(24)
Cavo schermato
Dato l’impiego in ambienti chiusi e con presenza di persone, è opportuno scegliere i cavi nella
versione con la guaina realizzata con materiale a bassa emissione di fumi e di gas tossici e
corrosivi (LSZH, Low Smoke Zero Halogen).
8.2.3
Connettori
hie
sta
I cavi descritti al paragrafo precedente sono terminati con connettori. Se il cablaggio è
semplice, le connessioni possono essere di tipo punto-punto (ad esempio tutti i rami fanno
capo al router e terminano sugli apparati o sugli switch). In questo caso i cavi sono terminati
con connettori di tipo RJ45 maschi (plug) che vengono montati sui cavi utilizzando una
tecnica di crimpatura.
Nel caso generale, possono essere previsti punti di permutazione (al centro stella e nel punto
di diramazione di un sistema secondario). In tal caso sono previsti connetori femmina (jack) ai
quali i cavi vengono connessi con tecnica IDC (Insulation Displacement Connection,
Connessione a Spostamento di Isolante).
Esistono versione di questi connettori per ciascuna delle categorie di cavo (5e, 6) che devono
corrispondere alla categoria di cavo utilizzato.
Pr
og
ett
oi
ni
nc
È importante tenere presente che i connettori generalmente rappresentano la parte più
“debole” del cablaggio ed è quindi di grande importanza la loro qualità e la corretta
esecuzione della crimpatura effettuata da personale specializzato.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
44
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
b: Connettore RJ45 non ancora da crimpato
hie
sta
a: Cavi con connettori RJ45
og
ett
oi
ni
nc
c: Connettore da pannello di permutazione (Retro, Fronte)
d: Connettori da presa terminale
Pr
Fiura 26 – Esempi di connettori per sistemi a coppie simmetriche.(a,b,c,d)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
45
8.3
Soluzioni in cavo coassiale
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La realizzazione di un cablaggio con cavi coassiali è stata, per anni, prerogativa degli impianti
( 1)
d’antenna. La stessa rete può essere utilizzata per altri scopi trasmissivi (vedi par. 5.5) ,
avendo l’accortezza di occupare porzioni di banda appropriate. Infatti, più segnali con
caratteristiche diverse possono “percorrere” la rete di distribuzione costituita da cavi
coassiali.
L’importante è che tali segnali siano opportunamente “adattati” per la distribuzione su una
rete “sbilanciata” e con una impedenza caratteristica di 75Ω.
Considerata l’ampiezza di banda di frequenza disponibile, si possono realizzare soluzioni che
permettono di gestire segnali con frequenze fino a 2400 MHz. Esistono inoltre tipologie di cavi
coassiali che consentono di raggiungere frequenze superiori con accettabili livelli di
attenuazione. La progettazione di una rete di distribuzione con cavo coassiale deve
considerare le attenuazioni dei cavi e dei componenti passivi utilizzati Tutta la rete deve
essere dimensionata in modo da:
contenere le attenuazioni (meno si amplifica meglio è).
−
assicurare un adeguato livello dei segnali senza discriminazioni tra gli utenti.
−
assicurare la separazione tra le utenze (attenuazione inversa tra le prese di due utenti per
evitare interferenze che pregiudichino la qualità dei segnali)
−
assicurare il contenimento del dislivello di ampiezza tra i segnali distribuiti.
8.3.1
hie
sta
−
Apparecchi attivi
In un impianto con distribuzione su cavo coassiale, gli apparecchi attivi sono prevalentemente
posizionati nella zona di ingresso dei segnali: sottotetto per i segnali provenienti via etere,
piano terra o seminterrato per i segnali provenienti dal sottosuolo. Tali apparati richiedono
l’alimentazione: 230V o tele-alimentazione con tensioni SELV.
Gli apparati attivi utilizzati nelle parti comuni dell’edificio sono:
nc
Terminale di testa per segnali televisivi terrestri (MATV) e/o satellitari (SMATV)
−
Amplificatori di linea (quando richiesto)
−
Splitter (quando richiesto)
−
Apparati Multiswitch disposti lungo la rete di distribuzione (tipicamente ai piani)
−
Alimentatori, posizionati in punti strategici della distribuzione per tele alimentare
(utilizzando lo stesso cavo coassiale) altri apparati attivi del sistema.
−
Derivatori di piano per segnali terrestri e satellitari
ni
−
( 2)
Per i segnali provenienti dal sottosuolo :
−
Amplificatore larga banda
−
Convertitore Ottico/elettrico
−
Divisore (quando richiesto)
−
Alimentatore.
( 3)
og
ett
−
Per la diffusione via etere :
oi
−
Pr
(1) Il cablaggio in cavo coassiale deve essere progettato e realizzato in modo da garantire le sue prestazioni
nominali (es. adattamento di impedenza) in tutta la sua banda di frequenza, dato che le applicazioni
supportate non sono soltanto quelle relative al servizio TV.
(2) Segnali provenienti dal sottosuolo su supporto in cavo coassiale sono poco diffusi in Italia (generalmente
utilizzati per comprensori residenziali) mentre sono sempre più diffuse le tecnologie su fibra ottica (vedi
par.7.1)
(3) Nel caso di reti di accesso ottiche.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
46
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Gli apparati attivi all’interno dell’appartamento sono necessari solo nei casi in cui la rete
interna abbia una estensione tale da non garantire il livello di segnale minimo alla presa
terminale (vedi CEI 100-7, (5)) e, come riportato al par. 8.1,. sono:
−
Amplificatore larga banda ( numero di prese TV > 4-6)
−
Derivatore per segnali terrestri e/o satellitari
Si segnala la necessità che vengano predisposti adeguati spazi installativi sia nelle parti
comuni, sia all’interno delle unità immobiliari. (si veda cap. 7).
Nei punti della infrastruttura per il cablaggio dove sono previsti apparati attivi, o potrebbero
risultare necessari in momenti successivi (tipicamente per unità immobiliari di grandi
dimensioni), è necessario creare la condizione che consenta di far arrivare la linea
energia 230 V proveniente da un sezionatore dedicato posizionato nel quadro gestione
energia dell’appartamento.
8.3.2
Cavi coassiali
hie
sta
Le tecniche di produzione dei cavi coassiali hanno subito evoluzioni nelle materie prime
impiegate e nell’ottimizzazione delle caratteristiche meccaniche, riuscendo a garantire
stabilità dei parametri elettrici nel tempo.
Sul mercato sono disponibili numerose tipologie con diverse caratteristiche sia elettriche, sia
meccaniche (serie EN 50117).
La classificazione dei cavi coassiali viene generalmente effettuata in funzione di parametri
costruttivi, parametri elettrici e modalità di impiego.
I cavi coassiali si possono classificare in:
−
Cavi per uso esterno
−
Cavi per uso interno
nc
I parametri “elettrici” che caratterizzano ed identificano i cavi coassiali sono:
Impedenza caratteristica
−
Capacità (pF/m)
−
Attenuazione (dB/100m)
−
Velocità di propagazione
−
Perdite cumulative di riflessione, SRL: Structural Return Loss, (dB)
−
Efficienza di schermatura (dB)
−
Impedenza di trasferimento (mΩ/m)
−
Tensione di isolamento assicurato dalla guaina(V)
−
Resistenza specifica totale dei conduttori esterno ed interno, detta di “loop” (Ω/km)
oi
ni
−
og
ett
I parametri “meccanici” sono riferiti a:
−
Materiale e Diametro del conduttore interno
−
Materiale e Spessore del dielettrico
−
Materiale e Caratteristiche dello schermo: treccia e/o nastro
−
Materiale e Caratteristiche di eventuali nastri protettivi
−
Materiale e Dimensioni della guaina esterna
−
Minimo raggio di curvatura
−
Massima trazione ammissibile in fase di installazione (N)
Pr
Queste informazioni devono essere reperibili sulla scheda prodotto.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
47
8.3.3
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Connettori ed apparati passivi
In una rete per la distribuzione dei segnali su cavo coassiale, i connettori costituiscono uno
dei punti più “delicati” nella struttura passiva dell’impianto.
La loro caratteristica è determinante per ridurre al minimo le conseguenze del
“disadattamento” dell’impedenza caratteristica che deve essere assicurata sull’intera rete.
I connettori tipicamente utilizzati per i cavi coassiale negli impianti oggetto della Guida sono
rappresentati nella Fig. 27.
hie
sta
IEC 61169-2 (maschio φ 9,5mm)
nc
Connettori F maschio
CEI EN 61169-24
φ 9,5mm)
ni
IEC 61169-2 (femmina
oi
Connettore F femmina
CEI EN 61169-24
Figura 27 – Quadro riassuntivo dei connettori coassiali
og
ett
Il connettore deve essere di qualità per non aggravare le condizioni di attenuazione e
riflessione presenti in una rete di distribuzione di segnali.
L’attuenuazione (insertion loss) dei connettori deve essere considerata nella progettazione
della rete di distribuzione.
La riflessione dei segnali viene quantificata tramite il parametro « perdita di ritorno » (return
loss) il cui valore numerico è determinato dalla deviazione di valore dell’impedenza
caratteristica del connettore stesso rispetto al valore nominale (75 ohm per il cavo negli
impianti MATV e SMATV).
Pr
Per la trasmissione dei segnali digitali risulta particolarmente importante anche l’efficacia
della schermatura dei connettori.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
48
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Nella tabella 10 sono rappresentati i valori nominali dei parametri più significativi desunti dalle
Norme di prodotto della serie CEI EN 61169 (44).
Tabella 10 : Principali parametri dei connettori coassiali : Quando la norma non
definisce i limiti, significa che viene lasciato al costruttore l’onere di definirne la
prestazione
Norma
CEI EN 61169-2
Descrizione
connettori coassiali per
Radio Frequenza tipo
9,52
Gamma di frequenza
0…3GHz
Impedenza
75 Ω
Efficienza di
schermatura
> 90 dB
Perdita di inserzione
Non definita
CEI EN 61169-24
Connettori coassiali
75ohm per Radio
Frequenza con
accoppiamento a vite
(tipo F)
0…3 GHz
75 Ω
> 90 dB
(1)
.
<0,1 dB fino a 1GHz
hie
sta
< 0,2 dB 1…2GHz
<0,3 dB 2…3GHz
RL(Return Loss) Perdita di
ritorno
Connettore dritto :
30 dB fino a 1GHz
23 dB fino a 2GHz
25 dB 1…2 GHz
20 dB 2…3GHz
20 dB 2…3 GHz
Connettore ad angolo :
non definita (1).
Fattore di riflessione
In funzione del RL
0,07 fino a 2GHz
Conversione…
0,1 2...3GHz
nc
L’efficacia di schermatura, ossia la capacità di proteggere il segnale da interferenti esterni, è
un parametro molto importante, in particolare per l’avvento dei servizi LTE (vedi par.5.2)
operanti nella banda 800 MHz.
Questa considerazione vale soprattutto per i cordoni pre-assemblati utilizzati per collegare gli
apparati riceventi alla presa TV. La scarsa qualità determina gravi “danni” ai segnali digitali
con il conseguente incremento degli errori.
Nello specifico:
ni
I connettori coassiali sono classificati, secondo le norme (44), (45), con grado 0,1,2 con
riferimento alla precisione meccanica di costruzione e prestazioni elettriche, in particolare la
perdita di ritorno.
Grado 0 : connettore di fabbricazione speciale con massima precisione meccanica e
prestazioni di perdita di ritorno. E tipicamente usato come campione di riferimento per le
misure di perdita di ritorno.
−
Grado 1 : connettore con caratteristiche elevate.
−
Grado 2 : connettore con caratteristiche meccaniche ed elettriche al limite delle
tolleranze.
og
ett
oi
−
Pr
Altri componenti passivi costituenti la rete di distribuzione sono partitori e derivatori, utilizzati
per funzioni specifiche.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
49
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Il partitore o divisore (splitter) è l’elemento passivo della rete di distribuzione che consente di
realizzare due o più colonne montanti. Può essere utilizzato anche all’interno dell’unità
immobiliare per collegare due o più punti presa.
Partitore o Divisore
Dall’uscita del centralino
102 dB/µV
- 4 dB
98 dB/µV
98 dB/µV
Montante per la scala A
Montante per la scala B
Figura 28 – Partitore : schema di principio
hie
sta
Il derivatore è l’elemento passivo di una rete di distribuzione che consente di “prelevare” da
un montante, una quantità definita di segnale per una o più unità immobiliari. Può essere
utilizzato anche all’interno dell’unità immobiliare per la derivazione di punti presa.
Derivatore
Montante edificio
98 dB/µV
78 dB/µV
-20dB
-20dB
-1dB
Per unità immobiliare B
nc
Per unità immobiliare A
78 dB/µV
97 dB/µV
ni
Verso la derivazione del piano inferiore
Figura 29 – Derivatore : schema di principio
8.4
oi
Eventuali porte non utilizzate devono essere chiuse su una resistenza di 75Ω per evitare il
disadattamento dell’impianto con conseguente formazione di onde stazionarie.
Soluzioni in fibra ottica
8.4.1
Generalità sulle fibre ottiche
og
ett
L’impiego di cavi in fibra ottica all’interno degli edifici residenziali rappresenta una potenziale
alternativa ai cavi in rame per la realizzazione della rete di accesso.
All’interno delle abitazioni la diffusione della fibra ottica è ancora scarsa: l’impianto di
comunicazione è tipicamente realizzato con cablaggio in rame a valle di una conversione
ottica/elettrica.
La fibra ottica all’interno delle abitazioni può essere convenientemente utilizzata per:
i collegamenti fra dispositivi audiovisivi dove possono essere utilizzate le fibre plastiche.
−
la trasmissione di segnali TV (a radiofrequenza), ad esempio per il collegamento fra
l’antenna centralizzata e gli utenti nei rispettivi appartamenti quando l’uso di un cavo
coassiale è critico per la lunghezza del percorso o per le dimensioni limitate dei passaggi.
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
50
8.4.2
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Fibre ottiche: l’approccio normativo
Una classificazione, semplificata, delle fibre ottiche può essere effettuata in base ai materiali
utilizzati e al tipo di propagazione del segnale ottico.
Le fibre ottiche vengono classificate in base ai materiali nel modo seguente:
−
Plastiche (POF): polimeri per nucleo e mantello e polietilene per la protezione;
−
vetro-plastica: vetro su nucleo e plastica su mantello e rivestimento.
−
vetro-vetro: vetro su nucleo e mantello con rivestimento in acrilato
La classificazione in base alle proprietà trasmissive è la seguente:
−
fibre multimodali
−
fibre monomodali.
Il tipo di fibra presente nella rete di accesso spesso implica l’opportunità di scegliere lo stesso
tipo di fibra per evitare il ricorso ad interfacce.
hie
sta
Le norme di sistema ISO/IEC 11801 (internazionale) e EN 50173-1(europea) presentano le
caratteristiche dei vari tipi di fibra ottica da adottare specificandone le prestazioni in termini di
lunghezza massima dei collegamenti e delle applicazioni supportate.
In realtà la classificazione delle fibre ottiche è più complessa e tiene conto delle
caratteristiche costruttive, delle prestazioni trasmissive e delle possibili applicazioni.
Le raccomandazioni ITU-T (Internazionali, che trattano delle reti comunicazione) definiscono I
metodi di prova (G.650) e le caratteristiche delle fibre ottiche in vetro multimodali del
tipo 50/125 e monomodali (da G.652 a G.657) nelle differenti tipologie prodotte
(vedi Tab. 11).
Tabella 11 – Classificazione delle fibre secondo ITU-T
G.650
G.650.1
“Definition and test methods for the relevant parameters of single-mode
fibres”/metodi di prova per fibre monomodali
“Definitions and test methods for linear, deterministic attributes of single-mode
fibre and cable”/misura di parametri deterministici delle fibre monomodali.
“Definitions and test methods for statistical and non-linear related attributes of
single-mode fibre and cable”/misura di parametri statistici delle fibre
monomodali.
ni
G.650.2
Titolo originale/descrizione
nc
Rif. documento ITU-T
“Test methods for installed single-mode optical fibre cable links” /specifica di
collaudo delle fibre monomodali.
G.651.1
“Characteristics of a 50/125 µm multimode graded index optical fibre cable for
the optical access network”/caratteristiche fisiche delle fibre ottiche
multimodali a profilo di indice di rifrazione graduale.
oi
G.650.3
“Characteristics of a single-mode optical fibre and cable”/caratteristiche fisiche
delle fibre ottiche monomodali.
G.653
“Characteristics of a dispersion-shifted single-mode optical fibre and
cable”/Caratteristiche fisiche delle fibre monodali a dispersione spostata
Pr
og
ett
G.652
G.654
“Characteristics of a cut-off shifted single-mode optical fibre and
cable”/Caratteristiche delle fibre ottiche monomodali a lunghezza d’onda di
taglio spostata.
G.655
“Characteristics of a non-zero dispersion-shifted single-mode optical fibre and
cable”/ Caratteristiche delle fibre ottiche monomodali a dispersione non nulla.
G.656
“Characteristics of a fibre and cable with non-zero dispersion for wideband
optical transport”/Caratteristiche delle fibre ottiche monomodali a dispersione
non nulla a banda ottica estesa.
G.657
“Characteristics of a bending loss insensitive single mode optical fibre and
cable for the access network”/caratteristiche fisiche delle fibre ottiche
monomodali insensibili alla piegatura.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
51
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Per quanto riguarda le appplicazioni residenziali, le fibre ottiche in vetro di maggior interesse
sono le G.652 e le G.657. Le fibre G.657 hanno le caratteristiche trasmissive delle G.652 ma
offrono il vantaggio di avere l’attenuazione meno sensibile alle sollecitazioni di curvatura che
possono essere frequenti nelle installazioni residenziali.
La classificazione IEC (internazionale, basata sui componenti) identifica le fibre sulla base
delle loro caratteristiche facendo anche riferimento ai metodi per la verifica delle prestazioni.
Nella Tab. 12 sono indicate le categorie di fibre multimodali e monomodali distinte secondo la
classificazione IEC con l’indicazione del tipo di materiale e del profilo dell’indice di rifrazione.
Le norme europee (EN) adottano la stessa classificazione.
Tabella 12 – Classificazione IEC/EN delle fibre in base al materiale e al profilo di indice
di rifrazione
Rif. IEC /EN
Descrizione
Materiale
mantello
Material
e nucleo
Profilo dell’indice di rifrazione
60793-2-10
Fibre multimodali di categoria A1
Vetro
Vetro
60793-2-20
Fibre multimodali di categoria A2
Vetro
Vetro
60793-2-30
Fibre multimodali di categoria A3
Plastica
Vetro
“Step”
60793-2-40
Fibre multimodali di categoria A4
Plastica
Plastica
“Step”,” Multi Step” e “Quasi
Step”
60793-2-50
Fibre monomodali di classe B
Vetro
Vetro
N.A.
60793-2-60
Fibre monomodali di classe C
(cordoni)
Vetro
Vetro
N.A.
Pr
“Quasi Step”
e “Step”
hie
sta
og
ett
oi
ni
nc
Tratta da IEC 60793-2 – par. 1 table. 1
Graduale
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
52
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La Tab. 13 riporta le relazioni (ove presenti) fra la classificazione IEC e quella ITU-T.
Tabella 13 – confronto tra classificazione IEC e ITU
IEC 60793-2
ITU-T
categoria
Rec.
Composizione
Nucleo vetro/mantello vetro
A1 a1
Tipo
Profilo di indice di rifrazione graduale.
A1 b
A2
Nucleo vetro/mantello vetro
Profile di indice di rifrazione a step e quasistep
A3
Nucleo vetro/mantello plastica
Profile di indice di rifrazione a step
A4
Nucleo plastica/mantello plastica
Profilo di indice di rifrazione a step, multistep o graduale
G 652 A/B
Nucleo vetro/mantello vetro
Dispersione non spostata.
B 1.2_b
G 654 B
Nucleo vetro/mantello vetro
Lunghezza d’onda di taglio spostata
B 1.2_c
G 654 C
Nucleo vetro/mantello vetro
Lunghezza d’onda di taglio spostata
B 1.3
G 652 C/D
Nucleo vetro/mantello vetro
Banda estesa
B2
G 653 A/B
glass core/glass cladding
Dispersione spostata
B 4_c
G 655 C
glass core/glass cladding
Dispersione spostata non nulla
B 4_d
G 655 D
Nucleo vetro/mantello vetro
Dispersione spostata non nulla
B 4_e
G 655 E
Nucleo vetro/mantello vetro
Dispersione spostata non nulla
Nucleo vetro/mantello vetro
B5
G 656
Dispersione spostata non nulla a banda
estesa.
B 6_a
G 657 A
B 6_b
G 657 B
hie
sta
B 1.1 2,3
Nucleo vetro/mantello vetro
Monomodale insensibile alla piegatura.
1: IEC 60793-2
3: IEC 60793-2-50
Monomodale insensibile alla piegatura.
ni
2: IEC 60793-2
nc
Nucleo vetro/mantello vetro
La EN 50173-1 specifica le seguenti classi di channel in fibra ottica con riferimento alle
applicazioni supportate elencate nell’annesso F della stessa norma:
OF25: utilizza fibra ottica plastica OP1 (EN50173-1: fibre OP1plastiche multimodali con
diametro nominale del mantello di 1000 micron in accordo con IEC 60793-2-40 fibra A4a2,
fino a 25 metri.
−
OF50: utilizza fibra ottica plastica OP1 (EN 50173-1) fino a 50 metri.
−
OF100: utilizza fibra ottica plastica OP2 (EN 50173-1) , fibra vetro plastica OH1
(CEI EN 50173-1:2011-10 par 7.7.3) e fibra in vetro OM1,OM2,OM3,OM4 (EN 50173-1) fino a
100 metri.
og
ett
oi
−
OF200: utilizza fibra ottica plastica OP2 (EN 50173-1) , fibra vetro plastica OH1( EN 50173-1)
fino a 200 metri
−
OF300: utilizza fibra ottica in vetro OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2 (EN 50173-1) fino a 300
metri.
−
OF500: utilizza fibra ottica in vetro OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2 (EN 50173-1) fino a 500
metri
−
OF2000: utilizza fibra ottica in vetro OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2 (EN 50173-1) fino a 2000
metri
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
53
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
−
OF5000: usando fibra ottica in vetro OS2 (EN 50173-1) fino a 5000 metri
−
OF10000: utilizza fibra ottica OS2 in vetro (EN 50173-1) fino a 10000 metri.
Le caratteristiche in termini di attenuazione dei channel sono riportati nella Tab. 14.
Tabella 14 – limiti di attenuazione per i canali cablati in fibra ottica (8)
(da CEI EN 50173-1, tabella 43)
Classe
Categoria della fibra ottica
cablata
Massima attenuazione del canale – dB
multimodale
650 nm
850 nm
7.5
–
OF-25
OP1 (a)
OF-50
OP1
(a)
12.0
–
OF-100
OP2
13.0
6.3
OF-100
OH1
–
OF-100
OM1,OM2,OM3,OM4
OF-200
OP2
OF-200
OH1
OF-300
OF-500
1300 nm
1310 nm
1550 nm
–
–
–
–
–
–
6.3
–
–
–
–
–
–
1.85
1.65
–
–
23.0
9.6
9.6
–
–
–
5.0
–
–
–
OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2
–
2.55
1.95
1.80
1.80
OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2
–
3.25
2.25
2.00
2.00
OF-2000
OM1,OM2,OM3,OM4,OS1,OS2
–
8.50
4.50
3.50
3.50
OF-5000
OS2
–
–
–
4.00
4.00
OF-10000
OS2
–
–
–
6.00
6.00
hie
sta
4.0
Monomodale
(a) Le condizioni modali sotto le quali viene fatta la misura sono in fase di ulteriori studi
nc
Le fibre ottiche specificate nella EN 50173-1 sono:
OP1 : plastiche multimodali con diametro nominale del mantello di 1000 micron in accordo
con IEC 60793-2-40 fibra A4a2 caratteristiche in tabella 15 (prescrizioni di prestazione per
il cavo in fibra ottica in plastica e plastica-silice).
−
OP2 : plastiche multimodali con diametro del mantello di 490 micron in accordo con
IEC 60793-2-40 fibre A4g. Le caratteristiche sono indicate in tabella 15 (prescrizioni di
prestazione per il cavo in fibra ottica in plastica e plastica-silice).
−
OH1 : mantello in plastica e nucleo in vetro con diametro del nucleo di 200/230 micron e
diametro del mantello in accordo con EN 60793-2-30. Le caratteristiche sono indicate in in
Tab. 15 (prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica in plastica e plastica-silice).
−
OM1, OM2 : in vetro multimodali a profilo d’indice graduale OM1 OM2 con diametro
nucleo/mantello di 50/125 o 62.5/125 micron in accordo con EN 60793-2-10 fibre A1a e
A1b rispettivamente. Le caratteristiche sono indicate in tabella 16 (prescrizioni di
prestazione per il cavo in fibra ottica multimodale).
−
OM3 : in vetro multimodale a profilo d’indice graduale con diametro del nucleo/mantello di
50/125 micron in accordo con IEC 60793-2-10 fibra A1.a2. Le caratteristiche sono indicate
in tabella 16 (prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica multimodale).
−
OM4 : in vetro multimodale a profilo d’indice graduale OM4 con diametro del
nucleo/mantello di 50/125 micron in accordo con EN 60793-2-10 fibra A1.a3. Le
caratteristiche sono indicate in tabella 16 (prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra
ottica multimodale).
−
OS1 : in vetro monomodali in accordo con EN 60793-2-50 fibre B1.3 o B6.a. Le
caratteristiche sono indicate in Tab. 17 (prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra
ottica monomodale - categoria OS1).
Pr
og
ett
oi
ni
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
54
−
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
OS2: in vetro monomodali in accordo con EN 60793-2-50 fibre B1.3 o B6.a.
Caratteristiche in Tab. 18 (prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica
monomodale - categoria OS2).
Tabella 15 – prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica in plastica e plasticasilice (8) (da CEI EN 50173-1:2011-10)
Larghezza di banda modale minima
Attenuazione massima
MHz x km
dB/km
Categoria
(vedi nota 2)
(vedi nota 1)
850 nm
1300 nm
180
Non
disponibile
Non
disponibile
4
OP2
100
33
33
OH1
Da definire
10
Da definire
OP1
Vedi nota 3
650 nm
850 nm
1300 nm
Non
disponibile
Non
disponibile
80
188
188
Da definire
5
Da definire
hie
sta
650 nm
NOTA 1: sebbene l’attenuazione e la larghezza di banda modale siano quotate rispettivamente in dB/km e
MHz x km la misura di qualificazione può essere effettuata su una lunghezza di 100 metri.
Nota 2: i requisiti di larghezza di banda modale si applicano alla fibra ottica usata per produrre la relativa categoria
di fibra ottica cablata e sono assicurati dai parametri e dai metodi di prova specificati in EN 600793-2-40.
Nota 3: condizioni di Lancio: Apertura Numerica = 0.3 come specificato in EN 60793-2-40
Tabella 16 – prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica multimodale (8)
(da CEI EN 50173-1:2011-10, tabella 53)
Minima larghezza di banda modaleb- MHz x km
Massima attenuazionea
(dB/km)
850 nm
(vedi NOTA)
850 nm
1300 nm
850 nm
1.5
200
500
Non specificato
1.5
500
500
Non specificato
3.5
1.5
1500
500
2000
3.5
1.5
3500
500
4700
OM2
3.5
ni
3.5
OM4
Larghezza di banda
dipendente dalla
applicazione
1300 nm
OM1
OM3
Lancio “overfilled”
nc
Categoria
L’attenuazione della fibra ottica cablata deve essere misurata in accordo con EN 60793-1-40
(b)
i requisiti della larghezza di banda modale si applicano alla fibra ottica usata per produrre la relativa
categoria di fibra ottica cablata e sono assicurati dai parametri e dai metodi di prova specificati in EN 607932-10. Le fibre ottiche che soddisfano la larghezza di banda modale possono non supportare alcune
applicazioni specificate nell’annesso F.
oi
(a)
og
ett
NOTA Questa larghezza di banda è basata sull’implementazione, dipendente dall’applicazione, dei requisiti EMBc
(effective modal bandwidth calculated) della EN 60793-2-10.
Tabella 17 – prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica monomodale (8) Categoria OS1 (da CEI EN 50173-1_2011-10, tabella 55).
Lunghezza d’onda (a), nm
Attenuazione massimab, dB/Km
1310
1,0
1383
1,0
1550
1,0
La lunghezza d’onda di taglio deve essere minore di 1260 nm, misurata in accordo con la EN60793-1-44
(b)
L’attenuazione della fibra ottica cablata deve essere misurata in accordo con EN 60793-1-40
Pr
(a)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
55
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Tabella 18 – prescrizioni di prestazione per il cavo in fibra ottica monomodale (8) Categoria OS2 (da CEI EN 50173-1-2011-10)
Lunghezza d’ondaa, nm
Attenuazione massimab, dB/Km
1310
0,4
1383
0,4
1550
0,4
(a)
a La lunghezza d’onda di taglio deve essere minore di 1260 nm, misurata in accordo con la EN60793-1-44
(b)
b L’attenuazione della fibra ottica cablata deve essere misurata in accordo con EN 60793-1-40
La tabella 19 riporta infine la correlazione fra le classi del canale, le categorie di fibre come
definite nelle norme (8, 25,27) EN 50173-1e la IEC-60793-2 e IEC 60794.
Tabella 19 –- Correlazione tra classi dei canali, tipi di fibra e riferimenti normativi
Tipo di fibra
Modo/finestra (nm)
Norma di riferimento
hie
sta
Classe
channel
(eq.categoria)
M
OP1
M/650;
EN 60793-2-40 (A4a.2)
OF-50
M
OP1; OP2
M/650;M/850;M/1300
EN 60793-2-40 (A4a.2; A4g)
OF-100
M
OP1;OP2
M/650;M/850;M/1300
EN 60793-2-40 (A4a.2; A4g)
OF-100
M
OH1
M/850\
EN 60793-2-30 (A3c)
OF-100
M
OM1
M/850; M/1300
EN 60793-2-10 (A1a) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
OF-100
M
OM2
M/850; M/1300
EN 60793-2-10 (A1b) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
OF-100
M
OM3
M/850; M/1300
EN 60793-2-10 (A1a.2) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
OF-100
M
OM4
OF-200
M
OP2
OF-200
M
OH1
OF-300
MS
OF-300
MS
OF-300
MS
M/650;M/850;M/1300
EN 60793-2-40 (A4f)
M/850
EN 60793-2-30 (A3c)
ni
EN 60793-2-10 (A1a.3) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
OM1
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1a) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
OM2
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1b) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
OM3
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1a.2) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
MS
OM4
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1a.3) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
MS
OS1
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-50 (B1.3,B6.a) + EN
60794-2(interno), EN 60794-3
(esterno)
og
ett
OF-300
M/850; M/1300
oi
OF-300
nc
OF-25
MS
OS2
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-50 (B1.3,B6.a) + EN
60794-2(interno), EN 60794-3
(esterno)
OF-2000
MS
OM1
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1a) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
OF-2000
MS
OM2
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
EN 60793-2-10 (A1b) + EN 60794-2
(interno), EN 60794-3 (esterno)
Pr
OF-300
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
56
Classe
channel
Tipo di fibra
Modo/finestra (nm)
(eq.categoria)
MS
OM3
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
OF-2000
MS
OM4
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
OF-2000
MS
OS1
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
OF-2000
MS
OS2
M/850;M/1300;S/1310;S/1550
OF-5000
S
OS2
S/1310;S/1550
OF-10000
S
OS2
S/1310;S/1550
8.4.3
Apparecchi attivi
Norma di riferimento
EN 60793-2-10 (A1a.2) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
EN 60793-2-10 (A1a.3) + EN 607942 (interno), EN 60794-3 (esterno)
EN 60793-2-50 (B1.3,B6.a) + EN
60794-2(interno), EN 60794-3
(esterno)
EN 60793-2-50 (B1.3,B.6a) + EN
60794-2(interno), EN 60794-3
(esterno)
EN 60793-2-50 (B1.3) + EN 607942(interno), EN 60794-3 (esterno)
EN 60793-2-50 (B1.3) + EN 607942(interno), EN 60794-3 (esterno)
hie
sta
OF-2000
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Gli apparecchi attivi significativi per gli impianti in fibra ottica per uso domestico sono:
−
Convertiore O/E: Terminale di rete pubblica
−
Convertitore O/E per la distribuzione dei segnali TV
−
Switch attivi per sistemi POF
Questi ultimi possono essere utilizzati nel caso di architetture punto-multipunto in una
distribuzione interna all’unità immobiliare. Gli switch POF hanno tipicamente 3-5 porte ottiche
in uscita.
8.4.4.1
Cavi
Classificazione dei cavi in fibra ottica
nc
8.4.4
Le diverse tipologia dei cavi in fibra ottica sono classificati e le loro prestazioni sono definite
dalle normative internazionali (IEC) ed europee (EN).
Pr
og
ett
oi
ni
La Tab. 20 di seguito allegata riporta le diverse tipologie di cavo ottico secondo la
classificazione della norma IEC 60794.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
57
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Pr
og
ett
oi
ni
nc
hie
sta
Tabella 20 – Classificazione dei cavi in fibra ottica secondo IEC 60794
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
58
8.4.4.2
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Classificazione dei cavi in fibra ottica specifici per applicazioni residenziali
I cavi ottici nel cablaggio dell’edificio residenziale sono utilizzati prevalentemente per la rete
di accesso.
Si distinguono due tipologie di cavo ottico:
−
di dorsale (riser), utilizzato per il percorso che va dal BEF al QDSA.
−
Un esempio di cavo riser è riportato nella Fig. 31 (a e b). L’esempio rappresenta un cavo
ad estrazione che ottimizza la flessibilità nell’estrazione della fibra (o delle fibre) per il
collegamento al piano.
−
Orizzontale, utilizzato per il collegamento tra QDSA e punto presa.
Il cavo di dorsale deve avere i seguenti requisiti:
numero di fibre almeno uguale al numero degli appartamenti da servire
−
dimensioni contenute; questa caratteristica è utile soprattutto in brownfield dove si
utilizzano infrastrutture esistenti (vedi par. 7.1).
−
resistenza meccanica del cavo, compatibile con le possibili sollecitazioni che potrà subire
in fase di posa: resistenza al tiro, all’abrasione per sfregamento sulle asperità del
percorso etc.
−
resistenza meccanica della singola fibra che, nella tratta orizzontale, deve resistere a
sollecitazioni (principalmente trazione), sia pure di entità limitata.
−
facilità di sfioccamento della singola fibra in corrispondenza della scatola di derivazione
per l’uscita al piano (vedi figura 32). Nella figura è schematizzata l’estrazione della fibra
dopo aver praticato, con un opportuno utensile, un’apertura sulla guaina del cavo.
−
Possibilità di piegatura del cavo con bassi raggi di curvatura senza danneggiamenti per il
cavo e senza incrementi dell’attenuazione delle fibre.
ni
nc
hie
sta
−
og
ett
oi
Figura 31a – Esempio di cavo di dorsale
Pr
Figura 31b – Esempio di cavo di dorsale - sezione trasversale
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
59
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 32 – Apertura della guaina per l’estrazione (sfioccamento) delle fibre
hie
sta
Il cavo per il collegamento orizzontale deve avere i seguenti requisiti:
−
Dimensioni contenute per consentire l’installazione nei passaggi ristretti disponibili
all’interno degli appartamenti(soprattutto in brownfield);
−
Resistenza meccanica per sopportare gli sforzi di tiro ed i percorsi difficili.
−
Guaine con basso coefficiente di attrito per agevolare lo scorrimento del cavo durante la
posa nelle infrastrutture esistenti.
−
Possibilità di piegatura del cavetto con bassi raggi di curvatura senza danneggiamenti e
senza incrementi dell’attenuazione della fibra.
Le Fig. 33 e 34 riportano esempi di cavi per il collegamento orizzontale.
oi
ni
nc
La Fig. 33 riporta la sezione di un cavo bifibra con elementi di tiro laterali metallici o dielettrici
per dare maggiore resistenza alla trazione e sopportare eventuali schiacciamenti. La figura 34
riporta la sezione di un cavo monofibra tipo tight, protetto con elemento di tiro costituito da
filati aramidici.
og
ett
Figura 33 – Esempio di cavo a due fibre per il collegamento orizzontale
Pr
Figure 34 – Esempio di cavo monofibra per il collegamento orizzontale
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
60
8.4.5
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Connettori ottici
I connettori ottici sono classificati secondo i seguenti parametri:
−
caratteristiche dimensionali
−
caratteristiche meccaniche
−
prestazioni trasmissive:
−
perdita di inserzione
−
perdita di riflessione
( 1)
I requisiti principali richiesti (EN 50173-1 (8)) agli elementi di connessione per fibre ottiche in
vetro sono riportate nella Tab. 21.
Tabella 21 – caratteristiche meccaniche e ottiche degli elementi di connessione per
fibre ottiche interamente in silice con i corrispondenti riferimenti normativi per la
misura. (da tabella 61 a pag 130 di CEI EN 50173-1 (8))
(da tab. 70 - EN50173-1:2011-10)
n. Caratteristiche
a
Caratteristiche e prestazioni ottiche
Massima attenuazione
hie
sta
Caratteristiche ottiche e meccaniche dei dispositivi di connessione per fibre ottiche in vetro
connettori
Requisiti
Riferimenti
0,5 dB per 95% degli accoppiamenti
EN61300-3-34
0,75 dB per 100% degli accoppiamenti
Minima perdita di ritorno
b
giunzioni
0,3 dB
EN61073-1
multimodali
20 dB
EN61300-3-6
monomodali
35 dB
EN61300-3-6
125
EN60793-1-20
Caratteristiche fisiche
Compatibilità per la terminazione del cavo um
Diametro nominale del rivestimento
EN60794-1-1
Diametro esterno del cavo
EN60794-1-1
Caratteristiche meccaniche
Cicli di resistenza (durabilità) meccanica
EN61300-2-2
Resistenza del meccanismo di accoppiamento 40 N 1 min (vedi nota 1)
EN61300-2-6
Trazione sul cavo
50 N 1 min (vedi nota 2)
EN61300-2-4
5 N 1 min (vedi nota 1)
EN61300-2-42
oi
Trazione lato connettore
d
≥500 (vedi nota 1)
ni
c
nc
Diametro nominale del mantello
Requisiti delle prestazioni ambientali
-10°C, 96h (vedi nota 1)
EN61300-2-17
Caldo secco
60°C, 96h (vedi nota1)
EN61300-2-18
Caldo umido (stato stazionario)
40°C, 93% U.R, 96h (vedi nota 1)
EN61300-2-19
og
ett
Freddo
Impatto
1,5 m, 5 volte (vedi nota 3)
EN61300-2-12
Vibrazione
10÷55 Hz, 0,75 mm, 30min,
EN61300-2-1
30 min su ciascuna delle 3 direzioni
(vedi nota 3)
Pr
(1) Iil contenimento degli ingombri è molto importante in particolare se si ha a che fare con cablaggio
preconnettorizzato (ovvero connettorizzato prima dell’installazione).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
61
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Caratteristiche ottiche e meccaniche dei dispositivi di connessione per fibre ottiche in vetro
(da tab. 70 - EN50173-1:2011-10)
n. Caratteristiche
Requisiti
Variazioni di temperatura
+60 ÷ --10 °C, 1°/min,
Riferimenti
EN61300-2-22
30 min agli estremi , 5 cicli
(vedi nota 1)
NOTA 1: Massima variazione durante la prova <0,2dB; attenuazione iniziale e finale <0,75 dB
NOTA 2: attenuazione iniziale e finale <0,75 dB
NOTA 3: Massima variazione durante la prova <0,5dB; attenuazione iniziale e finale <0,75 dB
Per le applicazioni residenziali i più diffusi sono i connettori LC ed SC (vedi fig. 35 e fig 36) di
cui si riportano di seguito i corrispondenti riferimenti normativi che ne definiscono le
caratteristiche ottiche e meccaniche:
(28) EN 50377-4 (connettore SC)
−
(29) EN 50377-7 (connettore LC)
−
(30) EN 60874 “connectors for optical fibres and cables”
−
(31)EN 61073 “ mechanical splices and fusion splices protectors”
ni
nc
hie
sta
−
og
ett
oi
Figura 35 – Connettore SC (diametro della ferrula 2.5 mm)
Pr
Figura 36 – Connettore LC e adattatore singolo e doppio LC-LC
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
62
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Altri tipi di connettori meno utilizzati sono(vedi fig. 37,38,39):
−
ST : IEC 61754-2
−
FC : EN 50377-2
−
E2000 : EN 50377-8
hie
sta
Figrua 37 – Connettore ST e adattatore ST-ST
oi
ni
nc
Figura 38 – Connettore FC e adattatore FC-FC
Figura 39 – Connettore E2000 e adattatore
In alternativa ai connettori a ferrula (rimovibili), possono essere utilizzati metodi di giunzione
fissa ( vedi Fig. 40,41,42) e sono utilizzati tipicamente nell’impianto di distribuzione di edificio:
Giunto meccanico permanente ()
−
Giunto a fusione
og
ett
−
[ST2]Riferimenti
normativi:
CEI EN 61073-1 (giunti meccanici e protezioni per giunti a fusion per fibre e cavi ottici)
Pr
CEI EN 50411-3-2 (giunto meccanico monomodo per fibre ottiche)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
63
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Pr
og
ett
oi
ni
nc
Figura 40 – Esempi di giunto meccanico
Figrua 41 – Giuntatrice a fusione
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
64
ni
nc
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
9
9.1
oi
Figura 42 – Esempi di connettore montabile in campo
Installazione del cablaggio
Generalità
og
ett
L’installazione dell’impianto di comunicazione deve essere eseguita in conformità a CEI 64-8
(10) relativamente ai requisiti base di sicurezza.
In EN 50174-2 (11) e in IEC 60728-11 (32) sono riportati i requisiti aggiuntivi,specifici per gli
impianti di comunicazione.
In CEI 64/100/2 (2) viene proposto un modello di infrastruttura di supporto del cablaggio, le
cui caratteristiche sono riassunte al par. 7. La presenza di una adeguata infrastruttura di
supporto costituisce un elemento fondamentale per la realizzazione di un impianto a regola
d’arte.
Pr
Per le installazioni esistenti l’infrastruttura proposta in (2) è un modello a tendere, al quale
ispirarsi. Indicazioni specifiche per questo caso particolare sono riportate al par. 9.10.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
65
9.2
Quadri e scatole di derivazione
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
In (11) e (2) vengono definiti i requisiti di installazione di quadri e scatole di derivazione, di
seguito riassunti.
QDSA :
−
Dimensionamento:
−
In funzione:
−
−
−
delle applicazioni
−
dell’estensione (superficie) dell’unità abitativa
−
secondo dimensioni indicative riportate in (2) e (11).
Separazione tra sezioni SELV e bassa tensione
−
Buona accessibilità delle due sezioni di cui sopra, con mantenimento della
separazione
−
Deve comprendere (o essere posizionato nelle vicinanze) delle prese terminali
delle reti di accesso
hie
sta
−
Scatole di derivazione:
−
Dimensioni indicative in funzione del numero di condutture che vi afferiscono riportate
in (2), (11).
−
Posizionate in modo da facilitare la posa dei cavi (vedi 9.4):
−
9.3
−
circa ogni 10 m di tratta orizzontale.
−
Ogni due curve
−
Una per ogni locale, tipicamente vicino all’ingresso
Che consentano il rispetto della forza massima di trazione dei cavi (vedi 9.4)
Condutture
−
Posate in modo da:
−
rispettare i raggi di curvatura dei cavi
−
non alterare le proprietà antincendio, di isolamento termico, acustico delle pareti
ni
−
nc
In (11) e (2) vengono definiti i requisiti di installazione delle condutture, di seguito riassunti:
Diametro minimo:
−
38 mm per le condutture che afferiscono al QDSA
−
20 mm per le altre
Massimo riempimento di cavi : 40% della sezione interna della conduttura
−
Distanza minima da altre condutture “non elettriche”: 0,1 m
oi
−
9.4
Posa dei cavi
og
ett
I cavi in rame devono essere posati in modo da rispettare:
−
−
il raggio di curvatura minimo indicato dal costruttore.
la forza di trazione massima consentita
Questi sono parametri forniti dal costruttore, in base al tipo di cavo. In mancanza di tali
informazioni si può considerare relativamente al raggio minimo di curvatura:
Cavi senza armature:
−
8-10 volte d (diametro) con un valore minimo di 50mm – posa finale: nei casi estremi è
consigliata una sagomatura che vincoli il cavo ad una posizione fissa.
−
8-12 volte d – durante l’installazione
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
66
−
Cavi con armature:
−
15-20 volte d (diametro)
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Si consideri il seguente esempio, relativo ad un cavo coassiale commercialmente disponibile:
−
Diametro 5 mm
−
Raggio minimo:
−
−
durante la posa: 50 mm
posa finale: (con sagomatura) : 25 mm
La massima forza di trazione del cavo è in genere indicata nella documentazione del
costruttore. In assenza di riferimenti si raccomanda di applicare uno sforzo assiale inferiore a
2
50N/mm che rappresenta il limite di deformazione elastica per il rame. Questo determina il
valore massimo di forza, espresso in N, che un cavo in base alla sezione complessiva dei
conduttori può sopportare.
hie
sta
Sono presenti sul mercato cavi realizzati in alluminio con rivestimento in rame che possono
rappresentare un’alternativa a costo inferiore rispetto ai tradizionali cavi totalemente realizzati
in rame.
Tuttavia l’uso di questi componenti non è raccomandato per le seguenti ragioni:
Maggiore fragilità del materiale (si rompe più facilmente, soprattutto nella realizzazione
delle connessioni)
−
Minore affidabilità e durata nel tempo
−
Il suo impiego è significativo solo nel caso di cavi UTP di categoria 5E.
−
Non può essere marcato con la categoria, anche se le prove di laboratorio dimostrano che
i parametri trasmissivi rispettano i limiti normativi.
−
Non utilizzabile in sistemi “power over ethernet”.
−
I cavi in fibra ottica in vetro, utilizzati nel cablaggio di edificio (dorsale e diramazioni di
piano) hanno analoghi requisiti di posa:
−
Raggio minimo di curvatura: superiore a 20 volte il diametro del cavo. Le fibre di tipo
( 1)
“bend insensitive ” garantiscono valori inferiori.
−
Massima forza di trazione
ni
nc
−
Per entrambi i tipi di cavo (in rame ed in fibra ottica) si raccomanda inoltre di :
evitare sforzi meccanici accidentali: caduta accidentale di oggetti pesanti …
−
evitare le sollecitazioni laterali: es. calpestio, fascette strette
−
Accompagnare il cavo durante lo svolgimento, quando si torce naturalmente.
oi
−
Per i cavi in rame sono disponibili speciali confezioni (scatole o altro) che permettono di
estrarre il cavo tirandolo senza subire torsione.
og
ett
Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla guida CEI 46-136 (7).
Pr
(1) Fibre bend-insensitive : tipo di fibra ottica realizzata con una struttura particolare che le consente di sopportare delle
piegature con raggi notevolmente inferiori rispetto alle comuni fibre ottiche, mantenendo le proprietà trasmissive.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
67
9.5
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Prese
9.5.1
Generalità
Si considerano prese per cavi:
−
bilanciati a quattro coppie (RJ45)
−
coassiali
−
ottici
di tipo:
−
terminale
−
su pannello di permutazione.
Le prese terminali si installano tipicamente nello stesso modo di quelle presenti sui pannelli di
permutazione. La differenza consiste nel modo con cui i cavi raggiungono le prese. Nei
pannelli di permutazione infatti i cavi sono posati con appositi elementi meccanici di supporto
che consentono una posa ideale, mentre per le prese terminali, installate in scatole da
incasso, devono essere presi tutti gli accorgimenti necessari per non sollecitare il cavo.
Installazione di prese per cavi bilanciati
hie
sta
9.5.2
L’intestazione delle prese per cavi bilanciati avviene tipicamente :
Mediante uso di attrezzo dedicato (impact tool) per il fissaggio dei singoli conduttori al
terminale della presa mediante “spostamento di isolante”
−
In modo automatico al montaggio del connettore (connettori tool-less)
ni
nc
−
Figura 43 – connettore con intestazione tramite attrezzo (impact tool).
og
ett
oi
Nel caso di intestazione con attrezzo il cavo deve essere sguainato (lasciando intatto
l’isolante delle quattro coppie) della lungezza strettamente necessaria a consentire la
giustapposizione delle singole coppie alle giunzioni a “V” destinate alla connessione.
Successivamente si esercita una pressione libera con la punta dell’attrezzo su ciascun
conduttore. L’attrezzo dispone di un cinematismo che fa scattare la punta con una forza
prestabilita. Il singolo conduttore viene così pressato contro la giunzione e nel contempo
l’isolante si taglia esattamente nel punto di contatto. Si ripete l’operazione per tutti gli otto
conduttori.
Pr
Nel caso di prese ad installazione senza attrezzo (tool-less) si sguaina il cavo, come nel caso
precedente, lo si giustappone conduttore per conduttore in ciascun punto di contatto e si
chiude la presa nel modo indicato dal costruttore. L’operazione di chiusura comporta il taglio
degli isolanti degli otto conduttori contemporaneamente nei punti di contatto.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
68
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Esistono in commercio diverse versioni di connettori tool-less con diverse soluzioni per la
chiusura con connessione del cavo.
9.5.3
hie
sta
Figura 44 – Esempi di connessione tool-less delle prese
Installazione di prese in fibra ottica
ni
nc
Nelle Fig. 45/1…9 si riporta un esempio di installazione di una borchia con possibilità di
ingresso di n.2 cavi ed attestazione di n.2 fibre ottiche.
og
ett
oi
Figura 45/1 – Fissare a muro con la viteria in dotazione
Pr
Figura 45/2 – Ingresso del cavo dal basso, una volta sguainato (in questo caso 2 FO). Si
provvede all’ancoraggio del medesimo mediante l’uso di una piccola fascetta plastica
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
69
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
nc
hie
sta
Figura 45/3 – Si avvolgono le fibre in modo da lasciare una certa ricchezza (basta
qualche giro)
og
ett
oi
ni
Figura 45/4 – Come da dettaglio, utilizzare la rampina plasica per il passaggio allo
strato superiore
Pr
FigurA 45/5 – Inserire la bussola (adattatore SC/APC verde)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
70
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
nc
hie
sta
Figura 45/6 – Continuare facendo diversi giri larghi nella cartolina superiore. Prendere
la misura della fibra in corrispondenza di dove andrà fissato il giunto a fusione (vedi
freccia)
og
ett
oi
ni
Figura 45/7– Inserire il “pigtail” nella bussola e passare la fibra nella “rampetta in alto
a destra” per salire nella cartolina soprastante
Pr
Figura 45/8 – Con la stessa logica usata in precedenza fare qualche giro largo con la
fibra del “pigtail”. Questa ricchezza è necessaria per arrivare agevolmente alla
giuntatrice a fusione
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
71
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 45/9 – Una volta prese le misure effettuare la giunzione e riposizionare le fibre in
maniera corretta avendo cura di fissare il coprigiunto di protezione nel relativo
alloggiamento. Richiudere il coperchio
9.5.4
Installazione di componenti per cavi coassiali
hie
sta
In Fig. 46 sono riportati degli esempi di prese utilizzati nei cablaggi in cavo coassiale:
IEC 61169-2 (IEC 9.52), IEC 61169-24 (tipo F), de-mix TV-SAT.
9.52
tipo F
de-mix TVSAT
nc
Figura 46 – Esempi di connettori per cavi coassiali
L’installazione di queste prese avviene nel modo seguente :
Si sguaina il cavo lasciando intatta la calza per una lunghezza strettamente necessaria
per restare all’interno della presa
−
Si ripiega la calza sulla guaina
−
Si connette il conduttore centrale
−
Si richiude il dispositivo di serraggio sulla calza, mantenendo contatto sul diametro.
ni
−
Si ribalta la treccia sulla guaina, come da Fig.47 , avendo cura di lasciare invece il
nastrino aderente al dielettrico per una lunghezza di circa 6mm, variabile in funzione del
tipo di connettore. Utilizzando degli attrezzi spelacavi, le distanze sono automaticamente
predeterminate dall’utensile stesso.
Pr
og
ett
−
oi
Nel caso di connettori IEC 61169-2 (IEC 9.52):
Figura 47 – Installazione del connettore 9.52 – fase 1
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
72
−
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Si avvita il connettore sulla treccia fino a quando il piano del dielettrico corrisponde al
piano del foro interno. Fare attenzione che il nastrino penetri interamente nel foro interno
(vedi Fig.48). L’operazione può essere effettuata con attrezzatura specifica e idonea.
Figura 48 – Installazione del connettore 9.52 – fase 2
Si inserisce a fondo l’insieme dielettrico/nastro nel tubetto interno del connettore, facendo
attenzione che il nastro non si ribalti ed infine avvitare a fondo il cappuccio in plastica sul
corpo del connettore (Fig. 49).
hie
sta
−
nc
Figura 49 – Installazione del connettore 9.52 – fase 3
Nel caso di installazione del connettore IEC 61169-24 (tipo F) :
Si ribalta la treccia sulla guaina, come indicato in Fig.50, avendo cura di lasciare invece il
nastrino aderente al dielettrico. Nel caso in cui non si usi lo spelacavi, ma le forbici, si
rispettino le quote di spelatura indicate
ni
−
6,0 mm
6,0 mm
og
ett
oi
6,0 mm
treccia ribaltata sulla guaina
Pr
Figura 50 – Installazione del connettore F fase 2
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
73
−
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Si avvita il connettore sulla treccia fino a quando il piano del dielettrico corrisponde al
piano del foro interno. Fare attenzione che il nastrino penetri interamente nel foro interno.
Si segnala che la cura per il cablaggio dei connettori coassiali è finalizzata ad assicurare
l’impedenza caratteristica per limitare la formazione di onde stazionarie e l’efficacia della
schermatura allo scopo di proteggere dai disturbi elettromagnetici.
9.6
Protezione (sicurezza)
Al sistema di cablaggio descritto in questa guida è previsto il collegamento di apparecchiature
che risultano conformi alla norma EN 60950 (38) per le apparecchiature della tecnologia
dell’informazione e alla norma EN 60065 (39) per apparecchiature elettroniche di uso
domestico.
Tali norme consentono di rispettare i requisiti generali di sicurezza espressi nel DM 37/08
(40) relativi a:
pericoli per le persone derivanti dal contatto con tensioni superiori al limite
−
di sicurezza (prescrizioni per la sicurezza elettrica);
−
pericoli per le persone derivanti da incendio e da surriscaldamento (le precauzioni da
adottare consistono nell’uso di cavi, connettori e altri componenti che soddisfano i
requisiti di prodotto relativi allo specifico problema);
−
danni fisici alle persone provocati da spigoli, parti aguzze (le prescrizioni da adottare
consistono nell’uso di cavi, connettori e altri componenti che soddisfano
−
i requisiti di prodotto relativi allo specifico problema);
−
danni prodotti alle persone dall’esposizione a luce laser, nel caso di impiego di dispositivi
ottici (per questo specifico problema esiste la serie di norme (41)
−
danni prodotti alle persone da fulminazioni (questo problema è considerato
−
nella normativa specificata nel seguito).
hie
sta
−
nc
Per quanto riguarda la sicurezza elettrica (il primo dei punti di cui sopra),si tratta di garantire
la protezione da contatti diretti ed indiretti.
La protezione contro i contatti diretti si riferisce alla protezione delle persone da contatti con
parti attive a tensione superiore al limite di sicurezza. Essa si realizza attraverso involucri,
barriere e/o opportuni sezionamenti (come descritto nella norma (10).
ni
In linea di principio nell’installazione del cablaggio si deve evitare di realizzare impianti nei
quali la rimozione di coperchi o pannelli, per esempio nel corso di operazioni di manutenzione
o gestione del cablaggio, renda contemporaneamente accessibile parti a tensione pericolosa
e parti del cablaggio sul quale si sta effettuando l’operazione.
oi
La protezione contro i contatti indiretti si riferisce alla protezione contro pericoli che possono
derivare dal contatto con parti conduttrici accessibili che risultano in tensione a causa di un
guasto all’isolamento principale. Per questo tipo di pericoli, la normativa distingue le
apparecchiature in due classi: Classe I e Classe II. La protezione contro i contatti indiretti
deve essere attuata secondo le prescrizioni della parte 4 della norma (10).
og
ett
I cavi di comunicazioni rispondenti alla norma CEI-UNEL 36762 (46) possono essere installati
nello stesso vano dei conduttori di energia. In caso contrario, la norma (10) definisce i principi
generali da seguire che sono riassumibili come:
−
Disporre di un setto separatore (isolante o metallico connesso a terra)
−
Garantire le distanze in aria sufficienti per le tensioni in gioco, tramite fissaggi.
Pr
Va infine ricordato che qualora cavi energia e per comunicazioni coesistano in una stessa
canalizzazione di metallo, è sempre necessario prevedere per quest’ultima un collegamento
all’impianto di terra in tutti i casi in cui la norma (10) lo richieda.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
74
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
L’impianto di terra deve sempre essere presente nei punti nodali del cablaggio oggetto di
questa guida, e in particolare nel centrostella dell’impianto di appartamento, in quanto esso è
necessario per collegarvi :
−
gli schermi dei cavi (coassiali o a coppie simmetriche);
−
canaline metalliche;
−
armadi o contenitori metallici, ed involucri di apparecchiature di Classe I.
Le procedure di collegamenti equipotenziali e di messa a terra delle apparecchiature per la
tecnologia dell’informazione sono trattate in dettaglio nella norma (42).
Per tutto l’impianto di distribuzione TV realizzato sul cablaggio considerato in questa guida
devono essere rispettate le prescrizioni di sicurezza indicate nella norma (32) e nella
guida (5) , in particolare per il collegamento equi- potenziale delle masse metalliche e dei
conduttori esterni dei cavi, per impianto di terra e per la protezione da fulmini.
In particolare per il cablaggio delle parti comuni dell’edificio sono da ricordare gli aspetti
seguenti:
i cavi in ingresso o uscita dall’edificio, verso le reti esterne di comunicazione devono
avere gli eventuali schermi collegati a terra. Il collegamento equipotenziale va realizzato
direttamente sul collettore di terra principale;
−
tutti i cavi che dal punto di ingresso raggiungono i punti di distribuzione dei singoli utenti
(centrostella delle reti di appartamento) o concentratori di piano, devono avere gli
eventuali schermi collegati al collettore di terra principale;
−
eventuali armadi di distribuzione centralizzati, permutatori, telai con parti metalliche ed in
generale contenitori metallici di apparati alimentati dalla rete,devono essere collegati
all’impianto di terra mediante connessione equipotenziale con il collettore di terra
principale.
hie
sta
−
Per il cablaggio di appartamento, sono da ricordare gli aspetti seguenti:
nel centrostella deve essere portata la terra di protezione. A essa vanno collegati:
−
l’armadietto contenente gli organi di distribuzione, se metallico
−
i telai di eventuali apparati presenti nel centrostella e richiedenti connessione a terra,
−
gli schermi dei cavi provenienti dal cablaggio delle parti comuni dell’edificio,
−
eventuali tubazioni o altre parti metalliche facenti capo al centrostella;
−
gli schermi dei cavi distribuiti all’interno dell’appartamento .
ni
nc
−
( 1)
oi
É da notare che le norme (10), (32) richiedono che la resistenza tra lo schermo di ciascuna
presa ed il collettore di terra non sia superiore a 5 Ω in corrente continua. In caso contrario è
necessario portare il conduttore di terra alla presa.
Nel caso in cui l’installazione si trovi in una zona con significativo rischio di fulminazione, si
può far ricorso ad opportuni dispositivi di protezione delle linee di
og
ett
telecomunicazione. Nel riferimento (43) e nella guida CEI 81-8 (47), viene specificato quando
questi dispositivi sono necessari/consigliati.
In questa sede ci si limita a ricordare che l’efficacia di questi dispositivi dipende dalla bontà
del collegamento alla terra di sicurezza, che dovrà essere realizzato con un valore di
resistenza il più basso possibile.
Pr
(1) La norma (32) consente di eliminare il collegamento a terra degli schermi dei cavi coassiali nel caso si utilizzino
solo prese terminali completamente isolate, cioè con isolamento galvanico anche sul conduttore esterno.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
75
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Inoltre, come suggerito in EN 50174-2 (11 ), nei casi in cui sia impossibile una sufficiente e
netta separazione tra cavi per energia e per comunicazione , si può ovviare al problema
utilizzando cavi in fibra ottica totalmente dielettrici. Anche in questo caso però attenzione
deve essere posta ai punti di terminazione in cui si possono avere connettori o altri
componenti ottici con parti metalliche.
9.7
Misure di protezione contro l’incendio
L’utilizzo di cavi con guaina ritardante la fiamma (EN 60332-1-2) (48) può essere un
accorgimento utile per limitare la propagazione di incendi.
9.8
Misure di protezione contro la fulminazione
Le protezioni contro la fulminazione sono da adottare solo nel caso in cui l’analisi del rischio
effettuata secondo i criteri riportati in EN 62305 (49) ne dimostri la necessità.
Nel caso in cui si debba procedere, la norma (10), sezioni 4-443 e 5-534 riporta i criteri per la
scelta e l’installazione dei dispositivi di protezione dalla fulminazione e le corrispondenti
prescrizioni per la loro messa a terra.
Misure di protezione contro le radiazioni ottiche
hie
sta
9.9
Le misure di protezione contro le radiazioni ottiche sono da prendersi in fase di installazione e
riguardano:
−
protezione da contatti accidentali con pelle ed occhi da parte della radiazione
−
manipolazione degli scarti di lavorazione
Si rimanda alla norma EN 60825-2 (50) per i dettagli relativi alle misure di protezione da
prendersi in funzione del tipo di cablaggio ottico da installare.
9.10
Protezione (Funzionalità)
9.10.1
EMC
9.10.2
nc
La coesistenza del cablaggio strutturato con altri impianti ha delle regole generali riportate in
(11). Queste hanno basso impatto per gli impianti di tipo domestico, in quanto i cablaggi
hanno tipicamente delle condutture dedicate (2).
UPS
10 Collaudo
10.1
Generalità
ni
L’utlizzo di UPS è consigliato qualora non si voglia perdere la continuità di servizio.
oi
La verifica dei parametri di trasmissione è la fase in cui, terminata l’installazione, si deve
dimostrare la conformità del cablaggio ai corrispondenti requisiti normativi: serie EN 50173,
ISO/IEC 11801, TIA/EIA 568C, vedi cap.2. Tali requisiti sono dei valori limite per ciascun
parametro definiti su una gamma di frequenza (Vedi esempio al par. 10.4).
og
ett
La realizzazione di un channel utilizzando i componenti conformi alle rispettive normative è
condizione necessaria, ma non sufficiente per avere il rispetto delle prestazioni trasmissive
nominali del channel reale.
L’installazione del cablaggio deve essere fatta a regola d’arte. A questo scopo, seguire le
indicazioni della norma specifica (EN 50174-2, ISO/IEC 14763-2…vedi cap.2) è una buona
prassi.
Le due condizioni di cui sopra costituiscono la premessa per una verifica positiva.
Pr
Tuttavia nel corso dei lavori possono essere stati commessi alcuni errori. Il test finale
permette di stabilire se questi hanno compromesso la conformità. Se è questo il caso, si deve
ricercare la causa e rimuoverla.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
76
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La verifica dei sistemi di cablaggio strutturato è disciplinata dalla norma EN 61935-1 (33).
Questa indica come condurre il test, da i riferimenti ai metodi di prova originali sia per il rame
che per la fibra ottica ma non da indicazioni su come risolvere eventuali problemi di non
conformità.
La normativa sul cablaggio strutturato è di carattere volontario e non esistono disposizioni
legislative che obblighino l’installatore a rilasciare una dichiarazione di conformità, come
accade per l’impianto elettrico.
Si raccomanda quindi ai clienti di richiedere il rapporto di verifica come evidenza della
chiusura positiva dei lavori.
Il rapporto di verifica permette agevolmente di:
−
Dimostrare che l’impianto rispetta le sue prestazioni nominali
−
Assolvere un vincolo contrattuale (i committenti spesso richiedono il test finale come
condizione di accettazione del lavoro)
−
Garantire l’impianto fornito nel tempo (secondo le condizioni contrattuali di garanzia).
−
visivo
−
elettrico statico
−
parametri di trasmissione
hie
sta
La verifica prevede i seguenti controlli:
La verifica dei sistemi ottici prevede i seguenti controlli:
−
visivo
−
correttezza della connettività
−
parametri di trasmissione
Cablaggio in rame: controllo visivo
nc
10.2
Il controllo visivo permette di verificare:
i riferimenti dei componenti installati
−
l’assenza di sollecitazioni meccaniche eccessive sui cavi (es. punti con raggi di curvatura
palesemente non corretti).
−
che le fascette non stringano eccessivamente i fasci (assenza di evidenti deformazioni
delle guaine.
−
il corretto collegamento di tutti i conduttori alle prese ed ai pannelli
−
la presenza di tutte le connessioni a terra di tipo funzionale (schermi dei cavi, connettori….)
−
che la categoria dei cordoni sia compatibile con la classe del link.
10.3
oi
ni
−
Cablaggio in rame: controllo elettrico statico
og
ett
Il controllo elettrico statico permette di verificare:
la connessione completa di ogni link (continuità elettrica)
−
la corrispondenza con lo schema topologico
−
il rispetto della polarità, quando previsto
−
l’assenza di corti circuiti accidentali tra i singoli conduttori
−
gli isolamenti tra conduttori e verso terra
−
la corrispondenza tra lo schema di installazione e l’installazione reale.
−
La continuità dello schermo quando presente (FTP, STP, S/FTP). Questa verifica può
essere esclusa in alcuni modelli di strumento certificatore.
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
77
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Alcuni strumenti certificatori interrompono la procedura di test nel caso di errori elettrici
statici. Per altri modelli è possibile forzare la continuazione del test. Potrebbe però non
essere significativo proseguire il test sui parametri trasmissivi. L’eventualità deve essere
valutata in base al tipo di errori rilevati nel controllo elettrico statico.
Si riportano di seguito alcuni suggerimenti per le più comuni cause di fallimento del controllo
elettrico statico.
Errori di mappatura
−
Open:
Conduttori rotti per sollecitazione, tipicamente nei punti di connessione.
−
Uno dei due connettori utilizzati nel test non è connesso (ne è stato connesso
erroneamente un altro).
−
Connettore danneggiato
−
Tagli o rotture all’interno del cavo
−
Conduttori connessi a pin non corretti
−
Cavi per applicazioni specifiche (Es. Ethernet, cablate solo i conduttori 1-2, 3-6)
Short (Corto circuito):
hie
sta
−
−
−
Terminazione non corretta
−
Connettore danneggiato
−
Presenza di sporcizia conduttiva tra i pin nei connettori (specialmente RJ45)
−
Coppie invertite: Conduttori connessi ai pin sbagliati in almeno una delle due terminazioni.
−
Coppie incrociate:
−
10.4
−
Conduttori connessi ai pin sbagliati in almeno una delle due terminazioni
−
Mix di connessioni secondo convenzioni 568 A e 568 B
−
Cavi incrociati (le coppie 1-2 e 3-6 si incrociano)
nc
−
Coppie divise: Conduttori connessi ai pin sbagliati in almeno una delle due terminazioni.
Cablaggio in rame: verifica dei parametri di trasmissione
og
ett
oi
ni
Lo strumento con cui operare la verifica dei parametri di trasmissione, il certificatore, è
costituito da una unità trasmittente ed una ricevente che, collegate alle estremità del
collegamento da verificare, si scambiano segnali di test che permettono di elaborare i valori di
tutti i parametri trasmissivi richiesti dalle norme di sistema (EN 50173, ISO/IEC 11801, TIA/EIA
568C). Un software residente permette di lanciare una routine automatica di misura, che va ad
eseguire le misure di tutti i parametri in tutte le combinazionei, nella gamma di frequenza di
interesse (es. 1…500 MHz per classe EA) e a confrontarle con i corrispondenti limiti.
Pr
Figur 51 – Schema di principio per la verifica dei parametri di trasmissione (Fonte:
documentazione Fluke Networks)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
78
Prima di eseguire la certificazione è necessario impostare:
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
−
la velocità di propagazione della luce nel cavo sotto test (NVP), secondo le indicazioni del
costruttore
−
La normativa di riferimento per i limiti (TIA/EIA, ISO/IEC o EN), verificando di disporre la
versione più aggiornata.
−
la misura di channel o di permanent link, a seconda dei casi.
Si esegue poi la routine di auto calibrazione che ha lo scopo di compensare l’attenuazione dei
cordoni di prova e dei relativi connettori.
oi
ni
nc
hie
sta
L’esito finale del test è una distribuzione in frequenza di una serie di curve, il cui numero
varia a seconda del parametro. Tutte queste curve devono rispettare un limite normativo.
Figura 52 – Esempio di risultato di una verifica di un parametro trasmissivo (NEXT, near
end crosstalk).
og
ett
In Figura 52 è riportato un esempio di verifica di NEXT (near end crosstalk). La curva rossa
rappresenta il limite normativo per il channel in funzione della frequenza ( 1…250 MHz,
classe E). Le curve di vari colori rappresentano la misura di attenuazione eseguita iniettando
un segnale di prova in una coppia,terminata sulla sua impedenza, e misurato su una delle tre
coppie adiacenti (a loro volta terminate da ambo i lati) nello stesso lato dell’iniezione (near
end). Le misure vengono eseguite su tutte le permutazioni possibili tra le quattro coppie.
L’impianto può essere dichiarato conforme alla norma selezionata se le misure di tutti i
parametri rispettano i limiti.
Pr
Se viceversa si ottiene un esito negativo, è necessario andare a ricercare la causa di tale
fallimento e rimuoverla.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
79
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Si riportano di seguito alcuni suggerimenti sulle cause degli errori più comuni.
−
Si sta testando un channel o un permanent link ?
−
È stata selezionata la corretta classe ?
−
Il software dello strumento certificatore è aggiornato?
−
È stata utilizzata la corretta testina di misura ?
−
È stato inserito il valore della velocità di propagazione (NVP) adeguato?
−
I valori di “pass” al limite possono essere accettati temporaneamente, ma richiedono
un’indagine supplementare, a seconda dei parametri, come specificato di seguito.
Errori sulla lunghezza del cablaggio:
−
−
Il cavo è effettivamente troppo lungo: ridurre le ricchezze di cavo alle connessioni
o seguire altri percorsi di posa.
−
Il valore della velocità di propagazione (NVP) non è stato impostato correttamente.
Lunghezza misurata palesemente corta rispetto a quella installata:
−
Rottura intermedia nel cavo
−
Una o più coppie risultano significativamente più corte:
−
Cavo danneggiato
−
Connessione errata
Ritardo di propagazione/delay skew (superiore ai limiti)
−
Cavo troppo lungo (ritardo di propagazione)
−
Le singole coppie all’interno del cavo sono realizzate con materiali isolanti differenti
(nel caso, sostituire il cavo).
Attenuazione:
−
Lunghezza eccessiva
−
Cordoni di bassa qualità
−
Alta impedenza nelle connessioni (serve poi una misura dedicata)
−
Uso erroneo di componenti di categoria inferiore (es. cordone 5E in link classe E)
−
Esecuzione non corretta della routine di auto-calibrazione dello strumento certificatore.
NEXT e PSNEXT (“fail”):
−
L’intestazione dei connettori/prese è stata fatta non rispettando le regole di
“svolgimento”(poor twisting) delle singole coppie
−
Adattamento di impedenza insufficiente tra connettori e prese (più probabile
mischiando componenti di costruttori differenti per categoria 6 e superiori)
og
ett
−
−
nc
−
Lunghezza misurata oltre i limiti consentiti:
hie
sta
−
ni
−
Errori di tipo generale:
oi
−
Uso di testina di misura non corretta nello strumento certificatore
−
Cordoni, connettori, prese, cavi di bassa qualità
−
Fascette troppo strette nei fasci di cavi
−
Presenza di interferenti in prossimità del link
−
Vedi errori return loss: gli errori di NEXT possono esserne una conseguenza, causa
l’elevata ampiezza del segnale riflesso.
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
80
−
−
Procedura di test erroneamente selezionata: un link di classe E “scarsa” può superare
il test di classe D erroneamente impostato (controllare gamma di frequenza).
Return loss (“fail”):
−
Impedenza caratteristica dei cavi o cordoni non corretta (diversa da 100 Ω ) o non
uniforme
−
Cordoni danneggiati hanno perso il valore dell’impedenza caratteristica
−
Perdita del passo di “twistatura” durante l’installazione
−
Eccesso di cavi ammassati nelle scatole contenenti le prese terminali
−
Connettori/prese di scarsa qualità
−
Adattamento di impedenza insufficiente tra connettori e prese (più probabile
mischiando componenti di costruttori diversi per categoria 6 e superiori).
−
Eccessiva scorta di cavo negli armadi
−
Auto-calibrazione dello strumento eseguita in modo non corretto e/o selezione di cavi e
testine di misura non appropriati.
hie
sta
−
Un cavo di buona qualità può sopportare nodi o piegature di modesta entità
Return loss (“pass” in condizione di errore – “fail” nascosto, che potrebbe presentarsi in
futuro) :
−
Un cavo di buona qualità può sopportare nodi o piegature di modesta entità
−
Selezione erronea di limiti più bassi
ELFEXT e PSELFEXT:
−
Vedi NEXT
−
Cavo in eccesso (ricchezza di cavo) avvolto in spire troppo strette
Resistenza:
nc
−
−
−
Eccessiva lunghezza del cavo
−
Contatti ossidati
−
Conduttori collegati male nei connettori o prese
−
Cavo con spessore di conduttori erroneamente sottile (controllare il valore nominale di
AWG)
−
Cordone di scarsa qualità
10.5
ni
−
NEXT e PSNEXT (“pass” in condizione di errore – “fail” nascosto, che potrebbe
presentarsi in futuro):
Cablaggio in fibra ottica: controllo visivo
oi
−
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Questa fase permette di:
controllare i riferimenti dei componenti installati
−
accertarsi dell’assenza di sollecitazioni meccaniche eccessive sui cavi (es. individuazione
di punti con raggi di curvatura palesemente non corretti).
og
ett
−
−
Verificare che le fascette non stringano eccessivamente i fasci; che non ci siano evidenti
deformazioni delle guaine.
−
Verificare la pulizia delle superfici di interfaccia dei componenti.
−
Verificare che i cordoni siano compatibili con il tipo della fibra ottica del link (es.
50/125μm).
Pr
Sono disponibili commercialmente degli apparecchi di ausilio al controllo visivo e di pulizia
delle superfici dei connettori.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
81
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 53 – Esempi di microscopio per controllo visivo delle superfici dei connettori e
kit di pulizia degli stessi
10.6
Cablaggio in fibra ottica: controllo connettività
hie
sta
Analogamente a quanto avviene per il cablaggio in rame, questa fase consente di stabilire se
le connessioni sono state fatte in modo corretto.
ni
nc
Mediante un dispositivo detto “Visual fault locator” è possibile iniettare della luce visibile in
una terminazione di un link e verificarne l’uscita dall’altro capo. Con questo sistema si
individua l’esistenza di rotture, pieghe eccessive, errori macroscopici di intestazione dei
connettori.
Figura 54 – Esempio di apparecchi “visual fault locator” disponibili commercialmente
10.7
Cablaggio in fibra ottica: verifica dei parametri di trasmissione
oi
I parametri trasmissivi da verificare nel caso di link ottici sono:
−
Attenuazione (dB)
−
Perdita di ritorno (return loss, dB)
og
ett
La verifica dei parametri trasmissivi per il cablaggio in fibra ottica avviene con metodi:
−
Fotometrici
−
Riflettometrici.
Pr
I test fotometrici sono basati sulla misura dell’attenuazione di un segnale luminoso, di
lunghezza d’onda nominale per il tipo di link, applicato tra le due estremità da uno strumento
certificatore.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
82
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
I valori di lunghezza d’onda che gli strumenti certificatori devono avere (33):
−
−
Fibre multimodali:
−
850nm ± 30 nm
−
1300 nm ± 20 nm
Fibre monomodali:
−
1310 nm ± 10 nm
−
1550 nm ± 20 nm
Lo strumento certificatore è costituito da una unità trasmittente ed una ricevente che si
scambiano i segnali.
ni
nc
hie
sta
La misura di attenuazione sarebbe sufficiente a certificare un link. Tuttavia in caso di
problemi, è necessario effettuare delle misure supplementari di tipo riflettometrico per poter
ricercare le cause dei fallimenti. Questa procedura è applicabile per lunghezze superiori ai
100 m.
Figura 55 – Esempio di strumento certificatore fotometrico
oi
I Test riflettometrici si basano sulla misura del tempo necessario ad un impulso di luce a
percorrere la distanza del link in avanti e all’indietro (dopo riflessione). Si utilizza uno
specifico strumento chiamato OTDR.
Pr
og
ett
I segnali riflessi sono di due tipi : “forti” e “deboli”. I primi, generati dalla riflessione di Fresnel,
indicano la presenza di micro-fratture nella fibra. Le riflessioni deboli sono causate dalla
retro-diffusione della luce permettono di misurarne l’attenuazione.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
83
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
nc
hie
sta
Figura 56 – Esempio di misura riflettometrica: l’andamento decrescente permette di
misurare l’attenuazione. I picchi localizzano situazioni di riflessione di Fresnel,
localizzate in punti particolari in cui sono presenti discontinuità all’interno della fibra
dovute a connessioni. Possibile danno nel punto cerchiato
ni
Figura 57 – Esempio di OTDR
oi
Le misure riflettometriche devono essere eseguite utilizzando la cosiddetta “fibra di lancio”,
ossia un tratto di cavo aggiuntivo al link da verificare che permette di eliminare la “zona
morta” dello strumento ed analizzare così il link in tutta la sua lunghezza. I primi metri di cavo
non sarebbero visibili senza la fibra di lancio.
Mettendo insieme le informazioni di cui sopra, si può sintetizzare il metodo più efficace per la
verifica dei cablaggi in fibra ottica in cinque punti:
og
ett
1) Controllo visivo del cavo in bobina : verifica preliminare del tipo di cavo, assenza di danni
macroscopici
2) Misura riflettometrica della fibra nuda prima della posa: verifica dell’assenza di microdanni al cavo
3) Misura riflettometrica della fibra nuda dopo la posa: verifica di micro danni al cavo
subentrati in fase di posa
4) Controllo visivo + pulizia di connettori
Pr
5) Test finale su fibra installata e connettorizzata: con metodo fotometrico e/o riflettometrico.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
84
Appendice A
A.1
Evoluzione delle comunicazioni via cavo
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
La concezione di tecnologie per la trasmissione numerica ad alta velocità sul doppino in rame
ha avuto luogo agli inizi degli anni ’90, sulla base dei positivi risultati derivati dallo dall’utilizzo di
sistemi di linea sviluppati a supporto della interfaccia U dell’accesso base ISDN (160 kbit/s).
Fino ad allora la trasmissione numerica sul rilegamento di utente in rame si era limitata
all’utilizzo della tradizionale banda telefonica, ad esclusione dei rilegamenti PCM a 2 Mbit/s
dedicati all’utenza affari.
Le tecnologie che possono essere considerate capostipiti degli standard xDSL e delle loro
evoluzioni sono l’HDSL e l’ADSL.
L’HDSL (con la sua evoluzione SHDSL) costituisce una soluzione rispondente all’esigenza di
offrire, ad una utenza business, soluzioni di trasporto simmetrico di flussi con velocità
dell’ordine di 2 Mbit/s su distanze di almeno 2-3 km.
hie
sta
L’ADSL costituisce invece una soluzione nata per servizi a larga banda per utenza
residenziale, in condivisione con i servizi in banda base quali il POTS, in particolare per
consentire l’accesso a internet; in questo caso, la natura dello scambio di informazioni utenterete è fortemente asimmetrica (Downstream fino a circa 8 Mbit/s e Upstream fino a circa 1
Mbit/s). Gli obiettivi di portata dell’ADSL sono anch’essi di 2-3 km: questo consente un ottimo
grado di copertura dell’utenza, considerando che la statistica delle lunghezze dei rilegamenti
d’utente tipici della rete di distribuzione in Italia. L’evoluzione ADSL in atto si poggia su una
tecnologia di seconda generazione (ADSL2), con delle varianti ADSL2+ atte a estendere le
potenzialità di offerta di banda fino a oltre 20 Mbit/s.
nc
Quale ulteriore evoluzione delle tecnologie xDSL si considerano infine i sistemi VDSL (Very
high bit-rate Digital Subscriber Line), concepiti per la trasmissione di bit-rate assai elevati,
che nelle loro ultime evoluzioni (VDSL2), consentono bit-rate massimi fino a 100 Mbit/s (in
funzione della lunghezza di linea da coprire generalmente assai ridotta rispetto a quelle
tipiche degli altri sistemi ADSL/SHDSL). I sistemi VDSL rappresentano, quindi, una soluzione
maggiormente indicata ad essere utilizzata in architetture miste fibra rame (esempio
FTTCab), in cui la lunghezza di rete in rame è limitata ad alcune centinaia di metri, con
conseguente incremento della massima banda offribile all’utenza.
ni
Prestazioni xDSL
100
ADSL (1MHz)
ADSL2+ (2MHz)
VDSL2 (12MHz)
VDSL2 (30MHz)
90
Mbit/s .
oi
80
70
60
50
og
ett
40
30
20
10
0
Pr
100
250
500
750
1000 1250 1500 1750 2000
metri
Figura 58 – Prestazioni dei sistemi xDSL
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
85
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Nella Figura 58 è riportato il confronto tra le prestazioni dei sistemi xDSL.
L’opportunità inoltre di introdurre le tecnologie ottiche nel segmento di rete di accesso (FTTH)
costituisce per tutti gli Operatori una risposta alla crescente richiesta di servizi sia da parte
dell’utenza affari (grandi e medie imprese), sia da parte di piccole imprese e clienti
residenziali.
I servizi richiesti comprendono:
−
connettività dati per accesso a Internet ad alta velocità
−
teleconferenza
−
telemedicina
−
servizi video (sia broadcast sia on demand).
Questi servizi hanno la caratteristica di essere particolarmente « band-consuming » e
richiedono pertanto l’impiego di adeguate “tecnologie abilitanti” per poter essere offerti ad un
livello di costo che li rendano attraenti ad un bacino di utenza il più ampio possibile.
Evoluzione delle comunicazione con terminale mobile
hie
sta
A.2
Le reti di accesso mobile installate in Italia agli inizi degli anni ’90 si basavano sul sistema
TACS (Total Access Communication System).
Nel 1994 al crescere degli utenti radiomobili è stato lanciato il sistema GSM, il primo sistema
internazionale capace di offrire, in tutta Europa e nel Mondo una capacità di supportare più
chiamate simultanee rispetto al sistema precedente, grazie al passaggio da una tecnologia
analogica a una digitale.
Un fattore indiscutibile del successo del GSM è sicuramente rappresentato dalle sue continue
e graduali evoluzioni, avvenute negli ultimi 15 anni.
nc
Queste sono avvenute in modo graduale, facendo evolvere le infrastrutture pre-esistenti. Le
tecnologie GSM, GPRS, EDGE, UMTS hanno avuto la possibilità di svilupparsi rapidamente.
ni
L’UMTS è il nome con cui l’ETSI ha identificato la sua proposta per il sistema di
comunicazione globale di terza generazione, progettato fin dall’inizio per permettere
l’erogazione di una pluralità di servizi, grazie all’estrema flessibilità della sua interfaccia radio
basata sull’accesso multiplo a divisione di codice.
Il 2003 ha visto l’avvio in Italia del servizio commerciale UMTS, concepito per gestire
( 1)
già nella prima versione del
applicazioni multimediali con velocità di centinaia di kbit/s
sistema, denominata Release 99 dall’ente di standardizzazione 3GPP.
oi
L’evoluzione dei servizi dati ha portato il 3GPP a sviluppare per la Release 5 una tecnica,
nota come High Speed Downlink Packet Access (HSDPA), che migliorasse sia la velocità
trasmissiva sulla tratta in downlink (14 Mbit/s), sia i ritardi di trasmissione e i tempi di latenza
nella rete di accesso.
og
ett
Nel 2012 è cominciata la sperimentazione di reti cellulari di quarta generazione denominate
Long Term Evolution (LTE). Con queste reti la velocità massima teorica di trasmissione dati è
pari a 100 Mbit/s in download e 50 Mbit/s in upload. LTE è quindi visto come un modo per
( 2)
ridurre il « digital divide » in aree non densamente popolate, dove le reti di accesso cablate
non sono economicamente fattibili.
Pr
(1) In Release 99 la massima velocità in downlink è di 2,048 Mbit/s. Tuttavia un servizio a 2 Mbit/s assorbirebbe
tutte le risorse della cella, per cui conviene limitare la velocità a 384 kbit/s per consentire l’accesso simultaneo
a più utenti.
(2) Digital divide : difficoltà di alcune persone ad accedere alle tecnologie dell’informazione (in particolare alla
rete internet) a causa di non copertura del servizio oppure per cause sociali (anzianità, grado di istruzione,
condizioni economiche).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
86
Dal 2013 LTE è commercialmente disponibile.
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Questa evoluzione ha modificato la percezione del servizio da parte dell’utente. Il telefono
non rappresenta più solo il mezzo di comunicazione fuori di casa, ma è divenuto un terminale
multimediale interattivo con molteplici funzionalità.
A.3
A.3. Tecnologie wireless: aspetti legislativi
La legislazione italiana relativa all’ utilizzo delle Wireless LAN (WLAN) è stata interamente
rivista alla fine del 2001 con la pubblicazione, il 28 Dicembre 2001 sulla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana n. 300, del Decreto del Presidente della Repubblica n. 447 datato
5 Ottobre 2001.
Questo decreto denominato “Regolamento recante disposizioni in materia di licenze
individuali e di autorizzazioni generali per i servizi di telecomunicazioni ad uso privato”
individua:
i servizi ed i sistemi di telecomunicazione ad uso privato da assoggettare a licenza
individuale, o ad autorizzazione generale
−
le apparecchiature terminali e i dispositivi di libero uso
−
le modalità per l’ ottenimento delle licenze individuali e delle autorizzazioni generali
−
le procedure operative per l’ adeguamento alla nuova normativa degli impianti già in
essere.
hie
sta
−
Gli apparati WLAN (o RadioLAN secondo la dicitura italiana) operano in una gamma di
frequenze condivisa in cui esistono utilizzatori diversi ciascuno operante senza alcuna
protezione dai disturbi generati dagli altri utilizzatori. Questa modalità, ai sensi del decreto, fà
ricadere i dispositivi IEEE 802.11b, 802.11g e 802.11n tra quelli che non richiedono una
assegnazione specifica di frequenza. Per l’utilizzo di questi non è prevista dal decreto la
necessità della licenza individuale, ma è prescritta solamente una meno restrittiva
autorizzazione generale.
nc
L’art. 5 del decreto menziona infatti esplicitamente che un servizio di telecomunicazioni
privato, svolto mediante l’installazione e l’esercizio di “reti locali RadioLAN e HiperLAN”,
necessita di una autorizzazione generale fatte salve le eccezioni disposte all’art. 6.
oi
ni
L’art. 6 definisce di libero uso l’esercizio e l’installazione di una rete RadioLAN purché confinata
nell’ ambito di uno stesso fondo. Il fondo può essere rappresentato da un edificio od una
porzione di esso appartenete ad una specifica proprietà, oppure da più edifici distinti purché
insistenti su di un area facente capo alla medesima proprietà, degli edifici stessi. Un esempio di
fondo può essere un sito universitario costituito da più edifici distinti confinati però all’interno di
un campus. Per questo tipo di installazioni e utilizzazioni della tecnologia Wireless LAN non è
richiesto alcun adempimento burocratico, ma è previsto invece il libero uso.
Si noti che il decreto non fa alcuna differenza tra le diverse modalità operative conseguibili
con le WLAN. Pertanto sia le applicazioni di accesso alla rete che le applicazioni di
collegamento tra reti diverse mediante link wireless (Wireless bridging) risultano assoggettate
alle stesse regole.
og
ett
In sintesi potremo affermare che:
In ambito privato (all’interno di un edificio o di un singolo ufficio) le WLAN, come
strumento di accesso alla rete, sono di libero uso e possono essere utilizzate senza
alcuna formalità burocratica
−
Tra edifici diversi che insistono su di un sito facente capo alla medesima proprietà degli
edifici stessi, le WLAN utilizzate come strumento di connessione tra le reti fisse dei singoli
edifici sono altresì di libero uso.
−
Le Wireless LAN utilizzate come strumento di connessione tra reti fisse di singoli
edifici divisi dalla presenza di suolo pubblico sono assoggettate alla autorizzazione
generale.
Pr
−
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
87
La Fig. 59 schematizza quanto esposto.
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Ambito Normativo Italiano: D.P.R. 447 5 ottobre 2001
Libero uso nei fondi privati. Autorizzazione Generale negli altr i casi
Fondo Privato
Suolo Pubblico
Edificio Privato
Edificio Privato
Edificio Privato
Autorizzazione
Generale
hie
sta
Libero Uso
Figura 59 – Situazione Normativa Italiana
I casi soggetti ad autorizzazione generale sono limitati all’utilizzo di tecnologie RadioLAN in
ambito pubblico. La legistlazione in materia ha subito diverse modifiche.
Inizialmente il Decreto Gasparri del 28 Maggio 2003, regolava le condizioni per il rilascio delle
autorizzazioni generali per la fornitura al pubblico dell’accesso Radio-LAN alle reti ed ai
servizi di telecomunicazioni. Successivamente questa norma fu rilassata grazie alla delibera
dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (num. 102/03/CONS) che precisava che non
era più necessario disporre di licenza o autorizzazione per l’erogazione di servizi di
connettività di rete nel caso l’attività commerciale non abbia come oggetto sociale principale
l’attività di telecomunicazioni (ad esempio: bar, alberghi, centri commerciali, ecc.).
ni
nc
In seguito agli attentati alla metropolitana di Londra, però, con l’introduzione del Decreto
Pisanu del 2005, viene indicata la necessità di richiedere un’autorizzazione al questore per
chi mette a disposizione terminali telematici richiedendo inoltre la “preventiva acquisizione di
dati anagrafici riportati su un documento di identità dei soggetti che utilizzano postazioni
pubbliche non vigilate per comunicazioni telematiche ovvero punti di accesso ad Internet
utilizzando tecnologia senza fili“. Questo provvedimento ha generato un brusco rallentamento
nell’adozione della tecnologia Wireless per la fornitura di connettività ad Internet in ambito
pubblico, a causa dei pesanti requisiti di tracciabilità delle connessioni ad internet e di
rintracciabilità degli utenti stessi.
og
ett
oi
Con il decreto «Mille Proroghe», in vigore da Gennaio 2011, gli esercenti che non basano la
loro attività principale sulla fornitura della connettività Wireless per l’accesso ad Internet,
potranno comunque fornire il servizio come “accessorio” a titolo gratuito e senza vincoli di
registrazione degli accessi. Tale vincolo resta valido per i provider e gli Internet Point che
devono essere in grado di riportare alle forze dell’ordine, se richiesto, i tracciati delle
connessioni avvenute.
Pr
Per ulteriori approfondimendi si rimanda alla guida tecnica pubblicate dal CEI 306-11,
«Tecnologia dell'informazione - Guida al cablaggio degli access point wireless».
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
88
A.4
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Fibre ottiche: parametri costruttivi e trasmissivi.
Di seguito sono riportate le definizioni dei parametri più significativi delle fibre ottiche.
Per una trattazione più estesa della terminologia relativa alle fibre ottiche si veda
CEI IEC 61931 Fibre optic – Terminology.
Nucleo (core)
È la regione centrale di una fibra ottica (Fig. 60), generalmente con indice di rifrazione più
alto rispetto al mantello, attraverso cui è trasmessa la massima parte della potenza ottica. Il
materiale utilizzato può essere vetro puro (silice) opportunamente additivato con elemento
drogante (es. Germanio) per ottenere il valore dell’indice di rifrazione necessario. In
alternativa il materiale può essere plastico (polimerico).
Mantello (cladding)
nc
hie
sta
È il materiale dielettrico che sta attorno al nucleo (Fig. 60). Ha un indice di rifrazione più
basso rispetto al nucleo e insieme con esso costituisce la struttura che permette la
propagazione della potenza ottica.Il materiale utilizzato è vetro o polimero.
Figura 60 – Esempio della struttura della fibra ottica (fibra ottica in vetro)
Buffer
ni
Un materiale o un insieme di materiali usati per proteggere la fibra ottica contro i danni fisici.
Non sempre è presente. Può essere posto tra mantello e i rivestimenti oppure tra i
rivestimenti e la guaina.
Rivestimenti (coating)
Rivestimento primario
−
Un sottile rivestimento applicato direttamente sul mantello, di solito , durante la trafila
della fibra, allo scopo di mantenere l’integrità della superficie del mantello.
−
Rivestimento secondario
−
Rivestimento applicato sul rivestimento primario, di una o più fibre, per rinforzare la
protezione della fibra nelle manipolazioni e nel cablaggio.
og
ett
oi
−
−
Rivestimento colorato
−
Sottile rivestimento applicato sul rivestimento primario o secondario per rendere ciascuna
fibra identificabile tramite il suo colore.
Guaina (jacket)
Pr
Ogni ulteriore rivestimento applicato su quello secondario o sul colorato per rinforzare la fibra
da cablare
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
89
Profilo d’indice di rifrazione
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Rappresenta la distribuzione dell’indice di rifrazione lungo il diametro di una sezione
trasversale di una fibra ottica. Può essere “a gradino”, “graduale”, “quasi-step”, “muti-step”. I
primi due sono i più diffusi.
Profilo d’indice a gradino
Un profilo d’indice di rifrazione caratterizzato da un indice costante entro il nucleo e una
brusca diminuzione dell’indice nell’interfaccia fra nucleo e mantello.
Profilo d’indice graduale (graded index)
Un profilo d’indice che varia con continuità in funzione della distanza dall’asse della fibra.
nc
hie
sta
Nelle Fig. 61, 62 sono riportati profili dell’indice di rifrazione tipicamente utilizzati per la
realizzazione delle fibre.
Figura 61 – Profilo dell’indice di rifrazione di tipo a gradino (step index profile)
ni
a) sezione trasversale della fibra
b) andamento dell’indice di rifrazione
Pr
og
ett
oi
c) sezione longitudinale della fibra
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
90
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Figura 62 – profilo dell’indice di rifrazione di tipo graduale (graded index profile)
hie
sta
a) sezione trasversale della fibra
b) andamento dell’indice di rifrazione
c) sezione longitudinale della fibra con l’indicazione schematica del
percorso di un raggio
Il profilo di indice di rifrazione consente la propagazione ottimale secondo i differenti modi. Ad
esempio il profilo graduale ottimizza la propagazione multimodale.
oi
ni
nc
Nella Fig. 63 sono riassunte schematicamente le relazioni fra il profilo d’indice di rifrazione, il
tipo di fibra (monomodali o multimodale) ed i diametri relativi di nucleo e mantello.
og
ett
Figura 63 – Sommario dei vari tipi di fibra in funzione dell’indice di rifrazione, del
materiale, del diametro, e della modalità di trasmissione (da la casa digitale 20-7)
Apertura numerica
Pr
La quantità di luce che entra in una fibra (potenza del segnale ottico) è funzione sia del
diametro del nucleo che dell’angolo di accettazione (cono d’ingresso) della luce. L’apertura di
questo cono viene chiamata “apertura numerica” (NA) ed è funzione della differenza tra
l’indice di rifrazione del nucleo e del mantello della fibra (cladding).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
91
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
Θ
Θ
Figura. 64 – Apertura numerica – NA indica l’apertura numerica, n1 è l’indice di
rifrazione del mantello, n2 è l’indice di rifrazione del core.
Attenuazione
hie
sta
Rappresenta la perdita di potenza fra due punti della fibra ad una data lunghezza d’onda. È
usualmente espressa numericamente in dB/km ovvero come il logaritmo del rapporto di
potenza moltiplicato per 10 ed è riferito all’unità di lunghezza della fibra.
Nella Fig. 65 è rappresentata la variazione della attenuazione
in vetro di tipo G.652 al variare della lunghezza d’onda
evidenziato il progresso delle prestazioni delle fibre G.652 C
relativamente al picco sull’andamento dell’attenuazione alla
(water peak).
di una fibra ottica monomodale
di lavoro. Nella figura viene
e D rispetto alle fibre G.652 B
lunghezza d’onda di 1383 nm
og
ett
oi
ni
nc
La Fig. 66 fornisce l’andamento dell’attenuazione di una fibra in vetro in funzione della
lunghezza d’onda con l’indicazione convenzionale delle finestre di lavoro (prima, seconda o
terza finestra). I valori di attenuazione indicati sono “peggiorativi” e servono per il confronto
con quelli della figura successiva Fig. 67 che sono riferiti ad una fibra in plastica. Dal
confronto appare evidente la notevole differenza fra i rispettivi valori di attenuazione (100dB).
Pr
F igu r a 65 – A n da m ento dell’ a ttenu a z io n e in fu n z io n e de lla lu n ghez z a d’ o nda . C u rv a di
a ttenu a z io ne s pe ttr a le pe r fibre m o no mo da li di tipo G . 652B , C e D
(da C L C /T R 50510: 2007)
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
92
1a finestra
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
2a finestra
Attenuazione dB/km
10
5
2
1
0,5
0,25
O,5
O,6
O,7
O,8
O,9
1,1
1,0
1,2
1,3
1,5
1,6
1,7
hie
sta
Lunghezza d’ onda in µm
1,4
3a finestra
F igu r a 66 – A n da m ento dell’ a ttenu a z io n e di u n a fibra in v etr o c o n l’ in dic a z io n e de lle
fin es tr e di la v o r o
400
300
200
ni
100
nc
Attenuazione dB/km
500
O,4
O,45
O,5
O,55
O,6
Lunghezza d’ onda in µm
0,65
0,7
oi
F igu r a 67 – A n da m ento dell’ a ttenu a z io n e in u n a fibra pla s tic a
Lunghezza d’onda di lavoro
Pr
og
ett
La lunghezza d’onda del segnale utilizzato per la trasmissione
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
93
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
hie
sta
La Fig. 68 schematizza le relazioni fra i modi trasmissivi e le lunghezze d’onda.
F igu r a 68 – Mo di tr a s m is s iv i e lu ngh ez z e d’ o n da di la v o r o (da la c a s a dig ita le 20-7)
Lunghezza d’onda di taglio (cut off wavelength)
La lunghezza d’onda al di sopra della quale la propagazione della potenza ottica avviene solo
in un modo di propagazione (nel modo di propagazione fondamentale) mentre per lunghezze
d’onda inferiori la propagazione può avvenire in più modi.
Fibra monomodale (single-mode fibre)
nc
La fibra che, alla lunghezza d’onda di lavoro, consente la propagazione della potenza ottica in
un solo modo (modo fondamentale). È caratterizzata da un diametro del nucleo (diametro del
campo modale) di circa 9 µm.
Fibra multimodale (multimode fibre)
Pr
og
ett
oi
ni
La fibra che alla lunghezza d’onda di lavoro consente la propagazione di più modi. Le fibre in
vetro multimodali più diffuse hanno il diametro del nucleo di 50 o di 62.5 µm.
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
94
hie
sta
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
F igu r a 69– s c h em a tiz z a z io n e de lla pr o pa ga z io n e mo no o mu ltimo da le
Dispersione cromatica
Definita come la variazione del ritardo di gruppo in funzione della lunghezza d’onda. Le
differenti velocità di gruppo delle diverse lunghezze d’onda che compongono lo spettro della
sorgente provocano la distorsione del segnale trasmesso. In particolare nel caso di un
segnale costituito da impulsi si ha allargamento degli impulsi stessi.
Coefficiente di dispersione cromatica
nc
La dispersione cromatica per unità di lunghezza della fibra.
Il coefficiente di dispersione D si misura in ps/(nm.km).
Distorsione modale
ni
In una fibra multimodale è la distorsione derivante dalla propagazione di differenti modi aventi
differenti proprietà. Con riferimento alla fig.69 la fibra a indice graduale ha una minore
distorsione rispetto alla fibra a indice a gradino.
Larghezza di banda
oi
La larghezza di banda è l’estensione del campo di frequenze richieste per la trasmissione
corretta di un segnale. La larghezza di banda un canale di comunicazione è associata alla
quantità di dati che possono essere trasmessi attraverso quel canale nell’unità di tempo.
og
ett
Maggiore è la banda passante maggiore è la capacità di trasportare informazioni.
Pr
Nella fibra ottica la banda passante dipende dal modo di trasmissione e dalle corrispondenti
distorsioni introdotte sul segnale, dalla lunghezza d’onda e dalla natura della sorgente
utilizzata (LED o Laser).
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
95
BIBLIOGRAFIA
pu
bb
lic
a
Si richiama l’attenzione sul fatto che il presente testo non è definitivo poiché attualmente
sottoposto ad inchiesta pubblica e come tale può subire modifiche, anche sostanziali
[1]
Studio Telecom Italia su FTTH.
[2]
TR EN 50173-99-2
[3]
CEI 306-11
[4]
IEC 61931 Fibre optic – Terminology
[5]
ITU-T G.9960 – Unified high speed wireline-based home networking transreceiversSystem architecture and physical layer specification
[6]
ITU-T G.9961 – Unified high speed wireline based home networking transreceiversData link layer specification
Pr
og
ett
oi
ni
nc
hie
sta
–––––––––––––––
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
96
PROGETTO
pu
bb
lic
a
La presente Norma è stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano e
beneficia del riconoscimento di cui alla legge 1° Marzo 1968, n. 186.
Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano – Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 Luglio 1956
Direttore Responsabile: Ing. R. Bacci
Comitato Tecnico Elaboratore
CT 306-Interconnessioni di apparecchiature di telecomunicazione (ex SC303L)
Pr
og
ett
oi
ni
nc
hie
sta
Altre norme di possibile interesse sull’argomento
Progetto
C. 1123:2013-10 – Scad. 18-11-2013
Totale Pagine 98
€ _
Via Saccardo, 9
20134 Milano
T el. 02. 21006. 1
Fax 02.21006.210
[email protected]
w w w. c ei we b. i t
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

creare flashcard