ENERGIA E MASSA IN AMBITO RELATIVISTICO

annuncio pubblicitario
ENERGIA E MASSA
IN AMBITO
RELATIVISTICO
L. Mino
Sommario
- Introduzione sui concetti di massa ed energia in RR
- Rapporto tra massa inerziale e gravitazionale
- Illustrazione di due esempi riguardanti il cambiamento
di massa di un sistema di due cariche dovuto
all’energia potenziale elettrostatica
L. Mino
Energia e massa in RR
- Equivalenza dei concetti di energia e massa:
E = mc2
la massa di un sistema è una misura del suo contenuto
energetico
- Attribuzione di un’inerzia ad ogni forma di energia (prerelativisticamente era una proprietà delle sole masse)
- La massa complessiva di un sistema è, in generale, diversa
dalla somma delle masse dei suoi componenti isolati
L. Mino
Massa inerziale e gravitazionale I
Il termine massa si riferisce a due quantità:
- la massa inerziale, che esprime la resistenza al cambiamento
dello stato di moto di un corpo quando viene applicata
una forza:
F = ma
- la massa gravitazionale, che esprime l’attrazione che un corpo
esercita sugli altri corpi:
F =
GM AM B
rAB
L. Mino
2
Massa inerziale e gravitazionale II
Concettualmente distinte, ma sperimentalmente provate
equivalenti:
- Galileo attraverso la caduta dei gravi:
M
g
a=
m
- Il barone Lorand von Eotvos nel 1909 con una bilancia
gravitazionale con una precisione di 10-6 (esperimenti
successivi hanno raggiunto 10-12)
L’equivalenza tra le due definizioni di massa è derivabile
anche a partire dal principio di equivalenza enunciato da
Einstein.
L. Mino
Coppia di cariche in un campo gravitazionale
Sistema di due cariche puntiformi sospese con due fili di
uguale lunghezza in un campo gravitazionale debole:
q1
m1
l
q2
m2
Trascurando la reciproca interazione tra le cariche, la somma
delle forze necessarie ad equilibrare il campo gravitazionale
risulta essere:
F1 + F2 = (m1 + m2 ) giˆ
L. Mino
Trattazione relativistica
Quando si considera l’interazione tra le particelle l’energia
potenziale elettrostatica modifica la massa a riposo del sistema:
q1q2
M = m1 + m2 + 2
lc
E’ quindi necessaria una forza esterna addizionale per bilanciare
l’aumento di massa dovuto all’energia potenziale elettrostatica:
q1q2 ˆ
∆Ftot =
gi
2
lc
L. Mino
Analisi delle forze nel sistema
Considerando l’equilibrio delle forze agenti su q1:
F1 + ∆F1 + q1E2 + m1 g (−iˆ) = 0
Deduciamo che:
∆F1 = −q1E2
Procedendo analogamente per q2 e sommando:
∆Ftot = −q1E2 − q2 E1
Dal confronto con il risultato relativistico abbiamo:
q1q2 ˆ
gi = − q1E2 − q2 E1
2
lc
L. Mino
E in un campo gravitazionale I
Affinché l’uguaglianza precedente sia verificata sono
necessarie componenti verticali della forza dovuta al campo
considero la distorsione del campo
elettrico
coulombiano causata dal campo gravitazionale.
il campo di una carica in un
Principio di equivalenza
campo gravitazionale g è equivalente a quello generato da una
carica istantaneamente a riposo che subisce un’accelerazione
-g verso l’alto.
Coordinate della particella:
L. Mino
1 2
x = gt
2
y=0
z=0
E in un campo gravitazionale II
Espressione generale per i campi elettromagnetici:
E=e
(nˆ − β )(1 − β 2 )
(1 − nˆ ⋅ β )3 R 2
[
e nˆ × (nˆ − β )× β
+
3
ˆ
c
(
)
−
⋅
n
β
R
1
ret
]
ret
B = nˆret × E
Il tempo ritardato tret è tale che un segnale luminoso emesso
dalla particella raggiunge il punto campo (x,y,0) a t = 0.
L. Mino
Calcolo del tempo ritardato
Ponendo t = 0 – tret abbiamo:
1
2
2
c 2 (∆t ) = x − g (∆t )
2
2
+ y2
Effettuando un’espansione in serie in g, considerandolo un
numero piccolo, troviamo per il primo ordine:
∆t =
(x
2
+y
c
)
1
2 2
L. Mino
xg
1− 2
2c
Valore di E in un campo gravitazionale I
Ora è possibile calcolare
nˆ , β , β , R al tempo ritardato:
1
2
x − g (∆t )
y
2
ˆ
ˆ
nˆ = i
+j
c∆t
c∆t
gˆ
− g∆t ˆ
β=
i
β= i
R = c∆t
c
c
Sostituendo troviamo l’espressione di E:
E ( x, y,0, t ) =
e
(x
2
+y
)
3
2 2
2
2
x
g
y
g
xyg
ˆi x −
ˆ
− 2 + j y− 2
2
c
2c
2c
L. Mino
Valore di E in un campo gravitazionale II
Inserendo i dati relativi al nostro problema di due cariche
puntiformi q1 e q2 a distanza l otteniamo:
q1q2
q1E2 =
l2
2
−
l
g
ˆi
ˆjl
+
2c 2
q2 q1
q2 E1 =
l2
2
−
l
g
ˆi
ˆj (− l )
+
2c 2
L. Mino
Rappresentazione grafica di E
L. Mino
Calcolo della forza addizionale
Come appare anche dalla figura il campo generato da una carica
è tale da spingere l’altra carica verso il basso
per
bilanciare questo effetto è necessaria una forza esterna
addizionale:
q1q2 ˆ
∆Fext = −q1E2 − q2 E1 = 2 gi
lc
Relativisticamente questo risultato viene interpretato come un
cambiamento di massa gravitazionale dovuto all’energia
potenziale elettrostatica.
L. Mino
Coppia di cariche accelerate
Sistema di due cariche puntiformi mantenute ferme da due
forze F1 e F2
y
l
x
Accelerate con a piccola affinché la radiazione emessa sia
trascurabile
forza totale necessaria trascurando
l’interazione tra le particelle:
F1 + F2 = iˆ(m1 + m2 )γ 3a
L. Mino
Trattazione relativistica
Se si considera l’energia potenziale elettrostatica la massa a
riposo del sistema cambia
bisogna considerare un
contributo addizionale alla forza:
q1q2
∆M = 2
lc
q1q2 3
ˆ
∆Ftot = i 2 γ a
lc
Trattando il sistema nell’ambito dell’elettromagnetismo
classico e analizzando tutte le forze agenti, otteniamo:
∆Ftot = − Fem1 − Fem 2
L. Mino
Calcolo di E - I
Per verificare che il risultato classico sia consistente con
quello relativistico è necessario calcolare E:
E=e
(nˆ − β )(1 − β 2 )
(1 − nˆ ⋅ β )3 R 2
[
e nˆ × (nˆ − β )× β
+
3
ˆ
c
(
)
−
⋅
n
β
R
1
ret
]
ret
Occorre quindi un’espressione per il tempo ritardato:
[c(t − tret )]
2
1 2 1
2
= l + at − at ret
2
2
2
L. Mino
2
Calcolo di E - II
Da cui si ricava, arrestandosi al primo ordine in a:
(
t ret = t − l c − v
2
)
1
−
2 2
(
1
+ avl 2 c 2 − v 2
2
)
−2
Dopo aver calcolato nˆ , β , β , R al tempo ritardato,
si può ottenere la componente lungo x di E1:
E x1 = −
q2 a
2
v
2c 2 l 1 − 2
c
L. Mino
3
2
Calcolo della forza addizionale
La forza elettromagnetica agente su q1 lungo x sarà:
Fem1x = q1 E x1
Dato che la forza su q2 sarà uguale per simmetria, ottengo:
∆Ftot = − Fem1 − Fem 2
q1q2 3
ˆ
=i 2 γ a
lc
Risultato che coincide con quello ricavato dall’equivalenza
relativistica massa-energia.
L. Mino
Conclusioni
Nei due esempi illustrati in precedenza l’effetto dell’energia
potenziale elettrostatica sul sistema è stato trattato sia
classicamente sia relativisticamente in modo consistente
emerge chiaramente come le idee relativistiche di energia
e massa siano nate, all’inizio del secolo scorso, a partire da
concetti già insiti nell’elettromagnetismo classico.
L. Mino
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard