Terapia chirurgica dell`otite sierosa cronica nel bambino

annuncio pubblicitario
LA TERAPIA CHIRURGICA DELL’OTITE SIEROSA CRONICA NEL BAMBINO
Il trattamento chirurgico dell’otite sierosa cronica nel bambino va eseguito dopo un’attesa
di almeno sei mesi in presenza di un versamento endotimpanico, documentato da esami
impedenzometrici ripetuti nel tempo, resistente alle terapie mediche eseguite.
L’intervento prevede l’incisione della membrana timpanica con posizionamento di tubi di
drenaggio o tubi endotimpanici. I tubicini permettono di drenare i liquidi presenti
nell’orecchio medio e di ristabilire una pressione corretta nell’orecchio medio,
sostituendosi ad una tuba di Eustachio non funzionante.
L’adenoidectomia come prima opzione terapeutica per il trattamento dell’otite media
cronica secretiva è indicata comunque nei soli casi di adenoidite cronica (flogosi ricorrente
resistente alle terapie mediche) o con adenoidi ostruenti l’orifizio tubarico.
.
L'intervento di drenaggio trans-timpanico o di timpanostomia è un intervento tecnicamente
semplice, eseguito preferibilmente in anestesia generale con l'uso di un microscopio
operatorio. La membrana timpanica viene incisa per pochi millimetri e il tubicino di
ventilazione o tubo di drenaggio (che può essere a forma di T oppure con un collare a
bottone) viene fatto scivolare attraverso l'incisione in modo che una parte si trovi all'interno
della cassa del timpano: in questa maniera viene consentita, sia pure attraverso una via
non naturale, la ventilazione dell'orecchio medio e la conseguente eliminazione della
secrezione densa e collosa all'interno della cassa timpanica, che è la responsabile del
calo dell'udito.
Vengono inoltre favoriti i processi di normalizzazione dell'epitelio di rivestimento della
cassa del timpano, la cui infiammazione è la responsabile della eccessiva produzione di
muco, che assume poi caratteristiche di aspetto e viscosità simili alla colla.
Il drenaggio viene lasciato in sito fino all'espulsione spontanea, che si osserva tra i 3 e i 18
mesi (in media a nove mesi). Se da una parte la timpanostomia consente di ottenere
miglioramenti uditivi immediati e persistenti nel tempo, dall'altra è gravata in piccole
percentuali da complicanze quali lesioni cicatriziali della membrana timpanica, retrazioni
timpaniche, otiti purulente, perforazioni residue.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard