NULLA SU DI NOI, SENZA DI NOI

annuncio pubblicitario
“NULLA SU DI NOI, SENZA DI NOI”
lo slogan di un “Paziente Consapevole”
Dott.ssa Anna Laurenti/Farmacologa
Stiamo assistendo al declino della tradizionale asimmetria medico/paziente, quest’ultimo
non è più passivo di fronte alla figura del medico, alla
patologia e alle cure prescritte. L’innovazione tecnologica e
il facile accesso alle informazioni in Internet hanno contribuito
a cambiarne la figura, siamo di fronte ad un individuo che ha
bisogno di informarsi, conoscere i particolari della propria
patologia. Un paziente che vuole interagire più facilmente
con gli specialisti che lo hanno in cura, a volte collaborando
assieme a loro nello stabilire il percorso terapeutico da
seguire.
Oggi vediamo spesso lo scenario di un malato che può
approfondire molto meglio tutti gli aspetti della patologia, sia
dal punto di vista medico-biologico, sia dal punto di vista della ricerca e delle sperimentazioni
in corso. Inoltre, riesce a leggere con analisi critica alcune pubblicazioni. Gli strumenti che
ha acquisito gli stanno consentendo di colloquiare e interagire a vari livelli tecnici, in modo
da potersi sempre porre “alla pari” con i diversi interlocutori con cui capita di interfacciarsi,
ha la possibilità di utilizzare linguaggi e competenze
tecniche con ricercatori, aziende farmaceutiche o
con i clinici, e può anche tradurre i “tecnicismi” in
parole più semplici.
In realtà il contributo di un paziente consapevole
può essere prezioso per tutte le fasi del processo di
sviluppo di una terapia. Ad esempio, la
collaborazione per la progettazione delle
sperimentazioni cliniche può essere determinante
per definire, insieme ai clinici, i parametri prioritari
nella valutazione della sperimentazione clinica.
Inoltre
va
assolutamente
sottolineato
il
coinvolgimento del paziente nell’ambito della farmacovigilanza, dato che alla fine è proprio
lui che vive sul proprio organismo i benefici e gli effetti collaterali di una qualsiasi terapia,
anche dopo la sua immissione sul mercato. Il paziente, inteso qualche volta come singolo,
ma più spesso come collettività, deve imparare a collaborare con tutte le figure che si stanno
occupando sia di gestione clinica, sia di ricerca clinica. E’ fondamentale che i pazienti
abbiano chiaro un concetto: se la ricerca avanza, o se le metodologie di presa in carico
migliorano, il vantaggio è prima di tutto per loro.
Forse ci vorrà ancora un po’ di tempo per vedere i pazienti seduti ai tavoli decisionali “alla
pari” con clinici, aziende farmaceutiche e agenzie regolatorie ma le cose si stanno
muovendo.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard