Collirio di siero autologo

annuncio pubblicitario
COLLIRIO DI SIERO AUTOLOGO
INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER LA
CONSERVAZIONE ED USO
Alcuni pazienti, per varie cause soffrono di una severa
secchezza dell’occhio che può portare arrossamento,
dolore e danno alla superficie oculare. La maggior parte
trae beneficio da un intenso trattamento con lacrime
artificiali, in taluni casi peraltro questa terapia non è
sufficiente.
Negli ultimi anni si è sviluppato l’utilizzo di un prodotto alternativo prodotto
nei servizi trasfusionali a partire dal sangue stesso del paziente che risulta
efficace nell’aumentare la lubrificazione della superficie dell’occhio , naturale
ed usualmente ben tollerato.
Questo prodotto viene chiamato collirio di siero autologo e viene ottenuto
utilizzando la parta chiara del sangue del paziente ( siero), senza additivi né
conservanti. Può eventualmente essere diluito con una soluzione salina.
Se il collega oculista che la segue le ha consigliato questa terapia , lei verrà
sottoposto ad alcuni esami e ad una vista da parte del medico trasfusionista
per accertare la sua buona salute e la sua idoneità ad essere sottoposto al
salasso di una quantità di sangue intero variabile da 100cc a 250cc che
verrà raccolto in una sacca.
Le dosi e la durata del trattamento le verranno consigliati dall’oculista che
controllerà periodicamente anche l’efficacia.
Il salasso usualmente è associato a rischi minimi nei pazienti idonei quali
debolezza, vertigini dolore in sede di venipuntura.
Sappia che in occasione di tale procedura verrà sottoposto anche al
controllo degli esami virologico per le principali malattie trasmissibili con il
sangue ( Epatite C Epatite B , HIV1/2 ).Se la procedure dovessero essere
ripetute per lungo tempo verrà ricercato anche un eventuale stato anemico.
Dopo l’esecuzione del salasso le verrà consegnato un modulo con il quale
usualmente dopo otto giorni si presenterà al servizio trasfusionale per il ritiro
del collirio.
2
Il suo sangue verrà fatto coagulare e quindi centrifugato per ottenere il siero
inoltre verrà eseguito un esame culturale (il prodotto verrà rilasciato solo se
sterile).
Essendo l’infezione l’unica possibile complicanza nell’utilizzo le
raccomandiamo di attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni di
seguito riportate.
Al momento del ritiro le verrà consegnato un sacchetto con i suoi dati
anagrafici,che dovrà controllare attentamente, contenente dei salsicciotti
monodose di collirio (dovrà presentarsi con un contenitore termico ed
elementi refrigeranti).
Usualmente le verrà dato il quantitativo necessario per la terapia di un mese
che dovrà al più presto porre e conservare in congelatore (freezer a 15/20°C) in un contenitore ermetico dedicato. Non è consentito l’uso dopo
30 gg dalla consegna.
Ulteriori quantità prodotte verranno trattenute presso il Servizio
Trasfusionale in congelatore a – 4 0° C per 6 mesi e le verranno
consegnate di mese in mese.
Al momento dell’uso lasciare scongelare a temperatura ambiente un
salsicciotto ( circa 10 minuti ),
tagliarlo ad una estremità con forbici
pulite e dedicate e quindi spremendo il tubicino instillare il collirio secondo
prescrizione medica, dopo l’uso il tubicino con l’eventuale siero rimasto va
eliminato. I salsicciotti non aperti possono essere conservati a +4° C per 24
ore e a temperatura ambiente per 12 ore.
In caso che il trattamento debba essere ripetuto dovrà contattare il servizio
trasfusionale circa 15 gg prima di ultimare il collirio, allo scopo di fissare un
nuovo appuntamento.
3
ATTENZIONE !
L’utilizzo di questo collirio è strettamente personale: non
impiegarlo su persone diverse dal donatore.
Il collirio è prodotto del sangue del paziente ed è quindi un
potenziale veicolo di infezioni per altre persone (epatite B e C e
altre malattie trasmissibili per via ematica). Il collirio conservato in
frigorifero e in freezer non deve venire a contatto di altre persone
o di derrate alimentari (si consiglia di riporlo in un contenitore
ermetico).
Tenere il collirio fuori della portata dei bambini.
Edito dall’Ufficio Comunicazione su testi e immagini forniti Dipartimento di Medicina
Trasfusionale
Ufficio Comunicazione
tel. 040 – 399 6301 – 040 – 399 6300; fax 040 399 6298
e-mail: [email protected]
Strada di Fiume 447 – 34 149 Trieste
Ambulatorio Trasfusionale
Lunedì / venerdì ore 8-12
Tel: 040 – 399 2858-040 – 399 2904
Revisione 04 – gennaio 2015
4
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard