Monastero di San Salvatore delle Tezze

annuncio pubblicitario
Monastero di San Salvatore delle Tezze – Capo di Ponte
Unica superstite di numerosi rimaneggiamenti durante i secoli, la chiesa del monastero
di San Salvatore si manifesta oggi come un complesso a tre navate terminanti in tre
absidi, caratterizzata da un tetto spiovente a capanna sovrastato da un alto tiburio
ottagonale decorato con quattro coppie di bifore. La struttura, che si erge su un
promontorio sul fianco orientale della media Valle Camonica, si staglia quasi dirimpetto
alla pieve di San Siro di Cemmo, dislocata sull’altro versante dell’Oglio.
La chiesa risale nella sua forma più antica al XI secolo, venendo citata per la prima
volta in una bolla papale di Urbano II nel 1095, sebbene nella parete muraria siano
presenti alcuni frammenti del IX e X secolo, forse di un edificio precedente. I documenti
che ricordano la presenza di una colonia di monaci, sottolineano spesso il gravoso stato
di incuria e disordine del monastero, tanto che nel 1580 lo stesso San Carlo Borromeo
impone di imbiancarne le pareti ed erigere un cancello all’ingresso della chiesa che
impedisca l’ingresso degli animali.
Alla fine del settecento, con la rivoluzione napoleonica, la struttura del monastero
rischia di essere trasformata in una filanda e, solo nel 1879, Giacomo Rizzi riesce ad
acquistarla ed inizia i primi lavori di restauro. La seconda ristrutturazione avviene nel
1958 ad opera del letterato Fortunato Rizzi, mentre la terza è quella avvenuta di recente,
ad opera della Fondazione Camunitas e grazie all’intervento dei coniugi Zaleski, da
sempre molto attenti al recupero ed alla valorizzazione dei beni e dei monumenti
artistici, storici e culturali del territorio.
(a cura di Luca Giarelli)
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard