Il Sole - I.C. Ferrari

advertisement
IL SOLE
Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è
formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%)
Struttura del Sole
0
- nel
NUCLEO
viene
prodotta
l’energia
emessa dal Sole; il
nucleo
ha
una
temperatura di circa 15
milioni di gradi e lì 4
nuclei di idrogeno si
fondono insieme per dare
1 nucleo di elio (la massa
dei 4 nuclei di idrogeno è
maggiore della massa del
nucleo di elio e la differenza di massa viene convertita in pura energia
secondo la celeberrima equazione di Einstein E=mc2)
-
intorno al nucleo si estende la
ZONA RADIATIVA si estende
da circa il 30% al 70% del
raggio solare. Nella zona
radiativa, l’energia prodotta dal
nucleo
è trasportata
per
IRRAGGIAMENTO attraverso il
PLASMA (vi ricordo che i gas
solari sono allo stato di plasma
dove gli elettroni, i protoni e i
nuclei di elio si spostano
liberamente in uno stato
intermedio tra solido e liquido)
impiegando anche centinaia di
migliaia di anni per attraversare
la zona.
- sopra la zona radiativa si trova
la ZONA CONVETTIVA in cui l’energia attraverso MOTI CONVETTIVI, viene
portata negli strati più esterni del corpo celeste. I moti convettivi stellari
consistono in movimenti del PLASMA all'interno della stella, che di solito
formano correnti circolari di convezione che riscalda il plasma in discesa, il
quale, dopo essere risalito, cede energia all'esterno, raffreddandosi,
raddensandosi e riprecipitando verso l'interno.
- In stelle gialle di grandezza media come il SOLE la zona convettiva occupa
il 30% del raggio, e si trova nella parte esterna mentre stelle con temperature
più basse del Sole, come le NANE ROSSE possiedono una zona convettiva
che occupa PER INTERO lo strato tra il nucleo e la superficie mentre
STELLE BIANCO-AZZURRE più grandi del Sole hanno una zona convettiva
molto PIU’ RISTRETTA e posta ALL’INTERNO
0
- sopra
la
zona
convettiva si trova la
FOTOSFERA la cui
temperatura media è
di circa 6000°.
La fotosfera solare è
composta da GRANULI:
ogni granulo è composto
al
centro
da
gas
caldissimo
che
sale
dall'interno della stella,
raffreddandosi
e
ricadendo ai bordi per
moto
convettivo.
Un
singolo granulo ha una
vita media di soli 8 minuti,
ma se ne formano di nuovi
continuamente, dando alla
fotosfera
un
aspetto
complessivo simile ad una
lenta ebollizione.
La
FOTOSFERA
è
caratterizzata anche dalla
presenza di MACCHIE,
zone a temperatura più
bassa
(circa
4000°)
collegate a fortissimi campi
magnetici locali;
spesso il caldissimo plasma solare si innalza dal Sole in PROTUBERANZE
che seguono le curve di questi campi magnetici.
Quando i campi magnetici delle macchie si attorcigliano insieme provocano
violentissime emissioni di luce e particelle ad alta energia con velocità
prossime a quelle della luce (!) detti FLARES, pericolosissimi perché in grado
di mettere fuori uso satelliti e persino la rete elettrica.
Le macchie solari si formano a una certa latitudine e poi migrano verso
l’equatore solare dove scompaiono per poi riformarsi alla latitudine di
partenza in un ciclo che dura circa 11 anni
Vi sono stati periodi nei quali le macchie solari non si sono riformate nel Sole
in particolar modo il periodo tra il 1645 e il 1715 (il cosiddetto MINIMO di
MAUNDER) è corrisposto ad una PICCOLA ERA GLACIALE.
I flares sono eventi eccezionali ma il Sole produce normalmente un flusso
ininterrotto di particelle cariche principalmente composto da elettroni e
protoni che compongono il plasma solare e che è chiamato VENTO
SOLARE. Questo flusso, deviato dal campo magnetico terrestre verso i Poli,
scontrandosi con i gas dell’atmosfera dà origine alle AURORE BOREALI
Al di sopra della fotosfera si estende la CROMOSFERA: definita come una
PRATERIA IN FIAMME dove si originano le SPICULE e le sopra descritte
PROTUBERANZE
Sopra la sottile cromosfera, a diretto contatto con lo spazio, si trova la
CORONA SOLARE, formata da gas, soprattutto idrogeno, ad altissima
temperatura (CIRCA 2 MILIONI DI GRADI!)
0
Nella corona vi sono aree a temperatura e densità minori dette BUCHI
CORONALI
Scarica