Con Steinaecker l Alto Adige scopre un grande talento

annuncio pubblicitario
Con Steinaecker l Alto Adige scopre un
grande talento
Alto Adige — 03 ottobre 2010 pagina 50 sezione: ALTRE
BOLZANO. Con il festeggiatissimo concerto sinfonico ascoltato due sere fa all’Auditorium
si è concluso l’annuale ciclo delle grandi orchestre giovanili e si aperto un entusiasmante
capitolo, per la rivelazione di un nuovo grande talento della direzione d’orchestra. In questa
nostra terra molto musicale e non certo avara di talenti, mancava forse la figura di un giovane
direttore d’orchestra, in grado di salire con successo anche sul podio internazionale ed ecco
ora brillare la stella, con Philipp von Steinaecker che, appunto, ha diretto venerdì l’Orchestra
dell’Accademia “Mahler” di Bolzano. Il giovane direttore, residente in Alto Adige, dove, tra
l’altro, ha fondato e dirige con la moglie, la flautista Chiara Tonelli, il Festival di Musica da
camera di Castel Presule, è altoatesino “d’importazione”: ha scalato fino al vertice la carriera
di violoncellista e da qualche anno si dedica alla direzione, avendo vinto, due anni fa, un
concorso di prestigio internazionale e praticato un lussuoso apprendistato al seguito di maestri
del calibro di Rattle, Jurowski, Norrington, Harding e Gardiner. In occasione del concerto
bolzanino l’arte direttoriale di Steinaecker emergeva a tutto tondo, come quella di un
musicista che esige tantissimo dal proprio impegno e da quello dei giovanissimi orchestrali.
Fin dalla Sinfonia K.V. 338, l’ultima scritta da Mozart prima della frattura con l’arcivescovo
Colloredo e quindi con la natìa Salisburgo, in un prorompente atto creativo contenente in sé
tutta la consapevolezza della propria giovanile genialità, risultava chiaro che la concertazione
e la direzione del giovane maestro sapevano fornire interpretazioni, come si direbbe oggi, ad
alta definizione. Le meraviglie proseguivano con l’eloquenza tardo romantica del Concerto
n.1 op. 33 di Saint Saëns che, oltre a godere della straordinaria prestazione solistica del
violoncello dello svizzero David Pia, forniva al direttore l’opportunità di trasfondere nella
visione d’insieme anche tutto il portato dell’esperienza riguardante lo strumento che egli
pratica e conosce meglio. Ne derivava un’esecuzione semplicemente perfetta per fraseggi,
respiri, equilibri sonori e timbrature orchestrali sempre preziose. Tributate al solista, dal
pubblico e da tutta l’orchestra, giuste e abbondanti ovazioni, il concerto si concentrava sulla
Prima Sinfonia di Robert Schumann, il grande compositore romantico del quale si festeggia
quest’anno il bicentenario della nascita. E omaggio migliore non poteva avere, grazie
all’appassionata esecuzione offerta dall’Orchestra dell’Accademia. © RIPRODUZIONE
RISERVATA - Andrea Bambace
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard