RIFLESSIONI SULLA PASQUA Il tempo pasquale suggerisce

annuncio pubblicitario
RIFLESSIONI SULLA PASQUA
Il tempo pasquale suggerisce pensieri di speranza, di fiducia, ma rischia di risolversi in
“buoni” sentimenti slegati alla concretezza della vita quotidiana. Pertanto è necessario
porre davanti a se stessi i segni che ci aiutino a prendere posizione e a confrontare con
il messaggio del Risorto la nostra vita.
Un primo segno della Pasqua è un sepolcro vuoto. Di fronte a questo sepolcro noi ci
troviamo con le nostre speranze e le nostre illusioni, i nostri desideri e le nostre paure.
Di fronte a questo sepolcro noi possiamo fermarci chiusi nel nostro presente, bloccati
dalle nostre ideologie. Possiamo dire che quel sepolcro è una allucinazione o che è il
frutto di una illusione. Oppure possiamo lasciarci guidare da un annuncio che ci invita
a scoprire una dimensione della vita che è radicata nell’oggi ma è aperta ad un futuro
nuovo. Vita oltre la morte, creazione nuova, salvezza. Pasqua è andare oltre il sepolcro
vuoto.
Un secondo segno è un vero corpo che risorge. Una sottile tentazione è legata
all’annuncio cristiano: negare il corporeo per esaltare lo spirito. E’ lo gnosticismo. Ma
Gesù annuncia la resurrezione a uomini e donne concreti. Il corpo non è un peso dal
quale liberarci ma fa parte della persona chiamata a partecipare al Regno di Dio. Il
corpo – e tutto ciò che riguarda il corpo- viene consacrato dalla Pasqua. Coscienza e
biologia, individualità e relazioni: tutto acquista un senso nell’esistenza di chi pone la
sua fede nel Cristo risorto. Non c’è separazione fra misericordia spirituale e
misericordia corporale: il corpo è chiamato a risorgere in Cristo.
Un terzo segno è la domenica, il giorno uno dei sabati. L’inizio di una nuova creazione,
di una nuova epoca della storia della salvezza. “Senza domenica non siamo”.
Affermazione che Enzo Bianchi attribuiva alle chiese copte sotto persecuzione. La
domenica è qualcosa di diverso da un giorno definito da una norma. E’ il giorno della
nuova umanità che celebra in comunità e nella gioia il giorno del Signore. Il tempo è
di Dio e in Lui non esiste più paura, non esistono chiusure, non siamo oppressi dal
tempo presente.
Segni semplici, forse, ma efficaci perché il tempo pasquale possa essere vissuto nel
nostro oggi e ci aiuti ad accogliere il domani di Dio.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard