Appropriatezza

annuncio pubblicitario
186
bollettino d’informazione sui farmaci
PAROLE IN CROCE
In questo numero il BIF inaugura la nuova rubrica Parole in croce, pensata per far riflettere sul significato
di alcune parole chiave che ricorrono nella pratica clinica. I termini vengono presentati attraverso un cruciverba arricchito da una bibliografia utile per eventuali approfondimenti. Vi sono delle parole che continuano a rimbalzare all’interno dell’area farmaci o della pratica clinica, diventando alle volte dei veri e
propri tormentoni. Sono termini usati talmente spesso per cui è difficile trovare poi una definizione ufficiale
e condivisa. Questa nuova rubrica cercherà di ragionare sul significato di queste parole date troppo spesso
per scontate, incrociandole - per quanto possibile - con il corretto uso dei medicinali.
Appropriatezza
Il termine appropriatezza compare spesso in relazione ad interventi sanitari, ma a fronte delle
numerose citazioni non esiste una definizione
precisa. Una descrizione di questo concetto,
anche se non esaustiva, compare nel Glossario del
Programma Nazionale Linee Guida dell’Istituto
Superiore di Sanità1, nel quale sono distinte appropriatezza clinica o specifica (diagnostica, terapeutica, ecc.) e appropriatezza organizzativa o
generica.
Nel glossario dell’Organizzazione Mondiale
della Sanità2, un trattamento viene considerato appropriato se il beneficio atteso in termini di salute
è superiore ai possibili effetti negativi previsti, con
un margine sufficiente a giustificarne la scelta.
Per quanto riguarda i farmaci, il termine è
spesso associato alla prescrizione e si riferisce al
corretto utilizzo del medicinale; ma anche in
questo caso è un concetto difficile da valutare e
quantificare3.
L’appropriatezza delle prescrizioni presuppone
l’efficacia del farmaco che viene dimostrata in
sperimentazioni cliniche. Affinché un medicinale
efficace risulti appropriato per il malato occorre
che sia impiegato in circostanze adatte, cioè nelle
condizioni studiate nel corso delle sperimentazioni cliniche che ne hanno dimostrato l’efficacia. Tuttavia è molto difficile che si presentino
nella realtà condizioni del tutto identiche a quelle
delle sperimentazioni cliniche, nelle quali i pazienti sono più selezionati, non presentano in
genere patologie concomitanti e sono seguiti con
maggiore attenzione.
In ogni caso, per limitare la non appropriatezza, gli interventi terapeutici dovrebbero
sempre avvalersi di fonti di informazione aggiornate e metodologicamente valide (evidence-
based), come linee-guida, molte delle quali ad
accesso gratuito on-line4-7, Clinical Evidence8 e revisioni sistematiche.
Elementi che influenzano l’appropriatezza
d’uso di un farmaco9
• la correttezza della diagnosi, ovvero l’individuazione corretta del problema clinico nel
quale l’efficacia è stata dimostrata e che rappresenta l’indicazione del farmaco;
• l’indicazione, che deve essere quella per cui
è stata dimostrata l’efficacia clinica del
farmaco;
• la dose;
• la via di somministrazione;
• la durata della terapia e la programmazione
di una revisione periodica del trattamento;
• l’impiego in pazienti con controindicazioni;
• l’impiego in pazienti che fanno già uso di
farmaci che presentano possibili interazioni
col nuovo farmaco.
Bibliografia
1. www.pnlg.it/glossario/gloss_a.htm
2. www.euro.who.int/observatory/Glossary/TopPage?phrase=A
3. Britten N, Jenkis L, Barber N, Bradley C, Stevenson F.
Developing a measure for the appropriateness of prescribing in general practice. Qual Saf Health Care 2003; 12:
246-50.
4. Woolf SH, Grol R, Hutchinson A, et al. Potential benefits,
limitations and harms of clinical guidelines. BMJ 1999; 318:
527-30.
5. www.pnlg.it
6. www.guideline.gov
7. www.sign.ac.uk
8. www.aifa.clinev.it
9. Alcune riflessioni sull’appropriatezza nell’uso dei farmaci:
www.ministerosalute.it/medicinali/resources/documenti/
notecuf/noteebm2.doc
AIFA - Ministero della Salute
bollettino d’informazione sui farmaci
ANNO XII N. 4
1
2
3
11
4
5
12
6
8
13
20
22
26
15
23
27
30
16
29
32
36
41
24
28
31
35
40
10
19
21
25
9
14
18
17
39
7
33
34
37
38
42
44
45
43
46
47
48
49
50
A P P R O P R I A T E Z Z A
51
52
53
54
57
58
62
55
59
63
60
61
65
64
66
69
56
67
71
70
76
75
77
79
80
83
84
68
72
73
78
81
85
88
74
82
86
87
89
Pietro Dri
ORIZZONTALI
1 Pronto soccorso all’inglese
4 Ci si va per le emergenze
6 Disturba il cuore
11 Dilatazione delle vene testicolari
14 Unione Europea
15 Se inglese
17 Immunoglobuline
18 Infiammazione delle labbra
19 Arredo da psicanalista
20 Dittongo in e
22 Transtoracica
23 Pronome personale
24 Una malattia articolare in
sigla
25 Risponde ai triciclici
30 Svogliata
31 Ci si va per un infarto
32 Proba
35 Un farmaco antinfiammatorio selettivo che dovrà riportare le nuove importanti avvertenze (http://www.agen-
ziafarmaco.it/documenti/co
x2_comunicato_emea_270
62005.pdf) sul rischio cardiovascolare
38 Extracardiaco
39 Ossa del piede
42 Indugiare
43 Mineralometria Ossea
44 Massima concentrazione
di un farmaco nel plasma
46 Questi in breve
47 Difetto di conduzione del
cuore
48 Adeguatezza delle decisioni diagnostiche e prescrittive rispetto alle prove
di efficacia e alla situazione
del paziente
51 Un tempo si assaporava a
scopo diagnostico
52 Può essere di sorveglianza
53 Spesso sono difficili
55 Insiemi di tre sintomi
57 Dispari di tassi
58 Una meninge
60 Devoto
61 Preposizione articolata interna
62 La figlia del dagherrotipo
65 In ospedale si fa presto
66 Volubile
68 Sigla di Trento
69 Due filtri
71 Ci sono quelle urinarie
72 Preposizione articolata
73 Poeta spagnolo
75 Possessivo femminile
76 LES senza fine
77 Anno Corrente
78 Jogging in italiano
79 Prefisso per articolare
80 La città del Belgio (all’italiana) da cui derivano le
mostarde azotate
82 Il gruppo dei trapianti del
Nord Italia
83 Antigene carcinoembrionario
84 Snow ne individuò a Londra
la fonte di contagio
86 Filosofo celebre per il rasoio
88 Sofferenze
89 Prefisso per vita animale
VERTICALI
1 Epoche storiche
2 Quelle anali fanno molto
male
3 Difetto nervoso reiterato
4 Scrisse I delitti della Rue
Morgue
5 Ne ha alcune il polmone
6 A volte sono etilici
7 Dopo sigma
8 Transuretrale
9 Un dodicesimo dell’anno
10 L’ente regolatorio italiano
per il farmaco
12 Protrusioni bilaterali della
cornea
13 Gelo senza inizio né fine
16 La fondamentale funzione
di medici e farmacisti per
segnalare all’AIFA gli ef-
La soluzione del cruciverba verrà pubblicata sul prossimo numero del BIF.
AIFA - Ministero della Salute
187
2005
fetti avversi dei farmaci
21 Elettroencefalogramma
23 Grosse pietre oblunghe
degli antichi celti
26 Vanno fatte con appropriatezza
27 Divisi
28 Di solito è patogena
29 Esempio
30 Tempo di tromboplastina
parziale
33 Prefisso per giovane
34 Argomento
36 Riferire una bibliografia
37 Può essere media
40 Osservazione
41 Riportata al suo stato originale
45 Offerta pubblica d’acquisto
47 Sono ricche di potassio
49 Dieci in un chilo
50 Gruppo sanguigno
54 Iterativo di sia
56 L’odontoiatra per tutti
58 Quelle di efficacia guidano
la scelta di un farmaco
59 Ulcere della bocca
60 Mitica sostanza per guarire tutti i mali
62 Hanno spesso effetti collaterali
63 Gioco avocalico
64 Intrarterioso
67 A te
70 Irlanda
73 Rumore polmonare
74 Acido contrastato dall’allopurinolo
76 Precede spesso regionale
nell’anestesia
77 Incitamento a muoversi
per gli animali da soma
80 È epatico o polmonare
81 Al fine di
85 Volo in centro
86 Favoloso paese di un celebre mago
87 Avversativo
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard