Cielo di Gennaio 2016

annuncio pubblicitario
Cielo di Gennaio 2016
(La mappa è ottimizzata per il giorno 15 del mese alle h. 22:00)
SOLE
1 gennaio
7:40
16:51
15 gennaio
7:38
17:05
31 gennaio
7:26
17:25
Le giornate si allungano di circa 48 minuti
LUNA
2 gennaio
10 gennaio
17 gennaio
24 gennaio
Ultimo Quarto
Luna Nuova
Primo Quarto
Luna Piena
06h 30m
02h 30m
00h 26m
02h 46m
Gli orari indicati sono validi per una località alla latitudine media italiana e sono riferiti al tempo
segnato dai nostri orologi per uso civile: T.M.E.C. (Tempo Medio Europa Centrale)
Crediti: INAF TV e Cielo del mese UAI per il testo, Heavens-Above.com per la mappa del cielo
Nel cuore della costellazione del Cane Maggiore, ben visibile nelle sere di gennaio, è possibile ammirare
l’ammasso stellare aperto Messier 41, o M41. Con un cielo scuro e lontano dai centri abitati, può essere
osservato anche ad occhio nudo, leggermente a sud della brillantissima Sirio, la stella più luminosa della volta
celeste, e si mostra come una tenue macchiolina nebulosa. Ma già con un semplice binocolo si riescono a
individuare diverse stelle tra le circa cento che lo compongono.
M41 si trova a circa 2.300 anni luce da noi, ed è collocato alla periferia del braccio di spirale galattico in cui si
trova anche il nostro Sistema solare, il Braccio di Orione. Le misure sul suo diametro apparente, leggermente
più grande della Luna piena, indicano che l’ammasso si estende per circa 25 anni luce. L’analisi delle stelle
che lo compongono invece mostra che M41 è alquanto giovane, in termini astronomici: la stima della sua età
è compresa fra i 190 e i 240 milioni di anni.
Lasciando M41, continuiamo a dare uno sguardo al cielo serale di questo inizio 2016.
Costellazioni
Verso sud, è ben visibile la costellazione di Orione. Al suo fianco troviamo i Gemelli, l’Unicorno e il Cane
Minore, mentre più in basso c’è la Lepre e il Cane Maggiore, come già detto con la luminosissima Sirio.
A occidente troviamo il Toro e Perseo mentre tramontano l'Ariete, i Pesci e Andromeda. Verso nord sono
visibili attorno all’Orsa Minore le costellazioni del Drago, Cefeo, Cassiopea, Giraffa, Lince e Orsa Maggiore.
Ad est, infine, sono ben visibili ormai il Leone, l’Idra e il Cancro.
Pianeti
Tra i pianeti, Mercurio può essere scorto ad inizio mese subito dopo il tramonto del Sole, basso verso ovest.
Con il passare dei giorni il pianeta si riavvicina al Sole, con cui sarà in congiunzione il 14, diventando
inosservabile. Verso fine mese riappare al mattino, sorgendo fin quasi un’ora e mezza prima del Sole, ad est.
Venere, è sempre luminosissimo al mattino, prima del sorgere del Sole.
Marte può essere invece individuato a tarda notte verso Sud-Est.
Giove anticipa con il trascorrere dei giorni l’orario del suo sorgere e alla fine del mese compare sull’orizzonte
orientale già nelle prime ore della notte.
Le condizioni di osservabilità di Saturno sono analoghe a quelle di Venere, al quale nei primi giorni del mese
si avvicina progressivamente fino a una stretta congiunzione il 9, prima dell’alba.
Congiunzioni
La luna, che questo mese sarà nuova il 10 e piena il 24, creerà nel suo moto apparente nel cielo delle
interessanti congiunzioni: con Marte nelle prime ore del 3 gennaio, verso sud est, con l’accoppiata VenereSaturno nella prima mattina del 7, sull’orizzonte sud orientale e infine con Giove nella notte tra il 27 e il 28
gennaio.
Ricordiamo ancora la stretta congiunzione di Venere con Saturno che si verificherà la mattina del 9 gennaio,
in cui la distanza apparente tra i due pianeti sarà di appena un sesto del diametro della Luna piena.
Meteore
Per concludere, segnaliamo che nella notte tra il 3 e il 4 gennaio è previsto il massimo dello sciame di meteore
che prende il nome di Quadrantidi, uno dei più corposi dell’anno.
Il radiante di provenienza, ovvero il punto da dove sembrano irradiarsi e verso dove si consiglia di puntare lo
sguardo, si trova nella costellazione del Boote, che sorge attorno alla mezzanotte ad Est.
Meglio dunque osservare quella regione di cielo nelle ore che precedono l’alba del 4 gennaio, quando Boote
sarà ben alta.
Crediti: INAF TV e Cielo del mese UAI per il testo, Heavens-Above.com per la mappa del cielo
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard