Analisi degli aspetti economico-territoriali ed amministrativi della

annuncio pubblicitario
Analisi degli aspetti economico-territoriali ed amministrativi della “Città
metropolitana” di Padova
Vittorio Domenichelli
Dipartimento di Diritto comparato
Università di Padova
[email protected]
Francesca Gambarotto
Dipartimento di Scienze Economiche
Università di Padova
[email protected]
Paola Santinello
Dipartimento di Diritto comparato
Università di Padova
[email protected]
La definizione delle caratteristiche economico-territoriali si articola sui seguenti temi:
a) analisi della localizzazione delle attività industriali e artigianali:
fonte dei dati: Istat, censimenti vari, unità locali e addetti per comune, tassi di occupazione; censimento
sulle aree industriali.
misure : tavole descrittive sulla struttura economica dell’area in termini disaggregati per comune e in
termini di area metropolitana; quozienti di localizzazione dei settori produttivi per comune; misure di
concentrazione geografica all’interno dell’area metropolitana (analisi della distribuzione spaziale delle
attività economiche); grado di utilizzo delle aree industriali (analisi intra-area).
Confronti con altre aree urbane con dimensione di popolazione residente simile a quella della “città
metropolitana” di Padova. (analisi inter-area)
In questa parte dell’analisi s’intende descrivere la struttura economica dell’area metropolitana,
rilevarne il cambiamento nell’arco degli ultimi vent’anni e osservare la disposizione spaziale degli
insediamenti economico-industriali (dispersione e concentrazione). L’obiettivo è quello di offrire una
descrizione dettagliata dell’assetto economico-territoriale della città assumendo un confine allargato
(metropolitano).
b) analisi della struttura del mercato abitativo (ultimi 10 anni) :
fonte dei dati: Istat: stock costruito per tipologia abitativa (verificare l’esistenza del dato annuale); dati
comunali?
Misure : tavole descrittive
Confronti tra stock costruito e disponibilità prevista del piano regolatore di ogni comune per verificare:
lo scarto tra “stock costruito e ancora disponibile”, variazioni nelle destinazioni d’uso di aree comunali
(analisi intra-area)
La crescita del mercato residenziale nelle aree comunali confinanti al comune di Padova offre una
misura del livello di integrazione urbana tra questi comuni. Questo processo di crescita dimensionale,
che ha investito la maggior parte delle città europee di medie dimensioni a partire dagli anni ’80, mette
in luce la necessità di piani integrati d’area per garantire una crescita bilanciata delle città. Tale
finalità è rivolta al controllo della competizione per sfruttare le rendite urbane legate sia a processi di
crescita intensiva (aree ad alta densità abitativa) sia a processi di crescita estensiva (conversione di
suoli agricoli in suoli urbani per realizzare modelli insediativi a bassa densità con elevato consumo del
suolo). Inoltre è necessario rilevare il fenomeno insediativo nelle fasce periurbane per garantire una
forma urbana dell’area metropolitana, là dove entrano in conflitto città e campagna.
c) analisi sul gettito d’entrata (finanza locale):
fonte dei dati: bilanci comunali (ultimi tre anni)
Misure : indici di bilancio
Confronti tra la struttura delle entrate di bilancio dei comuni appartenenti all’area metropolitana
(analisi intra-area).
Tale comparazione dovrebbe mettere in luce il peso dell’ICI e degli oneri di urbanizzazione nel gettito
delle entrate.
La finanza locale è strettamente legata alle scelte di pianificazione e di insediamento delle attività
economiche e residenziali. L’autonomia finanziaria dei comuni e la disponibilità economica nel fornire
beni pubblici locali dipende in misura significativa dalle fonti del gettito d’entrata delle
amministrazioni locali. Ogni comune può scegliere indipendendentemente dagli altri le strategie di
crescita residenziale ed economica. Ma se, al contrario, le municipalità dell’area metropolitana
riconoscono l’appartenenza ad una municipalità di ordine superiore (l’area metropolitana diventa una
municipalità virtuale) allora le scelte di pianificazione legate a finalità di crescita economica
richiedono un livello di coordinamento e di riconoscimento reciproco per contribuire al benessere della
collettività della municipalità virtuale e non solo della popolazione del singolo comune.
-
Progetto relativo all’I.C.I. e agli oneri di urbanizzazione
(Identificazione dei vincoli ambientali nell’area metropolitana e studio di eventuali strumenti
perequativi per salvaguardare destinazioni d’uso con bassa rendita urbana - ad esempio i parchi). Analisi
delle entrate tributarie o paratributarie derivanti dall’edificazione:
I.C.I.
contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione+costo di costruzione).
Analisi riferita specificatamente ai Comuni dell’area padovana; analisi dell’incremento delle
edificazioni in rapporto all’avvento dell’I.C.I.
Lo strumento di coordinamento può essere individuato in:
a) piani regolatori intercomunali
b) convenzioni ex art. 15 l. 241/1990 o ex art. 30 T.U. 267/2000 per predisporre ipotesi di
strumentazione urbanistica coordinata:
b1) la convenzione potrebbe creare, ad es., una “agenzia” (intesa come “ufficio comune”) per la
programmazione unitaria (almeno) di determinate funzioni o destinazioni di uso del territorio
(produttive, residenziali, parchi e direttrici urbanitiche). Compiti istruttori di progettazione (per redigere
ad es. i piani intercomunali), di studio, di istruttoria di pratiche edilizie, senza spogliare naturalmente il
Consiglio delle funzioni deliberative.
b2) La convenzione potrebbe impegnare a recepire nel proprio PRG le scelte compiute dall’“agenzia”.
La convenzione potrà prevedere forme di compensazione fra gli enti nel caso di penalizzazioni
edificatorie (studiando anche automatismi? Creando ad es. un “fondo comune” con percentuali
prefissate dei proventi dell’I.C.I. e degli oneri di urbanizzazione da destinare ai meccanismi
compensativi).
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard