Cesare, II, 17

annuncio pubblicitario
Ritratto di Cesare(II)
Plutarco, Vite Parallele, Vita di Cesare, 17
TRADUZIONE:
Viaggiava così rapidamente che la prima volta partì da Roma e compì il viaggio
fino al Rodano in otto giorni. Cavalcare era sempre stato facile per lui sin da
bambino; sapeva persino mantenersi in sella con il cavallo spinto a grande
velocità, tenendo le mani unite dietro la schiena. Durante la campagna militare
in Gallia si esercitò inoltre a dettare lettere mentre cavalcava e a tenere testa
contemporaneamente a due scrivani, dice Oppio, o anche più. Si narra che
Cesare sia stato il primo ad usare la corrispondenza per tenersi in contatto con
i suoi amici, quando la quantità dei suoi impegni e l’estensione di Roma non gli
consentivano di incontrarli di persona per discutere affari urgenti. A dimostrare
quanto poco esigente fosse in tema di cibo, si cita di solito questo episodio:un
suo ospite, presso cui mangiava a Milano, Valerio Leone, mise in tavola degli
asparagi conditi con mirra, anziché con olio. Cesare li mangiò tranquillamente
e rimproverò i suoi amici che si sentivano offesi. «Bastava»disse«che coloro a
cui non piacevano non se ne servissero. Chi si lamenta di una villaneria come
questa, è un villano anche lui». Un’altra volta, mentr’era in viaggio, una
tempesta lo costrinse a riparare nella capanne di un pover’uomo; come vide
che si componeva di non più di una stanza, capace di ospitare a malapena una
sola persona, disse rivolto agli amici«Gli onori spettano ai più potenti, ma le
comodità ai più deboli»e impose ad Oppio di riposare lui nell’interno , mentre
egli dormì con gli altri sotto la gronda, davanti alla porta.
Scarica
Random flashcards
Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

123

2 Carte

creare flashcard