L`economia più libera è ad Hong Kong,

annuncio pubblicitario
L’economia più libera è ad Hong Kong,
la più repressa nella Corea del Nord
Anche per il 2006 la palma dell’economia più libera al mondo è andata ad Hong Kong, che
ha superato Singapore, seconda classificata, migliorando la sua performance nei seguenti
comparti: commercio, politica monetaria, investimenti esteri, finanza bancaria, diritto di
proprietà e regolamentazione.
Dopo Singapore si sono classificati tre Paesi europei, e precisamente Irlanda,
Lussemburgo e Regno Unito, mentre l’Italia è ferma al quarantaduesimo posto.
Bisogna però restare sempre in Asia per trovare anche l’economia più repressa. Se, infatti,
Hong Kong guida l’Index of Economic Freedom, la Corea del Nord chiude la speciale
classifica al 155° posto. Dal successo, al fallimento.
L’ex colonia britannica appare come una stella luminosa, la Corea del Nord uno spazio
completamente buio. Tornata sotto il controllo delle autorità di Pechino nel 1997, Hong
Kong si laurea campione del libero mercato, nonostante la scia di negativa dell’epidemia
della Sars, che nell’isola ha causato trecento vittime. La formula del successo ha un nome
preciso: flessibilità. Grazie a questo fattore, infatti, Hong Kong ha saputo adeguarsi e
trarre benefici dai repentini cambi di direzione che caratterizzano l’era della
globalizzazione. Nel settore commerciale, l’isola d’oro del Sudest asiatico si segnala per il
basso livello di misure protezionistiche. Di qui, la straordinaria capacità di attrarre
investimenti dall’estero, amplificata dalla semplicità delle procedure e dall’efficienza del
sistema bancario. Peraltro, nel maggio del 2002, l’Autorità Monetaria (Hkma) ha rimosso
tutte le restrizioni sul numero di banche straniere autorizzate ad aprire filiali ad Hong Kong.
Praticamente non ci sono ostacoli ai flussi di capitali stranieri, tranne che nel settore della
comunicazione. D’altro canto, il diritto proprietario gode di un alto livello di protezione.
Secondo il Dipartimento di Stato americano “le corti garantiscono una efficace tutela dei
contratti, la rapida soluzione delle controversie e la protezione della proprietà intellettuale”.
Resta comunque nel mondo delle imprese il timore per un possibile giro di vite da parte di
Pechino, che andrebbe ad incidere negativamente sull’appetibilità della piazza di Hong
Kong. Per adesso, tuttavia, stando alle dichiarazioni del ministro delle Finanze, Antony
Leung, “il governo continuerà a supportare il mercato” senza intervenirvi direttamente. Se
dunque, Hong Kong è il massimo delle libertà economiche, la pietrificata Corea del Nord
rappresenta il fanalino di coda del libero mercato. Sembra appropriata in tal caso
l’equazione Hong Kong sta alla flessibilità come la Corea comunista sta alla rigidità. Lo
Stato, personificato dal dittatore Kim Jong, controlla ogni ambito della vita socioeconomica. I disastri prodotti da questo regime comunista, fermo a 50 anni fa, sono
riassunti in una cifra agghiacciante: tre milioni di persone morte per fame negli ultimi 10
anni. E l’ecatombe sarebbe stata perfino di dimensioni maggiori se la comunità
internazionale non avesse inviato ingenti aiuti alimentari per i 22 milioni di nordcoreani.
Daniele Scuccato
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard