Romanino a Montichiari - Comune di Montichiari

annuncio pubblicitario
Romanino a Montichiari
visite guidate ai luoghi romaniniani
Montichiari - domenica 26 maggio 2013
partenza dal Museo Lechi
via Martiri della Libertà 33 - Montichiari
per informazioni:
tel. 030 96 50 455
[email protected]
www.montichiarimusei.it
Programma della giornata:
ore 14.50 Museo Lechi, raccolta visitatori e pagamento quota di partecipazione
ore 15 Museo Lechi
Visita guidata: Il Cinquecento lombardo al Museo Lechi
ore 16.30 Duomo di Santa Maria Assunta
Visita guidata: L'Ultima Cena di Girolamo Romanino
ore 17.30 Pieve di San Pancrazio
Visita guidata: La sacra conversazione di Callisto Piazza allievo di Romanino
I luoghi:
- Il Museo Lechi (via Martiri della Libertà)
Il museo espone la prestigiosa quadreria dei conti Luigi e Piero Lechi, discendenti da
una famiglia di generali napoleonici e collezionisti illuminati, che nel maggio 2005
decidevano di legare il proprio nome a un’istituzione museale in grado di valorizzare le
circa 350 opere d’arte tra dipinti, disegni, stampe e porcellane di provenienza
famigliare o acquisite in anni di ricerche antiquarie. Le 14 sale del percorso espositivo,
ricche di testi descrittivi, si concentrano su opere pittoriche dal Quattrocento al
Settecento con importanti esempi di scuola lombarda da Alessandro Bonvicino detto
Moretto a Giacomo Ceruti detto Pitocchetto, e notevoli episodi di pittura seicentesca
romana, napoletana e genovese o di pittura di genere (ritratti, battaglie, pitocchi).
Per l'occasione potremmo esporre la Madonna romaniniana replica della versione di
Brera con testi descrittivi e fotografie del restauro e delle indagini all'infrarosso.
- Il Duomo di Santa Maria Assunta (piazza Santa Maria)
Edificato nel XVIII secolo il di Duomo di Montichiari conserva sull'altare del Santissimo
Sacramento (secondo a sinistra) "l'Ultima Cena" (tela, cm 293x190) capolavoro di
Gerolamo
Romanino
databile
ai
primi
anni
Quaranta
del
Cinquecento
e
presumibilmente commissionato dalla locale Scuola del Santissimo Sacramento per la
precedente parrocchiale, in origine arricchita da altre opere di Romanino purtroppo
distrutte da un disastroso incendio.
La ricostruzione settecentesca del Duomo comportò la perdita dell'originaria cornice
della grande pala d'altare oggi incastonata a tre metri di altezza in una solida
modanatura marmorea.
L'opera si contraddistingue per una straorinaria quanto inaspettata qualità prospettica
e naturalistica della tavola imbandita, attorno alla quale siedono gli apostoli.
L'iconografia del fatto evangelico ha inoltre singolari difformità rispetto ad altre
rappresentazioni tradizionali.
- La pieve di San Pancrazio (via G. Matteotti, Colle di San Pancrazio)
Documentata dall'inizio dell'XII secolo la Pieve romanica di San Pancrazio è tra le più
grandi e meglio conservate in Lombardia. Sorge sull'omonimo colle e domina la
pianura sottostante con un'imponente facciata composta, come il resto dell'edificio, da
regolari e squadrati conci di medolo. Al suo interno persiste un'atmosfera di grande
fascino nella semplicità degli spazi, le preesistenze romane e il silezio del luogo. A
parlare è la suggestione degli affreschi votivi che datano dal Trecento al tardo
Cinquecento, ovvero fino a quando la chiesa venne abbandonata a favore del Duomo
a valle.
Tra questi si riconosce ancora, nonostante i danni subiti, un "San Pancrazio a cavallo"
dipinto da Girolamo Romanino negli anni venti del secolo XVI che si accompagna ad
una splendida e coeva "Sacra Conversazione" realizzata da Callisto Piazza allievo del
maestro bresciano.
La manifestazione rientra negli eventi del festival: I volti di Romanino.
Rabbia e fede
a cura dell'Associazione Cielivibranti
www.festivalromanino.it
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard