User Generated Content.

annuncio pubblicitario
Chi sono.
Nel 1994 ho diretto la fondazione
del primo quotidiano online in Italia
MIX Online.
Nel 1996 ho fondato con altri 5 soci
XMEDIA una delle più importanti
new media agency italiane e
X-CONTENT editore di 35mm.it e
ZApping.it.
Dal 2003 sono consulente MEDIASET
per la TV Digitale, che ho
rappresentato al DVB ed al DGTVi.
Fondatore di N3TV il primo progetto
di NetTV generalista italiano.
Il libro.
L’idea di scrivere un libro nasce
nel settembre del 2006.
L’obiettivo: custodire in un solo
scritto tutti i ragionamenti, gli
approfondimenti e gli studi fatti
sulla convergenza tra Internet e
TV.
Ho usato constantemente il mio
blog come block notes per
prendere appunti e conversare
con gli utenti sugli argomenti di
questo libro.
E’ un vero e proprio Blog Book,
nato dalla conversazione con i
lettori.
1
Digital Entertainment
La digitalizzazione.
Dalla fine degli anni 70 è
cominciata la digitaliazzazione
della musica con i CD Audio
E’ seguita la digitalizzazione dei
materiali video con i DVD e oggi
i DVD ad alta definizione.
Negli anni 70 sono nati i
videogames altra forma di
contenuti interattivi digitali.
Oggi tutti i contenuti d’intrattenimento sono “liquidi”
e possono essere scaricati dalla rete con grande
facilità: gli MP3/AAC per l’audio, MP4/DiVX per i
Film, etc.
La lunga coda.
Nel mondo degli atomi le risorse a
disposizione per il mezzo televisivo
sono sempre state scarse.
Frequenze limitate, Pochi Canali,
Palinsesti limitati dai vincoli di
tempo (12 ore al dì).
Le logiche di produzione e
distribuzione della televisione sono
state sempre condizionate dalla
necessità di ottimizzare i pochi slot a
disposizione.
Solo programmi di successo, pensati
per il pubblico più ampio possibile.
Online non ci sono più limiti: Palinsesti infiniti,
disponibili 24 ore al giorno. Quello che si è capito
leggendo i numeri delle distribuzioni digitali è che la
gente quando può scegliere, sceglie! Oltre il %30 del
fatturato dei servizi online è dato da contenuti
collocati nella lunga coda delle vendite.
La convergenza di fattori.
Contenuti d’intrattenimento
digitalizzati.
Diffusione di Internet a banda
larga.
Motori di ricerca efficienti e P2P.
Nuovi sistemi di compressione del
video.
Piattaforme standard per la
distribuzione di video online.
}
Cos’è la
Gli Ingredienti
E’ la televisione che ha Internet
come antenna.
Non è più legata al palinsesto.
Non ha più confini di
distribuzione.
E’ fruibile in qualsiasi momento ed
in qualsiasi posto.
E’ popolata da miriadi di contenuti
in grado di soddisfare qualsiasi
gradimento.
?
2
La lunga coda della TV.
Contenuti Free.
I broadcaster possono pubblicare
tutti i loro contenuti anche il loro
passato.
Con i mezzi e le esperienze attuali
si possono creare ad una frazione
del costo nuovi contenuti per le
nicchie.
User Generated Content, le
produzioni indipendenti generate
dagli utenti.
Palinsesto Premium.
Film e serie TV possono essere
distribuite online in un palinsesto
dalle dimensioni inarrivabili nel
mondo degli atomi.
Anche i palinsesti “premium” su
satellite o DTT sono comunque
soggetti al palinsesto.
Si possono implementare nuove
formule per la vendita e l’affitto
dei contenuti.
I problemi aperti sono: i diritti di
distribuzione e la compatibilità tra
i DRM.
Il problema del DRM.
Il DRM è una sorta di cassaforte
digitale dentro al quale vengono
custoditi i contenuti premium.
Solo chi acquista la chiave per
aprire la cassaforte può sbloccare
la visione di un determinato
contenuto.
Il problema è che ogni produttore
o distributore ha una cassaforte
con una sua personalissima
serratura.
I DRM non sono compatibili tra di
loro. E’ necessario trovare uno
standard per l’interoperabilità o,
meglio, abolire i DRM.
3
Come si vede la
Come si vede la
RSS
}
}
}
}
?
Podcasting Video
Embedded Video
Non Lineare.
La fruizione della Net TV avverrà
prevalentemente in modalità “non
lineare”. Come con un PVR avremo a
disposizione le clip video ricevute, ad
esempio, da un abbonamento ad un
Podcast Video, che potremo decidere di
vedere dove e quando ci pare.
Lineare.
La fruizione lineare sarà orientata
prevalentemente a quei contenuti che
devono essere visti in diretta: sport,
news, eventi, manifestazioni. La diretta
è possibile grazie a diverse piattaforme
esisti, alcune delle quali utilizzano il
P2P per il live streaming.
Non Lineare, il modello PVR.
Nella televisione classica la fruizione non lineare dei contenuti è già un
fenomeno largamente diffuso (PVR, TiVo, MySky). La logica di funzionamento
dei PVR è molto simile a quella dei Podcast Video: guida programmi, scelta del
contenuto, sottoscrizione alle “serie” per ricevere in automatico tutti gli
aggiornamenti. I Podcast Video sono dei PVR aperti alle masse.
Video Podcast.
La standardizzazione del protocollo
RSS 2.0 ha dato vita ad una nuova
formidabile forma di distribuzione
per i contenuti online: i Podcast.
Abbonandosi, quasi sempre
gratuitamente, ad un Podcast si
ottengono automaticamente tutti gli
aggiornamenti di una serie Net TV.
Qualsiasi “apparecchio” abilitato
agli RSS può sintonizzarsi su un
Podcast: PC, Telefonino, Televisore,
Consolle da gioco, etc.
Ogni blog è un potenziale canale TV.
Gli aggregatori.
www.coolstrea
Senza filtri ed aggregatori non è possibile valorizzare la lunga coda
dei contenuti Net TV. Esistono già oggi diversi aggregatori che
fungendo da “Guide ai Programmi” consentono a chiunque di
esplorare l’universo deo contenuti Net TV. Se un Podcast Video lo
possiamo equiparare ad una classi trasmissione TV, un aggregatore o
Portale Video tematico è l’equivalente di un canale TV.
Il Live Streaming
La diretta Net TV è oggi possibile
grazie a nuove piattaforme web
che offrono questo servizio in
modalità gratuita.
E’ possibile creare molto
semplicemente delle vere e
proprie stazioni TV quasi senza
costi.
Alcune soluzioni prevedono
l’utilizzo del protocollo P2P
anche per la gestione del live
streaming.
L’utilizzo del P2P permette di
scalare la trasmissione su qualsiasi
scala distribuendo i costi di
trasmissione.
}
}
.
Il P2P.
Il P2P originariamente è stato
considerato come il demonio:
l’unico motivo del tracollo
dell’industria dell’intrattenimento.
Spiderman3.DiVx
100%
60%
30%
96%
80%
?
0% (no source)
TV
Costi
In realtà il P2P è la tecnologia
emersa naturalmente dalla rete per
risolvere in maniera
straordinariamente semplice il
problema della distribuzione su
larga scala senza gravare su di
un’unica sorgente.
m
ea
tr
g
in
S
Il P2P ha ancora problemi legati alla
latenza delle trasmissioni.
P2P
Utenti
Piattaforme P2P.
Diversi sono i progetti che
utilizzano il P2P come portocollo
per la trasmissione di contenuti
Video.
Diversi Podcast Video usano il
formato Torrent per distribuire i
loro contenuti.
Menzione d’onore a progetti come
JOOST, BABELGUM, e AZUREUS che
mirano ad essere delle vere e
proprie piattaforme televisive
basate sul P2P.
IPTV vs.
.
IPTV =
Per IPTV intendiamo trasmissioni A/V che vengono gestite da un
operatore all’interno di una rete IP chiusa.
TV Aperta
=
Per Net TV intendiamo trasmissioni
A/V che vengono gestite attraverso
la rete Internet sotto forma di
Podcasting, video download, o in
streaming (soprattutto utilizzando
la tecnologia P2P).
4
Dove si vede la
Dove si vede la
?
Sul Televisore.
Trasferendo o accedendo in WiFi alle clip video
presenti sul PC di casa.
Il PC diventa il nuovo telecomando con cui costruire il nostro
palinsesto da vedere poi sul televisore.
Il televisore è solo una delle interfaccia di visualizzazione che
userà Internet come antenna.
I sistemi che verranno maggiormente utilizzati saranno i
cosiddetti sistemi a doppia interfaccia: il PC (o derivati) per
navigare, aggregare, ordinare, comprare i contenuti, ed il
televisore per la visualizzazione domestica.
In mobilità.
E’ possibile vedere i contenuti Net TV anche in mobilità
semplicemente scaricandoli su di un dispositivo portatile.
In alternativa, grazie a soluzioni come Orb e Sling, è possibile
ricevere i contenuti direttamente in streaming via WiFi dal
nostro PC.
La diffusione del WiFi, delle mesh networks, e del WiMax
saranno determinanti per lo sviluppo della Net TV in mobilità.
Gli operatori mobili finiranno per essere “solo” fornitori di
accesso alla rete.
Sul PC.
Il PC è l’interfaccia più diretta per vedere contenuti Net TV.
Sempre più spesso, soprattutto i giovani, usano il PC come
oggetto universale per studiare, comunicare, giocare e
guardare contenuti video scaricati dalla rete.
I formati video.
Esiste un evidente problema dei
formati video. Un formato non è
compatibile con un altro e non
tutti i dispositivi o i player sono
in grado di riprodurre qualsiasi
tipo di formato.
Se pur minore rispetto al
problema dei DRM, quello dei
formati video può rappresentare
un ostacolo alla libera diffusione
del materiale Net TV.
5
User Generated Content
User Generated Content.
Gli User Generated Content, o
contenuti generati dagl i utenti,
sono stati il fenomeno dell’anno
2006, celebrato dalla mitica
copertina del Time.
Costituiscono l’elemento di
maggiore discontinuità con la
televisione classica.
Gli UGC sono prevalentemente
costituiti da contenuti casuali e di
bassa qualità che non rientrano
propriamente nella definizione di
contenuti Net TV.
I Perché degli UGC.
+
+
E’ facile, ed economico.
I motivi dell’esplosione degli UCG sono da
ricercarsi nella diffusione delle video camere
consumer, nella grande potenza e facilità dei
software di editing, e dalla diffusione della
banda larga.
Piattaforme.
Nell’era 1.0 del Web qualsiasi servizio
doveva essere creato da zero. La
distribuzione del video era un processo
molto complesso e soprattutto costoso.
Oggi esistono diversi servizi professionali
pensati per chi vuole aprire una
distribuzione NetTV. La maggior parte
sono gratuiti, adottando il modello di
revenu sharing sulla pubblicità venduta
nei video.
Due esempi d’eccellenza nel campo delle
piattaforme per la distribuzione del video
online sono Blip.tv e Brightcove.com.
La qualità.
Il problema principale degli UGC è
la qualità delle produzioni. Se la
tecnologia è riuscita ad
automatizzare la risoluzione di
quasi tutti i problemi di ripresa,
rimane il problema del cosa e
come girare. Le soluzioni possibili
sono diverse:
SURVIVAL GUIDE - Shooting Guide
USING
LIGHT
Take control of your images by thinking about lighting.
Try to balance out shadows on people’s faces.
MOVE
GOOD
Don’t be afraid to rearrange people to take advantage of the light that’s available.
1) Training degli utenti
2) Coproduzioni
Placing a few electric lights when indoors will give you better images for
things like interviews.
3) Library Audio/Video a
disposizione dei produttori
4) Online Editing Tools
PAGE
2
Instead of using night-shot mode, try attaching a small light to the top of your
camera when you shoot in the dark.
www.current.tv/studio/survivalguide/
UGAdvertisng.
La pubblicità è a tutti gli effetti da
considerarsi un contenuto video anch’esso
generabile dagli utenti.
I contenuti pubblicitari user generated
portano ai brand dei grandi vantaggi:
1) Il messaggio viene generato dalla stessa
fascia d’utenza che deve recepire il messaggio
2) Coinvolgono la propria clientela
3) Scatenano un effetto virale in Rete
4) Abbassano drasticamente i costi di
produzione.
6
La pubblicità nella
Il ciclo di vita della pubblicità.
Concepire un messaggio
pubblicitario nel mondo degli
atomi è piuttosto complesso.
Non si ha un vero rapporto con i
propri clienti, per identificare
quindi il target di riferimento si
ricorre ad un costante processo
d’indagine tramite rilevazioni
campionarie e focus group.
Nel mondo degli atomi è altresì
difficile misurare l’efficacia di una
campagna pubblicitaria.
L’advertising online.
Online i clienti diventano attivi.
Nella prima era di Internet i siti
istituzionali hanno dato vita ad un
nuovo modo più consapevole di
procedere all’acquisto.
L’esplosione dei forum e quindi
dei Blog ha portato il consumatore
ad un livello di consapevolezza
senza precedenti.
Fare pubblicità online significa
conversare con la propria
clientela.
I clienti online si possono
conoscere, studiare, misurare.
Anche l’effetto di una campagna
online ha un livello di misurabilità
senza precedenti.
Il valore del targeting.
La pubblicità nei contenuti Net TV può beneficiare della grande
potenza del targeting messa a punto in questi anni da sistemi come
AdSense di Google.
Anche per i video è possibile targettizzare esattamente un messaggio
pubblicitario in base ai gusti dello spettatore e ai contenuti del video.
Sistemi sempre più sofisticati sono in grado di arricchire
automaticamente di significato semantico anche i contenuti video.
L’ADV nei Podcast.
I tre problemi principali dell’advertising su
materiale video digitale distribuito in Rete
sono:
1) Targettizzazione su ogni singolo
spettatore o gruppo
2) Aggiornamento dinamico della pubblicità
per preservarla dall’abosolescenza
3) Disincentivazione del fenomeno
dell’ADV Skipping
Esistono vari progetti in corso per risolvere
quello che rimane un problema aperto.
Come mettere pubblicità dinamica nei
Podcast Video senza ricorrere ad un player
ad hoc o ad un DRM?
Brand Generated ADV.
Una soluzione adottata dai Brand
per evitare che la pubblicità venga
ignorata dagli spettatori è stata
quella di passare direttamente alla
generazione di contenuti.
Sono i cosiddetti Brand Generated
Content, serie Net TV pensate e
prodotte dai brand per catturare
direttamente il loro pubblico.
Se gli spettatori saltano a tutta
velocità la pubblicità rimangono
ben attenti ai contenuti.
http://tommaso.tessarolo.it
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard