Appunti lezione 11/09/2007 - corsi tenuti dal prof. m. bochicchio e

annuncio pubblicitario
Corsi Speciali D.M. 85/2005 - Sede di LECCE
Classe di concorso Informatica (A042)
Disciplina
Metodi e Tecniche per la Formazione Digitale
Docente
BOCHICCHIO
Lezione di venerdì 11 settembre 2007
a) Riepilogo elementi strutturali della ICT (Information and Communication Technology)




Elaborazione automatica dell’informazione
Elaborazione e manipolazione dei contenuti digitali
Formato dell’informazione (formati digitali)
Compressione dell’informazione
1. Algoritmo di compressione che comporta perdita di parte
dell’informazione nel caso di files immagini/audio/video (files
.gif, .jpeg, .mp3, .mpeg)
2. Algoritmo che non comporta perdita dell’informazione (files
zippati estensione .zip, .rar)
b) Dati digitali
Bit:
Simbolo:
Insieme di simboli
la più piccola quantità di informazione è il bit
Si ottiene tramite la codifica con un set di bit (es. codifica ASCII a 8 bit)
parole, frasi
La suddivisione di una frase in parole o numeri si rende necessaria per rendere comprensibile un
contesto aggregato di dati in unità elementari (singolo dato) elaborabili dalla macchina.
La gerarchia simbolica dell’aggregazione si può pertanto ritenere quella raffigurata:
CULTURA
TESTO
FRASE
PAROLA
SIMBOLO
BIT
Conoscenza
Sapere, abilità
Informazione
Dato
Carattere
Unità elementare
L’aggregazione e la contestualizzazione in termini di elaborazione dati prevedono il rispetto della
gerarchia simbolica al fine di poter disporre di contenuti informativi fruibili.
Digressione) Alcuni studiosi si sono posti il problema di come valutare oggi l’opera artistica tenuto conto che tutte le
tipologie di opere artistiche sono “atomizzabili” in termini digitali, cioè possono venire scisse in elementi via via sempre
meno complessi fino ad arrivare al singolo costituente elementare, il bit appunto, che costituisce l’unità informativa più
semplice di cui è costituito un file immagine o audio. Di conseguenza, in teoria, l’opera artistica può essere facilmente
duplicabile, anche si trattasse di un quadro con sfumature di colore e rilievo pittorico.
Metodi e Tecniche per la formazione digitale
11/09/2007
pag.
1/3
Al fine di realizzare un progetto finalizzato alla gestione di dati (anche ad es. in campo didattico) occorre
sempre tenere presenti gli elementi base del processo di progettazione:
1)
2)
3)
4)
Definizione degli obiettivi
Budget a disposizione (stabilito dal committente o dalle risorse economiche a disposizione)
Tempi stabiliti per la realizzazione del prodotto
Qualità o prestazioni del prodotto ottenuto
Nell’ambito specifico dell’informatica l’ingegneria (engineering), intesa come prassi per l’ottimale
realizzazione di un progetto, prevede 3 implementazioni a seconda delle finalità:



SW
DATA
WEB
Engineering
Engineering
Engineering
(Saper fare
 programmi)
(Sapere
 informazioni, cultura)
(Comunicare trasferimento informazioni, cultura)
Nell’ultimo caso, la comunicazione, nel quale è previsto un canale fra Autori e Lettori, quest’ultima può
essere diretta (Internet) o mediata se esistono soggetti che intermediano l’informazione.
c) Ingegneria dei dati
La possibilità di gestire dati digitali in forma più o meno complessa anche sotto forma di aggregati
prevede l’utilizzo di strutture software che prendono il nome di DATABASE.
Le principali tipologie di database sono:



Relazionali
(la più diffusa)
Knowledge Management
Ontologie, Intelligenza artificiale
I database relazionali sono quelli basati sui Dati in quanto tali
I knowledge management sono basati sulle conoscenze e sui saperi (v. gerarchia al paragrafo b) )
Il progetto di un Database relazionale si basa su 3 modelli da implementare singolarmente e nell’ordine:



Modello concettuale dei dati
Modello logico
Modello fisico
es) Realizzazione di un database su CDROM di catalogazione pittori e relative opere artistiche.
Partendo dal Modello concettuale dei dati si crea una struttura teorica basata sui diagrammi
Entità/Relazioni.
Metodi e Tecniche per la formazione digitale
11/09/2007
pag.
2/3
Tipo di Entità
Tipo di Relazione
PITTORE
QUADRO
DIPINGE
1
LEONARDO 
Tipo di Entità
N





Gioconda

MICHELANGELO

PICASSO 
Cappella Sistina



Coppie di oggetti
La colomba
La relazione è del tipo 1 a N poiché ad un singolo pittore (1) possono corrispondere più quadri (N).
Definiamo ora alcune caratteristiche, definite ATTRIBUTI, che possono assumere i TIPI di
ENTITA’ (nel nostro caso PITTORE e QUADRO) ed i Tipi di Relazione.
Tipo di Entità
PITTORE
Attributi
Nome
Data di Nascita
Data di Morte
Nazionalità
Fotografia/Ritratto
biografia
Tipo di Entità
QUADRO
Attributi
Titolo
Anno
Tecnica
Collocazione
Descrizione
Dimensioni
Immagine elenco
Immagine dettagliata
Tipo di Relazione
DIPINGE
Attributi
Non specificati
Un linguaggio di programmazione molto diffuso per la realizzazione e l’interrogazione dei Database
relazionali è il SQL (Structured Query Language).
(Matarrese/Vetrugno)
Metodi e Tecniche per la formazione digitale
11/09/2007
pag.
3/3
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard