vedi documento

annuncio pubblicitario
Titolo rubrica: Parliamone…
Cresce la pubblicità su Internet, in Usa si sta addirittura
avvicinando agli altri media
A quanto pare, è giunto il momento del decollo per la pubblicità online. Il web, infatti, si sta
sempre più affermando come strumento fondamentale delle strategie di comunicazione
nel settore della finanza e delle assicurazioni.
E’ questo il risultato emerso nel corso dello Iab Forum, terza edizione del convegno sul
tema della pubblicità interattiva. Siamo di fronte a una svolta. Svolta che negli Stati Uniti
sta assumendo i contorni di un vero boom. Secondo il Wall Street Journal, Internet sta
mostrando le sue enormi potenzialità nel campo dell’advertisement. Il quotidiano
statunitense cita a proposito un rapporto di PriceWateerHouse secondo cui, nei primi mesi
sei mesi dell’anno, la spesa pubblicitaria sul web è cresciuta del 26%, toccando quota 5,8
miliardi di dollari, mentre l’intero settore pubblicitario, nello stesso periodo, è cresciuto solo
del 4,5%. Le stime, per il 2005, di PriceWateerHouse sono di un fatturato complessivo,
per la pubblicità online negli Usa, di 12 miliardi di dollari, pari al doppio rispetto ai 6 miliardi
registrati nel 2002. In Italia l’onda lunga americana non è ancora arrivata, ma,
verosimilmente, quando arriverà si farà sentire. Complice una sempre maggiore diffusione
della banda larga è una maggiore dimestichezza con lo strumento. Tra i pionieri di questo
rinascimento pubblicitario gli operatori dell’area finanza-assicurazioni che fanno registrare
una continua crescita degli investimenti sul web. Un interesse destato dal numero degli
utenti del web e dalle loro potenzialità in termini culturali ed economici. Infatti, secondo i
dati di una ricerca effettuata da Nielsen-NetRatings, con 20 milioni di utenti, pari al 35%
della popolazione italiana, il nostro Paese ha registrato un incremento dell’8% in un anno
nel numero di navigatori attivi e potenziali. Sul totale degli utenti, ben il 74% sono laureati
o persone con livello di istruzione superiore e la stragrande maggioranza è concentrata
nelle fasce socioculturali medio alte. A fronte di un target così appetitoso il settore
finanziario e assicurativo non ha lesinato gli sforzi. Le spese pubblicitarie sono in decisa e
continua crescita: dopo un aumento del 30,9% degli investimenti, realizzato nel 2004
rispetto al 2003, nella prima metà del 2005 il settore è già al primo posto per questa voce
di spesa, con una cifra complessiva di oltre 9 milioni di euro. Che Internet sia un mercato
in fermento lo dimostrano anche i risultati di alcune indagini effettuate sulle intenzioni di
spesa per il prossimo Natale. Molte di queste segnalano un aumento sostanziale e
piuttosto voluminoso del numero di acquisti durante la stagione natalizia. Si ipotizza una
crescita attorno al 20% rispetto all’anno scorso.
Come spiegare questa tendenza rispetto alle asfittiche previsioni degli acquisti
tradizionali? La risposta la danno gli intervistati: lo shopping online consente di risparmiare
tempo e, soprattutto, è più conveniente.
Certo c’è da chiedersi se il boom degli acquisti sul web non inneschi il principio della
coperta troppo corta, ne senso che l’aumento delle spese online si possa tradurre in una
contrazione di quelle effettuate attraverso i canali tradizionali.
Per evitare ciò le aziende e la distribuzione dovrebbero attrezzarsi per offrire i propri
prodotti su Internet.
Maurizio Scuccato
Scarica
Random flashcards
Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard